Body Shaming: cos’è, gli effetti sull’autostima e gli esiti psicopatologici

Con l’espressione “body shaming” si intende l’atto di deridere una persona per qualche caratteristica dell’aspetto fisico, come la corporatura, il modo di vestire, l’acne, le cicatrici o i tatuaggi. Il fenomeno è legato al cyberbullismo, che ne ha accelerato la diffusione, e alle dinamiche di funzionamento dei media e dei social, che possono esserne la causa o una variabile concorrente.

Le conseguenze psicologiche possono essere gravi: anche se in genere la genesi e l’eziopatogenesi di una psicopatologia hanno origine da più di un fattore, essere vittime di body shaming rappresenta un rischio elevato per il sottile equilibrio tra fattori di vulnerabilità e di protezione che costituisce il pilastro del benessere mentale. Le vittime possono andare incontro a sintomi depressivi, ansia, ritiro sociale, vergogna legata al corpo e DPTS (disturbo post-traumatico da stress), perché il body shaming intacca e frammenta due costrutti interconnessi che stanno alla base della nostra identità: l’immagine corporea e l’autostima.

Cosa si intende per “immagine corporea”?

Durante i primi anni di vita, il bambino inizia a riconoscere la propria immagine riflessa allo specchio e comprende che anche le altre persone hanno un corpo simile al suo. L’immagine corporea è costituita da diverse componenti:

percettiva (ad esempio, come la persona visualizza la forma del proprio corpo);
affettiva (ad esempio, i sentimenti che la persona nutre verso il proprio corpo);
comportamentale (ad esempio, l’alimentazione e l’attività fisica).

Quindi l’immagine corporea riguarda la persona nella sua globalità, perché la costruzione e le eventuali alterazioni derivano da aspetti neurobiologici, psicologici e socio-culturali.

Cos’è l’autostima?

L’autostima è il processo che ci porta a valutare e apprezzare quello che siamo, partendo dalle nostre percezioni. Cambia nel tempo, in base al modo in cui la mente rielabora le esperienze quotidiane, ed è sempre soggettiva, perché si basa sulla nostra capacità di attribuire un giudizio valoriale personale. L’autostima si basa su fattori sociali (ciò che il mondo pensa di noi), fattori cognitivi (le conoscenze e le valutazioni sulla realtà esterna) e fattori emotivi (che influenzano la nostra capacità di elaborare i sentimenti). Livelli che si intersecano e si condizionano.

Il body shaming è in grado di influenzare questi costrutti, perché lavora su meccanismi sottili e subdoli, che soprattutto nei casi che riguardano adolescenti e giovanissimi maturano in contesti primi di supervisione adulta (come i social media). Inoltre, in genere le vittime non chiedono aiuto e non denunciano gli attacchi subiti, a causa di un profondo senso di vergogna.

Per sua natura, l’adolescente si trova nel mezzo di un percorso di forte trasformazione psicofisica in cui il riconoscimento sociale da parte dei pari è fondamentale: da questo punto di vista, le rassicurazioni dei genitori rispetto al proprio aspetto servono a poco. I ragazzi o le ragazze tendono così a isolarsi e a sviluppare paura, angoscia e sentimenti compatibili con uno stato di flessibilità del tono dell’umore. Un circolo vizioso di pensieri disfunzionali che si autoalimenta e che è difficile spezzare: spesso si interviene quando l’autostima è già minata. Gli effetti nocivi sono potenziati se le dinamiche si sviluppano in situazioni in cui c’è uno sbilanciamento in termini di potere, età ed esperienze (allenatore – ginnasta, insegnante – allievo).

È necessario agire in maniera preventiva, rendendo le possibili vittime protagoniste di un processo di costruzione di confini relazionali. In un’epoca in cui i social sono così diffusi, sarebbero utili anche campagne di sensibilizzazione rivolte alle scuole in cui si affronti in tema. Occorre poi agire rilevando i primi segnali d’allarme, magari indirizzando chi subisce o ha subito le prepotenze verso un percorso di psicoterapia che possa servire a dare un nuovo significato all’esperienza dolorosa.

La psicoterapia online di Serenis

Se stai cercando di ottenere un aiuto tramite uno psicologo-psicoterapeuta, allora Serenis è uno dei posti dove puoi trovare l’aiuto di cui hai bisogno online. È un servizio completamente online con solo psicoterapeuti certificati. Inoltre, ti offre l’accesso a molte informazioni su diversi argomenti di salute mentale.

Questo significa che puoi avere tutto ciò di cui hai bisogno in un unico posto.

Potrai incontrare tramite Serenis un professionista autorizzato senza lasciare la tua casa: semplicemente collegandoti al sito web in un momento che è conveniente per te.

Su Serenis, i nostri specialisti capiscono che la vita presenta sfide uniche per tutti. Non importa chi tu sia o cosa tu abbia passato, il tuo passato non ti definisce, né deve determinare il resto della tua vita.

Noi possiamo sostenerti nel superarlo; Serenis è a un solo clic di distanza.

Tutto inizia con il vostro desiderio di vivere una vita migliore.

Bibliografia

Bonnot, O., Buchoul, H., & Saddiki, S. (2022). Stati depressivi nell’adolescenza. EMC-AKOS-Trattato di Medicina24(2), 1-7;

Impara, L. (2019). Coscienza ed immagine corporea nella globalità educativa. Giornale Italiano di Educazione alla Salute, Sport e Didattica Inclusiva3(1_Sup);

Lestari, S. (2019). Bullying or body shaming? Young women in patient body dysmorphic disorder. PHILANTHROPY: Journal of Psychology3(1), 59-66;

Martínez-González, M. B., Pérez-Pedraza, D. C., Alfaro-Álvarez, J., Reyes-Cervantes, C., González-Malabet, M., & Clemente-Suárez, V. J. (2021). Women facing psychological abuse: how do they respond to maternal identity humiliation and body shaming?. International journal of environmental research and public health18(12), 6627;

Schlüter, C., Kraag, G., & Schmidt, J. (2021). Body Shaming: an Exploratory Study on its Definition and Classification. International Journal of Bullying Prevention, 1-12.

Questa pagina è stata verificata

I nostri contenuti superano un processo di revisione in tre fasi.

Scrittura

Ogni articolo viene scritto o esaminato da uno psicoterapeuta prima di essere pubblicato.

Controllo

Ogni articolo contiene una bibliografia con le fonti citate, per permettere di verificare il contenuto.

Chiarezza

Ogni articolo è rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e la comprensione.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Rosario Urbani

Psicoterapeuta specializzato in cognitivo comportamentale

Ordine degli Psicologi della Campania num. 6653/A

Laureato in Neuroscienze presso la Seconda Università di Napoli. Specializzato presso l’istituto Skinner in psicoterapia cognitivo comportamentale. Analista del comportamento ABA e specializzato anche nella tecnica terapeutica dell'EMDR.

reviewer

Dott.ssa Maria Vallillo

Psicoterapeuta specialista in Lifespan Developmental Psychology

Ordine degli Psicologi del Lazio num. 25732

Laurea in Psicologia presso l'Università degli Studi di Chieti. Specializzazione in psicoterapia e psicologia del ciclo di vita presso l’Università la Sapienza di Roma. Esperta in neuropsicologia e psicodiagnostica e perfezionata in psico-oncologia.