Conseguenze fisiche dello stress

Lo stress può causare vari sintomi fisici, tra cui affaticamento, mal di testa, disturbi del sonno e problemi gastrointestinali, influenzando negativamente la salute generale.
Conseguenze fisiche dello stress

Lo stress ha un impatto significativo sulla nostra salute mentale e fisica, comportando disfunzioni nell’organismo attraverso la disregolazione di vari sistemi corporei. Vediamo insieme in questo articolo quali possono essere le conseguenze fisiche dello stress.

In che modo lo stress può comportare conseguenze fisiche?

Lo stress cronico, che può derivare da fattori sia fisici che psicosociali, rappresenta un grave rischio per la salute umana. Numerosi studi hanno dimostrato che lo stress è associato a una vasta gamma di patologie, dalle malattie infettive a quelle croniche metaboliche e ai tumori.

Gli effetti dello stress coinvolgono diversi sistemi del corpo, inclusi cambiamenti nella salute mentale, funzioni cardiache e metaboliche, nonché nel comportamento e nel sistema immunitario. Inizialmente, la risposta allo stress è adattativa, aiutando il corpo a gestire la minaccia in modo ottimale. Tuttavia, se lo stress persiste nel tempo, le risposte adattative possono diventare dannose e compromettere la salute fisica e mentale a lungo termine.

Il concetto di “carico allostatico” descrive il deterioramento progressivo dei sistemi di regolazione fisiologica attivati dallo stress cronico, portando a conseguenze negative per la salute. 

stress può comportare conseguenze fisiche

Quali sono le conseguenze fisiche dello stress?

Le conseguenze fisiche dello stress sono molteplici e variegate, e richiedono un’attenzione particolare. Vediamo in che modo si possono presentare:

  • lo stress può aumentare la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca, aumentando il rischio di ipertensione, malattie cardiache e ictus;
  • indebolire il sistema immunitario, rendendo il corpo più suscettibile a infezioni e malattie;
  • influenzare la produzione di ormoni come il cortisolo, che può portare a problemi metabolici come l’obesità e il diabete;
  • causare tensione muscolare e dolore, portando a mal di testa, dolori muscolari e disturbi muscolo-scheletrici;
  • causare disturbi gastrointestinali come gastrite, ulcere, sindrome dell’intestino irritabile e reflusso acido;
  • influenzare la respirazione, causando iperventilazione o respiro superficiale, e contribuendo a problemi come l’asma;
  • può peggiorare condizioni cutanee come acne, eczema e psoriasi, e può anche causare perdita di capelli o diradamento dei capelli;
  • può influenzare la funzione riproduttiva, riducendo la libido e interferendo con la fertilità sia negli uomini che nelle donne. Nelle donne, lo stress può causare anche amenorrea ipotalamica

<//generale

Se soffri di stress, parlane con un esperto

Compila il questionario e scopri quale terapeuta può fare al caso tuo.

Primo colloquio gratuito

Sedute online

97% recensioni positive

Inizia

Inoltre, la riduzione della salivazione durante lo stress è dovuta all’attivazione del sistema nervoso autonomo, che regola funzioni corporee involontarie come la produzione di saliva. Il sistema simpatico, attivato durante situazioni stressanti, inibisce l’attività delle ghiandole salivari, riducendo la produzione di saliva. Questo fenomeno può causare sensazioni di bocca secca, poiché il sistema parasimpatico, responsabile della produzione di saliva in condizioni di riposo, viene soppresso. Questo può avere conseguenze negative sulla salute orale, aumentando il rischio di problemi come alitosi e carie.

Con lo stress di dimagrisce?

Inoltre, il cortisolo, noto come l’ormone dello stress, stimola l’aumento dei livelli di zucchero nel sangue attraverso la gluconeogenesi epatica, il processo di produzione di glucosio nel fegato. Ciò può portare a un’elevata secrezione di insulina, che aumenta l’appetito e favorisce l’accumulo di grasso corporeo. Parallelamente, il cortisolo promuove il catabolismo delle proteine, il che può risultare in una diminuzione della massa muscolare e aumento di ritenzione idrica, contribuendo al gonfiore corporeo.

Con lo stress di dimagrisce

Come capire se il tuo corpo è stressato?

Se il tuo corpo è stressato, potresti manifestare diversi sintomi fisici come quelli elencati di seguito.

  • Sensazione di stanchezza continua nonostante il riposo, febbre da stress e mal di testa ricorrenti senza una causa apparente.
  • Difficoltà ad addormentarsi, risvegli notturni o sonno non ristoratore.
  • Mal di stomaco, diarrea, colite da stress, stitichezza o nausea.
  • Tensione generale, vertigini da stress, dolori e crampi muscolari soprattutto nella schiena e nel collo.
  • Tachicardia, palpitazioni, riduzione della salivazione e sensazione di bocca secca.
  • Sudorazione eccessiva senza sforzo fisico.
  • Aumento o diminuzione dell’appetito, dunque aumento o perdita di peso.
  • Problemi cutanei come dermatite da stress, acne, eczema, psoriasi o altri problemi della pelle.
  • Caduta dei capelli più intensa del normale.
  • Riduzione dell’interesse sessuale e alterazioni del ciclo mestruale.
  • Sbalzi d’umore, nervosismo e difficoltà a rilassarsi.
  • Difficoltà a ricordare informazioni e vuoti di memoria.
  • Distrazione e difficoltà a mantenere l’attenzione.

Se riconosci di avere una o più di queste conseguenze fisiche dello stress, è importante rivolgersi a un esperto e prendere misure per gestirlo.

Scopri se soffri di insonnia

Fai il test in 5 minuti e scopri il tuo livello di rischio per insonnia

Test sull'insonnia

Cosa produce il corpo con lo stress?

Nella tabella seguente mostriamo le principali sostanze prodotte dal corpo in risposta allo stress, i loro effetti in condizioni normali e in eccesso:

SostanzaProdotta daEffetti positivi in condizioni normaliEffetti negativi se in eccesso
CortisoloGhiandole surrenaliRegola metabolismo, glicemia e pressione sanguignaAumento di peso, riduzione della massa muscolare, ipertensione, immunodepressione
Adrenalina e noradrenalinaGhiandole surrenaliAumenta frequenza cardiaca e livelli di energiaProblemi cardiovascolari, ansia
GlucosioFegatoFornisce energia immediataRischio di diabete di tipo 2
Acidi grassi e colesteroloTessuti adiposi e fegatoForniscono energiaMalattie cardiovascolari
NeurotrasmettitoriCervelloRegolano umore, sonno e appetitoDepressione, ansia, disturbi mentali
CitochineCellule immunitarieRisposta immunitariaInfiammazione cronica, malattie autoimmuni

Queste variazioni possono determinare conseguenze fisiche dello stress.

Conseguenze dello stress sull’apprendimento

Lo stress, insieme all’esercizio fisico e al sonno, è uno degli aspetti dello stile di vita che influenzano maggiormente l’apprendimento. Mentre lo stress acuto può migliorare la concentrazione e le prestazioni, le conseguenze fisiche dello stress possono compromettere l’apprendimento e creare un ciclo vizioso di peggioramento delle prestazioni.

Diversi studi hanno dimostrato che lo stress cronico è particolarmente dannoso per il cervello durante l’adolescenza, un periodo in cui il cervello è ancora in sviluppo. In particolare, il cervello degli adolescenti subisce una perdita di neuroni nella corteccia prefrontale, la regione responsabile delle decisioni razionali e del pensiero avanzato, con le femmine più colpite dei maschi.

Inoltre, gli esperimenti hanno dimostrato che lo stress psicologico riduce la capacità di ricordare informazioni emotivamente cariche. Ad esempio, giovani uomini sottoposti a stress hanno mostrato difficoltà a ricordare parole emotivamente significative dopo aver affrontato una situazione stressante, come un colloquio di lavoro. Questo effetto non è dovuto a una diminuzione dell’attenzione, ma specificamente alla risposta allo stress.

Per gli studenti, l’ansia da esame è una fonte comune di stress, che può bloccare la capacità di recuperare informazioni conosciute. Scrivere le proprie preoccupazioni per 10 minuti prima di un test può alleviare l’ansia da esame e migliorare le prestazioni, aumentando l’engagement e riducendo le distrazioni causate dall’ansia.

Rimedi per lo stress

Per alleviare e gestire lo stress, è essenziale adottare una serie di strategie efficaci.

  • Praticare regolarmente esercizio fisico aiuta a ridurre la tensione e migliorare l’umore grazie al rilascio di endorfine.
  • Tecniche di rilassamento come la meditazione, lo yoga e la respirazione consapevole possono calmare la mente e il corpo.
  • Mantenere una dieta equilibrata e dormire a sufficienza sono fondamentali per sostenere la resilienza fisica e mentale.
  • Dedicare del tempo a hobby piacevoli e mantenere forti relazioni sociali offre supporto emotivo e distrazione positiva.

Se lo stress diventa troppo difficile da gestire da soli, è consigliabile cercare l’aiuto di un professionista della salute mentale. Serenis può aiutarti con la psicoterapia online per lavorare insieme sulle cause che generano questa situazione e trovare il modo adatto a te per affrontarle.

Fonti

  • Minelli, A., & De Bellis, R. (2013). Effetti dello stress sui sistemi biologici. Possiamo misurarli?. La prevenzione dei rischi da stress lavoro-correlato, 94.
  • McEwen BS. Central effects of stress hormones in health and disease: Understanding the protective and damaging effects of stress and stress mediators. Eur J Pharmacol. 2008 Apr 7;583(2-3):174-85. doi: 10.1016/j.ejphar.2007.11.071. Epub 2008 Jan 30. PMID: 18282566; PMCID: PMC2474765.
  • Merz, Cristiano (2010). Lo stress compromette il recupero di informazioni socialmente rilevanti. Neuroscienze comportamentali. 124(2), 288-293.
  • Nuovo arrivato, JW, Selke, G., Melson, AK, Hershey, T., Craft, S., Richards, K., et al. (1999). Diminuzione delle prestazioni della memoria negli esseri umani sani indotta dal trattamento con cortisolo a livello di stress. Archivi di psichiatria generale, 56, 527–533.
  • Vogel, Susanne (2016). Apprendimento e memoria sotto stress: implicazioni per la classe. Scienza dell’apprendimento 1(1), 16011. DOI: 10.1038/npjscilearn.2016.11
  • Young, AH, Sahakian, BJ, Robbins, TW e Cowen, PJ (1999). Gli effetti della somministrazione cronica di idrocortisone sulla funzione cognitiva in volontari maschi normali. Psicofarmacologia (Berl), 145, 260-266.
Ludovica Feliziani

Approccio:
Titolo di studio
Descrizione
Anima solare e (quasi) psicologa clinica, sono la blog manager di Serenis. Qui unisco il mondo della psicologia a quello del copywriting. Credo nell'importanza di imparare dagli errori, nella comunicazione aperta e nella condivisione, cuore di tutto ciò che faccio.

Questa pagina è stata verificata

I nostri contenuti superano un processo di revisione in tre fasi.

Scrittura

Ogni articolo viene scritto o esaminato da uno psicoterapeuta prima di essere pubblicato.

Controllo

Ogni articolo contiene una bibliografia con le fonti citate, per permettere di verificare il contenuto.

Chiarezza

Ogni articolo è rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e la comprensione.

Revisori

reviewer

Dott. Domenico De Donatis

Medico Psichiatra

Ordine dei Medici e Chirurghi della provincia di Pescara n. 4336

Laurea in Medicina e Chirurgia presso l'Università degli Studi di Parma. Specializzazione in Psichiatria presso l'Università Alma Mater Studiorum di Bologna.

reviewer

Dott. Federico Russo

Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale e Neuropsicologo, Direttore Clinico di Serenis

Ordine degli Psicologi della Puglia n. 5048

Laurea in Psicologia Clinica e della Salute presso l’Università degli Studi “G. D’Annunzio” di Chieti. Specializzazione in Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale a indirizzo neuropsicologico presso l’Istituto S. Chiara di Lecce.

reviewer

Dott.ssa Martina Migliore

Psicologa Psicoterapeuta specializzata in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale

Ordine degli Psicologi dell'Umbria n.892

Psicologa e Psicoterapeuta cognitivo comportamentale, docente e formatrice. Esperta in ACT e Superhero Therapy. Membro dell'Associazione CBT Italia, ACT Italia e SITCC. Esperta nell'applicazione di meccaniche derivanti dal gioco alle strategie terapeutiche evidence based e alla formazione aziendale.