Mio marito mi odia – Come posso salvare il nostro matrimonio?

Aggiornato il 12 novembre 2021

Se hai la sensazione che tuo marito non ti ami più come in passato, potresti avere il cuore spezzato e probabilmente hai paura di quello che potrebbe portare il futuro. Questi sentimenti sono normali perché la sfida che stai affrontando può essere schiacciante. Tuttavia, dovete sapere che c’è speranza. Potete trovare un modo per superare tutto questo, sia che questo significhi trovare la forza di andarsene o fare lo sforzo di aggiustare il vostro matrimonio. Con gli strumenti giusti, puoi tornare a una vita sana e felice con relazioni appaganti.

donna triste

Questo sito è di proprietà e gestito da Serenis, che riceve tutti i compensi associati alla piattaforma.
Fonte: unsplash.com

Prima di prendere misure permanenti per porre fine alla vostra relazione, è importante capire perché vostro marito si sta comportando in questo modo. È più probabile che il vostro partner vi ami, ma siete in una fase di relazione difficile. Se questo è il caso, il vostro matrimonio può essere salvato, e ci sono molti modi per farlo. Mentre le relazioni vanno avanti, la scintilla iniziale tende a svanire. Questo significa che anche la passione che una volta consumava il vostro matrimonio, la fase vertiginosa con risate costanti, complimenti e intimità fisica, tende a diminuire. Questo è completamente normale, ed è un passo sano in un matrimonio che dura tutta la vita.

Man mano che la vita va avanti, i livelli di stress aumentano e compaiono altre sfide. Ripensa a quando tu e tuo marito vi siete conosciuti. Tutto ciò che facevate insieme era probabilmente una gioia, anche se erano semplici compiti da adulti come pagare le bollette o pulire la casa. Ora, pensate a come queste cose si inseriscono nella vostra vita di oggi. Gli stessi compiti probabilmente sono passati dall’essere una gioia ad essere un fattore di stress nella vostra relazione. Siete cresciuti, cambiati e avete affrontato grandi cose insieme. Questo stress aggiunto può causare lo sviluppo di emozioni negative tra te e tuo marito, anche se queste emozioni negative non riguardano l’altra persona. Quindi, il tuo partner, forse, è semplicemente stressato?

Comportamento abusivo rispetto alle sfide della relazione

Guarda anche i tuoi disaccordi e studia il modo in cui finiscono. Tuo marito si comporta in modo abusivo da un luogo di odio o è frustrato e si sente solo nella relazione? Sta succedendo qualcos’altro nella sua vita che lei non conosce o che potrebbe influenzarlo? Vorrai trovare queste risposte prima di rinunciare alla relazione.

I coniugi che si comportano in modo tossico finiranno le discussioni in uno dei due modi: Primo, possono ritirarsi, diventando più silenziosi e distanti nel tempo. Secondo, possono diventare sempre più esplosivi. Potrebbero non raggiungere mai la fase delle scuse o mostrare alcuna emozione per il dolore che causano. Anche quando le discussioni sono completamente sane, un partner tossico mostrerà ripetutamente questi tratti.

Detto questo, vorrete assicurarvi che le vostre discussioni siano sane, perché questa è una parte importante di ogni matrimonio. Quando siete nel mezzo di un disaccordo, ricordatevi di parlare con calma ed evitare le accuse. Difendete voi stessi, ma guardate anche le aree in cui potreste essere in grado di migliorare o assumervi la responsabilità. Se non siete in grado di raggiungere un accordo su un argomento, ci dovrebbe essere una sorta di compromesso o una soluzione di “accordo per dissentire”.

È anche essenziale evitare attacchi personali quando si verifica un disaccordo. Può essere facile e allettante tirare fuori problemi passati o colpe personali, ma non è necessario o utile. Queste tattiche tendono a far emergere un lato difensivo dell’altra persona, portando i sani disaccordi su un sentiero più oscuro.

donna triste sulla poltrona
Fonte: unsplash.com

Un altro argomento da considerare nei disaccordi è l’autostima. Secondo uno studio della Yale University, vedere una relazione come completamente buona o completamente cattiva è un segno di bassa autostima. Le relazioni hanno alti e bassi; questo fa semplicemente parte dell’essere vicini ad un altro essere umano. Se le consideri di successo nei momenti buoni e fallimentari nei momenti difficili, renderà le cose ancora più difficili.

Quando si ha una bassa autostima, può essere più difficile avere discussioni sane. Questo perché, se non siete sicuri di voi stessi, è più probabile che vi sentiate come se gli altri vi stessero attaccando anche quando stanno cercando di comunicare le cose in modo utile e gentile. Se stai lottando con una bassa autostima, avrai bisogno di prenderti cura di te stesso prima di poterti prendere cura del tuo partner. Se il vostro partner ha una bassa autostima, dovrà fare lo stesso.

Se tuo marito sta lottando con una bassa autostima, questo può essere il motivo per cui sembra odiarti di tanto in tanto. Il ritiro sociale è un sintomo di bassa autostima, così come l’ostilità, e potreste vedere entrambi nella vostra relazione. Se tuo marito non è felice con se stesso, si scusa eccessivamente, o sembra sconvolto da come appare o si esibisce, potrebbe aver bisogno di aiuto con la sua autostima prima che tu possa lavorare sulla tua relazione.

Segni di relazione riparabile

  • Altri fattori di stress che influenzano il rapporto
  • Argomenti sani
  • Bassa autostima

Segni di relazioni abusive

  • Emozioni in ritirata
  • Argomenti esplosivi
  • Attacchi personali

Suggerimenti per andare avanti

Sia che siate in una situazione difficile nel vostro matrimonio o che la vostra relazione sia irrecuperabile, ci sono modi per superarla. Se siete in una relazione in cui non riuscite più a ragionare con il vostro coniuge, potreste considerare di andarvene. Con un po’ di resilienza e l’aiuto di un terapeuta di fiducia, puoi tornare a un posto felice nella vita. Se sei semplicemente in una relazione di routine, prova i metodi qui sotto per migliorare la tua relazione.

Andare agli appuntamenti

Man mano che la vostra relazione va avanti e la passione si affievolisce, può essere difficile prendere tempo dai vostri impegni per il romanticismo. Tuttavia, un appuntamento regolare può fare una differenza significativa nel vostro matrimonio. Prendete in considerazione la possibilità di scegliere un giorno della settimana e trasformarlo in una “serata d’appuntamento”. Andate a cena fuori, fate una serata film a casa o esplorate un’attrazione nelle vicinanze. Divertitevi, ridete e avvicinatevi al vostro partner. Attraverso le date e semplicemente passando del tempo insieme, potete riportare la vostra relazione ad un luogo più sano.

Parlare l’uno con l’altro

Quando la vita si fa movimentata, ricordatevi di trovare il tempo per parlare anche tra di voi. La comunicazione è uno degli aspetti più importanti in una relazione, e una mancanza di comunicazione può portare a una grande varietà di sfide. Parla con tuo marito e chiedigli della sua giornata. Imparate a conoscere le lotte che possono affrontare e informateli di tutte le difficoltà che anche voi state attraversando. Chiedigli come si sentono riguardo alla relazione e digli come ti senti tu. Mantenendo aperta la comunicazione, si eliminano i dubbi e si scopre come crescere più vicini l’uno all’altro ogni giorno.

Ridurre i livelli di stress

Se i vostri problemi di relazione sono causati dallo stress, fate del vostro meglio per eliminare i fattori di stress. Riposati adeguatamente, fai esercizio fisico e mangia bene. Considerate la respirazione profonda, la meditazione e altre tecniche di gestione dello stress. Permettendovi di sentirvi più rilassati e felici, avrete più energia da mettere nella vostra relazione e vi avvicinerete di più al vostro partner grazie a questo. Vedi la nostra guida al burnout per un approfondimento.
coppia mano nella mano

Fonte: unsplash.com

Cercare aiuto professionale

Quando le tattiche di cui sopra non sono semplicemente sufficienti, si può prendere in considerazione di raggiungere un professionista. I terapeuti di salute mentale possono lavorare con voi sulla vostra relazione, sia che siate in una normale routine o che siate sposati con qualcuno che mostra un comportamento tossico. Un terapeuta può fornire un punto di vista imparziale per mostrarvi cosa dovete fare per migliorare le cose per voi.

La terapia online, come usare Serenis, è un’altra opzione. Uno studio recente ha esaminato l’efficacia con cui le persone pensano che la terapia di coppia online abbia funzionato per loro. Quindici coppie sono state intervistate e quando hanno finito, la maggioranza ha detto che la loro esperienza è stata benefica e positiva. Mentre alcuni di loro erano inizialmente preoccupati per la distanza tra loro e il terapeuta, hanno detto che una videochiamata ha permesso loro di essere completamente immersi nel processo terapeutico, di sentirsi più in controllo, e di connettersi ancora bene con il terapeuta.

La terapia online ha anche molti altri vantaggi. Serenis ha molti terapeuti, il che significa che tu e il tuo partner avete lo spazio e la flessibilità per trovare la persona giusta per voi. E se il denaro è un argomento su cui litigate spesso, la terapia online tende ad essere meno costosa della tradizionale terapia faccia a faccia.

Conclusione

Non importa quali lotte stai affrontando nella tua relazione, c’è speranza. Se sei in un matrimonio odioso, considera di trovare la forza di andartene. Se la vostra relazione è sana ma infelice, lavorate con il vostro partner per rimettere le cose in carreggiata insieme. Qualunque cosa tu decida, un terapeuta qualificato può aiutarti. Meritate la felicità e siete abbastanza forti da superare anche i problemi di relazione più difficili. Fai il primo passo verso una relazione soddisfacente oggi stesso.

Domande frequenti (FAQ)

Cosa faccio quando il mio partner mi odia?

Se ti dici: “mio marito mi odia”, cosa puoi fare? Entrambi dovreste essere in una relazione felice, ma se una parte odia l’altra, questo può causare molto stress e far crollare il matrimonio. Quindi, se a tuo marito non piaci o non ti piace stare con te, ecco alcuni modi per farti amare di nuovo.

Comunicazione regolare

Migliorate la comunicazione ed evitate gli errori di comunicazione. A volte, il vostro problema può essere una comunicazione insufficiente, e può rendere la vostra relazione miserabile. Siediti e cerca di parlarne. Evita di sembrare accusatorio ma sii onesto sui tuoi sentimenti. Se non riuscite a comunicare senza litigare, cercate aiuto.

Ricominciare da capo

A volte è necessario ricominciare da capo. Se avete fatto qualcosa che vi ha fatto odiare o disprezzare dal vostro partner, fare tabula rasa può far sì che tutti si amino di nuovo. Le persone spesso si aggrappano al passato o lo tirano fuori, e il tuo coniuge, se vuole ancora stare in questo matrimonio, deve imparare ad andare avanti. Naturalmente, se tuo marito porta rancore, può essere difficile farli ricominciare, e questo è qualcosa di cui potresti voler parlare con un terapeuta.

Lasciargli esprimere i propri sentimenti

Se tuo marito ha dei sentimenti imbottigliati, allora è importante che li esprima. A volte, per ricominciare la relazione, devono togliersi tutto dallo stomaco. Mentre lo fanno, evitate di sentirvi insicuri. Se avete fatto qualcosa per ferire i loro sentimenti, stanno solo facendo conoscere le loro emozioni, e prenderlo troppo sul personale può peggiorare la relazione.

Cercare aiuto

Potresti aver bisogno dell’aiuto di un terapeuta di coppia o di un terapeuta. Molto spesso, due persone in una relazione non possono fare nulla da sole. Non c’è vergogna nel parlare con un terapeuta o un terapeuta se avete bisogno di aiuto. Cercare aiuto è un atto nobile che a volte deve essere fatto. Tutti possono beneficiare di un terapeuta.

Andare avanti

Se anche dopo tutto questo, continui a dire “mio marito mi odia”, allora potresti aver bisogno di porre fine al matrimonio. Un matrimonio fallito è sempre triste, ma se stai nel matrimonio per troppo tempo, sarai infelice. A volte, è giusto andare avanti con la relazione e ricominciare da capo. Avete provato a fargli cambiare idea; in effetti, ci avete speso molto tempo. È giusto che tu vada avanti.

Come puoi dire se il tuo partner ti odia?

“Odio” è una parola molto forte, quindi se ti dici: “mio marito mi odia”, allora devi assicurarti di avere ragione. Quali sono alcuni segni che tuo marito ti odia? Eccone alcuni.

Cercano sempre di provocare un litigio

Entrare in una discussione occasionale è normale, ma il comportamento del tuo coniuge è sempre antagonista e voi due litigate tutto il tempo. Tutto quello che dici sembra provocarli, e non importa quello che fai, sembra che sia impossibile per te fermare la lotta quando accade. Può essere un salasso per la tua salute mentale, e potresti finire per cercare di evitare tuo marito come risultato. Questo è uno dei motivi per cui potresti dire “il mio partner mi odia”, ma potrebbe esserci un altro motivo per cui sono antagonisti. Potrebbe essere un altro problema che stanno nascondendo e se la prendono con te. Tuttavia, questa non è ancora una scusa.

Cercano di evitarti

A volte, il tuo partner ti evita quando non gli piaci. Ogni volta che possono, mantengono le distanze. Questo è particolarmente vero nel reparto intimità. Abbracciare, baciare, fare sesso e anche qualcosa di semplice come toccare può essere difficile per loro e può essere un segno che non gli piaci. Naturalmente, potrebbe esserci anche un’altra ragione.

Non sembrano preoccuparsi del matrimonio

Il tuo partner non ci mette impegno. All’inizio, forse entrambi ci avete messo la vostra parte, ma ora non sembrano preoccuparsi. Potrebbero anche dimenticare il vostro anniversario o il vostro compleanno, e non curarsi quando lo menzionano.

Ti maltrattano

Uno dei più grandi motivi per cui potresti dire “mio marito mi odia” è se sono fisicamente o verbalmente violenti. Non ci sono scuse per l’abuso, e devi cercare aiuto al più presto se c’è qualche abuso nella relazione. Il vostro partner non dovrebbe mai picchiarvi, né dovrebbe abbattervi.

Questi sono solo alcuni segnali che tuo marito potrebbe non piacerti o odiarti. Come abbiamo detto, può essere anche un’altra causa. A volte, tuo marito potrebbe anche non odiarti, ma voi due vi siete allontanati a causa dell’amore perduto.

Hai visto il cambiamento dopo un evento importante

Ci sono molte ragioni per cui tuo marito può odiarti, e può essere dovuto a un evento importante, come la disonestà, l’infedeltà, o un’altra ragione che ha causato un conflitto.

Come si fa a trattare con un coniuge abusivo?

Trattare con un marito tossico può essere un incubo. Non importa quello che fai, ti sembra di camminare sempre su gusci d’uovo o di credere di essere tu quello nel torto, eppure tutti i segni del suo essere tossico sono lì. Se vuoi avere a che fare con un marito che è tossico, la cosa migliore è cercare un aiuto professionale. Chiunque abbia un coniuge tossico dovrebbe cercare aiuto ogni volta che può.

Il più delle volte, una persona tossica non è qualcuno che puoi cambiare da solo, e potresti aver bisogno di un terapista. Naturalmente, un segno di una persona tossica è che si rifiuta di farsi aiutare e migliorarsi. Se questo è il caso, vai in terapia da sola. Il marito potrebbe raggiungerti presto. In caso contrario, puoi imparare le tecniche per gestire il tuo coniuge tossico, e ottenere gli strumenti per avere la forza e lasciare tuo marito se fosse troppo tossico per te.

Cos’è un matrimonio abusivo?

Il termine “tossico” è un termine generico per indicare i tratti negativi di una persona. Qualcuno che è tossico può essere qualcuno che è pessimista tutto il tempo al punto che sta cercando di rovinare il buon umore di tutti. Una persona tossica può essere manipolatrice, abusiva o fare sempre la vittima. Quindi, un matrimonio tossico è un matrimonio in cui c’è una serie costante di interazioni negative. A volte il matrimonio può essere tossico a causa di una sola persona. Altre volte, può essere tossico a causa di entrambe le persone. Persone di qualsiasi sesso o genere possono essere tossiche, e un matrimonio tossico può finire per distruggere se stesso.

Come fai a sapere quando il tuo matrimonio è finito?

A volte, si può dire: “Ho bisogno di salvare il mio matrimonio”, ma a vostra insaputa, potrebbe essere già finito. Ci sono molti modi per scoprire se il vostro matrimonio è finito o almeno in crisi. Eccone alcuni.

  • Entrambe le persone sono distanti e non si preoccupano più l’una dell’altra. Se una persona è distante, il marito premuroso può essere in grado di aiutarla, ma quando lo sono entrambi, c’è la possibilità che il matrimonio sia alla fine.
  • Una persona odia completamente l’altra. Potresti sempre dire a te stessa: “mio marito mi odia e non vuole salvare il mio matrimonio”, e potresti avere ragione.
  • Ti sembra che l’unica ragione per cui stai insieme a tuo marito sia per i bambini, per i soldi o per un altro motivo.
  • Puoi immaginare tuo marito con un’altra.
  • Sei andata in terapia e questo non ha aiutato la relazione.

Queste sono alcune ragioni. Se credi che il tuo matrimonio possa essere finito, cercare aiuto è importante. Se non sei in grado di dire: “il terapeuta mi ha aiutato a salvare il mio matrimonio”, dopo le sedute, allora potresti aver bisogno di porre fine al matrimonio.

Come si fa a trattare con un coniuge egoista?

Tutti sono un po’ egoisti a volte, ma un marito che è sempre egoista può rovinare un matrimonio. Fanno tutto da soli e non fanno la loro parte. Ecco alcuni modi per affrontarlo.

  • Parlare a voce alta. A volte, tuo marito potrebbe non essere consapevole del suo egoismo. A meno che vostro marito non sia violento quando viene criticato, dovreste avere una discussione con loro.
  • Cercate di porre dei limiti. Faccia dei compiti che suo marito deve fare e lo ritenga responsabile.
  • Sottolinea che entrambi prospererete quando il matrimonio prospererà, e per fare questo, devono considerare anche i tuoi bisogni.
  • Parla con un terapeuta di coppia se hai ancora difficoltà con il tuo coniuge. Se tuo marito è troppo egoista, potresti aver bisogno di andarci da sola. Con il tempo, potrebbero unirsi a te.
  • Nel frattempo, prenditi cura di te stessa. Sii sicura di te, goditi nuovi hobby e, se necessario, lascia il matrimonio.

Perché mio marito non è intimo?

Il tuo partner potrebbe avere problemi di intimità per molte ragioni. Se ha un nuovo lavoro che li ha resi stanchi, questo potrebbe essere il colpevole. A volte, potrebbero non essere così intimi a causa di un problema personale, come un dramma sul lavoro o la depressione. Potrebbero non dirvelo perché hanno difficoltà ad esprimere le emozioni.

Altre volte, potrebbe essere un problema coniugale. Potrebbero aver perso interesse per te o essere arrabbiati per qualcosa che è successo tra voi due. A volte, potrebbe essere un tradimento.

A volte, potrebbe non essere nessuna di queste cose. Alla fine, discuterne con tuo marito o parlare con il tuo terapeuta può aiutarti a trovare la risposta.

Come fai a capire se tuo marito ti ama?

Tuo marito può mostrare interesse in molti modi. Può dirlo apertamente o mostrarti sempre affetto. Il tuo partner può parlare positivamente di te con gli amici. Ti faranno piccoli regali e ti chiederanno sempre se stai bene.

Alcuni coniugi sono più affettuosi di altri ed è facile vedere quando si preoccupano per te. Per altri, possono mostrare amore in modo sottile ma efficace.

Perché i coniugi si sminuiscono a vicenda?

Un modo per individuare un matrimonio tossico è se uno dei due partner non fa altro che sminuire l’altro. Sminuire può accadere in qualsiasi sesso o genere, ma alcuni uomini tossici lo fanno spesso come un modo di controllo. Pensano che se sminuiscono costantemente qualcuno, allora quella persona si romperà e si sentirà come se dovesse avere il marito per essere qualcuno.

Altri mariti tossici possono sminuire le loro mogli come un modo per sfogare la loro rabbia su di loro. Possono essere arrabbiati per qualcosa o qualcun altro, che sia il loro lavoro, gli amici o altri stress, e sfogare la loro rabbia sulla moglie è un sollievo. Tuttavia, è tossico e non dovrebbe mai essere fatto.

È importante non lasciare che le parole di qualcuno abbiano la meglio su di te. Se dici: “Mio marito mi sminuisce, ma io voglio salvare il mio matrimonio”, potresti aver bisogno dell’aiuto di un terapeuta di coppia. Il terapeuta di coppia può insegnare al vostro partner a comunicare meglio, a esprimere le proprie frustrazioni in modo più sano e a trovare le ragioni per cui vostro marito si comporta così. Individualmente, un terapeuta può insegnarti come resistere alla sminuizione. Alla fine della giornata, potrebbe essere necessario porre fine al matrimonio.

Quando smettere in un matrimonio?

La fine del tuo matrimonio è qualcosa che non dovresti prendere alla leggera. È qualcosa a cui bisogna pensare per un po’ e assicurarsi che tutte le altre alternative siano state esplorate. Ecco alcuni motivi per cui potrebbe essere il momento di farla finita.

  • Avete provato la terapia. Un terapeuta di coppia può aiutare coloro che hanno conflitti nella loro relazione, anche conflitti gravi che hanno messo la vostra relazione sulle rocce.
  • Entrambi i vostri obiettivi di vita sono troppo diversi, e non importa cosa, non c’è una via di mezzo. Forse una persona vuole dei figli e un’altra no, o una persona ha un lavoro che richiede di trasferirsi in un posto dove l’altra persona non può vivere.
  • Tu non provi lo stesso per il matrimonio. Non senti niente per il tuo partner e niente a letto. Il matrimonio sembra distante, ed esiste solo per una sorta di obbligo.
  • Puoi immaginare che il tuo partner stia con qualcun altro.
  • Il matrimonio è abusivo o tossico, e niente sembra risolvere la situazione.

Questi sono alcuni motivi per cui potresti aver bisogno di farla finita.

Quando dovreste andarvene dal vostro matrimonio?

Alla fine dovreste abbandonare il matrimonio quando il vostro partner non vi fa più sentire felici o è tossico e abusivo nei vostri confronti. Naturalmente, dovreste cercare di aggiustare il vostro matrimonio attraverso la terapia e la discussione. Tuttavia, se questo non aiuta, è una buona ragione per lasciare il matrimonio. A volte, andarsene è necessario.

Quali sono i segni di un cattivo partner?

Ci sono molti partner che possono essere cattive notizie per te, e uno di loro potrebbe essere quello con cui sei sposata. Ecco alcuni segni che tuo marito può essere tossico per te.

  • Non ti lasciano uscire con i tuoi amici.
  • Tuo marito sospetta sempre che tu stia tramando qualcosa. Sparano prima e fanno domande dopo se parli con qualcuno del sesso da cui sei attratta. Controllano i tuoi social media per paura che tu tradisca.
  • Tuo marito è sempre critico nei tuoi confronti. Niente di quello che fai sembra mai abbastanza.
  • Serba rancore e lo tira fuori quando voi due avete una discussione. A volte può sembrare che tuo marito ti odi per qualcosa che hai fatto in passato.

Questi sono solo alcuni esempi. Se ti sembra che tuo marito non vada bene per te, potresti aver bisogno di cercare aiuto attraverso un terapeuta di coppia, e se la relazione continua ad essere tossica, potresti aver bisogno di andartene.

È meglio restare in un matrimonio infelice?

Molte persone rimangono nei matrimoni in cui non sono più felici per numerose ragioni, che siano i figli, le finanze o perché hanno nostalgia di quando il matrimonio era felice. Tuttavia, se siete infelici, dovreste apportare dei cambiamenti al vostro matrimonio. Cercare l’aiuto di un terapeuta di coppia potrebbe migliorare il vostro matrimonio e tornare a quella felicità.

Detto questo, se il vostro matrimonio è infelice a prescindere, allora forse è il momento di andarsene. Devi prepararti un po’, sia finanziariamente che per quanto riguarda il parlare ai tuoi figli del matrimonio, ma quando tutto sarà finito, potresti sentirti molto più felice.

Come posso uscire da un matrimonio infelice?

Se sei in un matrimonio infelice, e hai provato di tutto per sistemarlo, è meglio che tu te ne vada per la tua salute. Ecco alcuni modi per farlo.

  • Avere una rete di supporto pronta. Risparmia un po’ di soldi e abbi amici o membri della famiglia che possano aiutarti.
  • Se avete dei figli, specialmente se piccoli, abbiate una conversazione onesta con loro. Dite loro che non è colpa loro e che i loro genitori vogliono solo andare avanti con il matrimonio. Questo è un altro caso in cui la terapia familiare può aiutare.
  • D’altra parte, se voi due siete amichevoli, cercate di finire bene le cose. Un terapeuta di coppia può aiutare, insieme ad un divorzio equo.

Ogni matrimonio è diverso e cercare l’aiuto di un terapeuta può essere quello che ti serve se vuoi che il matrimonio finisca.

Come ci si allontana da un matrimonio tossico?

Un matrimonio tossico può essere difficile da abbandonare, specialmente se tuo marito ha il controllo. Ecco alcuni consigli.

  • Per prima cosa, prova a cercare aiuto. Che sia per te stesso o per aiutare a riparare il tuo matrimonio, un terapeuta può aiutarti.
  • Avere una rete di sicurezza. Risparmia un po’ di soldi quando puoi, in modo da poter stare da sola durante il divorzio.
  • Avere amici e familiari che possano sostenerti. Riaccendi le vecchie relazioni se il tuo partner tossico ti ha fatto prendere le distanze da loro.
  • Nel frattempo mantenetevi occupati. Si faccia un nuovo hobby e si dedichi ad attività che la facciano sentire più sicura di sé.
  • Quando te ne vai, blocca il tuo partner da tutti gli account. Una persona tossica cercherà di manipolarvi per farvi tornare, e non dovreste parlargli per questo motivo.

Come fai a sapere se tuo marito è innamorato di un’altra persona?

L’infedeltà è un problema che minaccia molti matrimoni, e se ti aspetti che tuo marito sia innamorato di un’altra persona, questo può essere grave. Alcune persone possono disinnamorarsi del loro partner e innamorarsi di un altro. Alcuni possono innamorarsi di più persone, ma se il vostro matrimonio non è aperto, questo è un problema.

Ecco alcuni modi in cui puoi capire che tuo marito può amare un altro.

  • Sono molto protettivi nei confronti del loro telefono o dei social media. Mentre tutti meritano un po’ di privacy quando sono su quei dispositivi, tuo marito sta sempre messaggiando la persona di cui si sta innamorando, e se gli dai anche solo un’occhiata, diventano aggressivi.
  • Parlano sempre di quest’altra persona. Forse questo individuo è un collega di lavoro, e il tuo partner non può tenere il suo nome fuori dalla bocca. Questo è un segno che potrebbe esserci qualcosa sotto.
  • Il tuo partner sta iniziando a migliorare il suo aspetto o a lavorare di più. Mentre non c’è niente di sbagliato in questo, loro improvvisamente facendo senza spiegazione o ragione è strano.
  • Tuo marito inizia a paragonarti agli altri.
  • Non sono più vicini a te. Passano meno tempo con te. Possono arrivare tardi e dire che hanno dovuto rimanere dopo l’orario di lavoro.

Questi sono solo alcuni segnali che qualcosa potrebbe essere sbagliato. Tuo marito che improvvisamente prova dei sentimenti per un’altra può non essere un motivo per porre fine al tuo matrimonio, ma è qualcosa per cui devi dire a te stessa: “Ho bisogno di salvare il mio matrimonio”. Parlarne con un terapeuta può aiutare, anche se è solo una terapia individuale.

Perché mio marito ha perso interesse per me sessualmente?

Ci sono molte ragioni per cui tuo marito può aver perso interesse per te sessualmente. A volte, può essere dovuto alla stanchezza. Forse suo marito ha un nuovo programma che è più frenetico, lasciandolo troppo stanco. Altre volte, potrebbe essere dovuto a una malattia. Potrebbero avere dei dolori. La colpa potrebbe essere di una disfunzione erettile, e il vostro partner potrebbe non voler provare altre attività sessuali per imbarazzo.

Naturalmente, ci possono essere anche problemi coniugali che sono da biasimare. Non essere interessato a te sessualmente potrebbe essere un segno che tuo marito ti sta tradendo o che non ti trova più attraente.

I periodi di siccità capitano, ma il sesso è una parte importante del matrimonio per molti. Forse hai bisogno di parlare con un terapeuta. Un terapista sessuale può aiutare e anche un terapista di coppia se si tratta di un problema coniugale. Il tuo partner potrebbe dover prendere anche dei farmaci per alleviare la sua ED.

A che età gli uomini smettono di essere sessualmente attivi?

Non esiste un’età magica in cui un uomo perde il suo desiderio sessuale. Molti uomini sono ancora sessualmente attivi fino ai 70 anni e oltre. Naturalmente, quando qualcuno invecchia, il suo desiderio sessuale tende a rallentare un po’, ma per molte coppie non si ferma del tutto. Potrebbe anche essere influenzato dalla malattia o dalla crescente distanza dal coniuge. Un terapista del sesso o delle relazioni può essere in grado di aiutare a ripristinare un impulso sessuale che sta svanendo.

Come posso ignorare mio marito per insegnargli una lezione?

I coniugi che si ignorano a vicenda come forma di punizione possono essere tossici, ed è noto come ostruzionismo. Anche se avere bisogno di un po’ di spazio da tuo marito va bene, non usarlo come una forma di punizione. Invece, parlate con un terapeuta di relazione su qualsiasi problema che potete avere.

Detto questo, prendere un po’ le distanze dal tuo partner dopo una discussione, per il tuo bene, può aiutarti. Non avere alcuna arroganza al riguardo, e assicurati di parlare con tuo marito quando sono pronti ad avere una buona conversazione.

Perché mio marito si allontana?

Se il tuo partner è distante, perché sta succedendo? Ci possono essere alcune ragioni. Questi includono:

  • Tuo marito ha un problema stressante in corso. Difficoltà sul lavoro, problemi di salute mentale come la depressione, e vari altri problemi di vita possono essere da biasimare. Alcune persone (e in particolare gli uomini) hanno difficoltà ad esprimersi, e un modo in cui affrontano il problema può essere quello di mostrare distanza ai loro coniugi, che non è un buon modo per gestire lo stress.
  • Li hai spazzolati via. A volte, potresti averli allontanati senza saperlo. Per esempio, potrebbero avvicinarsi per parlare con te, ma tu eri esausto e li hai respinti. Potresti essere occupata, e mentre questo è comprensibile, può far sentire tuo marito come se avesse bisogno di tirarsi indietro. A volte, lo fanno solo per darvi spazio, e altre volte, potrebbero sentirsi come se non potessero mostrare alcun affetto.
  • Voi due vi siete allontanati. Forse gli interessi del vostro coniuge sono cambiati e sentono di non avere più nulla in comune con voi. Con un po’ di terapia, è possibile per entrambi tornare a quell’interesse. Detto questo, un modo per rinnovare l’interesse è trovare un hobby o un obiettivo che voi due potete fare insieme.
  • Un partner potrebbe avere un problema con te, ma piuttosto che parlarne, ti evita. Questo non è un buon modo di gestire qualsiasi conflitto, e questo è un caso in cui un terapeuta o un terapeuta può aiutare. Il conflitto si verifica in ogni matrimonio e imparare a risolverlo e ad andare avanti è utile.
  • Suo marito potrebbe essere distante a causa dell’infedeltà. Ovviamente, questa è un’accusa potente e non si dovrebbe sospettare a meno che non si abbiano più prove. Alcuni coniugi possono tradire ed essere distanti per vergogna. A volte, potrebbe anche non essere un tradimento fisico, ma potrebbe essere il porno o qualche altro metodo.

Come può l’egoismo rovinare una relazione?

L’egoismo può rovinare una relazione perché una buona relazione dovrebbe essere una strada a doppio senso. Entrambe le persone dovrebbero mostrare sforzo nella relazione. Non tutto sarà sempre uguale; una persona può essere il capofamiglia, per esempio, ma entrambe le parti dovrebbero fare la loro parte.

L’egoismo può presentarsi in molte forme. Per esempio, una persona può perseguire i propri sogni ma non lasciare che l’altra persona persegua i suoi se questo dovesse interferire. Qualcuno può essere egoista quando si tratta di quanto cibo riceve. Una persona può preoccuparsi solo dei propri sentimenti e non di quelli del coniuge. In breve, l’egoismo è un rovinatore di relazioni. Una persona può essere naturalmente più egoista, ma questa non è ancora una scusa. Se avete la sensazione di essere egoisti, dovreste parlarne con un terapeuta o un terapeuta.

Bibliografia e Approfondimenti

  •  “The Truth About On-Again, Off-Again Couples”. Psychology Today.
  • Emery RE, Laumann-Billings L (February 1998). “An overview of the nature, causes, and consequences of abusive family relationships. Toward differentiating maltreatment and violence”. The American Psychologist

Due parole sul nostro processo di revisione

I video, i post e gli articoli non possono sostituire un percorso di supporto psicologico, ma a volte rappresentano il primo o l'unico modo per interpretare un problema o uno stato d'animo. Per i contenuti del nostro blog che trattano argomenti legati a sintomi, disturbi e terapie, abbiamo deciso di introdurre un processo di revisione fondato su tre principi.

Gli articoli devono essere approfonditi

La prima stesura è fatta da uno/una psicoterapeuta con almeno 2.000 ore di esperienza clinica.

Gli articoli devono essere verificati

Dopo la prima stesura, le informazioni e le fonti vengono esaminate da un altro o da un'altra professionista.

Gli articoli devono essere chiari

L'articolo viene rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e l'assimilazione dei concetti.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Luca Barbieri

Psicologo clinico di Milano

Ordine degli Psicologi della Lombardia num. 23251

Psicologo clinico. Ha una laurea in scienze psicologiche e una in psicologia criminologica e forense. Sta svolgendo il percorso di specializzazione in psicoterapia presso l'istituto CIPA di Milano.

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Si occupa di divulgazione scientifica e comunicazione scritta e video in ambito di salute mentale, psicologia e psichiatria. E' membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo Studio del Trauma e della Dissociazione).