Percorso psicoterapeutico e guarigione

Il sostegno psicoterapeutico offre un ambiente sicuro e confidenziale per affrontare e superare difficoltà emotive e psicologiche, migliorando il benessere mentale.
sostegno del percorso psicoterapeutico

Scegliere di iniziare un percorso psicoterapeutico significa intraprendere un viaggio personale con l’obiettivo di migliorare la propria salute mentale e il proprio benessere emotivo. Questo cammino, caratterizzato da diverse fasi e momenti di riflessione, rappresenta un’opportunità per affrontare e superare difficoltà psicologiche, relazionali o emotive.

Che cos’è la psicoterapia?

La salute mentale è influenzata ogni giorno da numerosi stimoli che vanno a sovraccaricare il nostro circuito delle emozioni: il risultato è che viviamo in un costante stato di stress che ci fa sentire stanchi, sopraffatti e ci rende più vulnerabili e ansiosi. Un percorso psicoterapeutico può aiutarci a stare meglio e a trovare soluzioni pratiche ed efficaci per affrontare qualsiasi difficoltà, piccola o grande che sia. Questo percorso, costituito da un insieme di cure e supporto forniti da uno psicoterapeuta, ha lo scopo di provocare una serie di cambiamenti nei comportamenti, negli atteggiamenti e nel modo di pensare o di reagire.

Vuoi iniziare un percorso di psicoterapia?

Compila il questionario e scopri quale terapeuta può fare al caso tuo.

Primo colloquio gratuito

Sedute online

97% recensioni positive

Inizia

Il terapeuta aiuta a cercare risposte efficaci e funzionali; il suo compito è quello di guidare il cliente lungo un percorso alla scoperta e alla comprensione dei meccanismi attraverso i quali nascono determinati pensieri o atteggiamenti.

Come vedremo, esistono diversi tipi di approcci psicoterapeutici accomunati dallo schema di fondo ovvero l’indagine della psiche, del corpo e/o dell’ambiente attraverso colloqui periodici, singoli, di gruppo o di coppia, per un periodo che varia da pochi mesi a diversi anni.

Il percorso, qualunque sia l’approccio scelto, si basa sul segreto professionale, su una forte alleanza terapeutica tra psicoterapeuta e paziente e può avvenire in concomitanza con un eventuale trattamento farmacologico e raccomandazioni dello psichiatra.

La psicoterapia è consigliata non soltanto a chi soffre di uno specifico disturbo ma a tutti coloro che vogliono migliorare gli aspetti emotivi della propria vita.

A cosa serve un percorso psicoterapeutico?

La psicoterapia viene utilizzata per trattare molti problemi di salute mentale. Tra i principali ricordiamo:

Scopri se soffri di Ansia

Fai il test in 5 minuti e scopri il tuo livello di ansia

Test sull'Ansia

La psicoterapia può aiutare ad affrontare anche problemi di salute come malattie croniche e oncologiche, e tutte quelle patologie che possono essere aggravate da ansia e stress. Il trattamento psicoterapeutico è fondamentale per affrontare eventi difficili, come la perdita di una persona cara, una separazione o un divorzio.

La psicoterapia può essere utile anche in assenza di malattie o sofferenze. Possiamo scegliere di intraprendere questo percorso per approfondire la conoscenza di noi stessi e per capire quali sono le strategie migliori per risolvere i conflitti della vita quotidiana.

La psicoterapia è una palestra che allena e rende più forte e funzionale la nostra salute mentale ed emotiva.

Quando iniziare un percorso psicoterapeutico?

Il processo terapeutico ci permette di raggiungere una migliore qualità di vita sul piano soggettivo, familiare, emotivo, relazionale, professionale e sociale.

Per questo motivo, è possibile iniziare un percorso terapeutico in qualsiasi momento, senza aspettare che il disagio si trasformi in un vero e proprio disturbo.

quando iniziare un percorso psicoterapeutico

Come iniziare un percorso psicoterapeutico?

Abbiamo due scelte. La prima è quella del percorso psicologico in ambito pubblico, i prezzi sono più bassi ma non possiamo scegliere il tipo di approccio.

In alternativa, possiamo rivolgerci a uno psicoterapeuta privato. In questo caso è fondamentale scegliere il tipo di approccio più in linea con le nostre esigenze.

Approcci e metodologie

Esistono diverse metodologie all’interno della psicoterapia. Tra le principali ricordiamo:

Terapia Cognitivo Comportamentale

Gli psicoterapeuti utilizzano spesso questo approccio con persone che soffrono di ansia, depressione, stress o fobie. È efficace anche con i pazienti che cercano di superare abitudini e dipendenze come il fumo, cibo o il gioco d’azzardo.

Psicoterapia analitica o psicodinamica

Fortemente influenzato dalla psicoanalisi, questo tipo di psicoterapia si basa sull’inconscio e presta particolare attenzione ai legami che uniscono la sofferenza attuale con le esperienze vissute nel passato.

Psicoterapia sistemica

Questo approccio parte dalla considerazione che le difficoltà personali del paziente sono dovute alle sue interazioni con coloro che lo circondano. Le sedute possono essere individuali o coinvolgere partner o familiari.

Terapia della Gestalt

Questo approccio di percorso psicoterapeutico è focalizzato sui sentimenti e sulle esperienze del “qui e ora”. Il terapeuta aiuta il paziente a esplorare il mondo emotivo attraverso tecniche creative ed esperienziali come giochi di ruolo e altri esercizi.

Terapia centrata sulla persona

Si basa sull’idea che le persone sono in grado di decidere da sole quali aree psicologiche desiderano esplorare. Il terapeuta non guida il paziente verso un risultato specifico, ma crea un ambiente di supporto e uno spazio sicuro per indagare identità, sentimenti, esperienze o emozioni.

Chi è lo psicoterapeuta?

Lo psicoterapeuta è un professionista della salute mentale che, dopo la laurea in Psicologia o in Medicina e Chirurgia e l’abilitazione all’esercizio della professione di psicologo o di medico, ha frequentato una Scuola quadriennale di specializzazione in psicoterapia.

La scelta del professionista

Come capire qual è lo psicologo giusto per te? La prima cosa da fare è ovviamente verificare l’iscrizione all’albo per capire se è un professionista qualificato e in possesso dei titoli richiesti dalla legge. In seconda battuta, possiamo informarci sul metodo utilizzato dallo specialista, sui costi e sugli orari.

Le capacità interpersonali fanno la differenza nella scelta di uno psicologo perché è fondamentale che il paziente si senta al sicuro e a proprio agio.

Manca all’appello un elemento fondamentale relativo alla scelta ma anche al successo stesso della terapia: l’alleanza terapeutica.

Importanza della relazione terapeutica

Judith Beck, psicologa statunitense celebre per il suo apporto alla terapia cognitivo comportamentale, nel libro Cognitive Therapy for Challenging Problems: What to Do When the Basics Don’t Work ha affermato che “Aiutare i pazienti a risolvere i problemi e a migliorare il proprio umore è uno dei modi più efficaci per rafforzare l’alleanza terapeutica”.

Nonostante la scienza stia interrogandosi sulla possibilità di una relazione terapeutica tra paziente e Intelligenza Artificiale Conversazionale (CAI), questo elemento rimane una componente constante e irrinunciabile nei rapporti umani perché presuppone l’esistenza di una collaborazione tra paziente e specialista nel percorso psicoterapeutico. Questa è basata su un contesto di fiducia e si costruisce durante tutta la terapia attraverso 3 processi:

  • accordo reciproco sugli obiettivi;
  • accordo reciproco sui compiti;
  • legame emotivo positivo basato sulla fiducia, rispetto e accettazione.

La relazione terapeutica consiste nel trasformare il rapporto tra paziente e terapeuta in una relazione collaborativa in cui si lavora insieme per ottenere i risultati prefissati e fornisce una nuova opportunità di apprendimento attraverso uno spazio sicuro, un ambiente di validazione e comprensione.

Costi e durata

Il costo di una seduta di psicoterapia si aggira sui 70/80 euro per 50/60 minuti di seduta. Quanto dura il percorso psicoterapeutico? La durata della terapia invece varia in base al problema da trattare e tipo di approccio.

Terapia dal vivo o terapia online?

La psicoterapia dal vivo è il classico metodo tradizionale in cui paziente e terapeuta si incontrano di persona in uno studio. Questo approccio offre un’esperienza vis a vis che alcune persone trovano più confortante ed efficace.

La ricerca di supporto psicologico è aumentata notevolmente negli ultimi anni e con il progresso della tecnologia è emersa una nuova possibilità, quella della psicoterapia online: ma è davvero efficace come una seduta dal vivo?

Un percorso psicoterapeutico online offre un modo facile, efficace ed economico per accedere al supporto terapeutico. Con un solo dispositivo connesso a Internet, possiamo raggiungere uno specialista qualificato ovunque e in qualsiasi momento. I consulti con un terapeuta online eliminano le barriere geografiche e di mobilità, consentendo a più persone di accedere ai servizi di salute mentale.

Non essere nella stessa stanza del terapeuta consente ad alcuni clienti di sentirsi meno vulnerabili e quindi hanno più facilità ad aprirsi; inoltre, risulta efficace per curare tutti quei disturbi d’ansia che ci impediscono di uscire e di spostarci fisicamente da un luogo all’altro.

Le fasi di un percorso psicoterapeutico

Come tutti i percorsi, anche la psicoterapia inizia con il primo passo ovvero la consapevolezza che è arrivato il momento di prenderci cura del nostro benessere mentale ed emotivo. Dopo aver scelto il terapeuta più in linea con le nostre esigenze, possiamo iniziare il percorso vero e proprio che prevede tre fasi:

  • conoscenza del caso: lo specialista valuta la problematica del paziente, raccoglie informazioni sulla sua storia e definisce una prima linea diagnostica ed elabora, insieme al paziente, la tipologia di intervento, gli obiettivi, le tappe del percorso;
  • trattamento: lo specialista sottopone al paziente il contratto del percorso psicoterapeutico in cui sono elencati tutti gli aspetti relativi. Dopo la sottoscrizione di tale contratto, si entra nel vivo della terapia prescelta che potrà essere modificata in corso d’opera nel caso in cui dovessero emergere altre aree di criticità;
  • conclusione: gli incontri, meno frequenti, sono mirati al consolidamento dei risultati raggiunti.

Come funziona il primo colloquio?

Il primo colloquio con lo psicologo può essere vissuto come fonte di ansia e di un certo imbarazzo. Capire cosa ci aspetta può essere utile per aiutarci a gestire questi stati d’animo.

Durante la prima seduta di un percorso psicoterapeutico, lo specialista effettua l’anamnesi del paziente raccogliendo dati e informazioni sulla problematica che lo ha portato a chiedere aiuto ma anche sulla sua storia personale, sulle relazioni e l’attività professionale. La condivisione delle informazioni e la presa in carico del paziente (intake) può richiedere più di un colloquio e in alcuni casi può essere integrata dall’utilizzo di strumenti di valutazione psicologica, come test e questionari.

Ogni passaggio (e obiettivo) è discusso e concordato con il cliente che verrà informato sulla metodologia utilizzata dal professionista e sul contenuto e le modalità di svolgimento della terapia stessa.

Cosa aspettarsi da un percorso psicoterapeutico?

Un percorso psicoterapeutico può dare immediatamente i suoi frutti oppure richiedere più tempo per vedere un cambiamento significativo. Dopo quante sedute di psicoterapia si vedono i risultati non è importante, quello che ci si deve aspettare è un percorso capace di insegnarci a prenderci cura delle nostre emozioni e a reagire in maniera più efficace e funzionale di fronte alle sfide della vita. Serenis può aiutarti attraverso la psicoterapia online e il sostegno di un esperto adatto alle tue esigenze.

Fonti:

  • Cognitive therapy for challenging problems. (n.d.). Google Books. https://books.google.it/books/about/Cognitive_Therapy_for_Challenging_Proble.html?id=JfrqwJh6HuQC&redir_esc=y
  • Understanding psychotherapy and how it works. (2023, December 12). https://www.apa.org. https://www.apa.org/topics/psychotherapy/understanding
  • Psychotherapies. (n.d.). National Institute of Mental Health (NIMH). https://www.nimh.nih.gov/health/topics/psychotherapies
Redazione

Approccio:
Titolo di studio
Descrizione
In Italia, la recente attenzione mediatica al benessere mentale vede giornali, creator, e centri medici impegnati nella produzione di contenuti informativi. In questo contesto il processo di revisione è fondamentale e lo scopo è garantire informazioni accurate. Il nostro processo di revisione è affidato ai terapeuti e alle terapeute che lavorano in Serenis, con almeno 2.000 ore di esperienza.

Questa pagina è stata verificata

I nostri contenuti superano un processo di revisione in tre fasi.

Scrittura

Ogni articolo viene scritto o esaminato da uno psicoterapeuta prima di essere pubblicato.

Controllo

Ogni articolo contiene una bibliografia con le fonti citate, per permettere di verificare il contenuto.

Chiarezza

Ogni articolo è rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e la comprensione.

Revisori

reviewer

Dott. Domenico De Donatis

Medico Psichiatra

Ordine dei Medici e Chirurghi della provincia di Pescara n. 4336

Laurea in Medicina e Chirurgia presso l'Università degli Studi di Parma. Specializzazione in Psichiatria presso l'Università Alma Mater Studiorum di Bologna.

reviewer

Dott. Federico Russo

Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale e Neuropsicologo, Direttore Clinico di Serenis

Ordine degli Psicologi della Puglia n. 5048

Laurea in Psicologia Clinica e della Salute presso l’Università degli Studi “G. D’Annunzio” di Chieti. Specializzazione in Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale a indirizzo neuropsicologico presso l’Istituto S. Chiara di Lecce.

reviewer

Dott.ssa Martina Migliore

Psicologa Psicoterapeuta specializzata in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale

Ordine degli Psicologi dell'Umbria n.892

Psicologa e Psicoterapeuta cognitivo comportamentale, docente e formatrice. Esperta in ACT e Superhero Therapy. Membro dell'Associazione CBT Italia, ACT Italia e SITCC. Esperta nell'applicazione di meccaniche derivanti dal gioco alle strategie terapeutiche evidence based e alla formazione aziendale.