Cosa fare quando si mostrano favoritismi a un parente

Aggiornato l’11 settembre 2021

I bambini possono vedere e capire più di quanto si pensi, specialmente quando si tratta di chi riceve più attenzioni. Mentre ammettere di avere un figlio “preferito” è di solito considerato un tabù per i genitori, i bambini sono spesso molto intuitivi sull’esistenza di favoritismi all’interno delle loro famiglie. Può non essere ovvio per i genitori che stanno mostrando qualche pregiudizio, ma quando il favoritismo viene mostrato a un fratello o un altro parente, i bambini possono rilevarlo. Questo può influenzare il loro comportamento e il loro rapporto con il genitore, altri adulti che mostrano favoritismi e il parente che riceve il favoritismo.

FamigliaFonte: unsplash.com

Perché avviene il favoritismo?

La maggior parte dei genitori cerca di mantenere la giustizia, ma a volte favoriscono inavvertitamente un bambino rispetto ad un altro in certe situazioni o a seconda del temperamento e della personalità del bambino. Per esempio, se un bambino è più capriccioso dell’altro, si può preferire la presenza del bambino più calmo, senza sapere che il bambino capriccioso può diventare più scontento della mancanza di attenzione. Altre volte, un genitore e un figlio che condividono un particolare interesse potrebbero passare una quantità significativa di tempo a perseguire quell’interesse insieme, portando all’apparenza di un favoritismo. Questo a volte è temporaneo e certamente non è sempre dannoso. Ma altre volte, le manifestazioni di favoritismo possono diventare abusive nei confronti dei bambini non preferiti e causare danni a lungo termine alle relazioni familiari.

Il favoritismo non è sempre una questione di temperamento o di interessi condivisi. I genitori fanno favoritismi per necessità quando un bambino ha più bisogni di un altro. I neonati e i bambini con malattie acute o croniche hanno un bisogno legittimo di maggiore cura e attenzione rispetto ai loro fratelli. In questi casi, anche i bambini che capiscono che i loro fratelli hanno bisogni e sfide particolari, possono trovare difficile non risentirsi per le risorse dei genitori.

Gli effetti del favoritismo

Il favoritismo non influisce negativamente solo su coloro che non ricevono altrettanta attenzione, ma anche su coloro che ne sono viziati. Il favoritismo può causare a un bambino problemi di rabbia o di comportamento, un aumento dei livelli di depressione, una mancanza di fiducia in se stessi e il rifiuto di interagire bene con gli altri. Questi problemi appaiono nei bambini che sono stati favoriti da un genitore così come quelli che non lo sono stati.

Effetti emotivi

La rabbia è una reazione comune e comprensibile al favoritismo. I bambini non favoriti possono essere arrabbiati con il genitore che sta mostrando favoritismo, ma possono anche spostare quella rabbia sul fratello favorito. Dopo tutto, vogliono conquistare l’amore e l’affetto dei loro genitori, quindi non possono permettersi di essere troppo arrabbiati con loro. In alcuni casi, il fratello preferito sente questa rabbia e questo risentimento da parte dei fratelli e arriva a sentire la propria rabbia verso i genitori per averli messi in questa posizione. Questa può essere una dinamica altamente tossica per un bambino, in quanto desiderano l’indulgenza continua dei loro genitori mentre si sentono risentiti verso di loro per averli tagliati fuori dai loro fratelli.

Madre e figlio Fonte: unsplash.com

La depressione più tardi nella vita è un altro effetto comune del favoritismo in una famiglia. Ricordate, i bambini favoriti e quelli non favoriti sono entrambi a rischio. I bambini sfavoriti possono non avere mai abbastanza dell’affermazione e dell’affetto dei genitori che desiderano, e di conseguenza, cresceranno cercando altre persone o cose per riempire quel vuoto. Poiché questo è impossibile, possono arrivare a pensare a se stessi come destinati ad essere non amabili. Un bambino che è il preferito, d’altra parte, cresce con le proprie tensioni. Può sentire molta pressione a lavorare sodo per rimanere nelle grazie dei genitori, non volendo perdere lo status speciale che gli è stato concesso. Questo può anche inibire la loro capacità di staccarsi dai genitori e costruire il proprio sé psicologicamente indipendente.

Effetti relazionali

Il favoritismo persistente e radicato in una famiglia, al contrario del favoritismo breve e situazionale, ha effetti negativi sulle relazioni all’interno della famiglia e sulle relazioni future di tutti i fratelli coinvolti.

All’interno della famiglia, il favoritismo da parte dei genitori o di altri parenti adulti può portare a tensione e risentimento tra fratelli e sorelle, nonché tra i bambini e i loro genitori. Queste dinamiche negative non sono limitate all’infanzia, ma possono persistere in età adulta. Sia i bambini favoriti che quelli non favoriti possono sperimentare queste emozioni negative.

Al di fuori della famiglia, il favoritismo può influenzare la capacità di una persona di formare relazioni strette e solidali. I bambini sfavoriti hanno maggiori probabilità di mostrare aggressività e comportamenti sociali inappropriati che rendono loro difficile fare amicizia con altri bambini. Anche gli altri adulti tenderanno a rifuggire dal formare legami stretti con loro. I bambini favoriti, d’altra parte, possono diventare autorizzati. Da adulti, i bambini favoriti a volte non si rendono conto che hanno bisogno di seguire gli stessi standard sociali delle altre persone per essere accettati. I loro genitori, dopo tutto, non li hanno tenuti alle stesse aspettative dei loro fratelli.

Persone che camminanoFonte: unsplash.com

Le relazioni intime possono essere particolarmente impegnative per i bambini provenienti da famiglie in cui il favoritismo è una dinamica radicata. Dare e ricevere amore richiede vulnerabilità, e i bambini che sono cresciuti senza favoritismi spesso sviluppano difese contro la vera vulnerabilità. In molti casi, l’amore persistente e la cura di un partner dedicato può aiutarli a imparare questa vulnerabilità. Altre persone possono beneficiare dei servizi di un terapeuta per aiutarli a diminuire queste difese.

Effetti del favoritismo sul successo della vita

Il favoritismo all’interno di una famiglia può avere effetti a lungo termine sul successo futuro dei bambini coinvolti. A volte questo effetto è in qualche modo positivo, come nel caso del bambino favorito. Se crescono pensando di essere competenti, brillanti e capaci, questo spesso si traduce in un futuro promettente. Tuttavia, essere favoriti non è sempre una buona cosa. I bambini favoriti possono crescere con un senso gonfiato delle proprie capacità e una sottovalutazione dell’utilità del duro lavoro. Essere il figlio preferito può anche favorire un’eccessiva dipendenza dai genitori per la convalida e il sostegno. Infine, i bambini favoriti sono spesso privati di alcune delle relazioni più importanti della vita: i loro fratelli.

Per i bambini sfavoriti, gli effetti sul successo della vita possono essere ancora peggiori. Essi tendono ad andare peggio a scuola, il che può avere un effetto sul loro lavoro e sulle prospettive di carriera. I problemi emotivi e comportamentali che possono accompagnare l’essere non-favoriti possono anche influenzare negativamente la loro capacità di navigare nel mondo sociale, accademico e degli affari.

Che tu sia un figlio favorito o sfavorito, un genitore o un parente che osserva, può essere difficile sapere cosa fare quando si vede il favoritismo. Ci sono, tuttavia, alcune azioni che possono essere prese da chiunque in queste situazioni per alleviare gli effetti causati dal favoritismo.

Cosa fare quando l’apparenza di favoritismo è necessaria

A volte, l’apparenza di favoritismo è causata da esigenze legittimamente diverse tra i bambini. In questi casi, ci sono diverse cose che i genitori e altri adulti possono fare per aiutare i bambini che possono sentirsi meno favoriti.

In primo luogo, deve essere reso evidente che la ragione per cui un genitore può prestare più attenzione a un bambino rispetto all’altro è che il bambino ha bisogni specifici che gli altri bambini semplicemente non hanno. La maggior parte dei bambini può capire questo quando viene spiegato in modo appropriato all’età.

In seguito, i genitori devono trovare un modo per assicurarsi che anche i bisogni degli altri bambini siano soddisfatti. Possono farlo bloccando del tempo per giocare da soli o per un’attività che piace al bambino. Anche altri adulti come i nonni, gli zii e gli amici intimi possono essere arruolati per un breve periodo per aiutare a fornire l’attenzione e l’affermazione di cui i bambini hanno bisogno. A lungo termine, tuttavia, la situazione familiare deve essere sostenibile per tutti i bambini coinvolti.

Cosa fare quando il favoritismo non è necessario

I tipi di favoritismo più spiacevoli a cui assistere e di cui fare esperienza sono quelli che non sono necessari per nessuna differenza di bisogni tra i bambini. La maggior parte di noi reagisce fortemente nel vedere genitori che favoriscono palesemente un figlio rispetto ad un altro. Se voi siete il bambino favorito o non favorito, le vostre reazioni sono probabilmente altrettanto forti quanto quelle degli spettatori, e probabilmente più complesse. Ma cosa si può fare?

A volte c’è poco da guadagnare nel parlare direttamente con i genitori o altri parenti che mostrano favoritismi. Come adulti, tuttavia, si può essere in grado di migliorare gli effetti del favoritismo su un bambino sfavorito, offrendo loro un po’ dell’amore incondizionato, del sostegno e dell’affermazione che dovrebbero ricevere dai loro genitori. Questo può essere un compito difficile, specialmente con le difficoltà comportamentali che alcuni bambini sfavoriti sperimentano. Ma se siete in grado di estendere il tempo e l’energia necessari, entrare in questo ruolo può avere un effetto profondo sul bambino in questione.

Se siete un genitore che osserva un trattamento preferenziale per uno dei vostri figli da parte di un nonno o di un altro parente, dovreste fare il possibile per porvi fine. Questo può significare limitare il contatto tra i vostri figli e quest’altro parente. Se non affronti il favoritismo, sia i tuoi figli favoriti che quelli sfavoriti possono pensare che tu sia d’accordo con il comportamento del parente, o che addirittura lo supporti.

Padre e figlia Fonte: unsplash.com

Come figlio favorito o non favorito, dovrai riconoscere che i tuoi genitori hanno abdicato ad alcune delle loro responsabilità nei tuoi confronti. Ci sono alcune cose di cui dovrai occuparti da solo.

Come figlio favorito, potresti aver bisogno di assumerti una responsabilità extra nel crescere come tua persona. Impara a distaccarti dagli effetti positivi del favoritismo, in modo che tu possa essere libero dall’ansia o dall’oppressione di mantenere la relazione. Potrebbe essere impossibile per te riparare le tue relazioni con i tuoi fratelli da solo senza un supporto extra, come un amico o un terapeuta. Puoi, comunque, essere aperto alle loro espressioni di rabbia e risentimento. Non hai bisogno di prendere le loro emozioni su di te, ma puoi riconoscere la loro validità.

Come figlio non favorito, trova tutte le risorse che puoi per aiutarti ad affrontare gli effetti emotivi e sociali di ciò che è mancato nella tua vita. Impara a riconoscere il tuo valore e concentrati su quelle aree della tua vita in cui hai mostrato forza e capacità. Un terapeuta di persona o online specializzato in relazioni tra fratelli adulti può essere molto utile mentre iniziate a riconoscere le parti di voi che sono state colpite dal favoritismo e a guarirle.

Se state considerando la terapia online ma non siete sicuri della sua efficacia, una revisione della letteratura ha dimostrato che è altrettanto efficace della terapia faccia a faccia. La revisione consisteva di sessantacinque articoli, che hanno trovato che la soddisfazione del cliente era positiva e i risultati clinici erano paragonabili alla terapia tradizionale per una popolazione diversa che riceveva diversi trattamenti terapeutici. La terapia online potrebbe essere una considerazione per te mentre affronti gli effetti del favoritismo infantile nella tua vita adulta.

Conclusione

Come figlio favorito o non favorito, potresti aver bisogno di assumerti una responsabilità in più nel crescere come tua persona e nell’imparare a distaccarti dagli effetti del favoritismo. Potrebbe essere impossibile per te riparare il tuo rapporto con il fratello favorito, o con i fratelli non favoriti se è il caso, da solo. Potete, tuttavia, essere aperti alle loro espressioni di emozioni. Non hai bisogno di prendere le loro emozioni su di te, ma puoi riconoscere la loro validità. Fai il primo passo oggi.


Due parole sul nostro processo di revisione

I video, i post e gli articoli non possono sostituire un percorso di supporto psicologico, ma a volte rappresentano il primo o l'unico modo per interpretare un problema o uno stato d'animo. Per i contenuti del nostro blog che trattano argomenti legati a sintomi, disturbi e terapie, abbiamo deciso di introdurre un processo di revisione fondato su tre principi.

Gli articoli devono essere approfonditi

La prima stesura è fatta da uno/una psicoterapeuta con almeno 2.000 ore di esperienza clinica.

Gli articoli devono essere verificati

Dopo la prima stesura, le informazioni e le fonti vengono esaminate da un altro o da un'altra professionista.

Gli articoli devono essere chiari

L'articolo viene rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e l'assimilazione dei concetti.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Luca Barbieri

Psicologo clinico di Milano

Ordine degli Psicologi della Lombardia num. 23251

Psicologo clinico. Ha una laurea in scienze psicologiche e una in psicologia criminologica e forense. Sta svolgendo il percorso di specializzazione in psicoterapia presso l'istituto CIPA di Milano.

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Si occupa di divulgazione scientifica e comunicazione scritta e video in ambito di salute mentale, psicologia e psichiatria. E' membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo Studio del Trauma e della Dissociazione).