body ▲ Select Parent Subselection ▼

Mancanze di rispetto nella relazione: come riconoscerle e come uscirne

Le mancanze di rispetto all’interno di una relazione di coppia possono manifestarsi attraverso una varietà di comportamenti. Qui troverai alcune indicazioni utili per riconoscerli e affrontarli.
mancanza di rispetto

Dire che il rispetto sia la base di tutte le relazioni sane, sembra una frase scontata, eppure può capitare di accettare di rimanere all’interno di un rapporto anche se questa componente manca. Ciò si può osservare sia nella relazione con alcuni famigliari, sia in quelle di amicizia ma, più frequentemente, si tratta di relazioni amorose.

In una relazione sana, entrambi i membri della coppia si sentono apprezzati, e questo li rende più sicuri e aumenta la soddisfazione. Ma nei casi in cui, invece, ci sono delle mancanze di rispetto, che cosa succede? Continua a leggere per scoprire questa dinamica, le sue conseguenze e come risolverla.

La dinamica delle mancanze di rispetto nelle relazioni

Ogni comportamento genera delle conseguenze e, nel caso di una relazione di coppia, si possono innescare dei veri e propri schemi comportamentali che diventano la norma. Le mancanze di rispetto fanno proprio questo, dando luogo a uno sbilanciamento tra le due persone, che pone una in posizione di superiorità rispetto all’altra.

Le mancanze di rispetto si possono esprimere in diverse modalità, che variano dalle manifestazioni fisiche fino al ricatto emotivo e alla manipolazione. La persona che le subisce, ovviamente, non rimane indifferente, e inizia a sviluppare una sorta di tensione, che può essere manifestata attraverso del risentimento o soffocata, fino a legittimare una relazione tossica guidata da comportamenti di sfruttamento che alimentano una reciproca dipendenza dei partner.

Relazioni tossiche e mancanza di rispetto

Nelle relazioni romantiche il rispetto, così come il vero amore non deve mai mancare, perché la sua assenza può avere degli effetti pesantemente nocivi sulla vittima, che inizia ad accusare ripercussioni in termini di autostima e addirittura sulla salute mentale. All’interno delle relazioni tossiche non è raro che chi ci si trova invischiato sviluppi una psicopatologia sul versante ansioso o depressivo, andando incontro progressivamente all’annullamento della sua identità e vedendo sminuito il suo valore come persona.

Quando le mancanze di rispetto diventano la regola, la relazione non può proseguire in modo sano ed equilibrato, dal momento che non c’è un punto di incontro tra i desideri di entrambi e la loro soddisfazione, perciò viene meno il concetto stesso di reciprocità che dovrebbe essere il fondamento di ogni coppia.

Mancanze di rispetto nella coppia: alcuni esempi

Ma cosa si intende esattamente quando si parla di mancanze di rispetto? Questo punto è senz’altro da chiarire, dal momento che per difendersi è essenziale sapere prima di tutto riconoscere le dinamiche nocive che possono danneggiarci. Ecco quindi alcuni degli esempi più comuni in cui potresti riconoscerti.

I segnali di mancanza di rispetto

La bugia

La bugia è la prima forma, e forse la più ovvia, di mancanza di rispetto: chi mente non considera legittimo il tuo diritto di conoscere la verità e, se questo comportamento diventa una costante nella tua vita di coppia, stai vivendo una relazione sbilanciata in cui il rispetto manca.

E’ spesso utilizzata nel gaslighting, una forma di manipolazione emotiva.

Ignorare i limiti

Un’altra forma di mancanza di rispetto è data dall’ignorare i limiti. Tutti noi abbiamo dei paletti che non volgiamo che gli altri oltrepassino, delle cose che proprio non riusciamo a sopportare e che ci infastidiscono. In una coppia con una sana comunicazione, ciascuno conosce i limiti dell’altro e fa il possibile per non oltrepassarli.

Se, al contrario, l’altro svaluta questi limiti, non li considera importanti e non si preoccupa di non sconfinare o, addirittura, lo fa di proposito, questa persona non ti sta rispettando, significa che tiene in scarsa considerazione il tuo benessere.

Uno dei limiti da non superare, ad esempio, può essere lo spazio di cui si può necessitare dopo una lite. Alcune persone, però, esasperano questo bisogno tramutandolo in un atteggiamento di attacco, che potremmo definire passivo-aggressivo e che consiste nell’ostentare silenzio di fronte ai problemi. Questa modalità è irrispettosa perché sottende una non-intenzione di trovare una soluzione e a volte può avere uno sfondo manipolatorio.

Non dare sicurezza

Il rispetto va di pari passo con la sicurezza in se stessi: sono due facce della stessa medaglia e l’uno la causa dell’altra. Chi si sente sicuro nella sua relazione si apre con più facilità e trova anche più semplice cercare nell’altro il conforto di cui ha bisogno nei momenti di difficoltà, perché sa di potersi fidare.

Ma ci sono anche delle persone che utilizzano le aperture del partner contro di lui o di lei per instillare fragilità e insicurezza. Oltre a essere una profonda mancanza di rispetto, questo comportamento è anche un abuso.

Gelosia immotivata e insulti

Altri segnali di mancanza di rispetto potrebbero facilmente essere sottovalutati. Ad esempio, gli la gelosia e gli insulti: è normale lasciarsi andare quando si è arrabbiati, ma ciò non significa che non ci siano dei limiti da rispettare. Urla, invettive, offese e minacce non devono mai essere tollerare, così come anche lo scherzare durante una discussione seria rappresenta, a sua volta, una mancanza di rispetto.

Che dire poi dell’interrompere spesso l’altro mentre parla? Sembra una banalità, ma concedere all’altro il turno di parola quando gli spetta è segno che lo rispettiamo, diversamente si trasmette all’altro un messaggio di presunta inferiorità.

Non rispettare il tempo dell’altro

Hai mai pensato che anche il tuo tempo ha un valore? Essere rispettati vuol dire anche non doversi sempre adattare ai piani degli altri e decidere in autonomia come gestirlo. Invadere l’indipendenza, la privacy e lo spazio dell’altro, sono anch’esse forme di mancanza di rispetto.

Mancanza di considerazione di opinioni e sentimenti

Infine, pensa a come il tuo partner tiene in considerazione le tue opinioni e i tuoi sentimenti. Alcune persone che portano avanti un comportamento manipolatorio tendono a imporre agli altri il modo di pensare o in cui si dovrebbero sentire, lasciando in loro una sensazione di inadeguatezza e di essere sbagliati. Questa sorta di plagio è la peggiore forma di mancanza di rispetto tra quelle che abbiamo elencato.

Mancanza di rispetto: frasi

Se ti senti dire alcune di queste frasi, potrebbe trattarsi di mancanza di rispetto:

  1. “Non mi interessa quello che pensi, fai ciò che dico io.”
  2. “Non hai idea di cosa stai dicendo, smettila di parlare.”
  3. “Il tuo lavoro è completamente inutile, dovresti lasciare fare a chi ne capisce.”
  4. “Non mi importa se ti fa sentire male, quello che voglio è tutto ciò che conta.”
  5. “Hai detto qualcosa di così stupido che mi fa dubitare della tua intelligenza.”

Le conseguenze delle mancanze di rispetto nelle relazioni

Se ti riconosci in alcune di queste situazioni, potresti ritrovarti anche in alcune delle conseguenze che le mancanze di rispetto possono causare sia su di te che nella coppia stessa. Infatti, la ripetizione di questi sbilanciamenti, la possessività in amore, può esasperare la dinamica fino ad alimentare un risentimento reciproco o dare luogo a una relazione tossica.

A livello personale, invece, le continue mancanze di rispetto non possono che generare in te una crescente insicurezza che può ripercuotersi in altri ambiti della tua vita, lasciando degli strascichi anche dopo la fine della relazione abusante. Ad esempio, può compromettere altri rapporti, ad esempio con i famigliari e con gli amici, riducendo la qualità del tempo trascorso con gli altri affetti.

Infine, l’immagine alterata che avrai di te può colpire gli obiettivi che vorresti perseguire. La tua autostima, infatti, avrà subito un duro colpo e potresti avere dei dubbi sulle tue capacità o sul tuo valore personale che, a loro volta, potrebbero dar luogo delle aspettative negative e conseguenti limitazioni.

Come reagire alla mancanza di rispetto

Quindi qual è il modo migliore di reagire quando qualcuno ti manca di rispetto? Come in tutti i casi di problemi relazionali, il primo passo è prendere consapevolezza di cosa sta accadendo: individua i comportamenti che il tuo partner attua e che rappresentano delle mancanze di rispetto nei tuoi confronti. Non sempre è facile prenderne coscienza, dal momento che in certi casi la mancanza di rispetto può essere mascherata da un atteggiamento apparentemente innocuo.

In secondo luogo, una volta effettuato questo passaggio, tieni presente che tutti possiamo mancare di rispetto a qualcuno senza rendercene conto, quindi prova a parlarne con il tuo partner, facendogli notare che ha fatto qualcosa che ti ha ferito: se non intendeva farti del male, farà del suo meglio per correggere la sua mancanza.

Cogli questa occasione anche per stabilire esplicitamente dei limiti che non devono essere oltrepassati, in modo che nessuno si senta infastidito e la relazione possa procedere in modo più armonioso possibile. Se vedi che non ci sono miglioramenti e il tuo partner non mostra il minimo impegno per correggere i suoi comportamenti errati, considera di troncare più in fretta possibile la relazione. Ricorda che ciascun rapporto dovrebbe portare qualcosa di positivo nella tua vita. Se così non è, anzi, addirittura da una persona riesci a trarre solo malessere, ti trovi in una relazione tossica dalla quale devi uscire.

La psicoterapia online di Serenis per la mancanza di rispetto

In questo blog troverai tantissimi altri articoli che parlano di salute mentale.

Se hai ritrovato un po’ della tua relazione in quello che hai letto, magari puoi pensare di lavorare assieme alla persona che ami facendo terapia di coppia con noi: siamo un centro medico autorizzato e offriamo dei percorsi individuali e di coppia. Il servizio è completamente online, con solo psicoterapeuti e psicoterapeute (cioè hanno la specializzazione). Vi basterà avere un posto tranquillo da cui collegarvi – o anche due posti diversi –, una rete Wi-Fi, e tanta voglia di lavorare su di voi.

È bello innamorarsi e trovarsi, ma alcune volte può capitare di perdersi: noi vogliamo aiutarvi a ritrovarvi 💜 Il primo colloquio è gratuito, poi 65 € a seduta, oppure 235 € ogni 4 sedute.

Inizia il percorso di terapia di coppia su Serenis rispondendo al questionario. Poi continuerete, insieme.

Redazione

In Italia, la recente attenzione mediatica al benessere mentale vede giornali, creator, e centri medici impegnati nella produzione di contenuti informativi. In questo contesto il processo di revisione è fondamentale e lo scopo è garantire informazioni accurate. Il nostro processo di revisione è affidato ai terapeuti e alle terapeute che lavorano in Serenis, con almeno 2.000 ore di esperienza.

Questa pagina è stata verificata

I nostri contenuti superano un processo di revisione in tre fasi.

Scrittura

Ogni articolo viene scritto o esaminato da uno psicoterapeuta prima di essere pubblicato.

Controllo

Ogni articolo contiene una bibliografia con le fonti citate, per permettere di verificare il contenuto.

Chiarezza

Ogni articolo è rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e la comprensione.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Rosario Urbani

Psicoterapeuta specializzato in cognitivo comportamentale

Ordine degli Psicologi della Campania num. 6653/A

Laureato in Neuroscienze presso la Seconda Università di Napoli. Specializzato presso l’istituto Skinner in psicoterapia cognitivo comportamentale. Analista del comportamento ABA e specializzato anche nella tecnica terapeutica dell'EMDR.

reviewer

Dott.ssa Maria Vallillo

Psicoterapeuta specialista in Lifespan Developmental Psychology

Ordine degli Psicologi del Lazio num. 25732

Laurea in Psicologia presso l'Università degli Studi di Chieti. Specializzazione in psicoterapia e psicologia del ciclo di vita presso l’Università la Sapienza di Roma. Esperta in neuropsicologia e psicodiagnostica e perfezionata in psico-oncologia.