Sadismo: significato, cause e trattamenti

Esplorare il significato, le cause e i trattamenti del sadismo rivela una complessità psicologica con implicazioni profonde nella comprensione del comportamento umano.

La sessualità umana è un mondo variegato, e spesso i desideri e le fantasie che emergono in essa possono variare notevolmente da persona a persona. 

Una delle dinamiche è quella legata al sadismo e al masochismo, due aspetti che coinvolgono il piacere derivante dal dominio o dalla sottomissione durante l’atto sessuale. 

Mentre in alcuni contesti queste dinamiche possono essere fonte di preoccupazione o persino stigmatizzate, bisogna riconoscere che, quando praticate in un contesto di rispetto, consenso e comprensione reciproca, possono contribuire a relazioni sessuali sane e appaganti

Tuttavia, in alcuni individui, tali comportamenti possono intensificarsi al punto da diventare dannosi. Il DSM-5 non considera il sadismo sessuale come un disturbo a meno che non comporti sofferenza o danno significativo per l’individuo o per gli altri, ed è espressamente non consensuale. Stabilire quindi quando il sadismo attraversa il confine verso la patologia, è una questione di grado. 

In questo articolo approfondiremo il sadismo sessuale come disturbo, vedremo cosa significa, le cause e le possibilità di trattamento. Una volta letto, speriamo che i tuoi dubbi o domande sull’argomento siano chiariti. 

Disturbo da sadismo sessuale: significato

Il sadismo (sessuale) o disturbo da sadismo sessuale, è una forma di parafilia.

Come spiegato in questo articolo, la parafilia in sé non è necessariamente patologica, ma può diventare problematica se interferisce con la vita quotidiana o danneggia gli altri.

Nel sadismo sessuale patologico l’individuo trae eccitazione sessuale dall’atto di dominare, sottomettere o infliggere dolore fisico/psicologico al proprio partner, indipendentemente dal consenso di quest’ultimo. Quando tali pratiche vengono esercitate su un partner non consenziente, il sadismo sessuale diventa un comportamento criminale.

Tuttavia, è importante notare che il sadismo sessuale non va confuso con lo stupro, anche se entrambi comportano elementi di potere e controllo

Il sadismo sessuale rappresenta una complessa combinazione di sesso forzato e dominio esercitato sulla vittima. Le diagnosi di sadismo sessuale sono riscontrate in meno del 10% degli stupratori, ma possono essere più frequenti in casi di omicidi a sfondo sessuale, con una presenza documentata in un intervallo che va dal 37% al 75% delle persone coinvolte in tali crimini.

Disturbo da sadismo sessuale: criteri diagnostici 

I criteri diagnostici per avere diagnosticato un disturbo da sadismo sessuale secondo il DSM-5, sono i seguenti: 

  • il soggetto prova un’eccitazione sessuale ricorrente e intensa dalla sofferenza fisica o psicologica di un’altra persona;
  • l’eccitazione è espressa in fantasie, impulsi intensi o comportamenti;
  • il soggetto ha agito sulle sue pulsioni con una persona non consenziente;
  • queste fantasie o impulsi causano un disagio clinicamente significativo o compromettono il funzionamento lavorativo, in situazioni sociali o in altre aree importanti della loro vita;
  • la condizione è stata presente per almeno 6 mesi.

Cause del sadismo sessuale: una lettura psicodinamica

Secondo le teorie psicodinamiche classiche la soddisfazione e il piacere del sadico nel vedere soffrire la sua vittima è in relazione con la sua identificazione con la vittima: il sadico avrebbe quindi piacere nel dare dolore a se stesso.

Il sadismo sessuale può essere associato a esperienze traumatiche, specialmente durante l’infanzia.

Secondo Glen O. Gabbard, professore di psichiatria alla SUNY Upstate Medical University, le persone che hanno bisogno di fantasie o azioni sadiche per raggiungere una gratificazione sessuale stanno spesso inconsciamente cercando di capovolgere scenari infantili in cui sono state vittime di abusi fisici o sessuali. 

Infliggendo ad altri quello che è successo a loro quando erano bambini, questi individui ottengono al medesimo tempo una vendetta e un senso di padronanza sulle esperienze infantili di abuso.

Alcuni teorici ritengono che il comportamento sadico (così come quello masochistico) possa derivare da una sorta di lutto negato o patologico, un tentativo di rifiutare e negare la perdita del caregiver primario.

In questo contesto, il soggetto può cercare di colmare il vuoto emotivo derivante dalla mancanza o dalla perdita di una figura di attaccamento attraverso dinamiche sadiche. Questo tentativo di sostituire o negare il lutto può portare all’insorgenza di perversioni sessuali.

La mancata risoluzione di questi traumi infantili può comportare successive difficoltà nella gestione delle fantasie e dell’eccitamento sessuale. Il divieto o la repressione di una sana espressione della sessualità possono spingere il soggetto a cercare una via alternativa per soddisfare i propri bisogni e desideri sessuali.

Il sadico sessuale: profilo psicologico 

Quando ci riferiamo al profilo psicologico di un individuo che soffre di un disturbo da sadismo sessuale, ci troviamo di fronte a una complessa miscela di tratti e caratteristiche che meritano un’attenzione particolare. 

Il sadico sessuale mostra una notevole mancanza di empatia, manifestando disinteresse o disprezzo per il benessere emotivo e fisico dell’altro. Al tempo stesso, il desiderio di dominio e controllo sulla vittima rappresenta un tratto distintivo, essenziale per il proprio piacere sessuale.

Inoltre è evidente una una violazione marcata del consenso, ignorando o violando il diritto dell’altro all’autodeterminazione sessuale, con gravi conseguenze etiche e legali.

I sadici sessuali possono essere inclini a comportamenti criminali, specialmente se non trattati. Infatti il sadismo sessuale diventa particolarmente pericoloso quando è associato al disturbo antisociale di personalità. Questa combinazione di disturbi può condurre al sadismo criminale, che comporta il rapimento di individui non consenzienti, con conseguenti gravi danni fisici o persino omicidi.

Trattamenti e cure al disturbo da sadismo sessuale

Il trattamento del sadismo sessuale potrebbe non essere necessario se le fantasie e i comportamenti sadici coinvolgono persone consenzienti e non causano disagio clinicamente significativo.

In questi casi, la pratica sessuale potrebbe essere considerata come una variante della sessualità umana, ma è importante sottolineare che deve comunque basarsi sul consenso informato e sul rispetto dei limiti del partner.

Per coloro il cui sadismo sessuale raggiunge il livello di disturbo da sadismo sessuale, sono spesso impiegati i trattamenti applicati ad altri disturbi parafilici, come la terapia cognitivo-comportamentale, sia in forma individuale che di gruppo, con o senza l’uso di psicofarmaci.

Tuttavia, se è presente anche un disturbo antisociale di personalità, i trattamenti possono risultare meno efficaci, poiché il disturbo antisociale comporta una marcata mancanza di empatia e difficoltà a rispondere positivamente alla terapia. 
In questi casi, la gestione dei comportamenti criminali o pericolosi potrebbe richiedere una supervisione legale o una custodia cautelare.

La psicoterapia online di Serenis

In questo blog troverai tantissimi altri articoli che parlano di salute mentale.

Se hai ritrovato un po’ di te in quello che hai letto, magari puoi pensare di aiutarti facendo psicoterapia con noi: siamo un centro medico autorizzato.

Oppure puoi pensare di iniziare un percorso di psichiatria online.

Il servizio è completamente online, con centinaia di psicoterapeuti e psicoterapeute (cioè hanno la specializzazione), oltre che pisichiatri, con in media circa 10 anni di esperienza.

Tutto inizia con il desiderio di vivere una vita migliore. Noi possiamo sostenerti; Serenis è a un solo link di distanza.

Il primo colloquio è gratuito, poi 55 € a seduta, o 202 € ogni 4 sessioni..

Fonti

  • Gabbard, G. O. (2015). Psichiatria psicodinamica: quinta edizione basata sul DSM-5. Raffaello Cortina Editore
  • Carabellese, F., Candelli, C., La Tegola, D., & Catanesi, R. (2010). Fantasie sessuali, disturbi organici, violenze sessuali. Rassegna Italiana di Criminologia, (2), 347-359.
  • Berra, L. (2022). Parafilie. Psicologia, clinica e terapia delle perversioni sessuali (Vol. 1). ISFiPP Edizioni.
  • American Psychiatric Association (2013), Manuale diagnostico e statistico dei disturbi Mentali, Quinta edizione (DSM-5), trad. it. Raffaello Cortina, Milano 2014.
Ludovica Feliziani

Approccio:
Titolo di studio
Descrizione
Anima solare e (quasi) psicologa clinica, sono la blog manager di Serenis. Qui unisco il mondo della psicologia a quello del copywriting. Credo nell'importanza di imparare dagli errori, nella comunicazione aperta e nella condivisione, cuore di tutto ciò che faccio.

Questa pagina è stata verificata

I nostri contenuti superano un processo di revisione in tre fasi.

Scrittura

Ogni articolo viene scritto o esaminato da uno psicoterapeuta prima di essere pubblicato.

Controllo

Ogni articolo contiene una bibliografia con le fonti citate, per permettere di verificare il contenuto.

Chiarezza

Ogni articolo è rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e la comprensione.

Revisori

reviewer

Dott. Domenico De Donatis

Medico Psichiatra

Ordine dei Medici e Chirurghi della provincia di Pescara n. 4336

Laurea in Medicina e Chirurgia presso l'Università degli Studi di Parma. Specializzazione in Psichiatria presso l'Università Alma Mater Studiorum di Bologna.

reviewer

Dott. Federico Russo

Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale e Neuropsicologo, Direttore Clinico di Serenis

Ordine degli Psicologi della Puglia n. 5048

Laurea in Psicologia Clinica e della Salute presso l’Università degli Studi “G. D’Annunzio” di Chieti. Specializzazione in Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale a indirizzo neuropsicologico presso l’Istituto S. Chiara di Lecce.

reviewer

Dott.ssa Martina Migliore

Psicologa Psicoterapeuta specializzata in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale

Ordine degli Psicologi dell'Umbria n.892

Psicologa e Psicoterapeuta cognitivo comportamentale, docente e formatrice. Esperta in ACT e Superhero Therapy. Membro dell'Associazione CBT Italia, ACT Italia e SITCC. Esperta nell'applicazione di meccaniche derivanti dal gioco alle strategie terapeutiche evidence based e alla formazione aziendale.