Come evitare un comportamento distruttivo nella vostra relazione

Aggiornato il 07 gennaio 2022

Coppia davanti ad un falòFonte: unsplash.com

Lo vediamo sempre nei film, nei programmi televisivi, con i nostri amici, e forse anche con noi stessi (colpevoli) – persone che si impegnano in comportamenti distruttivi in una relazione, sabotandola così. Il cattivo comportamento si ripercuote sulla relazione, a volte causandone la fine, e il sabotatore viene lasciato con il cuore spezzato… anche se, uh, è stata un po’ colpa sua.È abbastanza comune per noi umani auto-sabotarsi e non sempre nelle relazioni, a volte si tratta della nostra carriera, della scuola o del benessere generale. A volte, non ci si rende nemmeno conto che lo si sta facendo, facendo del male a noi stessi (o agli altri), finché non è troppo tardi.

Come appare il comportamento distruttivo in una relazione?

Altri esempi di comportamenti autodistruttivi nelle relazioni includono:

  • Sentire il bisogno di terminare una relazione quando inizia a diventare seria
  • Essere pignoli sulla personalità, il comportamento e l’aspetto del tuo partner
  • Paragonare costantemente la tua relazione attuale alle tue relazioni passate
  • Tradire (fisicamente o emotivamente, come in una relazione sentimentale)
  • Abusare di alcol e/o droghe a tal punto da danneggiare la relazione
  • Prevedere che le cose andranno male e aspettarsi il peggio
  • Rifiutarsi di avere torto (nella vita di tutti i giorni e nelle discussioni accese)
  • Sentire di non meritare amore o una relazione sana

Perché ci impegniamo in comportamenti distruttivi nelle relazioni?

Proprio come ci sono di solito ragioni per cui ci auto-sabotiamo altri aspetti della nostra vita, c’è quasi sempre una causa profonda e radicata per i comportamenti distruttivi nellerelazioni. Non siamo qui a devastare le nostre relazioni senza motivo! Per evitare un comportamento distruttivo, dobbiamo capire perché lo stiamo facendo.

Pensa molto indietro nella tua vita. Com’era la relazione dei tuoi genitori? Era sana? E le tue prime relazioni romantiche – erano sane? Crescere intorno a membri della famiglia che si sono impegnati in comportamenti distruttivi potrebbe averti inconsciamente influenzato. Se sei stato ferito gravemente nelle relazioni in passato, il comportamento distruttivo nelle relazioni potrebbe essere un grande meccanismo di difesa, nel tentativo di salvarti da altre sofferenze. Molte volte, il comportamento distruttivo è il risultato delle nostre insicurezze.

Essere consapevoli dei nostri comportamenti distruttivi

Come accennato in precedenza, abbiamo bisogno di capire il nostro “perché” al fine di apportare cambiamenti positivi, e questo viene con l’essere consapevoli di sé. Hai letto questi ultimi consigli e hai pensato: “Oh merda…lo faccio sicuramente”? Benvenuto nell’essere consapevole di sé!

Quando guardi indietro alle tue esperienze passate – le tue paure e le tue insicurezze (non è una cosa divertente da fare, lo so) – puoi farti un’idea del perché fai le cose che fai. Questo è cruciale per fare cambiamenti per evitare comportamenti distruttivi. Questo è qualcosa che può essere davvero profondo, e può essere grande da spacchettare con un terapeuta.

Non possiamo dimenticare la dura realtà: dovrai anche essere molto consapevole del fatto che c’è una reale possibilità che la relazione non funzioni se i comportamenti distruttivi continuano.

Evitare i comportamenti distruttivi

Quando sei tu ad essere distruttivo, sta a te fare dei cambiamenti per creare una relazione più sana, o forse anche per ripararne una che si sta rompendo. Probabilmente non sarà facile, ma se vuoi essere sulla tua strada verso relazioni più sane e felici, devi impegnarti a cambiare il tuo comportamento.

Dovete essere disposti ad esaminare le cause alla radice del vostro comportamento – e come già detto, la terapia potrebbe essere un ottimo posto per approfondire questo aspetto. Poi, è davvero vostra responsabilità chiedere scusa per il comportamento distruttivo passato e fare cambiamenti positivi.

La comunicazione è probabilmente la cosa principale su cui dovrete lavorare se state cercando di smettere di essere distruttivi. Dovrete imparare a sentirvi a vostro agio nel parlare e nell’essere vulnerabili, esprimendo come vi sentite invece di ritornare ad un comportamento che sarà dannoso e forse allontanerà il vostro partner.

Inoltre, dovreste prestare attenzione e imparare cosa vi fa scattare e vi fa sentire come se aveste bisogno di agire. Identificare i fattori scatenanti può essere molto utile per evitare comportamenti distruttivi.

In generale, dovreste anche essere sicuri di praticare la cura di voi stessi come parte del vostro intero percorso di salute mentale. Questo può avere un grande impatto sul vostro benessere generale, che può tradursi nelle nostre relazioni interpersonali. Quando stiamo bene e abbiamo un buon rapporto con noi stessi, è più facile avere rapporti sani con gli altri.

Di nuovo, questo non sarà necessariamente facile. Non c’è una soluzione rapida per questo, perché è improbabile che si possa automaticamente uscire da questi comportamenti quando è stato un modello. Dovrete lavorare con voi stessi e con il vostro partner per apportare cambiamenti positivi nella vostra vita, e poi continuare a farlo! Il duro lavoro pagherà nelle tue relazioni, comunque, te lo promettiamo!

Bibliografia e approfondimenti

  • Carter, C. S. (2004). Proximate mechanisms regulating sociality and social monogamy, in the context of evolution., in R. D. Sussman (a curadi), The origin and nature of sociality.  Piscataway, N. Y.: Aldine Transaction.
  • Esch, T., & Stefano, G. B. (2005). The neurobiology of love. Neuroendocrinology Letters, 26, 175-192.

Due parole sul nostro processo di revisione

I video, i post e gli articoli non possono sostituire un percorso di supporto psicologico, ma a volte rappresentano il primo o l'unico modo per interpretare un problema o uno stato d'animo. Per i contenuti del nostro blog che trattano argomenti legati a sintomi, disturbi e terapie, abbiamo deciso di introdurre un processo di revisione fondato su tre principi.

Gli articoli devono essere approfonditi

La prima stesura è fatta da uno/una psicoterapeuta con almeno 2.000 ore di esperienza clinica.

Gli articoli devono essere verificati

Dopo la prima stesura, le informazioni e le fonti vengono esaminate da un altro o da un'altra professionista.

Gli articoli devono essere chiari

L'articolo viene rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e l'assimilazione dei concetti.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Luca Barbieri

Psicologo clinico di Milano

Ordine degli Psicologi della Lombardia num. 23251

Psicologo clinico. Ha una laurea in scienze psicologiche e una in psicologia criminologica e forense. Sta svolgendo il percorso di specializzazione in psicoterapia presso l'istituto CIPA di Milano.

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Si occupa di divulgazione scientifica e comunicazione scritta e video in ambito di salute mentale, psicologia e psichiatria. E' membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo Studio del Trauma e della Dissociazione).