Ho rotto con il mio ragazzo ma non sono sicura della mia decisione

Aggiornato l’11 settembre 2021

Le coppie si lasciano per molte ragioni. A volte le ragioni sono chiare, come i frequenti litigi, la mancanza di interesse e gli abusi. Altre volte, le rotture non sono così ovvie, e questo può lasciarti a mettere in discussione la tua decisione. Potresti pensare che il tuo partner era una brava persona, ma che mancava qualcosa nella relazione. In questi casi, può essere difficile vedere la persona a cui tieni soffrire dopo che l’hai lasciata. Questo non significa, però, che la tua decisione sia stata sbagliata. Meritate di vivere la vita con qualcuno che vi rende felici.

Coppia seduta su una panchina

Fonte: unsplash.com

Ho rotto con il mio ragazzo

La verità è che rompere con qualcuno può essere una cosa gentile da fare per lui, anche se dopo è triste. Rimanere con qualcuno di cui non ti senti soddisfatto potrebbe portarti a sviluppare risentimento nei suoi confronti, e questo può accumularsi nel tempo, il che potrebbe portare a un grosso conflitto in futuro.

Anche se il tuo partner può pensare di voler stare con te ora, rompere può salvarlo da una relazione infelice in cui non è soddisfatto e non è apprezzato in futuro. Se ti accorgi che stai ancora mettendo in discussione la tua decisione, considera cosa ti ha spinto a rompere con loro. Se entrambi volevate cose diverse e la relazione non era semplicemente compatibile, potreste aver preso la decisione giusta e la cosa migliore è andare avanti.

D’altra parte, se sentite ancora di poter far funzionare la relazione e che vale la pena salvarla, potete provare a contattare il vostro ex e parlarne. Dovreste discutere se le differenze o i disaccordi possono essere compromessi e se entrambi potete impegnarvi a risolvere i problemi. Questo vi aiuterà a capire se la vostra relazione può essere riconciliata.

Quali sono gli ingredienti della vostra relazione?

Le persone entrano e rimangono nelle relazioni per vari motivi. Aiuta a identificare i vostri “ingredienti di relazione”, e poi determinare se siete disposti a scendere a compromessi con il vostro ex se mancano alcuni ingredienti. I tuoi ingredienti di relazione potrebbero non includere quelli elencati di seguito, ma ecco alcuni possibili esempi:

  • Felicità
  • Rispetto
  • Valore
  • Attrazione
  • Sicurezza
  • Comunicazione
  • Libertà di avere amici esterni o altre relazioni

Fonte: unsplash.com

Come affrontare il rimpianto e il senso di colpa

Considera che la rottura potrebbe essere migliore anche per te. Superare il senso di colpa ora apre la possibilità di trovare una vita migliore in seguito. Questo può significare un diverso tipo di partner, o può significare dedicarsi alla vita da single e alle proprie attività. Dopo la fine di una relazione, è facile ricordare il bene e dimenticare il male, soprattutto se ci si sente soli. Ma tornare insieme a qualcuno con cui hai rotto è raramente una buona idea. Questo non vuol dire che non funzioni mai, ma sii preparato a sentimenti feriti.

È giusto che tu ti senta triste dopo aver iniziato una rottura. Tristezza e senso di colpa non significano che hai preso la decisione sbagliata. Se hai sentito il bisogno di rompere, c’era una ragione. Ecco alcuni modi per rendere più facile il rimpianto o il senso di colpa:

  • Chiediti se le cose sarebbero diverse una seconda volta o se avresti gli stessi problemi. In una relazione, si prende una persona al suo meglio e al suo peggio. Ti senti a tuo agio a stare con il tuo ex al suo peggio? O vuoi una versione di fantasia di loro?
  • Chiedetevi se tornare dal vostro ex significherebbe accontentarsi di meno. Non dovreste entrare in una relazione perché pensate di non poter fare di meglio. Tu puoi. Il percorso migliore è quello di riempire la tua vita con le relazioni più appaganti che puoi, e questo non significa sempre un partner romantico.
  • Ricorda a te stesso che la vita non riguarda la ricerca di un partner romantico. Persegui tutte le altre cose che ti portano significato e felicità.
  • Evita di parlare con il tuo ex. È meglio lasciar perdere. Se rimane un’amicizia, può essere ricollegata più tardi, dopo che entrambi avete avuto la possibilità di guarire.

Ragazza con telefono in manoFonte: unsplash.com

Se il tuo rimpianto è fugace, come un breve desiderio quando hai bisogno di un appuntamento per una festa, allora è un buon segno che ti senti solo. Ci si può sentire soli anche in presenza di altri. Se pensi di aver frainteso i tuoi sentimenti di solitudine, ecco alcuni consigli:

  1. Sentirsi soli è naturale. È normale sentirsi soli dopo una rottura perché la tua vita sta vivendo un cambiamento. È meglio riconoscere la sensazione di solitudine piuttosto che combatterla. Evita l’impulso di eliminare questa sensazione facendosi coinvolgere prematuramente in una nuova relazione o tornando dal tuo ex.
  2. Elabora e accetta le tue emozioni. A volte esprimere le proprie emozioni viene percepito come debole o dirompente. La gente vi incoraggerà a “rimanere forti”. Questo non è sano. Sei umano ed è normale sentirsi. In qualche modo sembra essere diventata la normale aspettativa che dovremmo “essere felici” o “essere forti” tutto il tempo. Questa prospettiva non è realistica. Comprendete i vostri sentimenti, non rifiutateli. Raggiungete gli amici che vi sosterranno nell’esprimere i vostri sentimenti onesti. Se non riuscite a progredire emotivamente e non vi sentite a vostro agio nell’essere onesti con gli amici, capite che non dovete andare da soli.
  3. Ama te stesso prima di tutto. L’idea di essere soli può sembrare un po’ spaventosa. Tuttavia, stare bene con la solitudine è un elemento importante della propria felicità. Imparare ad essere soli ti permette di sviluppare una felicità che non dipende da una relazione romantica.
  4. Esplora nuovi interessi e impegnati in hobby. Identifica gli hobby e le attività passate che ti piacevano una volta. Trovane di nuovi. Questo ti aiuterà a distrarti dai pensieri negativi e può offrire l’opportunità di incontrare nuove persone.
  5. Prova a fare un diario. Esprimere i tuoi pensieri, sentimenti e piani per iscritto spesso porta un senso di sollievo e appagamento. Inoltre, esprimere i tuoi pensieri e sentimenti sul tuo ex in un diario potrebbe permetterti di rivedere le voci in una data successiva e fornire una visione più profonda.
  6. Cercare aiuto. Spesso ci rivolgiamo alla nostra famiglia, agli amici, ai colleghi o anche agli estranei per discutere di pensieri sensibili o pressanti. Altre volte ci teniamo dentro i nostri sentimenti fino a quando non sentiamo che ci rovesceremo. Un terapeuta professionista offre un orecchio non giudicante e un senso di chiarezza e guida. Invece di causare altri problemi cercando il tuo ex, parla con un terapeuta professionista che può aiutarti a far fronte alla solitudine, al rimpianto e al senso di colpa.

Conclusione

Avere dei ripensamenti dopo una rottura è normale. Una volta identificato il problema e deciso di risolverlo, potrai riposare tranquillamente. Con gli strumenti giusti, sarete sulla strada per raggiungere un luogo di chiusura e conforto. Puoi richiedere una consultazione confidenziale con un terapeuta certificato dalla commissione online. Fai il primo passo oggi.

Domande frequenti (FAQ)

Come posso affrontare una rottura con il mio ragazzo?

Separarsi da una ragazza o da un ragazzo che ami non è mai facile. Il primo passo per affrontare la rottura è quello di essere facile con te stesso. Indipendentemente da chi sia la colpa della rottura, entrambi avete vissuto una separazione e una perdita. Sii onesto sui tuoi sentimenti e parla con un professionista se necessario.

Come affrontare la rottura con qualcuno?

Inizia essendo onesto con te stesso e onorando i tuoi sentimenti. Permettiti di piangere e sperimentare le emozioni della rottura quando sei in uno spazio sicuro. Cercare la guida e la psicoterapia di un professionista autorizzato può aiutarti a sviluppare nuove capacità di affrontare la situazione per guarire.

Come si fa a sapere quando una relazione è davvero finita?

All’inizio può essere difficile rendersi conto che una relazione è in difficoltà o che il vostro partner ritiene che la relazione debba finire. Lasciare che i problemi persistano o rimangano irrisolti può portare a quello che molti definiscono il punto di non ritorno, in cui una separazione può diventare il passo successivo.

Perciò, se il vostro partner comincia a mostrare segni di insoddisfazione per la relazione, o se voi state lottando con i vostri sentimenti, è importante prendersi il tempo per affrontare i problemi il prima possibile. Alcuni segnali che una relazione è finita possono includere il tuo partner che evita il tempo da solo con te, che cancella i piani o che cerca scuse per giustificare il fatto che non ha tempo per le cose che sono importanti per te. Se il tempo che passate insieme è più stressante che tranquillo, questo è un’indicazione che le cose non si stanno muovendo in una direzione positiva a lungo termine.

Come si fa a superare una rottura con qualcuno che si ama ancora?

Il tempo guarisce davvero tutte le ferite. Concediti il tempo di elaborare il lutto per la perdita di questa stretta relazione. Ricorda che perdere la relazione non è la fine del mondo. È una nuova opportunità per trovare qualcuno che sia più adatto a te.

Quale percentuale di rotture torna insieme?

Questo è difficile da dire. Molte coppie si lasciano e si rimettono insieme diverse volte prima di farla finita ufficialmente. La maggior parte delle coppie che si sono lasciate per sempre, raramente tornano insieme.

È normale sentire la mancanza del tuo ex dopo 2 anni?

Sì, sentire la mancanza del tuo ex di tanto in tanto dopo la fine della relazione è normale. I ricordi della tua relazione sono come i ricordi di qualsiasi altro evento importante, amicizie e pietre miliari della tua vita. Solo perché vi siete lasciati, non significa che non vi mancherà mai più il vostro ex. D’altra parte, solo perché vi mancano – non significa che dovreste tornare insieme. Non c’è una linea temporale per superare una rottura.

Rompere può salvare una relazione?

Prendersi una pausa e concedersi un po’ di spazio può fare miracoli per una relazione che sta attraversando un periodo difficile. Voi due potreste vedere un lato diverso l’uno dell’altro dopo esservi presi del tempo per esplorare nuovi interessi da soli. In alcuni casi, questa boccata d’aria fresca riporta le coppie ribelli l’una all’altra. In altri, li conduce fuori dalla relazione completamente.

Quanto dovrebbe durare una pausa di relazione?

Non ci sono due relazioni uguali. Ci sono stati casi in cui un amante ha dichiarato “Sapevo nel mio cuore che era il momento giusto”. Questo dipende dalla discrezione della coppia. Qualunque sia il periodo di tempo che voi e il vostro partner decidete, assicuratevi che le regole per la pausa siano chiare, comprese e concordate da entrambe le parti per evitare nuovi problemi in futuro.

Cosa si deve fare quando ci si è appena lasciati con il proprio ragazzo?

Attraversare una rottura può lasciarti incerto e chiederti cosa fare dopo. Se hai appena rotto con il tuo ragazzo, ci sono alcune cose che puoi fare per rendere la rottura più facile da affrontare.

  • Lascia che tu soffra per la perdita della relazione. Anche se la relazione non è durata a lungo, hai bisogno di tempo per adattarti al cambiamento.
  • Togli l’amicizia al tuo ragazzo dagli account dei social media in modo da non dover vedere i suoi post. Questo aiuterà davvero i tuoi sentimenti quando lui passerà ad una nuova relazione.
  • Prova un nuovo taglio di capelli. Per quanto semplice possa sembrare, una cosa semplice come un taglio di capelli o un colore può farti sentire una persona nuova.
  • Cambia il tuo indirizzo e-mail o creane uno nuovo e cambia le password dei social media. Se lui ha il tuo indirizzo email, non vuoi che lo usi per contattarti. Crea un nuovo indirizzo e-mail o cambia le tue impostazioni per segnalare le sue e-mail come inappropriate. Inoltre, se ha avuto accesso ai tuoi account di social media, cambia subito le tue password.
  • Se non stai facendo esercizio e non sei attiva, inizia! L’esercizio fisico promuove il rilascio di endorfine, chiamate anche “ormoni della felicità” del corpo. Essendo attivi su una base costante, si può avere un flusso costante di endorfine rilasciate nel flusso sanguigno che aiuterà a mantenere il vostro umore felice.
  • Cerca una psicoterapia, se necessario. A seconda delle circostanze della tua rottura, potresti avere a che fare con alcuni sentimenti irrisolti o cicatrici emotive. Se ti senti sopraffatto e non sei sicuro di come gestire lo stress della rottura, è importante riconoscerlo. Può essere utile contattare un terapeuta o un terapeuta per imparare meccanismi efficaci di coping.
Perché mi manca dopo aver rotto con lui?

Solo perché sei tu quella che ha rotto con il tuo ragazzo, questo non significa che non ti sia permesso di sentire la sua mancanza. La quantità di tempo che hai passato con lui, i ricordi che hai ancora, e le circostanze che hanno portato alla rottura avranno tutti un impatto sulle tue emozioni dopo. Va bene sentire la sua mancanza dopo la rottura. Va bene piangere se ti senti triste. Infatti, è importante riconoscere i tuoi sentimenti e permetterti di elaborare la rottura.

Dovrei chiamarlo dopo aver rotto con lui?

Forse la domanda più importante è: perché vorresti chiamarlo dopo aver rotto con lui? Se la vostra rottura è avvenuta in buoni termini ed entrambi vi sentite a vostro agio nel comunicare, una telefonata potrebbe non essere una brutta cosa. Tuttavia, se hai rotto con lui e lui era infelice per questo o ha agito arrabbiato o ferito, potresti volerti chiedere a cosa servirà chiamarlo. Se senti di aver commesso un errore e vuoi discuterne, questa è una cosa. D’altra parte, se ti senti in colpa per il modo in cui hai chiuso la relazione, potrebbe essere meglio lasciare la situazione da sola e dargli il suo spazio.

Un ragazzo si sente male dopo una rottura?

Sì, alcuni ragazzi si sentono male dopo una rottura. Naturalmente, le circostanze che hanno portato alla rottura avranno un impatto su come lui si sente e/o risponde a te. Alcuni ragazzi si sentono in colpa dopo aver rotto con una ragazza. Altri possono rimettere in discussione la loro decisione di terminare la relazione e chiedersi se dovrebbero provare a riconciliarla. Se lui non voleva che la relazione finisse e tu sì, potrebbe sentirsi ferito dopo la rottura e chiedersi cosa avrebbe potuto fare diversamente.

Chi soffre di più dopo una rottura?

Se un uomo o una donna soffrono di più dopo una rottura può variare da una relazione all’altra. Se la relazione era a lungo termine, è probabile che il dolore che le parti sperimentano possa essere peggiore. In alcuni studi, le donne hanno riportato livelli più alti di dolore emotivo dopo una rottura e possono sperimentare più sintomi fisici. Gli uomini possono non mostrare segni evidenti di dolore emotivo o trauma, ma lo sentono. Inoltre, nella maggior parte dei casi gli uomini sembrano passare a relazioni con nuovi partner più rapidamente.

Quali sono le 5 fasi della rottura?

Le cinque fasi di una rottura sono le stesse del modello delle cinque fasi del lutto. Le fasi sono le seguenti:

  1. Negazione: Durante questo periodo, potresti cercare di riconciliare la relazione con il tuo ex perché non riesci ad accettare che la relazione sia finita. Il dolore di avere qualcuno che lascia la tua vita può essere molto intenso e puoi trovare difficile andare avanti.
  2. Rabbia: Provare rabbia verso il tuo ex non è insolito. Inoltre, durante questo periodo difficile, potresti scoprire di provare rabbia o frustrazione verso gli altri, anche se non hanno nulla a che fare con la rottura. Potresti provare rabbia per tutto il tempo che hai dedicato alla relazione, arrabbiato perché non riesci a risolvere la situazione, o arrabbiato perché ti senti come se ti avessero fatto un torto.
  3. Contrattazione: Dopo una rottura, alcune persone cercano di contrattare con Dio. Possono dire a Dio che se il loro ex torna, saranno una persona migliore o vivranno una vita migliore. È durante questa fase che ci si può sentire disperati o impotenti.
  4. Depressione: Questa fase di una rottura è di solito la più difficile da superare. Potresti sentirti triste per la rottura o preoccupato che innamorarti di nuovo sia fuori dalla tua portata. Prenditi il tuo tempo per lasciarti curare emotivamente. Passare del tempo con un amico o una persona cara può aiutare ad alleviare alcuni dei sintomi della depressione. Inoltre, potrebbe essere necessario cercare l’aiuto di un terapeuta se i sintomi della depressione persistono.
  5. Accettazione: La fase finale di una rottura è la fase di accettazione. Dopo un periodo di gestione del dolore, della rabbia e della frustrazione che hai provato, comincerai a sentire che puoi accettare la rottura e andare avanti con la tua vita.
I ragazzi sentono la tua mancanza dopo la rottura?

Naturalmente, i ragazzi possono sentire la tua mancanza dopo una rottura. Non importa quanto sia stata difficile una relazione o quanto felice possa sembrare che la relazione sia finita, ci sono momenti in cui potrebbe sentire la tua mancanza.

Chi si muove più velocemente dopo la rottura?

Non è sempre facile determinare chi può andare avanti più velocemente dopo una rottura. La persona che ha voluto la rottura, è tipicamente quella che trova più facile andare avanti, mentre il partner che voleva continuare la relazione può provare sentimenti di incredulità e speranza che la relazione sia riparata.

I ragazzi si pentono di aver rotto?

Non c’è davvero uno schema di come un ragazzo risponderà dopo una rottura. Alcuni ragazzi si pentono di aver rotto? Certo, lo fanno. Tutti i ragazzi si pentono di aver rotto? Probabilmente no. Il motivo di una rottura è un fattore principale per quanto riguarda il fatto che una persona abbia dei rimpianti in seguito. Se un ragazzo ti lascia e poi gli manchi, potrebbe rimpiangere la decisione. Se la rottura è avvenuta nella foga di una discussione, potrebbe avere dei rimpianti. Se un ragazzo ha rotto con te, è meglio non cercare di farlo sentire in colpa o dirgli che se ne pentirà. Lascialo elaborare i suoi sentimenti da solo.

Come fare in modo che ti insegua dopo la rottura?

La prima regola da seguire se vuoi che un ragazzo ti insegua dopo una rottura è: nessun contatto! Raggiungerlo fa sembrare che tu lo stia inseguendo, e tu ovviamente vuoi che lui ti insegua. Quando lui si mette in contatto, non cadere su te stessa per renderti disponibile per lui. Quando sei troppo disponibile, è più facile che ti dia per scontato. Sì, potete parlare o mandare messaggi. Potete anche uscire a cena ogni tanto. Solo non far sembrare che tutto quello che devi fare è sederti e aspettare la sua chiamata.

Se ti manda un messaggio, aspetta un po’ prima di rispondergli. Questo lo lascerà a chiedersi cosa potresti fare di più importante di lui e questo è quello che vuoi che lui pensi! Avete mai sentito qualcuno fare un commento come: “Perché dovrei controllare un libro in biblioteca se qualcuno mi ha già detto come finisce? La stessa logica può essere applicata a una relazione o a una rottura. Se vuoi che un ragazzo ti insegua, non renderti un libro aperto.

Nessun contatto lo farà dimenticare?

In genere, quando non hai contatti, un ex non ti dimenticherà. Se vai veramente in silenzio radio per quanto riguarda il tuo ex, di solito inizierà a chiedersi cosa stai facendo, penserà alle cose che avete fatto insieme e potrebbe anche iniziare a chiedersi se la rottura è stata la scelta giusta. Infatti, invece di farlo dimenticare, nessun contatto può farlo pensare a te e desiderare di più di stare con te.

Per quanto tempo dopo una rottura mi sentirò meglio?

Non c’è davvero alcuna garanzia di quanto tempo ci vorrà per sentirsi meglio dopo una rottura. In genere sarà più facile andare avanti e sentirsi meglio se si rimane impegnati. Coltivi una vita sociale sana. Esci a cena con alcuni dei tuoi migliori amici. Passare del tempo con le persone care che non vedi da un po’ e incontrare nuove persone ti aiuterà a riempire il vuoto e ad alleviare il dolore di una rottura. Se tu e il tuo ex lavoravate insieme, puoi anche considerare di trovare un nuovo lavoro. Fare un nuovo inizio che sia separato dalle cose che voi due condividevate o avevate in comune (per quanto possibile) può rimuovere la tentazione di rimanere coinvolti in quello che succede nella sua vita e può darvi una nuova prospettiva di vita.


Due parole sul nostro processo di revisione

I video, i post e gli articoli non possono sostituire un percorso di supporto psicologico, ma a volte rappresentano il primo o l'unico modo per interpretare un problema o uno stato d'animo. Per i contenuti del nostro blog che trattano argomenti legati a sintomi, disturbi e terapie, abbiamo deciso di introdurre un processo di revisione fondato su tre principi.

Gli articoli devono essere approfonditi

La prima stesura è fatta da uno/una psicoterapeuta con almeno 2.000 ore di esperienza clinica.

Gli articoli devono essere verificati

Dopo la prima stesura, le informazioni e le fonti vengono esaminate da un altro o da un'altra professionista.

Gli articoli devono essere chiari

L'articolo viene rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e l'assimilazione dei concetti.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Luca Barbieri

Psicologo clinico di Milano

Ordine degli Psicologi della Lombardia num. 23251

Psicologo clinico. Ha una laurea in scienze psicologiche e una in psicologia criminologica e forense. Sta svolgendo il percorso di specializzazione in psicoterapia presso l'istituto CIPA di Milano.

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Si occupa di divulgazione scientifica e comunicazione scritta e video in ambito di salute mentale, psicologia e psichiatria. E' membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo Studio del Trauma e della Dissociazione).