Cosa significa avere una carenza di dopamina?

Aggiornato il 09 novembre 2020

Attenzione ai contenuti: Vi informiamo che il seguente articolo potrebbe menzionare argomenti che includono la prescrizione di farmaci, l’abuso di farmaci e la dipendenza. Le informazioni contenute nell’articolo non è un sostituto della psicoterapia medica professionale. Chiedi sempre il parere del tuo medico o di altri operatori sanitari qualificati per qualsiasi domanda tu possa avere.

La dopamina è un neurotrasmettitore importante per la salute mentale e fisica. Una mancanza di dopamina può portare a una varietà di problemi, tra cui la pressione alta, la depressione, la dipendenza o anche il morbo di Parkinson. In questo articolo tratteremo alcuni dei sintomi di una carenza di dopamina e, soprattutto, come trattarla.

Donna che camminaFonte: unsplash.com

Cos’è la dopamina?

La dopamina è una sostanza chimica prodotta dal corpo umano e presente nel cervello. È la sostanza chimica responsabile di farci sentire felici, poiché è direttamente collegata alle nostre sensazioni di piacere e di essere ricompensati. La dopamina è ciò che ci permette di riconoscere una ricompensa e ci motiva a fare tutto il possibile per ottenerla.

Bassi livelli di dopamina nelle persone possono provocare alcune condizioni di salute, come la depressione o il morbo di Parkinson. Le persone che soffrono di bassi livelli di dopamina possono anche essere più suscettibili a formare alcune dipendenze. Un recettore della dopamina, in particolare, è collegato al lato “rischioso” della personalità di alcune persone.

Vivere con un deficit di dopamina

Vivere con un deficit di dopamina può essere impegnativo. Può significare che si può avere difficoltà a fissare obiettivi o a essere orgogliosi dei propri risultati.

Sapere di avere un deficit di dopamina può essere difficile, ma la diagnosi può mettervi sulla strada per un trattamento di successo. Se sai di avere un deficit di dopamina, tu e i tuoi fornitori di assistenza sanitaria potete lavorare insieme per assicurarvi di condurre la vita felice e sana che meritate.

Sintomi della dopamina bassa

Isintomidella dopamina bassa possono variare a seconda della causa. Per esempio, coloro che sviluppano bassi livelli di dopamina a causa del morbo di Parkinson possono sperimentare sintomi diversi da quelli di coloro la cui bassa dopamina è dovuta a un disturbo mentale, come la schizofrenia o la depressione.

I segni della dopamina bassa possono includere:

  • Crampi muscolari, dolori e rigidità
  • Costipazione
  • Mancanza di energia e motivazione
  • Difficoltà a mangiare e deglutire
  • Bruciore di stomaco cronico o ricorrente
  • Polmonite
  • Sbalzi d’umore
  • Ansia
  • Mancanza di desiderio sessuale
  • Pensieri suicidi
  • Deliri

Alcuni sintomi da carenza di dopamina sono comuni e solitamente legati ad altre condizioni meno gravi. L’unico modo per determinare se stai soffrendo di un deficit di dopamina è quello di essere diagnosticato e trattato da un medico.

Sfortunatamente, non esiste un test che possa determinare il tuo esatto livello di dopamina. Invece, il medico esaminerà la tua storia medica e valuterà i tuoi sintomi e il tuo stile di vita per determinare se puoi soffrire di una condizione legata all’avere un livello più basso di dopamina.

Cause della dopamina bassa

Le cause dei bassi livelli di dopamina sono ampie quanto i sintomi. La dopamina può essere abbassata a causa di una condizione fisica o mentale. Ed è possibile che i livelli di dopamina siano normali, ma che i suoi recettori nel cervello abbiano problemi che impediscono loro di riceverla. È importante notare che un basso livello di dopamina non causa condizioni come la depressione o la psicosi; è semplicemente legato a queste condizioni come un sottoprodotto.

L’uso di alcuni farmaci può alterare i livelli di dopamina nel cervello, o cambiare l’efficacia con cui il cervello usa la dopamina. Lo stesso vale per la dieta di una persona. Una dieta ricca di zuccheri e grassi saturi e povera di proteine è correlata alla diminuzione dei livelli di dopamina nel cervello. Anche l’obesità è collegata a livelli più bassi di dopamina. Questo porta alcune persone a credere che la dieta e i livelli di attività possano avere un impatto sui livelli di dopamina. Tuttavia, questo presuppone la causalità dalla correlazione. In altre parole, le persone obese possono avere una bassa dopamina a causa di una dieta povera e una bassa attività, oppure possono avere una dieta povera e una bassa attività perché i loro bassi livelli di dopamina rendono loro difficile essere attivi e mangiare bene.

Affrontare l’eccesso di dopamina

Mentre alcuni sperimentano condizioni legate a livelli più bassi di dopamina, altri ne hanno troppa. Come ci si potrebbe aspettare, l’eccesso di dopamina può derivare da un trattamento con un farmaco per curare una condizione legata a livelli più bassi di dopamina, come il morbo di Parkinson. Anche l’uso di droghe può causare livelli eccessivi di dopamina perché alcune droghe, come la cocaina, causano l’accumulo di dopamina nel cervello. Questo può portare a psicosi come la schizofrenia.

Un’altra causa di livelli più alti di dopamina è il disturbo da deficit di attenzione/iperattività. Questo ha senso perché quando qualcuno ha un livello eccessivo di dopamina, è più impulsivo e più propenso a cercare una gratificazione immediata. L’eccesso di dopamina è stato collegato a comportamenti di dipendenza come il gioco d’azzardo compulsivo, l’uso di droghe e alcol (compreso il tabacco), e anche le dipendenze dal cibo.

LudopatiaFonte: unsplash.com

È interessante notare che alcuni sviluppano livelli di dopamina più alti dopo aver subito un esaurimento nervoso. Questo perché il cervello produce dopamina in risposta al pericolo. La dopamina aiuta poi la produzione di adrenalina, che ci aiuta nella nostra risposta di “lotta o fuga” ad una situazione pericolosa.

Tuttavia, anche questo è un equilibrio difficile, perché quando siamo eccessivamente stressati per troppo tempo, sperimentiamo ciò che è noto come “burn out”. Quando ci siamo “bruciati”, soffriamo di esaurimento della dopamina perché, semplicemente, l’abbiamo usata tutta.

La cosa interessante è che sia livelli bassi che alti di dopamina possono causare gli stessi sintomi, come l’ansia. Tuttavia, il sintomo si presenterà in modo diverso. In altre parole, mentre due persone possono entrambi provare ansia, la persona con il livello più basso di dopamina la sentirà in modo diverso rispetto alla persona con il livello più alto di dopamina.

Effetti collaterali della dopamina in eccesso

Ci sono effetti collaterali più gravi di una sovrabbondanza di dopamina, tra cui

  • Infertilità
  • Ritardo della pubertà
  • Problemi con il sistema immunitario
  • Disturbi mestruali

Sintomi dell’eccesso di dopamina

Mentre una carenza di dopamina può portare alla letargia, un aumento di dopamina ha l’effetto opposto. Coloro che hanno un eccesso di dopamina sono più propensi a correre rischi e a sviluppare comportamenti di dipendenza. Alcuni dei sintomi della dopamina in eccesso includono un comportamento aggressivo o eccessivamente competitivo, euforia e mancanza di empatia.

I sintomi di un eccesso di dopamina variano da persona a persona. Mentre può indurre alcune persone a cercare la loro prossima avventura di paracadutismo, può indurre altri a stare svegli tutta la notte a giocare alle slot machine. Alcune persone sviluppano compulsioni e dipendenze, altre possono essere alla ricerca del brivido che deriva dalla scalata di una montagna o da un giro estremo in dirt-bike.

Anche alcuni farmaci da prescrizione possono causare livelli eccessivi di dopamina, in particolare gli antidepressivi.

Il delicato equilibrio della dopamina

Tutti abbiamo bisogno che i nostri livelli di dopamina siano equilibrati, altrimenti tutto va in tilt. Troppa poca dopamina e non abbiamo voglia di fare niente. Troppa dopamina e vogliamo affrontare il mondo al punto che potremmo metterci in pericolo.

La dopamina, se tenuta sotto controllo, può essere un fantastico motivatore, aiutandoci a vedere i nostri obiettivi e dandoci l’energia per raggiungerli. Un livello più basso di dopamina è quello che ci tiene sul divano, a deprimerci perché semplicemente non possiamo inseguire ciò che vogliamo e non capiamo perché.

Un livello più alto di dopamina può farci vedere l’obiettivo, soffiare oltre, e abbattere tutti quelli che si mettono sulla nostra strada. O, al contrario, un livello più alto di dopamina può portare a un comportamento di dipendenza che può essere brutto come stare seduti sul divano a non fare niente.

Trattare i livelli bassi di dopamina

Per trattare un basso livello di dopamina, bisogna prima determinare la causa della carenza. Se a un paziente viene diagnosticata la depressione, il medico prescriverà un farmaco che può aumentare il livello di dopamina della persona. A coloro che soffrono del morbo di Parkinson vengono spesso prescritti il ropinirolo e il pramipexolo, che hanno dimostrato di essere efficaci nell’aumentare i livelli di dopamina.

Altri modi di trattare un basso livello di dopamina possono includere psicoterapia, cambiamenti nella dieta e nello stile di vita, e terapia fisica, che può aiutare il paziente con i suoi problemi muscolari e, per procura, migliorare i suoi livelli di dopamina migliorando la condizione sottostante.

Ci sono, naturalmente, integratori che le persone possono prendere per migliorare le carenze di dopamina. Questi integratori sono in genere quelli che aumentano anche i livelli di magnesio, omega 3 e vitamina D. Tuttavia, la giuria non ha ancora stabilito se questi integratori siano veramente efficaci, quindi è necessario fare ulteriori ricerche.

Se non sei un tipo da pillole, ci sono stimolatori naturali di dopamina che puoi provare, come l’esercizio fisicoe lameditazione. Queste attività lavorano per migliorare l’umore generale di una persona e possono essere modi efficaci per aumentare la dopamina in modo naturale senza bisogno di integratori.

Pensieri finali

Vivere con una carenza di dopamina può essere difficile, ma diventa più facile una volta scoperto il problema. Quando voi e il vostro medico avete identificato la causa, potete iniziare a muovervi verso una vita più felice e produttiva. 

Bibliografia e approfondimenti

  • Seeman, P. (1980). Brain dopamine receptors. Pharmacological Reviews, 32(3), 229-313.
  • Wise, R. A. (2004). Dopamine, learning and motivation. Nature reviews neuroscience, 5(6), 483-494.

Questa pagina è stata verificata

I nostri contenuti superano un processo di revisione in tre fasi.

Scrittura

Ogni articolo viene scritto o esaminato da uno psicoterapeuta prima di essere pubblicato.

Controllo

Ogni articolo contiene una bibliografia con le fonti citate, per permettere di verificare il contenuto.

Chiarezza

Ogni articolo è rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e la comprensione.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Rosario Urbani

Psicoterapeuta specializzato in cognitivo comportamentale

Ordine degli Psicologi della Campania num. 6653/A

Laureato in Neuroscienze presso la Seconda Università di Napoli. Specializzato presso l’istituto Skinner in psicoterapia cognitivo comportamentale. Analista del comportamento ABA e specializzato anche nella tecnica terapeutica dell'EMDR.

reviewer

Dott.ssa Maria Vallillo

Psicoterapeuta specialista in Lifespan Developmental Psychology

Ordine degli Psicologi del Lazio num. 25732

Laurea in Psicologia presso l'Università degli Studi di Chieti. Specializzazione in psicoterapia e psicologia del ciclo di vita presso l’Università la Sapienza di Roma. Esperta in neuropsicologia e psicodiagnostica e perfezionata in psico-oncologia.