body ▲ Select Parent Subselection ▼

Tristezza o depressione? Come riconoscere le differenze e agire per stare meglio

Qual è la differenza tra tristezza e depressione? Scopri come capire se sei triste o depresso nella nostra guida.
differenza tra tristezza e depressione

Ci si sente giù di morale, come se si avesse un peso sul petto. Non si ha voglia di fare nulla, a volte nemmeno di alzarsi la mattina. Succede a chiunque di provare queste sensazioni di tanto in tanto, ma la domanda che ci si deve porre è soprattutto una: si tratta di tristezza o depressione

È facile confondere le due cose, ma capire che cosa si prova e cosa si ha, è il primo passo da compiere per stare meglio. Questo perché solamente riconoscendo il tipo di problematica interiore che si sta vivendo, si può capire come uscirne.

Potrebbe essere necessario richiedere il supporto di uno o una psicoterapeuta che stabilisca il percorso psicoterapico più efficace.

Tristezza e depressione

Ma come capire se sei triste o depresso? Essere tristi capita a tutti, è la risposta emotiva a qualche evento che non si aspettava o che non si desiderava, ma con il tempo passa. 

La depressione, invece, è un problema di salute mentale che agisce per lungo periodo sull’umore di chi ne soffre, andando a modificare lo stile e la qualità della vita.

Quando non ci si sente bene è lecito chiedersi se si è tristi o depressi. Capire questo aiuta ad affrontare il problema. 

Vuoi iniziare il tuo percorso di psicoterapia adesso?

Compila il questionario Serenis e scopri il terapeuta più adatto a te

Primo colloquio gratuito

Sedute online

Il servizio di psicoterapia meglio recensito in Italia

Inizia il questionario

Non sempre è facile farlo autonomamente, perché non sempre il confine tra le due emozioni è così netto e comprensibile. In quel caso potrebbe essere un ottimo supporto parlarne con uno o una psicoterapeuta che aiuti a capire le differenze, a dare un nome a ciò che si prova e, soprattutto, a trovare il percorso migliore per superarlo.

Quindi, se ti senti molto giù, se non hai voglia di vedere altre persone o di fare nulla, e ti senti così da un  po’, confrontarti con uno o una psicoterapeuta può essere utile per iniziare a stare meglio.

Tristezza: cosa si intende

A tutte le persone è capitato di pensare “mi sento triste, con questo termine si intende uno stato d’animo derivante da qualcosa. Potrebbe essere stato causato da una delusione, da un evento improvviso e doloroso o da una situazione dalla quale sembra di non poterne uscire.

Ma la tristezza ha un tempo determinato: non dura troppo a lungo, si supera. Ed è proprio il fatto di avere avere un inizio e una fine, e di non durare non troppo lungo, a renderla diversa dalla depressione. Esistono anche altre differenze, che possono essere la cartina tornasole di ciò che si prova.

Tristezza: cosa si intende

Se sei triste potresti sentirti afflitto, ma questa emozione può essere trattata e superata agendo anche autonomamente con dei piccoli cambiamenti nelle abitudini. Magari all’inizio potrebbe sembrare molto difficile, ma nel lungo periodo, noterai miglioramenti fino a ritornare a sentirti come prima.

In cosa consiste la depressione: definizione

La depressione è una malattia che perdura nel tempo. Oltre a far stare male chi ne soffre, ha conseguenze sul suo stile di vita, sui rapporti, sui legami. Tecnicamente si chiama disturbo depressivo maggiore e raggruppa al suo interno una serie di sintomatologie diverse, che sono state identificate e raccolte all’interno del Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM 5).

Ci sono tanti tipi diversi di depressione, ad esempio la depressione post partum o la depressione ansiosa, scatenati da ragioni diverse, tra le quali anche altre patologie psicologiche o fisiche. La multifattorialità di questa patologia la rende molto diverso caso per caso. Inoltre non va dimenticato che c’è anche una ragione genetica: uno studio (F. Rice, G. Harold; A. Thapar, 2002), ha rilevato come il 76% delle persone con un o una parente con sintomi depressivi, rischia di sviluppare la stessa problematica. 

In cosa consiste la depressione: definizione

Una persona depressa, in genere, potrebbe presentare alcuni di questi sintomi:

  • tristezza cronica: nessuno e niente riescono ad alleviare quella sensazione che perdura per lungo tempo;
  • stanchezza: ci si sente sempre affaticati, stanchi e svogliati;
  • anedonia: le cose che prima piacevano, ora non regalano più alcuna emozione positiva;
  • ipersonnia o insonnia: la qualità del sonno cambia, la persona dorme troppo o non riesce a dormire;
  • riduzione delle interazioni sociali: si smettono di vedere o sentire le persone, e non ci si prende cura di sé;
  • pensieri di morte o di suicidio: chi è depresso potrebbe pensare troppo a queste due cose.

Test per capire se sei depresso

Ci sono tantissimi test per capire se sei depresso, che variano in base all’età. Il più noto è il Beck Depression Inventory (l’ultimo è il BDI – II), strutturato in 21 domande a risposta multipla, per capire e misurare il livello di depressione. Questo può essere somministrato a partire dai 13 anni di età.

Un altro questionario è la Scala di Hamilton (HRSD), la cui ultima revisione risale al 1980. Naturalmente solo un o una professionista potrà fare una diagnosi veritiera di depressione.

Scopri se soffri di depressione

Fa il test in 5 minuti e scopri il tuo livello di depressione

Test sulla Depressione

In genere lo o la psicoterapeuta potrebbe fare alcune domande per capire come si sente la persona che prova tristezza o depressione, potrebbe anche chiedere dei sintomi e come sono strutturate le giornate. Inoltre potrebbero essere richiesti degli esami.

5 importanti differenze tra tristezza e depressione

Qual è la differenza tra tristezza e depressione? Ci sono importanti differenze per distinguere le tristezza dalla depressione, perché come abbiamo detto la prima è un’emozione, contraria alla felicità, mentre la seconda è un disturbo mentale. Entrambe possono essere superate e curate, ma è necessario che prima vengano distinte l’una dall’altra.

Ecco le cinque importanti differenze tra tristezza e depressione.

  • Tempo: chi soffre di depressione vive questa condizione molto a lungo, almeno fino a quando non interviene con una cura mirata e affrontando il problema con la psicoterapia. Chi è triste, invece, proverà questa sensazione solamente per un tempo definito. 
  • Altre emozioni: la depressione non permette di essere felici, chi deve convivere con questa patologia non troverà motivi per sentirsi meglio. Diversamente chi è triste può provare momenti di gioia, quando capita una cosa bella, e riesce a sorridere se fa qualcosa che gli piace. 
  • Pensieri suicidi: chi è triste non arriverebbe a pensare di mettere fine alla propria vita, cosa che invece può capitare di provare una persona che soffre di depressione.
  • Malattie: ci sono alcune patologie (psicologiche o fisiche) che possono causare la depressione. Certo capita anche di sentirsi tristi quando si sta male a lungo, ma è una correlazione di tipo diverso.
  • Cure: se per la depressione è necessario l’intervento dello o della psicoterapeuta, e se necessari, dei farmaci antidepressivi suggeriti dal medico curante o dallo psichiatra, per la tristezza potrebbero bastare delle modifiche dello stile di vita per sentirsi meglio e superarla. Queste strategie di coping (strategie per affrontare le emozioni) sono utili anche per chi soffre di depressione, ma non sono risolutive.
TristezzaDepressione
risposta emotiva a eventi negativiproblema di salute mentale
ha un tempo determinato, si superapersiste nel tempo, modifica lo stile di vita e le relazioni
deriva da situazioni specifichepuò derivare da varie cause, incluse patologie psicologiche o fisiche
può essere affrontata autonomamenterichiede spesso l’intervento di uno psicoterapeuta e talvolta farmaci
Differenza tra tristezza e depressione

Come superare la tristezza e depressione

Sia la tristezza che la depressione possono essere superate, rivolgendosi a del personale preparato. La prima cosa da fare quindi, è parlarne con uno o una psicoterapeuta che potrà distinguere la natura del tuo malessere.

Da soli, però, si può già lavorare concentrandosi su modifiche della vita quotidiana che aiutano ad alleviare il malessere:

  • compagnia: stare con gli altri aiuta molto, anche se non si ha voglia;
  • sport: l’attività fisica è un’alleata per sentirsi meglio;
Come superare la tristezza e depressione
  • fare cose che piacciono: che sia guardare un film o una serie tv, o qualsiasi altro hobby, occupare il tempo con attività gradevoli allenta la morsa della tristezza (e aiuta con la depressione);
  • qualità del sonno: dormire bene, e il giusto, è fondamentale per stare bene. Spegnere device elettronici, rilassarsi prima del sonno, mangiare leggero e sano, sono dei trucchi per riuscire a riposare meglio.

La depressione, invece, si cura con la terapia. Se è dovuta a ragioni di tipo fisico (come altre patologie) si dovranno trattare entrambe, quindi potrebbero essere richiesti più professionisti: oltre alla psicoterapia, potrebbe essere necessario intervenire con dei farmaci, prescritti da uno o una psichiatra.

La psicoterapia online di Serenis per tristezza e depressione

In questo blog troverai tantissimi altri articoli che parlano di salute mentale. Questo in particolare parla della differenza tra tristezza e depressione.

Se hai ritrovato un po’ di te in quello che hai letto, magari puoi pensare di aiutarti a fare chiarezza facendo psicoterapia con noi: siamo un centro medico autorizzato di psicologia online.

Il servizio è completamente online, con centinaia di psicoterapeuti e psicoterapeute (cioè hanno la specializzazione) con in media circa 10 anni di esperienza.

Tutto inizia con il desiderio di vivere una vita migliore. Noi possiamo sostenerti; Serenis è a un solo link di distanza.

Il primo colloquio è gratuito, poi 55 € a seduta, o 202 € ogni 4 sessioni..

Bibliografia e approfondimenti

Dott. Raffaele Avico

Psicologo clinico e psicoterapeuta, specializzato in psicoterapia cognitiva e sessuologia clinica. La mia formazione include anche EMDR e mindfulness. Ho un'ampia esperienza nella gestione di disturbi d'ansia, dell'umore, da stress, sessuali, e da uso di sostanze. Mi dedico in particolare al trattamento del trauma psicologico e delle dipendenze. Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822.

Questa pagina è stata verificata

I nostri contenuti superano un processo di revisione in tre fasi.

Scrittura

Ogni articolo viene scritto o esaminato da uno psicoterapeuta prima di essere pubblicato.

Controllo

Ogni articolo contiene una bibliografia con le fonti citate, per permettere di verificare il contenuto.

Chiarezza

Ogni articolo è rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e la comprensione.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Rosario Urbani

Psicoterapeuta specializzato in cognitivo comportamentale

Ordine degli Psicologi della Campania num. 6653/A

Laureato in Neuroscienze presso la Seconda Università di Napoli. Specializzato presso l’istituto Skinner in psicoterapia cognitivo comportamentale. Analista del comportamento ABA e specializzato anche nella tecnica terapeutica dell'EMDR.

reviewer

Dott.ssa Maria Vallillo

Psicoterapeuta specialista in Lifespan Developmental Psychology

Ordine degli Psicologi del Lazio num. 25732

Laurea in Psicologia presso l'Università degli Studi di Chieti. Specializzazione in psicoterapia e psicologia del ciclo di vita presso l’Università la Sapienza di Roma. Esperta in neuropsicologia e psicodiagnostica e perfezionata in psico-oncologia.