Teoria di Aaron Beck – Il suo contributo alla psicologia

Aggiornato il 10 novembre 2021

Ci sono molti individui nella storia che hanno studiato la salute mentale e sviluppato teorie basate sui loro studi. Uno di questi individui è Aaron T. Beck. È conosciuto come il padre della terapia cognitiva. Beck ha adottato un approccio diverso alla terapia per i suoi pazienti depressi, e ha aperto la porta a un nuovo modo di fare le cose. È stato nominato uno degli “Americani della storia che hanno plasmato il volto della psichiatria americana” così come uno dei “cinque psicoterapeuti più influenti di tutti i tempi”. Ha avuto un impatto duraturo sul mondo della salute mentale attraverso il suo lavoro.

Contributo di Aaron Beck alla psicologia

Aaron T. Beck ha contribuito alla crescita della psicologia cognitiva in molti modi. La sua teoria ha aperto la porta a molte nuove idee nel mondo della psicologia. Dalla sua teoria originale, molte altre teorie sono state create da altri professionisti del settore. Ma tutto è iniziato con il lavoro di Aaron Beck.

Cos’è la terapia cognitiva?

Prima di immergerci nelle credenze e nei dettagli della teoria di Aaron Beck, è importante capire cosa significa la teoria cognitiva. Attraverso il suo lavoro, Beck si convinse dell’impatto che i pensieri hanno su un individuo. Ha sviluppato una terapia cognitiva che si concentra sul modo in cui una persona sta pensando. Si occupa dei pensieri e dei comportamenti delle persone e dell’impatto che hanno su di esse. Invece di concentrarsi sul lavoro a ritroso nel passato e nell’infanzia di una persona, la terapia cognitiva si concentra sui pensieri che la persona sta avendo al presente.

Durante il suo lavoro come psichiatra, Beck ha cominciato a vedere che i suoi pazienti depressi tendevano ad avere pensieri negativi. Questo è ciò che lo ha messo sulla strada per scoprire come i pensieri di una persona influenzano il loro comportamento.

uomo felice in strada

Fonte: unsplash.com

Beck credeva che se si poteva sfidare il pensiero negativo della persona e sostituirlo con pensieri migliori, si poteva avere un impatto positivo sulla salute dell’individuo. Mentre questo lavoro è iniziato con i pazienti depressi, ha scoperto che ha avuto successo nell’aiutare anche molti altri problemi. Per esempio, la terapia cognitiva è ora usata per aiutare i disordini alimentari, l’abuso di sostanze, l’ansia, la rabbia, la depressione e la solitudine.

Qual era la differenza?

Non è che la gente non sapesse che le persone con la depressione avevano pensieri negativi, è in quale ordine venivano. Beck credeva che quando qualcuno permetteva ai propri pensieri di essere negativi, questo portava alla depressione. Credeva che i pensieri, i sentimenti e il comportamento fossero tutti collegati insieme. Quando qualcuno pensava negativamente, poi si sentiva male, il che li portava a comportarsi male. Poi, diventa un ciclo. Quando la persona agisce male, ha esiti negativi alle situazioni che la inducono ad avere più pensieri negativi.

Beck ha visto che il modo per rompere questo ciclo era in realtà cambiando i pensieri prima di concentrarsi sul cambiamento del comportamento. Credeva che se una persona lavora sulla correzione dei propri pensieri, alla fine vedrà che i suoi sentimenti e il suo comportamento cambieranno a causa di ciò.

Come funziona

Beck credeva anche che le persone depresse avessero la tendenza a guardarsi intorno per individuare le cose che sostengono ciò che i loro pensieri negativi dicono loro. Così, invece di vedere qualcosa di buono che stava accadendo intorno a loro, si concentravano solo sul negativo. Per cambiare questo comportamento, bisogna cambiare il pensiero originale che lo porta.

La sua teoria si basava sull’idea che questi pensieri negativi erano automatici per i suoi clienti. Non sceglievano di pensarli, ma non sceglievano nemmeno di sfidare il pensiero per vedere se era vero. Stavano pensando a qualsiasi pensiero gli venisse in mente. Beck credeva che le persone con maggiori probabilità di lottare con la depressione avessero pensieri diversi da quelli che non li avevano. Pertanto, ha concluso che se si cambiano i pensieri, si cambia anche il comportamento.

donna felice in mezzo a piante

Fonte: unsplash.com

Il primo passo per cambiare il tuo pensiero è scoprire quali pensieri negativi e sbagliati stai avendo. Poi, la terapia cognitiva lavora per aiutare a identificare gli schemi di pensiero che sono stabiliti nella mente di una persona. Questi schemi portano a pensieri distorti che portano a sentimenti e comportamenti indesiderabili. Quando gli schemi e i pensieri sono stati identificati, l’individuo impara le abilità per cambiare i pensieri.

Ai clienti che si sottopongono alla terapia cognitiva viene insegnato come identificare la differenza tra i loro pensieri e la realtà. Imparano quanto siano importanti i loro pensieri e a controllarli. La terapia includerà anche la ricezione di compiti a casa che sfidano le credenze e i comportamenti del cliente. Per esempio, può richiedere che il cliente si metta in una situazione sociale che normalmente eviterebbe. Mentre fanno i compiti, si concentrano sul mettere in pratica le loro nuove abilità.

Temi di credenze disfunzionali

Beck credeva che ci fossero tre tipi principali di credenze disfunzionali, o pensieri, che le persone depresse sperimentano. Infatti, credeva che questi pensieri dominassero il pensiero di qualcuno che lotta con la depressione.

  1. “Sono difettoso o inadeguato”. Quando le persone sono depresse, tendono a personalizzare tutto ciò che accade loro. Credono che la ragione per cui gli accadono cose negative è che sono inadeguati o difettosi. Così, invece di vedere che ci può essere una causa esterna di una situazione, interiorizzano la situazione. È successo perché c’è qualcosa di sbagliato in loro.
  2. ” Tutte le mie esperienze risultano in sconfitte o fallimenti”. Questo tipo di pensiero mantiene una persona che lotta con la depressione in questo stato ancora più a lungo. Non vogliono provare qualcosa di nuovo o cercare di ottenere l’aiuto di cui hanno bisogno perché falliscono in ogni cosa che fanno. Se stanno per fallire comunque, allora perché provare sarebbe una domanda che si pongono.
  3. “Il futuro è senza speranza”. Beck credeva che quando qualcuno soffre di depressione è consumato dal pensiero che il futuro è senza speranza. Quando si guardano i primi due tipi di pensieri, avrà senso perché qualcuno pensi in questo modo dopo un po’.

Beck ha chiamato questi tre tipi di pensieri disfunzionali la Triade Cognitiva Negativa. La sua teoria è che se qualcuno ha questi tre tipi di pensieri è probabile che sperimenti la depressione o sia già depresso.

Inventario della depressione di Beck

Aaron T. Beck ha anche creato il Beck Depression Inventory. L’inventario è un semplice questionario che gli individui possono usare per valutare 21 diversi elementi che possono portare alla depressione. Questi elementi includono cose come senso di colpa, difficoltà lavorative, insonnia, cambiamento nell’immagine del corpo, perdita della libido, pessimismo, autodisprezzo, senso di fallimento e umore.

Una persona passa attraverso il questionario sceglie come si sente per ogni area e riceve un punteggio. Stabilisce quale gamma è la sua risposta alla domanda. Ecco un esempio:

0 – Non mi sento deluso di me stesso
1 – Sono deluso di me stesso
2 – Sono disgustato di me stesso
3 – Mi odio

Dopo aver completato ogni sezione, sommano i loro punti per vedere in quale fascia rientrano. Il punteggio più basso indica che la persona sta provando sentimenti normali. E, punteggi più alti indicano che sarebbe saggio per la persona cercare aiuto da un professionista perché potrebbe soffrire di depressione grave. Gli individui possono usarlo per determinare se stanno soffrendo di un problema di depressione. È uno strumento affidabile per aiutare le persone a capire che potrebbero aver bisogno di aiuto. Tuttavia, non dovrebbe essere usato per l’autodiagnosi, semplicemente una risorsa per assistere nel processo.

uomo che scrive

Fonte: unsplash.com

L’impatto duraturo di Aaron Beck

Senza il lavoro di Aaron Beck, così tante persone non avrebbero potuto ricevere il trattamento di cui avevano bisogno per stare bene. La sua teoria non era solo efficace, ma potente. Quando alle persone vengono insegnate le abilità di cui hanno bisogno per controllare il loro pensiero, diventano responsabili della loro salute mentale. Imparano che nei giorni in cui stanno lottando, hanno il potere di fare un cambiamento positivo nel loro processo di pensiero.

Tuttavia, ci sono alcuni che criticano le idee di Aaron Beck. Queste persone credono che la teoria ignori il fatto che una persona depressa può vivere situazioni legittimamente difficili nella vita. Essi non credono che l’insegnamento che è semplicemente il controllo dei pensieri è sufficiente per la destra ogni situazione. Ci sono molte forme di terapia, e a volte è una combinazione di esse che è la risposta per una persona.

Cercare aiuto se necessario

Indipendentemente dalla vostra convinzione sulla teoria, il punto principale di ogni teoria è che il cliente riceve l’aiuto di cui ha bisogno. Se state lottando attraverso momenti difficili e vi trovate a lottare con i vostri pensieri e la vostra salute mentale, è il momento di parlare con un terapeuta professionale ed esperto. La teoria di Aaron Beck non è stata concepita perché le persone affrontino la sfida da sole. Puoi lavorare per cambiare i tuoi pensieri, ma è comunque saggio parlare con un professionista esperto. C’è persino un terapeuta online disponibile che rende l’aiuto di cui avete bisogno veloce e conveniente.

Bibliografia e Approfondimenti


Questa pagina è stata verificata

I nostri contenuti superano un processo di revisione in tre fasi.

Scrittura

Ogni articolo viene scritto o esaminato da uno psicoterapeuta prima di essere pubblicato.

Controllo

Ogni articolo contiene una bibliografia con le fonti citate, per permettere di verificare il contenuto.

Chiarezza

Ogni articolo è rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e la comprensione.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Rosario Urbani

Psicoterapeuta specializzato in cognitivo comportamentale

Ordine degli Psicologi della Campania num. 6653/A

Laureato in Neuroscienze presso la Seconda Università di Napoli. Specializzato presso l’istituto Skinner in psicoterapia cognitivo comportamentale. Analista del comportamento ABA e specializzato anche nella tecnica terapeutica dell'EMDR.

reviewer

Dott.ssa Maria Vallillo

Psicoterapeuta specialista in Lifespan Developmental Psychology

Ordine degli Psicologi del Lazio num. 25732

Laurea in Psicologia presso l'Università degli Studi di Chieti. Specializzazione in psicoterapia e psicologia del ciclo di vita presso l’Università la Sapienza di Roma. Esperta in neuropsicologia e psicodiagnostica e perfezionata in psico-oncologia.