Come la paura dell’abbandono può influenzare una relazione

Aggiornato il 29 settembre 2021

Se lotti con la paura dell’abbandono, probabilmente sai che può portare scompiglio in una relazione. La preoccupazione costante che il tuo partner ti lasci può ironicamente allontanarlo. A volte puoi anche lasciarli solo per evitare che ti lascino. Ma non importa la causa della vostra paura dell’abbandono, avete delle opzioni per ottenere aiuto. Sei una persona intera degna di amore e affetto, e dovresti essere in grado di godere di un’intimità significativa senza il sabotaggio della paura. Questo articolo ti aiuterà a capire meglio come la paura dell’abbandono può influenzare una relazione e come andare avanti.

CoppiaFonte: unsplash.com

Come superare la paura dell’abbandono

La paura dell’abbandono di solito inizia nell’infanzia, quindi è comprensibile che andare oltre possa richiedere del lavoro. La buona notizia è che, se si arruola l’aiuto adeguato e si fanno i passi giusti, si apriranno gli occhi su un modo di pensare completamente nuovo, che può portare a relazioni sane e durature.

Il primo passo è riconoscere i vostri problemi. Una volta che conoscete il mostro che state combattendo, potete armarvi di conseguenza. Ci sono diversi passi che potete fare per sconfiggere la paura dell’abbandono. Alcuni esempi sono ricostruire la tua fiducia, imparare a fidarti di nuovo e lasciar andare il passato.
Parleremo meglio di questi suggerimenti più avanti nell’articolo.

La paura dell’abbandono è un problema diffuso

La paura dell’abbandono ti deruba della tua pace interiore e rende difficile prosperare in una relazione. Anche se incontri la persona più dedicata, ti sentirai isolato. Ma non siete soli. La maggior parte di noi può riferirsi a questa sensazione e ha dovuto affrontarla in un momento o nell’altro.

Per coloro che permettono alla paura di prendere il controllo della loro vita, c’è speranza. Con l’aiuto della terapia e un po’ di pazienza, molte persone hanno scoperto l’amore e la vita ritrovati. Se sei disposto ad utilizzare gli strumenti e a lasciare che qualcuno ti aiuti, anche tu potrai fare questa esperienza!

Cos’è la paura dell’abbandono e cosa significa?

La paura dell’abbandono spesso deriva dalla preoccupazione che una persona cara ci lasci. Questa preoccupazione può essere causata da cure fisiche ed emotive inadeguate durante l’infanzia. Se avete avuto un genitore che ha abbandonato la vostra famiglia quando eravate piccoli, avete visto in prima persona il danno che l’abbandono può causare. Colpisce l’intera famiglia, la madre e i figli, e fa saltare l’equilibrio della casa. Questi bambini sviluppano una sfiducia negli adulti. La paura dell’abbandono cresce quando cominciano a preoccuparsi di chi potrebbe essere la prossima persona che li lascerà.

La tua paura dell’abbandono potrebbe impedirti di formare legami di fiducia. Potreste iniziare a sentirvi come se foste incapaci di essere amati, e questo a sua volta influenzerebbe negativamente la vostra autostima e immagine di voi stessi. Poi, con una bassa autostima unita a un’infanzia difficile, potresti sviluppare questa paura dell’abbandono e la paura di passare il resto della tua vita da solo.

Come influirà questa paura sulle mie relazioni?

Si potrebbe pensare che questa paura si dissolva in presenza di una relazione impegnata, ma di solito non è così. Queste paure possono manifestarsi in modi in cui la persona crede fermamente che il suo partner la lascerà e che è solo una questione di quando, non di se. Così, vivono ogni giorno preoccupandosi di essere abbandonati e di non essere in grado di dare tutto se stessi alla loro relazione. Accusano i loro partner di tradirli o di fare tentativi per lasciarli. Si sentono come se non potessero fidarsi della parola del loro partner, perché la loro fiducia è stata tradita da altri in passato.

Tuttavia, questo crea una spaccatura tra loro e il loro partner e renderà la profezia auto-avverante. Vivendo come se la loro relazione stesse finendo, mettono fine alla relazione. Di solito non vedono come hanno contribuito alla fine della loro relazione. Semplicemente credono di essere “condannati” in una relazione, di essere “non amabili” e che tutti nella loro vita li lasciano senza spiegazioni. Perciò, senza avere questa visione, i problemi in questione non saranno corretti e passeranno alla prossima relazione e le lotte continueranno.

Coppia che cammina
Fonte: unsplash.com

Questo può influenzare altre relazioni?

La risposta è sì. La maggior parte delle persone che hanno paura dell’abbandono non hanno questa paura solo con un partner romantico. Potrebbe anche manifestarsi con genitori, amici e figli. Di solito, queste paure si sviluppano durante l’infanzia di una persona. Spesso, c’è un genitore assente dalla casa o può lasciare la casa improvvisamente e senza preavviso. Quando questo accade, il bambino si sente abbandonato dal genitore. Tuttavia, se questo genitore va e viene per tutta la vita del bambino, questi potrebbe non fidarsi del fatto che il genitore rimarrà nei paraggi.

In fretta e furia si arriva all’adolescenza, e si ha qualcuno con il potenziale di essere un amico molto appiccicoso. Potrebbero voler essere sempre intorno ai loro amici e arrabbiarsi se il loro amico si fa un nuovo amico per paura di essere lasciato indietro. Se l’amico conosce la storia della sua famiglia, può capire questo attaccamento, ma può anche diventare fastidioso. Se questo è il caso, potrebbero cessare l’amicizia. Questo diventerebbe allora una perdita e, per quell’adolescente, rafforzerebbe ulteriormente le sue paure. Senza avere la consapevolezza di come hanno contribuito a quella perdita, il ciclo continuerà.

Una volta in età adulta, entrano ed escono dalle relazioni a causa delle loro paure di abbandono. Diventano coinvolti con una persona di cui hanno difficoltà a fidarsi e che pensano li abbandonerà. Temono l’intimità e hanno paura di amare. Senza essere in grado di ricambiare i sentimenti, il loro partner se ne va. Continuano ad evitare la responsabilità per la caduta di un’altra relazione e il ciclo continua. Sfortunatamente, questo può continuare per tutte le relazioni nella vita di una persona fino a quando finalmente si rende conto di come può contribuire a questo ciclo di “tutti” che la lasciano. È vero, non possono controllare i comportamenti del loro genitore, ma riconoscere che è qui che questi sentimenti sono iniziati, e che non hanno bisogno di continuare è la chiave. Una volta realizzato questo, la ricostruzione può iniziare e possono vivere una vita felice e sana con un partner per tutta la vita.

Come posso avere una relazione duratura?

Il primo passo per godersi la vita con qualcuno è riuscire a schiacciare la paura che lui ti lasci. È molto più facile a dirsi che a farsi. Tuttavia, deve essere fatto. Devi ricostruire la tua fiducia, sia in te stesso che nelle tue relazioni. Dovete essere in grado di capire che siete, di fatto, amabili e degni d’amore.

Coppia innamorataFonte: unsplash.com

Migliorando la tua autostima, imparerai a capire che meriti amore e hai bisogno di trovare qualcuno che sia degno del tuo amore. Solo così riuscirai a sentirti come se dovessi avere una relazione impegnata. Questo potrebbe non essere qualcosa che puoi fare da solo.

Il prossimo passo è difficile. Dovete essere in grado di fidarvi. Per alcune persone, questa è una lotta enorme, specialmente se la loro fiducia nelle persone è stata tradita in passato. Tuttavia, ogni nuova persona nella nostra vita vale un nuovo sforzo. Non possiamo punirli per gli errori commessi da qualcun altro. Invece di vivere ogni giorno aspettando che ti lascino, fai tutto lo sforzo possibile per cercare di tenerli nella tua vita.

Questo non significa che dovete sopportare azioni che sono abusive o che vi fanno sentire a disagio. Ma piuttosto, non impostare la vostra relazione sul fallimento prima che abbia veramente avuto la possibilità di iniziare. Come detto sopra, utilizzare terapisti autorizzati è un modo ideale per affrontare questi problemi. La terapia può essere sia individuale con un terapeuta, sia di coppia per costruire il vostro rapporto.

Sono condannato?

Certo che no! In qualsiasi momento, chiunque può cambiare. Può accadere anche senza il supporto e la guida di un professionista, ma non sarà facile, ed è per questo che si raccomanda l’aiuto di un professionista.
Una volta che avrai lasciato andare quella paura, ti sentirai come se un grosso peso fosse stato tolto dal tuo petto, e ti ritroverai a cercare quelle relazioni che vorresti durassero tutta la vita. Crederai con tutto il cuore di meritare quell’amore, e sarai in grado di lavorare per rafforzare quella relazione, piuttosto che sabotarla con la paura.

Conclusione

Per chiunque stia lottando con la paura dell’abbandono, la strada verso la libertà può sembrare scoraggiante. Ma con la giusta guida e un po’ di fede, puoi lasciare tutti i tuoi problemi nel passato. Non devi vivere nella paura per un altro secondo. Fai il primo passooggi.


Due parole sul nostro processo di revisione

I video, i post e gli articoli non possono sostituire un percorso di supporto psicologico, ma a volte rappresentano il primo o l'unico modo per interpretare un problema o uno stato d'animo. Per i contenuti del nostro blog che trattano argomenti legati a sintomi, disturbi e terapie, abbiamo deciso di introdurre un processo di revisione fondato su tre principi.

Gli articoli devono essere approfonditi

La prima stesura è fatta da uno/una psicoterapeuta con almeno 2.000 ore di esperienza clinica.

Gli articoli devono essere verificati

Dopo la prima stesura, le informazioni e le fonti vengono esaminate da un altro o da un'altra professionista.

Gli articoli devono essere chiari

L'articolo viene rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e l'assimilazione dei concetti.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Luca Barbieri

Psicologo clinico di Milano

Ordine degli Psicologi della Lombardia num. 23251

Psicologo clinico. Ha una laurea in scienze psicologiche e una in psicologia criminologica e forense. Sta svolgendo il percorso di specializzazione in psicoterapia presso l'istituto CIPA di Milano.

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Si occupa di divulgazione scientifica e comunicazione scritta e video in ambito di salute mentale, psicologia e psichiatria. E' membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo Studio del Trauma e della Dissociazione).