body ▲ Select Parent Subselection ▼

Attacchi di panico: cosa sono, quali sono i sintomi e come gestirli

Esplora la realtà degli attacchi di panico: cosa sono e come affrontarli. Scopri le strategie efficaci per gestire e prevenire questi momenti di forte ansia. Leggi l’articolo per un’analisi completa e consigli pratici sulla gestione degli attacchi di panico.
attacchi di panico

Gli attacchi di panico o crisi di panico, sono episodi acuti di ansia che possono manifestarsi rapidamente, raggiungere il loro picco entro entro 10 minuti e possono durare circa 10-15 minuti, ma l’esperienza può variare da persona a persona.

I sintomi degli attacchi di panico possono includere:

  • palpitazioni
  • sudorazione eccessiva
  • tremori
  • sensazione di soffocamento
  • dolore toracico

Insieme a sensazioni di:

  • derealizzazione
  • depersonalizzazione

Che coinvolgono la percezione distorta del mondo circostante o del proprio corpo.

Le cause degli attacchi di panico non sono sempre chiare, ma possono essere associate a:

  • fattori genetici
  • alterazioni chimiche nel cervello
  • esperienze traumatiche
  • livelli elevati di stress

Alcune persone possono sviluppare attacchi di panico senza un motivo o una causa apparente.

Il trattamento degli attacchi di panico può includere terapie psicologiche, come:

  • la terapia cognitivo-comportamentale
  • la a terapia di esposizione graduale

In alcuni casi, possono essere prescritti farmaci ansiolitici o antidepressivi per gestire i sintomi.

L’ansia è un problema comune: secondo l’Istituto Clinico Humanitas 8,5 milioni di italiani hanno sofferto almeno una volta nella vita di disturbi d’ansia. Quando l’ansia è tanto intensa da impedire di svolgere le attività quotidiane può diventare invalidante

Attacchi di panico: cosa sono?

Gli attacchi di panico sono episodi improvvisi e ad alta intensità di paura e angoscia. Possono verificarsi senza un reale pericolo e senza che la motivazione abbia raggiunto il livello di piena coscienza, oppure possono essere scatenati da un evento stressante o spaventoso. Un attacco di panico può essere accompagnato da sintomi somatici dovuti all’attivazione del sistema simpatico, e cognitivi.

Vuoi iniziare il tuo percorso di psicoterapia adesso?

Compila il questionario Serenis e scopri il terapeuta più adatto a te

Primo colloquio gratuito

Sedute online

Il servizio di psicoterapia meglio recensito in Italia

Inizia il questionario

Attacco di panico e disturbo di panico sono la stessa cosa?

Molti usano i termini “attacco di panico” e “disturbo di panico” in maniera indistinta, ma in realtà c’è una differenza importante tra i due: 

  • un attacco di panico è un episodio isolato e improvviso di paura intensa, ansia o disagio accompagnato da sintomi fisici e cognitivi;
  • il disturbo di panico riguarda una condizione in cui gli episodi si verificano frequentemente e in modo imprevedibile, spesso accompagnati dalla preoccupazione per eventi futuri e da comportamenti evitanti finalizzati alla prevenzione.

Differenza tra attacco di panico e attacco d’ansia

Se gli attacchi di panico sono caratterizzati da una paura intensa e improvvisa, gli attacchi d’ansia sono più lievi e possono essere presenti con maggiore costanza nella vita di un individuo. Gli attacchi d’ansia possono includere sintomi come:

  • sudorazione
  • respiro affannoso
  • battito cardiaco accelerato
  • tensione muscolare
  • preoccupazione eccessiva

Tuttavia, tali sintomi non raggiungono lo stesso livello di intensità degli attacchi di panico.

Attacchi di panico notturni

Gli attacchi di panico notturni si verificano durante il sonno e possono essere ancora più spaventosi e destabilizzanti perché la persona non è cosciente di ciò che sta accadendo. I sintomi che provoca un attacco di panico notturno possono includere sudorazione, battito cardiaco accelerato, difficoltà respiratorie e sensazione di soffocamento.

Sebbene gli attacchi di panico notturni siano meno comuni degli attacchi di panico diurni, possono diventare comunque debilitanti e influire sulla qualità del sonno e sulla vita quotidiana della persona.

Attacchi di panico in gravidanza

L’esperienza degli attacchi di panico durante la gravidanza è un tema complesso e può variare considerevolmente da donna a donna. Alcune donne possono sperimentare un aumento dell’ansia o degli attacchi di panico durante la gravidanza, mentre altre possono non notare cambiamenti significativi o, in alcuni casi, possono sperimentare un miglioramento.

Ci sono diversi fattori che possono influenzare la presenza di attacchi di panico durante la gravidanza:

  • fluttuazioni ormonali
  • preoccupazione e stress
  • storie di disturbi d’ansia

Se sei una donna incinta che stanno affrontando attacchi di panico o ansia, ti consigliamo di consultare un professionista della salute mentale o un operatore sanitario: per te e il tuo bambino.

Attacchi di panico: i sintomi

Come si fa a riconoscere un attacco di panico? Come si manifestano gli attacchi di panico? Ci sono almeno 13 sintomi di un attacco di panico che possono permettere di riconoscerlo, e si dividono in:

  • segnali fisici
  • segnali cognitivi
  • segnali comportamentali

I sintomi fisici degli attacchi di panico

I segnali fisici per riconoscere un attacco di panico sono:

  • palpitazioni o battito cardiaco accelerato
  • sudorazione
  • sensazione di soffocamento o dispnea
  • sensazione di asfissia
  • tremori
  • dolore al petto
  • nausea
  • vertigini
  • capogiri

I sintomi cognitivi di un attacco di panico

I segnali cognitivi per riconoscere un attacco di panico sono:

Attacchi di panico: i sintomi
  • sensazione di stordimento o di distacco

I sintomi comportamentali di un attacco di panico

I segnali comportamentali per riconoscere un attacco di panico sono:

  • desiderio di fuggire dalla situazione in cui ci si trova
  • tendenza ad evitarla e ad evitare elementi che la rievochino

Compila il test sull'Ansia

Fa il test in 5 minuti e scopri il tuo livello di ansia

Test sull'Ansia

Quanto dura un attacco di panico? 

L’attacco di panico in genere ha una durata di circa 10-15 minuti: il tempo necessario perché il corpo produca e riassorba gli ormoni dello stress, responsabili dei sintomi fisici spiacevoli come la tachicardia o il tremore.

L’ansia acuta, invece, tende a precedere e/o seguire un attacco di panico. Chi sperimenta un attacco di panico, quindi, crede spesso che duri tantissimo: in realtà dura pochi minuti, ma la paura che possa verificarsi di nuovo non permette alle persone di rendersi conto della diversa intensità tra i due, e di conseguenza neanche di potersi “rilassare”.

Lo stato di tensione dovuto alla paura che ritorni, quindi, può portare a una nuova manifestazione di panico, inconsciamente autoindotta dalle proprie aspettative.

Attacchi di panico: le cause

Le crisi di panico possono verificarsi in particolare in due casi specifici: nei momenti di forte stress o quando vi è un forte coinvolgimento sul lato emotivo. Questi possono, a loro volta, essere causati da diversi fattori, tra cui problemi lavorativi, relazionali o familiari. 

In alcuni casi, gli attacchi di panico possono anche essere causati da una predisposizione genetica o da un disordine neurochimico del cervello, come un’eccessiva produzione di adrenalina o un basso livello di serotonina.

Il caldo può essere un altro fattore che genera ansia e attacchi di panico.

Gli attacchi di panico sono pericolosi?

No, gli attacchi di panico non sono pericolosi, nonostante possano terrorizzare chi li vive. Un attacco di panico non causa danni fisici, ma può avere delle conseguenze che incidono in modo negativo sulla qualità della vita della persona, interferendo con le attività quotidiane, le relazioni interpersonali e il benessere psicologico in generale. 

Quanti attacchi di panico si possono avere in un giorno?

Il numero di attacchi di panico che una persona può sperimentare in un giorno può variare notevolmente da individuo a individuo. Alcune persone possono avere solo un attacco di panico isolato, mentre altre possono sperimentarne diversi nello stesso giorno. Altri potrebbero non avere attacchi di panico per lunghi periodi.

Quanti attacchi di panico si possono avere in un giorno?

La frequenza degli attacchi di panico può essere influenzata da diversi fattori, tra cui:

  • la gravità del disturbo d’ansia
  • il livello di stress
  • la presenza di fattori scatenanti specifici
  • la risposta individuale ai trattamenti

In alcuni casi, gli attacchi di panico possono verificarsi in rapida successione, creando una sensazione di persistente ansia e disagio per la persona coinvolta.

Come ci si sente dopo un attacco di panico?

Dopo un attacco di panico è possibile sentire una forte sensazione di spossatezza. Molte persone si sentono spossate proprio perché un attacco di panico richiede un grande dispendio di energia sia fisica sia mentale, portando ad ansia e tensione muscolare.

In alcuni casi si possono raggiungere anche situazioni di forte ansia o depressione, soprattutto nei casi di numerosi attacchi di panico che hanno interferito con la vita quotidiana.

Come ci si sente dopo un attacco di panico?

Chi soffre di questi disturbi inizia a “tagliare via” esperienze dalla propria vita: inizia a non svolgere più attività che sono state piacevoli fino a poco tempo prima, fino ad autorelegarsi all’interno di una zona di comfort estremamente limitata, ed è qui che spesso emergono i vissuti depressivi.

Nel caso in cui questi sintomi persistano, è bene rivolgersi a un professionista della salute mentale che possa offrire l’aiuto più adeguato.

Attacchi di panico: cosa fare subito

Come gestire un attacco di panico? Per gestire un attacco di panico è necessario innanzitutto saperlo riconoscere e poi riuscire a monitorarlo

Esistono delle strategie di auto-aiuto che consentono di calmare un attacco di panico:

  • comprendere i sintomi per evitare la confusione con altri tipi di problemi
  • mettere in pratica esercizi di respirazione, training autogeno o pratiche di mindfulness per normalizzare il battito cardiaco e abbassare lo stato d’ansia
  • tenere sotto controllo la frequenza di apparizione degli attacchi di panico.

Come curare gli attacchi di panico?

Per trattare e curare gli attacchi di panico si può fare ricorso alla psicoterapia

Inoltre, si può agire sulle cause degli attacchi di panico, spesso legati all’ansia. Vedi come combattere e gestire l’ansia ed i disturbi collegati.

Farmaci per attacchi di panico

Il trattamento farmacologico per gli attacchi di panico di solito coinvolge l’uso di farmaci ansiolitici o antidepressivi, a seconda della gravità dei sintomi e delle necessità individuali del paziente. È importante notare che la scelta del farmaco e la determinazione della dose dovrebbero essere fatte da un professionista della salute mentale, come uno psichiatra o uno psicologo clinico, in base a una valutazione accurata del caso.

Ecco alcuni dei farmaci comunemente prescritti per trattare gli attacchi di panico:

  • benzodiazepine – come il diazepam (Valium), lorazepam (Ativan) o alprazolam (Xanax);
  • inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) – antidepressivi come la sertralina (Zoloft), la fluoxetina (Prozac) e la paroxetina (Paxil);
  • inibitori selettivi della ricaptazione della noradrenalina (SNRI) – come la venlafaxina (Effexor) possono essere utilizzati per trattare gli attacchi di panico e altri disturbi d’ansia. Gli SNRI agiscono su più neurotrasmettitori, incluso il sistema serotoninergico e noradrenergico.

È importante che le persone discutano con il proprio medico di eventuali preoccupazioni o effetti collaterali legati all’uso di farmaci e che non interrompano mai improvvisamente il trattamento senza la supervisione del professionista della salute.

La psicoterapia per trattare gli attacchi di panico

Come scegliere l’orientamento adatto a trattare gli attacchi di panico? Ricordiamo intanto che l’orientamento terapeutico più indicato è sempre quello con cui il paziente si trova meglio.

  1. L’approccio cognitivo-comportamentale

Tra i vari orientamenti che possono essere utilizzati troviamo in particolare quello cognitivo-comportamentale (CBT) attraverso la tecnica di esposizione graduata

Come curare gli attacchi di panico?

L’orientamento cognitivo-comportamentale può aiutare a ristrutturare i pensieri negativi, sostituendoli con pensieri più realistici e positivi

 La tecnica di esposizione aiuta ad affrontare le paure in maniera graduale, in modo da renderle sempre meno intense e responsabili di un eventuale attacco di panico.

  1. L’approccio psicodinamico

Un altro approccio adatto a trattare gli attacchi di panico è quello psicodinamico, attraverso l’analisi delle fantasie inconsce. La terapia psicodinamica per gli attacchi di panico si concentra sulla comprensione e l’analisi delle fantasie inconsce, che vengono portate alla luce attraverso l’interpretazione dei sogni, la libera associazione e l’analisi delle relazioni interpersonali del paziente.

L’obiettivo è quello di aiutare il paziente a comprendere il significato simbolico delle fantasie inconsce e come queste influiscono sui sintomi dell’ansia.

La psicoterapia online di Serenis per gli attacchi di panico

In questo blog troverai tantissimi altri articoli che parlano di salute mentale.

Questo in particolare parla dei sintomi degli attacchi di panico.

Se hai ritrovato un po’ di te in quello che hai letto, magari potresti pensare di aiutarti facendo psicoterapia con noi: siamo un centro medico autorizzato.

Il servizio è completamente online, con solo psicoterapeuti e psicoterapeute (cioè hanno la specializzazione).

La vita presenta sfide uniche per tutti, non importa chi tu sia o cosa abbia affrontato. Il tuo passato non ti definisce, né deve determinare il resto della tua vita.

Tutto inizia con il desiderio di vivere una vita migliore. Noi possiamo sostenerti; Serenis è a un solo link di distanza.

Dott. Massimiliano Marzocca

Psicologo e psicoterapeuta con una formazione eclettica che abbraccia la psicologia dinamica e clinica. Specializzato in psicoterapia cognitivo-interpersonale, mi occupo di consulenza e sostegno psicologico in diversi ambiti, inclusi quello clinico, scolastico, sportivo ed aziendale. Appassionato di informatica, esploro le intersezioni tra tecnologia e psicologia. Iscritto all'Albo con il n. 18645

Questa pagina è stata verificata

I nostri contenuti superano un processo di revisione in tre fasi.

Scrittura

Ogni articolo viene scritto o esaminato da uno psicoterapeuta prima di essere pubblicato.

Controllo

Ogni articolo contiene una bibliografia con le fonti citate, per permettere di verificare il contenuto.

Chiarezza

Ogni articolo è rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e la comprensione.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Rosario Urbani

Psicoterapeuta specializzato in cognitivo comportamentale

Ordine degli Psicologi della Campania num. 6653/A

Laureato in Neuroscienze presso la Seconda Università di Napoli. Specializzato presso l’istituto Skinner in psicoterapia cognitivo comportamentale. Analista del comportamento ABA e specializzato anche nella tecnica terapeutica dell'EMDR.

reviewer

Dott.ssa Maria Vallillo

Psicoterapeuta specialista in Lifespan Developmental Psychology

Ordine degli Psicologi del Lazio num. 25732

Laurea in Psicologia presso l'Università degli Studi di Chieti. Specializzazione in psicoterapia e psicologia del ciclo di vita presso l’Università la Sapienza di Roma. Esperta in neuropsicologia e psicodiagnostica e perfezionata in psico-oncologia.