Fobofobia: la paura della paura

La fobofobia è la paura di sviluppare una fobia, che porta ad ansia elevata e comportamenti di evitamento a causa del timore di provare una paura intensa.
guida alla fobofobia

La fobofobia (dal greco phobos, fobia) è un termine che talvolta viene utilizzato in modo informale, ma non è comunemente riconosciuto nella pratica clinica o nei manuali diagnostici ufficiali, come il DSM-5 (Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, quinta edizione).

Cosa significa avere la fobofobia?

Il suo significato esatto può variare a seconda del contesto in cui viene utilizzato:

  • in un contesto più letterale, il termine “fobofobia” potrebbe essere interpretato come la paura della paura stessa. In altre parole, potrebbe indicare un’ansia o un timore generalizzato legato al concetto stesso di sentirsi spaventati o ansiosi;
  • in un contesto più colloquiale, la “fobofobia” potrebbe essere usata per indicare la paura di sviluppare o sperimentare fobie specifiche. Ad esempio, una persona che ha sviluppato una fobia in passato potrebbe temere ulteriori esperienze fobiche.
Cosa significa avere la fobofobia

Chi ne soffre sperimenta un grande carico di angoscia all’idea di avere una fobia o di sperimentarne i sintomi fondamentali, evidenziando una possibile correlazione con problemi relativi al controllo dell’ansia e agli attacchi di panico. Questi ultimi possono essere collegati anche ad altre tipologie di fobie, come:

Di conseguenza, il fobofobico ha paura di provare sensazioni d’ansia legate a un disturbo fobico o a una patologia. Allo stesso tempo, può avere paura di sviluppare una nuova fobia evitando tutte le situazioni potenzialmente pericolose o causa di psicopatologie.

In questo articolo esamineremo i principali aspetti legati a questa fobia. Una volta letto, speriamo che tutti i tuoi dubbi su questa condizione siano chiariti e che possa esserti utile nel comprendere e affrontare la fobofobia, se la stai vivendo o se conosci qualcuno che ne è affetto.

Pensi di avere la fobofobia? Parlane con un esperto

Compila il questionario e scopri quale terapeuta può fare al caso tuo.

Primo colloquio gratuito

Sedute online

97% recensioni positive

Inizia

Fobofobia, ipocondria e ansia anticipatoria

Il termine fofofobia indica due tipi di paure: 

  • quella legata al possibile sviluppo di una nuova fobia;
  • quella legata alla possibilità di sperimentare i sintomi tipici dell’ansia o di una paura.

Chi ne soffre ha quindi un duplice timore e mette in pratica altrettante soluzioni disfunzionali o di evitamento affinché non debba incontrare l’oggetto stressante.

Il fofobico ha un lato un legame con

  • ipocondria: condizione patologica di estrema preoccupazione per il proprio stato di salute. Al contrario dell’ipocondriano però, il fobofobico vive tale preoccupazione riguardo a prospettive future;
  • ansia anticipatoria: disturbo legato a scenari futuri. Per il fofofobico, questi scenari implicano la possibilità di sperimentare sintomatologie legate ad altri disturbi fobici. 

Scopri se soffri di ipocondria

Fai il test in 5 minuti e scopri il tuo livello di rischio per ipocondria

Test sull'ipocondria

Paura della paura: i sintomi

La maggior parte delle volte, chi soffre di fobofobia vive già un disturbo fobico e conosce a perfezione i sintomi dell’ansia e del panico. Ha quindi timore di sviluppare una nuova psicopatologia e di trovarsi ad affrontare le stesse sensazioni negative legate ad un nuovo oggetto/situazione.

Il fobofobico potrebbe non soffrire di alcuna patologia pregressa, ma vivere con il timore di svilupparne una. Anche in questo caso, il timore non è direttamente legato alla prospettiva della patologia, ma ai sintomi che potrebbe causare. 

Tra questi ricordiamo: 

  • tremori;
  • aumento della frequenza cardiaca;
  • respirazione difficoltosa e sensazione di svenimento;
  • formicolio;
  • inquietudini.
  • attacchi di panico;
  • vertigini e labirintite da stress;
  • nausea;
  • sudorazione intensa.

Può allora mettere in pratica delle soluzioni disfunzionali come l’evitamento delle situazioni che potrebbero portare effetti indesiderati.

Parliamo di situazioni legate per esempio alla:

  • claustrofobia;
  • agorafobia;
  • nosofobia.

E altre ancora.

Questa tentata soluzione potrebbe limitare fortemente il soggetto fobofobico e portarlo a sviluppare problematiche a lungo termine: 

  • isolamento;
  • auto-limitazione;
  • disturbi relazionali e sociali;
  • evitamento di situazioni potenzialmente causa di ansia e sensazioni di disagio.

Quali sono le cause della fobofobia?

Le cause della paura di avere paura sono variegate e possono comprendere: 

  • genitori ansiosi o con disturbi fobici: si parla in questo caso di apprendimento osservativo. Le reazioni delle persone che ci sono vicine a stimoli neutri, possono modificare le nostre risposte a quegli stessi stimoli;
  • genitori iperprotettivi;
  • esperienze traumatiche, come lutti, malattie e simili.

Anche forti carichi emotivi, non metabolizzati dal punto di vista psicologico, possono portare allo sviluppo di fobofobia.

Come i disturbi d’ansia, anche le fobie specifiche possono essere generate da cause subliminali che vanno poi a scaricarsi in atteggiamenti compulsivi.

cause di fobofobia

Quanto dura la fobofobia?

Le fobie specifiche non hanno una durata predefinita. Questo significa che potrebbero svanire con il passare del tempo o, molto più comunemente, peggiorare con il passare dei giorni, dei mesi e degli anni. 

Secondo gli studi, il funzionamento della fobia è questo:

  • un oggetto/situazione/animale/persona causa in me una risposta emozionale patologica;
  • al fine di gestire la risposta emozionale, continuo a riflettere sullo stimolo perché riflettere fornisce la sensazione di gestire meglio le emozioni;
  • a lungo andare, la riflessione sullo stimolo diviene compulsiva e può portare allo sviluppo di rimuginio e pensieri invadenti. 

Il fobofobico potrebbe allora trovarsi a pensare all’oggetto stressante in ogni momento della giornata, limitando fortemente la propria libertà personale.

Fobofobia: ipotesi di cura 

Se la fobofobia è causata dal rapporto con una figura genitoriale, si tratterà di indagare a fondo lo stile di attaccamento dell’individuo e di modificarlo di conseguenza. In alternativa, si potrebbe andare a lavorare sul disturbo d’ansia che è alla base della fobia specifica. 

Ad oggi, la terapia cognitivo-comportamentale e quella breve strategica sono tra gli approcci più efficaci nella gestione e nel trattamento delle fobie. Serenis può aiutarti attraverso la psicoterapia online e il supporto di un esperto adatto alle tue esigenze.

Anche la psicoterapia junghiana è considerata un approccio valido alla decostruzione delle difese (psicopatologie) che l’individuo sviluppa nel corso della sua esistenza.

Fonti:

  • Griez, E. “Treatment of phobophobia by exposure to CO2-induced anxiety symptoms.” The Journal of nervous and mental disease 171.8 (1983): 506-508.
  • Bryant, Fred B., and Kristin Bjornsen. “Phobophobia: Fear, Fear of Fear, and the Climber Mind.” Climbing 275 (2009).
  • van den Hout, M., and E. Griez. “Some remarks on the nosology of anxiety states and panic disorders.” Acta Psychiatrica Belgica 83.1 (1983): 33-42.
Dott.ssa Martina Migliore

Approccio:
Titolo di studio
Descrizione
Romana trapiantata in Umbria. Laureata in psicologia e specializzata in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale. Ex-ricercatrice in Psicobiologia e psicofarmacologia. Visione pratica e creativa del mondo, amo le sfide e trovare soluzioni innovative. Appassionata di giochi di ruolo e cultura pop, li integro attivamente nelle mie terapie. Confermo da anni che parlare attraverso ciò che amiamo rende più semplice affrontare le sfide della vita.

Questa pagina è stata verificata

I nostri contenuti superano un processo di revisione in tre fasi.

Scrittura

Ogni articolo viene scritto o esaminato da uno psicoterapeuta prima di essere pubblicato.

Controllo

Ogni articolo contiene una bibliografia con le fonti citate, per permettere di verificare il contenuto.

Chiarezza

Ogni articolo è rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e la comprensione.

Revisori

reviewer

Dott. Domenico De Donatis

Medico Psichiatra

Ordine dei Medici e Chirurghi della provincia di Pescara n. 4336

Laurea in Medicina e Chirurgia presso l'Università degli Studi di Parma. Specializzazione in Psichiatria presso l'Università Alma Mater Studiorum di Bologna.

reviewer

Dott. Federico Russo

Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale e Neuropsicologo, Direttore Clinico di Serenis

Ordine degli Psicologi della Puglia n. 5048

Laurea in Psicologia Clinica e della Salute presso l’Università degli Studi “G. D’Annunzio” di Chieti. Specializzazione in Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale a indirizzo neuropsicologico presso l’Istituto S. Chiara di Lecce.

reviewer

Dott.ssa Martina Migliore

Psicologa Psicoterapeuta specializzata in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale

Ordine degli Psicologi dell'Umbria n.892

Psicologa e Psicoterapeuta cognitivo comportamentale, docente e formatrice. Esperta in ACT e Superhero Therapy. Membro dell'Associazione CBT Italia, ACT Italia e SITCC. Esperta nell'applicazione di meccaniche derivanti dal gioco alle strategie terapeutiche evidence based e alla formazione aziendale.