Ashwagandha e depressione: un valido rimedio naturale?

Aggiornato il 30 settembre 2021

uomo girato verso il sole

La depressione è più che sentirsi tristi, può influenzare il lavoro, le relazioni, la famiglia e la vita quotidiana di una persona. Cercare di superare la depressione da soli, senza medicine o terapia, può essere difficile. Anche così, molte persone si preoccupano dei potenziali effetti collaterali dei farmaci da prescrizione e sono riluttanti a prendere farmaci antidepressivi. Invece, possono cercare opzioni olistiche quando possibile.

Un rimedio naturale noto come ashwagandha sta guadagnando molta trazione ultimamente. Ashwagandha è stato propagandato come un possibile trattamento per la depressione, ma funziona abbastanza bene per sostituire i farmaci antidepressivi? Mentre l’ashwagandha potrebbe non essere efficace come gli antidepressivi, mostra qualche promessa in diverse aree chiave. Questo articolo farà un po’ di luce su ciò che è l’ashwagandha e come può giocare un ruolo nel tuo piano di trattamento.

Cos’è l’Ashwagandha e cosa può fare?

Prima di andare avanti, è utile capire di più sulla pianta di ashwagandha stessa. L’ashwagandha, chiamata anche ginseng indiano, uva spina, o ciliegia invernale, è un arbusto perenne con piccoli fiori a forma di campana e frutti rosso-arancio.

Per secoli, la gente ha usato il gambo e le bacche della pianta di ashwagandha per fare medicine per trattare una varietà di disturbi, tra cui ansia, artrite, asma, singhiozzo e molto altro. L’erba medica è comunemente usata nell’Ayurveda, il sistema di medicina alternativa che ha avuto origine in India.

Negli Stati Uniti, l’estratto di ashwagandha è venduto nei negozi di salute di tutto il paese, soprattutto a causa dei benefici anti-ansia della pianta. Ashwagandha è un adattogeno, il che significa che supporta la capacità naturale del corpo di combattere lo stress. L’estratto di radice di Ashwagandha, più specificamente, è usato per aiutare a ridurre i livelli di cortisolo. Il cortisolo è un ormone dello stress e avere troppo cortisolo può portare all’ansia. Poiché riduce in modo affidabile i livelli di cortisolo, l’ashwagandha è un’opzione naturale utile che può aiutare chi soffre di ansia lieve.

Se stai sperimentando problemi di insonnia, allora potrebbero essere collegati a livelli di stress elevati. L’ashwagandha è stata usata anche come aiuto per il sonno. Infatti, il nome della pianta -omnifera- significa “indurre il sonno” in latino. Parla con il tuo medico per determinare se l’assunzione di ashwagandha potrebbe aiutare a ridurre lo stress e a facilitare l’addormentamento.

Integratori alimentari contenenti ashwagandha sono anche ampiamente venduti negli Stati Uniti, ma le prove sulla loro efficacia in questo campo sono carenti. Allo stesso modo, consulta il tuo medico o il tuo medico di base prima di prendere in considerazione l’ashwagandha.

Questa pianta ha anche un forte odore

Sia l’ashwagandha che l’estratto di ashwagandha sono abbastanza potenti e potrebbero essere molto sgradevoli per le persone che sono sensibili agli odori. Per darvi un’idea dell’odore dell’erba, molti hanno spesso paragonato l’odore della pianta a quello di un cavallo. Infatti, il nome ashwagandha deriva da due parole in sanscrito che significano rispettivamente “cavallo” e “odore”. In passato, alcuni pensavano che la pianta potesse darti la stessa forza e virilità di un cavallo. Se non riesci a superare l’odore, allora questo potrebbe non essere il rimedio ideale per te.

Non è chiaro se l’Ashwagandha aiuti la depressione

Anche se alcune ricerche come questo studio in doppio cieco suggeriscono che l’ashwagandha può aiutare a risolvere problemi di ansia minori, sono necessarie più prove per determinare se è anche un’opzione efficace per trattare specificamente la depressione. Le affermazioni che l’ashwagandha può trattare la depressione sono semplicemente aneddotiche a questo punto.

Considera di parlare con il tuo medico se l’erba medicinale è giusta per te. Essi saranno in grado di determinare eventuali rischi data la tua storia medica e confrontare l’utilità dell’ashwagandha rispetto agli ansiolitici e ad altri farmaci. Consulta sempre il tuo medico o il tuo medico di base prima di considerare qualsiasi opzione farmacologica.

Altre cure naturali per la depressione

Mentre la comunità medica conduce ulteriori ricerche su come l’ashwagandha influisce sulla depressione, la buona notizia è che ci sono opzioni di trattamento efficaci facilmente disponibili che non richiedono farmaci. Considera di provare questi approcci per migliorare il tuo umore.

  • Prima di tutto, il rilassamento è un modo per gestire la depressione. Il rilassamento ti aiuta a rilassarti, e questo migliorerà il tuo umore in generale. Il rilassamento ti aiuterà a dormire bene.
  • Esercitatevi regolarmente. Le passeggiate, lo yoga o altre forme di movimento o di allenamento aumentano il livello di dopamina nel cervello, che successivamente solleva l’umore. Evita gli esercizi faticosi come la corsa che potrebbero sfinirti rapidamente.
  • Fate qualcosa che vi piace fare. Puoi evitare di stare da solo o di perdere interesse in attività precedentemente piacevoli. Invece, si può lavorare per farle sentire di nuovo divertenti. Vai in spiaggia, leggi un libro, vai a cena, fai dei dolci, ecc. Con il tempo, amerai di nuovo le tue attività preferite.
  • Accetta le responsabilità. La depressione può volere che tu ti isoli e ti allontani dalle responsabilità al lavoro e a casa. Tuttavia, fare i lavori d’ufficio o le faccende domestiche può fornirti poco tempo per rimuginare su pensieri preoccupanti.
  • Stabilire una routine. Per qualche motivo, la depressione potrebbe portarti via i tuoi piani giornalieri ben strutturati. Stabilire una routine quotidiana delle cose che ti piace fare ogni giorno e attenersi ad essa può aiutare a gestire la depressione.
  • Parlare con qualcuno. Cercare aiuto non è mai un segno di debolezza, e questo è di solito sottovalutato. Parlare con qualcuno può essere di grande aiuto per riprendersi dai momenti di depressione. A Serenis, i professionisti sono ben preparati per aiutare in questi momenti difficili.
  • Avere un gruppo di sostegno. Incontrare persone e condividere la propria esperienza può aiutare nel cammino verso il recupero. Avere una persona di fiducia con cui condividere il tuo momento difficile è un buon modo per guarire rapidamente.

Cerca un trattamento tradizionale se ti senti depresso

Come già detto, cercare il supporto di un professionista medico può essere un modo meraviglioso per alleviare lo stress della depressione e sviluppare un piano d’azione verso il benessere a lungo termine. Se stai attraversando un periodo di depressione, considera la possibilità di contattare il tuo medico per discutere della tua salute. Il tuo medico sa come trattare la depressione e può fare una diagnosi corretta. Il medico potrebbe suggerire l’uso di alcuni farmaci antidepressivi, oppure, potrebbe suggerire di arruolare l’aiuto di un terapeuta esperto. Ottenere il giusto trattamento rende la convivenza con la depressione più facile, e sarete in grado di affrontare molto meglio.

Quando hai il giusto sistema di supporto, la depressione ti sembrerà molto più gestibile.

La terapia online è ottima per aiutare ad alleviare i sintomi della depressione

La terapia è un ottimo strumento per alleviare i sintomi della depressione ed è un ottimo punto di partenza. Uno studio del Journal Nature ha scoperto che la terapia cognitiva è efficace quanto i farmaci antidepressivi quando si tratta di trattare la depressione e può portare a risultati più duraturi. La ricerca suggerisce che i pazienti che sono trattati per la prima volta attraverso la terapia possono imparare strategie ripetibili e abilità con il potenziale di alterare le credenze su se stessi, strumenti che possono impiegare molto tempo dopo la fine del trattamento basato sui farmaci.

Se vi sentite in apprensione per l’idea di rivolgervi ad un terapeuta o siete preoccupati di sottrarre tempo al lavoro per recarvi ad un appuntamento terapeutico, la terapia online è un’opzione conveniente. I terapeuti di Serenis sono pienamente autorizzati, il che significa che puoi fidarti del fatto che sono in buona posizione all’interno della comunità medica e leader rispettati nei loro campi, aiutando le persone con sintomi di depressione, problemi di ansia, e molto altro. Hanno esperienza nell’esplorare le opzioni di trattamento focalizzate sulla psicoterapia (talk therapy) per aiutare a cambiare i comportamenti e superare le difficoltà, spesso senza il bisogno di una prescrizione. E poiché i terapeuti di Serenis sono a portata di clic, sono disponibili quando ne hai più bisogno.

Conclusione

Se stai attraversando un periodo di depressione, considera la possibilità di lavorare con un terapeuta online oggi. Insieme potete sviluppare un piano di trattamento che abbia senso per la vostra situazione e che vi aiuti a gestire la vostra depressione in un modo che si senta giusto per voi.


Due parole sul nostro processo di revisione

I video, i post e gli articoli non possono sostituire un percorso di supporto psicologico, ma a volte rappresentano il primo o l'unico modo per interpretare un problema o uno stato d'animo. Per i contenuti del nostro blog che trattano argomenti legati a sintomi, disturbi e terapie, abbiamo deciso di introdurre un processo di revisione fondato su tre principi.

Gli articoli devono essere approfonditi

La prima stesura è fatta da uno/una psicoterapeuta con almeno 2.000 ore di esperienza clinica.

Gli articoli devono essere verificati

Dopo la prima stesura, le informazioni e le fonti vengono esaminate da un altro o da un'altra professionista.

Gli articoli devono essere chiari

L'articolo viene rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e l'assimilazione dei concetti.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Luca Barbieri

Psicologo clinico di Milano

Ordine degli Psicologi della Lombardia num. 23251

Psicologo clinico. Ha una laurea in scienze psicologiche e una in psicologia criminologica e forense. Sta svolgendo il percorso di specializzazione in psicoterapia presso l'istituto CIPA di Milano.

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Si occupa di divulgazione scientifica e comunicazione scritta e video in ambito di salute mentale, psicologia e psichiatria. E' membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo Studio del Trauma e della Dissociazione).