Dovresti tornare insieme al tuo ex oppure no?

Aggiornato il 05 gennaio 2021FioriFonte: unsplash.com

C’è un detto che dice: “A volte Dio manda un ex di nuovo nella tua vita per vedere se sei ancora stupido”. Beh… quel detto è sicuramente un po’ rude, ma è in fondo sensato.

Gli ex sono i tuoi ex per un motivo. O tu li hai scaricati, o loro ti hanno scaricato, o siete arrivati ad un accordo “reciproco” che le cose non stavano funzionando. Tuttavia, le rotture sono raramente una rottura pulita, e gli ex spesso trovano il loro modo di tornare nella tua vita – specialmente attraverso i promemoria sui social media.

Tornare insieme al tuo ex non è necessariamente stupido… ma non è nemmeno sempre l’idea migliore. Ogni relazione è diversa, e se “si deve” o “non si deve” tornare insieme dopo una rottura è una domanda complessa, a cui bisogna rispondere caso per caso.

Come dire se tornare insieme al tuo ex funzionerà

Ecco alcuni modi per valutare se tornare insieme ad un ex ha senso:

Rivedere la ragione originale della rottura

Quando ti chiedi se vuoi rientrare in una relazione con il tuo ex, rivisita il motivo (o i motivi) per cui la vostra relazione è finita – sono sicuro che te lo ricordi! Chiediti: se tornaste insieme ora, ci sarebbe ancora lo stesso problema?

Quando si ricomincia una relazione, non si può mai sapere con certezza se funzionerà, ma se ci si trova ancora di fronte allo stesso blocco stradale, è più probabile che la relazione finisca nello stesso modo in cui è finita la prima volta. E non si tratta solo di sapere se il partner è cambiato… ma sei cambiato tu ? Sono cambiate le circostanze che hanno portato alla caduta della vostra relazione?

Scendere a compromessi

Ci sono alcuni deal breakers che rendono impossibile tornare insieme.Se un ex vuole tornare insieme a te ma non può accettare qualcosa che è una parte enorme di te, come nella mia situazione, tornare insieme dovrebbe essere un no-go.Un altro motivo di rottura sarebbe se tu e il tuo ex non potete ancora essere d’accordo o scendere a compromessi su grandi decisioni di vita. Per esempio, se vi siete lasciati perché state invecchiando e volete al 1000% avere figli, ma il vostro partner non li vuole.

Non tornare insieme perché ti senti solo

Un altro segno che non dovreste tornare insieme è se lo fai solo perché ti senti solo o annoiato senza un partner, o se odi la vita da single.

È difficile imparare a sentirsi a proprio agio a passare del tempo da soli ed essere single, ma è una lezione preziosa. Molte persone scivolano di nuovo in relazioni tossiche perché non sanno come stare da soli. Tuttavia, essere single può essere ottimo per la salute mentale, ed essere a proprio agio con la solitudine è un’abilità importante da imparare.

Cosa fare quando si decide di tornare insieme

Se tu e il tuo ex decidete che le circostanze sono cambiate e siete pronti a tornare insieme, avrete bisogno di trovare un equilibrio per affrontare i problemi del passato, senza rimanere bloccati nel passato. In definitiva, vuoi andare avanti, non essere bloccato riavvolgendo e rivivendo le parti schifose della tua precedente relazione.

Esprimete le vostre lamentele, siate aperti e, soprattutto, siate onesti. Tu e il tuo partner dovrete comunicare meglio di prima se volete che la seconda volta funzioni.

Tornare insieme a un ex può sicuramente evocare un sacco di emozioni, sia positive che negative. Dovete essere pronti per la possibilità di un giro selvaggio – per non parlare di un sacco di duro lavoro per far funzionare la relazione senza problemi. E se non funziona la seconda volta, beh, ci sono molti pesci nel mare.

Bibliografia e approfondimenti

  • Love Styles in Couple Relationships: A Literature Review https://www.scirp.org/journal/paperinformation.aspx?paperid=89616

Due parole sul nostro processo di revisione

I video, i post e gli articoli non possono sostituire un percorso di supporto psicologico, ma a volte rappresentano il primo o l'unico modo per interpretare un problema o uno stato d'animo. Per i contenuti del nostro blog che trattano argomenti legati a sintomi, disturbi e terapie, abbiamo deciso di introdurre un processo di revisione fondato su tre principi.

Gli articoli devono essere approfonditi

La prima stesura è fatta da uno/una psicoterapeuta con almeno 2.000 ore di esperienza clinica.

Gli articoli devono essere verificati

Dopo la prima stesura, le informazioni e le fonti vengono esaminate da un altro o da un'altra professionista.

Gli articoli devono essere chiari

L'articolo viene rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e l'assimilazione dei concetti.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Luca Barbieri

Psicologo clinico di Milano

Ordine degli Psicologi della Lombardia num. 23251

Psicologo clinico. Ha una laurea in scienze psicologiche e una in psicologia criminologica e forense. Sta svolgendo il percorso di specializzazione in psicoterapia presso l'istituto CIPA di Milano.

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Si occupa di divulgazione scientifica e comunicazione scritta e video in ambito di salute mentale, psicologia e psichiatria. E' membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo Studio del Trauma e della Dissociazione).