body ▲ Select Parent Subselection ▼

La depressione maggiore

Una sintesi sulla depressione maggiore: comprendere, individuare e affrontare. Esplora i segni distintivi, identifica i sintomi e scopri strade verso la guarigione emotiva.
depressione maggiore

In genere, si tende a parlare di depressione come un unico disturbo. Nella realtà non è così: nel tempo, sono state studiate e riconosciute ufficialmente diverse tipologie di depressione, come la depressione cronica (distimia), la depressione bipolare o la depressione ansiosa.

In questo articolo parleremo della depressione maggiore.

Cos’è

Cos’è la depressione maggiore

Il disturbo depressivo maggiore (DDM) o depressione clinica, è un disturbo dell’umore, caratterizzato da un intenso e persistente stato di tristezza, e perdita di piacere nello svolgere attività.

Esistono diverse forme di depressione maggiore, come quella catatonica e melanconica.

Etimologia e origine del termine

Il termine “depressione”, deriva dal latino deprimere”, e significa letteralmente “schiantare” o “abbattere“.

Sebbene il termine “melanconia” fosse più diffuso nella diagnostica, “depressione” ha gradualmente guadagnato terreno nei trattati di medicina, con lo psichiatra tedesco Emil Kraepelin che potrebbe essere stato il primo a usarlo come termine generale, riferendosi ai diversi tipi di malinconia come stati depressivi.

Epidemiologia

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), nel 2020 la depressione è prevista come la malattia mentale più diffusa a livello mondiale e, in generale, come la seconda malattia più comune dopo le patologie cardiovascolari. Le stime riportate su Lancet, indicano un aumento significativo dei casi di depressione maggiore nel 2020: sono stati registrati 53 milioni di casi in più (28%).

Le donne sono più tendenti a soffrire di depressione rispetto agli uomini, con un rapporto di 2:1 (prevalenza lifetime del 14,9% nelle donne e del 7,2% negli uomini), così come coloro che sono single rispetto agli individui sposati.

Sintomi

Depressione maggiore: i sintomi

I sintomi della depressione si dividono in:

  • fisici
  • comportamentali
  • psicologici

Vediamoli nel dettaglio.

Sintomi fisici

  • stanchezza cronica (astenia)
  • dolori diffusi
  • disturbi gastro-intestinali
  • perdita di energie
  • difficoltà di concentrazione e memoria
Depressione maggiore: i sintomi
  • agitazione motoria
  • perdita o aumento del peso/appetito
  • senso di nausea
  • eccessiva sudorazione
  • tachicardia
  • vampate di calore/brividi di freddo
  • insonnia o ipersonnia

Sintomi comportamentali

  • riduzione delle attività quotidiane
  • perdita di piacere nel fare le cose (anedonia)
  • apatia, insieme alla sensazione di stanchezza cronica
  • riduzione contatti sociali e isolamento
  • difficoltà nel prendere decisioni e nel risolvere i problemi
  • comportamenti passivi
  • riduzione dell’attività sessuale
  • tentativi di suicidio

Pensi di soffrire di depressione maggiore?

Parlane con un professionista: lo troveremo insieme.

Primo colloquio gratuito

Sedute online

97% recensioni positive

Prova Serenis

Sintomi psicologici

  • tristezza
  • umore basso
  • angoscia
  • disperazione
  • senso di colpa
  • senso di vuoto
  • mancanza di speranza nel futuro
  • perdita di interesse per qualsiasi attività (anedonia)
  • irritabilità
  • ansia
  • eccessiva autosvalutazione

Diagnosi

La diagnosi di depressione maggiore viene effettuata da un professionista della salute mentale, come uno psicologo, uno psicoterapeuta o uno psichiatra, che valuta i sintomi del paziente attraverso interviste cliniche, test psicologici e l’esame dei criteri diagnostici stabiliti dal Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM) o dalla Classificazione internazionale delle malattie (ICD).

Criteri per diagnosticare la depressione maggiore

Per diagnosticare il disturbo depressivo maggiore, devono essersi presenti almeno 5 dei seguenti sintomi durante un periodo di 2 settimane:

  • umore depresso
  • perdita di interesse e piacere nel fare qualsiasi cosa
  • significativa perdita di peso o aumento di peso
  • agitazione o rallentamento psicomotorio
  • stanchezza cronica e perdita delle energie
  • sentimenti di indegnità o sensi di colpa
  • maggior difficoltà nel pensare e restare concentrati, oppure patologica indecisione
  • ricorrenti pensieri di morte, ricorrenti ideazioni suicidarie oppure tentativi di suicidio
Criteri per diagnosticare la depressione maggiore

Quando i sintomi della depressione maggiore sono estremamente intensi, causano una sofferenza significativa e persistono per un lungo periodo di tempo, generalmente oltre i 6 mesi, è indispensabile un intervento clinico. Questa necessità si manifesta soprattutto quando tali sintomi non possono essere attribuiti a eventi come il lutto o la separazione.

Depressione: il test

Lo strumento maggiormente utilizzato per la depressione è il Beck Depression Inventory (BDI), un questionario self-report composto da 21 item. Se credi di soffrire di depressione, puoi compilarlo dal nostro sito. Lo trovi qui sotto.

Scopri se soffri di depressione

Fa il test in 5 minuti e scopri il tuo livello di depressione

Test sulla Depressione

Quanto dura la depressione maggiore?

Non è possibile definire una durata precisa del disturbo, esso può manifestarsi per due settimane, per mesi o anche per anni. In quest’ultimo caso si parlerà di depressione maggiore cronica.

Depressione maggiore e invalidità

La depressione può influire moltissimo nella vita delle persone, andando a stravolgere relazioni, amicizie e vita lavorativa. Per questo, in Italia, chi riceve una diagnosi da parte di un o una professionista può ottenere l’invalidità (ricevendo una percentuale o un punteggio invalidità) per ricevere dei sussidi e agevolazioni da parte dello Stato.

Leggi il nostro articolo per sapere quanti giorni di malattia per depressione può dare il medico curante.

Cause e fattori di rischio

Depressione maggiore: le cause

Attualmente, la depressione è considerata il risultato di una complessa interazione tra diverse cause, tra cui:

  • cause biologiche
  • cause ambientali
  • cause psicologiche

Vediamole nel dettaglio.

Cause biologiche

Ad oggi ancora non si è stati in grado di stabilire una correlazione diretta tra umore e neurotrasmettitori. Tuttavia, diversi studi hanno sottolineato come eventi stressanti o traumatici, soprattutto se protratti nel tempo, possono influenzare i livelli di neurotrasmettitori (come serotonina e noradrenalina), oltre a iper-attivare l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene, provocando un aumento dei livelli di cortisolo nel sangue.

Cause ambientali

Queste includono l’ambiente familiare e l’educazione ricevuta, così come le esperienze vissute al di fuori del nucleo familiare, come le relazioni scolastiche e sociali.

Depressione maggiore: le cause

Esperienze negative precoci, come lutti o una mancanza di reti sociali solide, possano aumentare la suscettibilità alla depressione e alimentare un senso di disperazione verso il futuro.

Cause psicologiche

Tra le cause psicologiche che possono contribuire allo sviluppo della depressione, il modo in cui la persona interpreta gli eventi della propria vita gioca un ruolo cruciale.

La tendenza all’autocritica, le credenze negative riguardo a sé stessi, agli altri e al futuro, insieme a schemi di pensiero distorti e una mancanza di adeguate strategie di coping per affrontare lo stress e le difficoltà possono aumentare il rischio di soffrire di disturbo depressivo maggiore. Così come una bassa autostima e senso di efficacia aumentano il senso di impotenza e disperazione.

Fattori di rischio

Esistono poi fattori di rischio che possono aumentare la probabilità di sviluppare la depressione maggiore, per esempio:

  • storia familiare – nel caso sia stato già diagnosticato il disturbo in un membro della famiglia;
  • trauma e stress – per esempio un lutto, un licenziamento o la morte di una persona cara;
  • altri disturbi preesistenti – alcuni disturbi come l’ADHD o il bipolarismo, rendono più vulnerabile chi ne soffre nello sviluppare la depressione maggiore;
  • presenza di una malattia debilitante – diagnosi di una malattia rara o un tumore, che nel lungo periodo sottopongono la persona a emozioni molto più intense rispetto alla media;
  • abuso di sostanze stupefacenti e alcol.
Cause biologicheeventi stressanti possono influenzare neurotrasmettitori e iper attivare l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene
Cause ambientaliambiente familiare, educazione ricevuta, relazioni sociali e scolastiche
Cause psicologichecredenze negative su se stessi/altri, schemi di pensiero distorti, mancanza di strategie di coping efficaci, tendenza all’autocritica, scarso senso di efficacia
Cause depressione maggiore

Cura

Di depressione maggiore si guarisce?

, di disturbo depressivo maggiore si guarisce. Ogni persona depressa vive la propria esperienza unica con il disturbo, ma il trattamento più efficace per fronteggiarlo è sicuramente la psicoterapia, accompagnata – se necessario – da supporto farmacologico prescritto da uno o una psichiatra.

Se hai ritrovato un po’ di te in quello che hai letto, magari puoi pensare di aiutarti a curare la depressione maggiore facendo psicoterapia con noi: siamo un centro medico autorizzato di psicologia online. Oppure puoi pensare di iniziare un percorso di psichiatria, cliccando questo link.

Il servizio è completamente online, con centinaia di psicoterapeuti e psicoterapeute (cioè hanno la specializzazione), oltre che psichiatri, con in media circa 10 anni di esperienza.

Tutto inizia con il desiderio di vivere una vita migliore. Noi possiamo sostenerti; Serenis è a un solo link di distanza.

La psicoterapia

Non esistono percorsi predefiniti, ci sono diversi approcci psicoterapeutici utilizzati nel trattamento della depressione, tra cui:

  • terapia cognitivo-comportamentale
  • terapia psicodinamica
  • terapia interpersonale
  • terapia della mindfulness

Infatti ogni terapeuta procederà cucendo il percorso su misura del o della paziente.

È fondamentale avere una buona comunicazione paziente-terapeuta: abbi fiducia, non temere il giudizio ed esprimiti sempre con sincerità, altrimenti rischi di provare ancora più frustrazione perché la terapia non funziona.

Terapia cognitivo-comportamentale

La terapia cognitivo-comportamentale si concentra sui modelli di pensiero distorti e sui comportamenti disfunzionali associati alla depressione, aiutando i pazienti a sviluppare strategie per modificare i pensieri negativi e adottare comportamenti più adattivi.

Di depressione maggiore si guarisce?

Terapia psicodinamica

La psicoterapia psicodinamica si basa sull’analisi delle dinamiche inconsce che influenzano il comportamento e i sintomi depressivi del paziente. Si focalizza sui modelli di relazione e sui conflitti interni che possono contribuire alla depressione.

Terapia interpersonale

La terapia interpersonale si concentra sul migliorare le relazioni interpersonali del paziente, identificando e affrontando i problemi nelle relazioni che possono contribuire alla depressione.

Terapia della mindfulness

Le tecniche di mindfulness si basano sull’essere consapevoli e presenti nel momento attuale, attraverso la pratica della meditazione e altre tecniche di consapevolezza, per ridurre il disagio emotivo associato alla depressione.

Depressione maggiore: i farmaci

Tra gli psicofarmaci comunemente prescritti per trattare la depressione troviamo gli antidepressivi divisi diverse classi, tra cui:

  • antidepressivi triciclici (TCA)
  • inibitori selettivi del reuptake della serotonina (SSRI)
Depressione maggiore: i farmaci
  • inibitori selettivi del reuptake della noradrenalina e della serotonina (SNRI)
  • inibitori delle monoamino ossidasi (IMAO)

In casi di depressione grave con sintomi psicotici (depressione psicotica), possono essere prescritti anche farmaci neurolettici.

Supporto di amici e di familiari

Tu che stai leggendo, hai una storia unica, e non possiamo dare per scontato il fatto che tu abbia una famiglia e delle amicizie perfette. Va bene così.

Vogliamo spiegarti però, che avere il supporto di qualcuno è estremamente d’aiuto, per chiederlo e riceverlo. L’invito quindi è quello di provare a circondarti di persone che ti amano.

Possono darti supporto emotivo, motivazione e aiutarti a trovare la spinta giusta per decidere di intraprendere un percorso di cura.

Ludovica Feliziani

Anima solare e (quasi) psicologa clinica, sono la blog manager di Serenis. Qui unisco il mondo della psicologia a quello del copywriting. Credo nell'importanza di imparare dagli errori, nella comunicazione aperta e nella condivisione, cuore di tutto ciò che faccio.

Questa pagina è stata verificata

I nostri contenuti superano un processo di revisione in tre fasi.

Scrittura

Ogni articolo viene scritto o esaminato da uno psicoterapeuta prima di essere pubblicato.

Controllo

Ogni articolo contiene una bibliografia con le fonti citate, per permettere di verificare il contenuto.

Chiarezza

Ogni articolo è rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e la comprensione.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Rosario Urbani

Psicoterapeuta specializzato in cognitivo comportamentale

Ordine degli Psicologi della Campania num. 6653/A

Laureato in Neuroscienze presso la Seconda Università di Napoli. Specializzato presso l’istituto Skinner in psicoterapia cognitivo comportamentale. Analista del comportamento ABA e specializzato anche nella tecnica terapeutica dell'EMDR.

reviewer

Dott.ssa Maria Vallillo

Psicoterapeuta specialista in Lifespan Developmental Psychology

Ordine degli Psicologi del Lazio num. 25732

Laurea in Psicologia presso l'Università degli Studi di Chieti. Specializzazione in psicoterapia e psicologia del ciclo di vita presso l’Università la Sapienza di Roma. Esperta in neuropsicologia e psicodiagnostica e perfezionata in psico-oncologia.