Depressione post-intervento chirurgico

Aggiornato l’01 ottobre 2021

I professionisti medici – chirurghi, medici, infermieri e altri – sanno che c’è un rischio di depressione dopo un intervento chirurgico. Tuttavia, il loro obiettivo è la guarigione del corpo. Quindi, se hai subito un intervento chirurgico di recente o stai per subirlo, potresti non essere stato informato che sei a rischio di depressione. Anche se non sappiamo tutto sul perché si verifichi la depressione post-operatoria, sono state identificate diverse ragioni. Ecco cosa si sa finora.

Fattori di rischio di depressione postoperatoria

La depressione postoperatoria può capitare a chiunque. Tuttavia, ci sono fattori di rischio che la rendono più probabile. In primo luogo, alcuni interventi chirurgici sembrano essere più strettamente associati di altri alla depressione postoperatoria. La depressione può verificarsi anche dopo un intervento minore. Ma i medici hanno notato che le persone che hanno le seguenti procedure spesso hanno la depressionedopo:

  • Intervento al cuore, specialmente l’innesto di bypass coronarico
  • Chirurgia plastica
  • Bypass gastrico
  • Operazione al cervello
  • Intervento di sostituzione dell’anca
  • Prostatectomia radicale
  • Mastectomia
  • Isterectomia
  • Resezione del cancro
  • Intervento di correzione della vista

Tutto sommato, il fattore di rischio più significativo per la depressione post-operatoria è la depressione o l’ansia pre-operatoria. Infatti, chiunque abbia una storia di malattia mentale è a maggior rischio di depressione postoperatoria. Ecco alcuni altri fattori di rischio per la depressione, suddivisi per procedura e popolazione:

Per l’innesto di bypass coronarico:

  • Essere single
  • Essere un fumatore
  • Avere l’ansia prima dell’intervento
  • Avere il colesterolo alto prima dell’intervento
  • Avere l’angina
  • Avere problemi di cuore più gravi
  • Avere una procedura ripetuta

Per la prostatectomia radicale

  • Problemi urinari dopo l’intervento
  • Problemi intestinali dopo l’intervento
  • Disfunzioni sessuali dopo l’intervento

Nei pazienti anziani:

  • Avere la depressione prima dell’intervento
  • Avere problemi funzionali dopo l’intervento

Ragazza depressa seduta su una poltronaFonte: unsplash.com

Possibili cause della depressione post-operatoria

Si possono avere fattori di rischio per la depressione post-operatoria, ma questo non significa che si avrà sicuramente la depressione post-operatoria. Infatti, non è del tutto chiaro cosa causi questa condizione o se la causa sia fisica, psicologica o una combinazione delle due. Tuttavia, scienziati e medici hanno ipotizzato cosa potrebbe esserci dietro questo fenomeno. Ecco alcune possibilità:

  • Dolore post-chirurgico
  • I risultati chirurgici non corrispondono alle aspettative
  • Problemi con l’anestesia
  • Un processo biologico
  • Aumento della dipendenza da altre persone
  • Una sensazione di perdita dopo aver rimosso un organo o una parte del corpo

La depressione può anche derivare dal sentirsi vulnerabili. Quando si subisce un intervento chirurgico, si mette nelle mani del chirurgo non solo la propria salute ma tutta la propria vita. Se l’intervento comporta un’anestesia generale, non hai la percezione di ciò che ti sta accadendo durante la procedura. E può disturbarla sapere che l’équipe medica la vedrà senza vestiti.

Anche la delusione per il proprio corpo e la propria salute può contribuire alla depressione post-operatoria. Alle persone piace vedersi forti e in salute. Quindi scoprire di avere una malattia o una lesione che richiede un intervento chirurgico può far sentire le persone come se il loro corpo le avesse deluse.

Infine, la chirurgia può far pensare alla propria mortalità. Se hai attraversato la vita sentendoti invincibile, può essere difficile considerare che potresti non vivere così a lungo come avevi sperato.

Segni di depressione postoperatoria

Uomo depresso con finestra sullo sfondo
Fonte: unsplash.com

Dato che la maggior parte dei chirurghi sono concentrati sulla guarigione del corpo, è comune passare attraverso un intervento chirurgico e non essere informati di essere a rischio di depressione. È anche comune non essere valutati per la depressione post-chirurgica come parte del vostro piano di trattamento chirurgico. Può dipendere da te educarti sul rischio di depressione post-operatoria. Ecco alcuni segni da tenere d’occhio:

  • Problemi a dormire
  • Estrema stanchezza
  • Disperazione
  • Sensi di colpa
  • Irritabilità
  • Umore depresso
  • Perdita di piacere o interesse in attività che prima ti piacevano
  • Piangere spesso o inaspettatamente
  • Aumento o diminuzione dell’appetito
  • Bassa motivazione
  • Pensieri di autolesionismo

È facile trascurare i sintomi della depressione subito dopo l’intervento. Dopo tutto, ci si aspetta di sentirsi affaticati. Se hai dolore, potresti attribuire l’insonnia a quel disagio. E non saresti il solo a pensare queste cose. Spesso i medici non si accorgono della depressione post-chirurgica perché presumono che i sintomi della depressione siano legati ad aspetti fisici piuttosto che psicologici dell’intervento.

Cosa puoi fare per evitare o superare la depressione post operatoria

La depressione post-operatoria può influenzare sia la tua salute mentale che quella fisica. Se sei depresso durante la fase post-operatoria, il tuo corpo può avere difficoltà a guarire. Infatti, la depressione post-operatoria è stata collegata non solo a un cattivo recupero, ma anche alla morte dopo un intervento al cuore. Quindi cosa si può fare per prevenire la depressione, o per affrontarla nel caso in cui si verifichi? Ecco alcuni passi che puoi fare.

Prima dell’intervento chirurgico

Se non hai ancora subito un intervento chirurgico ma stai per farlo, parla con il tuo medico di base e con il tuo chirurgo del tuo rischio di depressione. Questo è particolarmente importante se sai di essere in un gruppo ad alto rischio.

Inoltre, prepara la tua mente e il tuo corpo all’intervento. Per quanto possibile, mangia cibi sani, dormi abbastanza ed evita l’uso di sostanze. Se ti senti ansioso o depresso prima dell’intervento, è più probabile che tu abbia una depressione post-chirurgica. Quindi affronti questi problemi con un terapeuta prima della data dell’intervento.

Un’altra strategia utile è ottenere supporto sociale. Parlate con amici o familiari di come vi sentite per l’imminente procedura. Discutete di ciò di cui avrete bisogno dopo l’intervento. Includi non solo l’aiuto fisico e pratico, ma anche il sostegno sociale ed emotivo.

Essere consapevoli

Dopo l’intervento chirurgico, fai attenzione ai segni di depressione. Non dare per scontato che i sintomi depressivi come dormire troppo o lottare con i sentimenti o la bassa autostima siano una parte naturale del recupero. Se ti senti triste o senza speranza, questi sentimenti devono essere riconosciuti e affrontati. Sii consapevole dei cambiamenti nelle tue emozioni, nell’appetito e nei modelli di sonno. E se notate segni di depressione, ditelo al vostro medico.

Fare un diario

Registrare il tuo viaggio post-operatorio serve a diversi scopi. Per prima cosa, se scrivi i tuoi sintomi e sentimenti, avrai una mappa del tuo recupero che potrai condividere con i tuoi fornitori di servizi sanitari, ma più di questo, dare voce alle tue paure, tristezza e persino gioia può aiutarti a capire meglio te stesso e a gestire le emozioni difficili.

Trova modi piacevoli per passare il tempo del recupero

Avrai bisogno di un po’ di tempo – forse giorni, forse settimane – perché il tuo corpo guarisca. I tuoi movimenti potrebbero essere limitati, potresti sentire dolore e potresti dover seguire delle restrizioni alimentari. Se devi riposare o evitare attività faticose, potresti finire spesso a letto, il che potrebbe portarti a rimuginare su problemi passati o paure future.

Trovare modi piacevoli per passare il tempo di recupero aiuterà a contrastare la depressione. Uscite e sedetevi al sole. Ascolti musica, sia che si tratti di vecchi preferiti, di canzoni che non ha mai sentito prima o di un genere che è nuovo per lei. Leggi un nuovo romanzo o rivisita uno che ti è piaciuto in passato. Gioca a giochi da tavolo o di carte con amici o familiari. Occupando la tua mente, ti sarà più facile rimanere positivo.

Non seppellire i tuoi sentimenti

Cercare di essere troppo duri può aumentare il rischio di depressione: è importante parlare con le persone di cui ti fidi delle tue emozioni e dei tuoi bisogni. Invece di reprimere i tuoi sentimenti, trova qualcuno con cui parlarne. Che sia un amico, un membro della famiglia o un terapeuta di salute mentale, l’importante è avere qualcuno con cui condividere i propri pensieri ed emozioni.

Ottenere convalida dagli altri

È facile dubitare di se stessi quando ci si sente vulnerabili o fisicamente deboli. Avete bisogno della convalida degli altri che quello che state passando è reale e importante. Potresti aver bisogno di aiuto durante il tuo recupero, e potresti non essere in grado di fare tutto quello che fai di solito. Avete bisogno di sapere che va bene appoggiarsi agli altri mentre vi riprendete.

<!– CTA-conversion-banner –>


Questa pagina è stata verificata

I nostri contenuti superano un processo di revisione in tre fasi.

Scrittura

Ogni articolo viene scritto o esaminato da uno psicoterapeuta prima di essere pubblicato.

Controllo

Ogni articolo contiene una bibliografia con le fonti citate, per permettere di verificare il contenuto.

Chiarezza

Ogni articolo è rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e la comprensione.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Rosario Urbani

Psicoterapeuta specializzato in cognitivo comportamentale

Ordine degli Psicologi della Campania num. 6653/A

Laureato in Neuroscienze presso la Seconda Università di Napoli. Specializzato presso l’istituto Skinner in psicoterapia cognitivo comportamentale. Analista del comportamento ABA e specializzato anche nella tecnica terapeutica dell'EMDR.

reviewer

Dott.ssa Maria Vallillo

Psicoterapeuta specialista in Lifespan Developmental Psychology

Ordine degli Psicologi del Lazio num. 25732

Laurea in Psicologia presso l'Università degli Studi di Chieti. Specializzazione in psicoterapia e psicologia del ciclo di vita presso l’Università la Sapienza di Roma. Esperta in neuropsicologia e psicodiagnostica e perfezionata in psico-oncologia.