Questa pagina parla di gravidanza

Lo fa da un punto di vista psicologico: è una condizione particolare, e a volta delicata, che comporta molte sfide con cui confrontarsi. Cercheremo di aiutarti a farlo al meglio.

Prima di tutto: perché ci occupiamo di Gravidanza?

Perché siamo un centro medico specializzato in psicoterapia e supporto psicologico. Collaboriamo con centinaia di terapeute e terapeuti per rendere il benessere mentale sempre più accessibile, anche cercando di comunicare in modo chiaro e responsabile.

Questa pagina è stata controllata dal punto di vista clinico

Parliamo di gravidanza

Prima di partire, una piccola avvertenza: in questo articolo parliamo di "donne" per semplicità, ma sappiamo che una persona con l’utero non necessariamente si rispecchia nel genere “femminile”. Ci sembra giusto sottolinearlo.

La gravidanza, detta anche gestazione, è quel periodo che intercorre dall’ultima mestruazione fino al parto, contrariamente a ciò che si pensa, i famosi 9 mesi non si calcolano dal concepimento.

Già che ci siamo, sfatiamo un altro mito: una gravidanza generalmente non deve durare 9 mesi spaccati, ma dalle 37 alle 41 settimane si tratta sempre di gravidanza “a termine”, ovvero ha una durata regolare.

Se invece il parto avviene prima delle 37 settimane, si parla di “gravidanza pretermine” - per intenderci il cosiddetto parto prematuro -, se sfora le 42 settimane si parla di “gravidanza protratta”.

Benessere in gravidanza: cos’è la salute materna?

La maternità non è difficile solo fisicamente, tra dolori, gonfiori, sintomi corporei connessi al “fare spazio” a una creatura che cresce e nausee, ma è provante anche dal punto di vista psicologico, tant’è che si parla di “salute materna”. In poche parole si tratta dello stato di salute fisico e mentale delle donne durante la gravidanza, il parto e nel periodo successivo. Contrariamente a ciò che si potrebbe pensare, non è necessario che si manifestino grandi traumi o problemi medici importanti perché la salute materna venga meno: è possibile incappare in tutta una serie di disagi, soprattutto connessi con le aspettative - spesso troppo idealistiche - legate alla gravidanza.

Stress e ansia: perché non riesco a rimanere incinta?

Mettere una nuova vita al mondo dovrebbe essere una scelta spontanea, libera dai giudizi e dai pregiudizi. Per alcune donne può capitare di sperimentare “l’ansia di non rimanere incinta”, o “ansia da concepimento”. Ciò è particolarmente pronunciato nella nostra società dove c’è una forte pressione su questi temi: nel momento in cui si arriva alla decisione di diventare genitore, si può rischiare di volere “tutto e subito”, un po’ come accade con molti aspetti della nostra quotidianità.

Uno studio americano ha dimostrato che avere un elevato livello di stress durante il periodo di ovulazione - quello in cui generalmente è più semplice concepire - riduce la probabilità della gravidanza. C’è una ragione biologica per cui ciò accade: l’ormone legato alla gestione dello stress, il cortisolo, se presente costantemente ad alti livelli nel sangue pone l’organismo in una condizione di “allerta perenne”, che non favorisce il clima fisiologico all’instaurarsi di una gravidanza sana.

Questa è una delle ragioni per cui il benessere psicofisico dovrebbe essere uno degli aspetti primari e fondamentali su cui focalizzarsi quando si sta cercando di diventare genitori. È anche utile tener presente che questo predispone il fisico a una lotta perenne, e non a un clima sereno e proficuo per la crescita di una nuova vita.

Dovremmo cercare di capire cosa cosa ci ispira a diventare genitori e riuscire a “stare” con tutte le emozioni che questo evoca, che siano anche ansia o paura.

In conclusione: quanto conta il benessere mentale in gravidanza?

  • In generale, dovremmo cercare di occuparci del nostro benessere mentale durante tutta la vita.

  • Ma ci sono dei periodi in cui è ancora più utile essere prudenti verso il proprio stato psicofisico.

  • Uno di questi è sicuramente la gravidanza: il periodo che la precede, il durante e il dopo.

Mi sento male in gravidanza: a chi posso rivolgermi?

Abbiamo toccato diversi argomenti difficili che riguardano la gravidanza, il prima e il dopo. Con questo articolo non vogliamo allarmare, ma proviamo a far luce su degli aspetti della gravidanza che - troppo spesso - vengono tralasciati.

Se è naturale chiamare il medico ginecologo quando ci sono dei problemi fisici, non è la stessa cosa quando si avvertono dei disagi emotivi.

Ricevere supporto psicologico durante la gravidanza non è assolutamente un obbligo, ma è importante sapere di avere l’opportunità di chiedere aiuto se serve: portare una nuova vita al mondo è faticoso, e nessuna persona dovrebbe sentirsi in colpa se sta male.

Se conosci una persona incinta o quella persona sei tu, sappi che, se mai ce ne sia il bisogno, noi possiamo dare una mano: siamo un centro medico autorizzato con centinaia di psicoterapeuti e psicoterapeute con esperienza in questo campo.

Puoi rispondere al questionario per fare il primo colloquio gratuito con un/una terapeuta: puoi sfruttarlo per fare tutte le domande che vuoi sulla gravidanza 💜 

Rispondi al questionarioRispondi al questionario

Abbiamo un segreto

“La terapia mi ha aiutato a trovare un equilibrio”

Giorgia, che lavora in Serenis

Sappiamo cosa significa fare terapia: ogni dipendente di Serenis (o quasi) ha alle spalle uno o più percorsi.

Conosciamo bene gli ostacoli pratici e culturali che rendono poco accessibile il benessere mentale. Il nostro lavoro è cercare di superarli – non è semplice, ma l’esperienza aiuta.

A cosa serve la terapia?

Fare una lista è difficile, perché può servire per tantissime cose: l’idea di base è lavorare su ciò che si prova e cercare un cambiamento. Queste sono alcune delle situazioni di cui ci occupiamo più spesso.

Stress da lavoro

Crescita personale

Ansia

Genitorialità

Coppie

Depressione

Fobie

Sonno

Panico

Adolescenza

Ricapitoliamo

  • Se rispondi al questionario troveremo il tuo o la tua terapeuta.

  • Il primo colloquio è gratuito. Se andrà male, potrai farne un altro.

  • Gli incontri saranno tutti in videochiamata e senza vincoli.

  • Avrai anche un diario dove annotare i tuoi progressi.

  • Potrai smettere in ogni momento.

Leggi anche

No items found.

Domande frequenti

A cosa bisogna stare attenti in gravidanza?
Quali sono i sintomi della gravidanza?
I contenuti di questa pagina sono verificati?
Come funziona Serenis?
Quanto costano le sedute di terapia individuale?