body ▲ Select Parent Subselection ▼

Perché sono così arrabbiato? 5 motivi per cui le persone provano rabbia e collera

“sono sempre arrabbiata”. Scopri le cause e gli impatti della rabbia e impara a gestirla in modo sano attraverso cambiamenti nello stile di vita e l’identificazione dei fattori scatenanti. Esplora i diversi tipi di rabbia e ricevi consigli su come affrontarli efficacemente, incluso l’aiuto professionale quando necessario.

Ti arrabbi facilmente e ti ritrovi a sentirti arrabbiato più spesso di quanto probabilmente dovresti? Se è così, allora sei come milioni di persone che hanno a che fare con problemi di rabbia e aggressività. La rabbia è una reazione naturale che ci dice quando qualcosa non è giusto. Quando è vissuta in eccesso, tuttavia, la rabbia irrisolta può provocare problemi di salute tra cui depressione, ansia, pressione alta, malattie cardiache e altro. È importante affrontare la rabbia in modo sano prima che possa danneggiare voi o coloro che amate. Questo articolo coprirà le diverse ragioni della rabbia e gli strumenti che puoi usare per gestire la tua rabbia in modo sano e produttivo.

Perché mi sento così arrabbiato?

La rabbia può essere causata da molte cose diverse e può essere scatenata da un’ampia varietà di circostanze a seconda dell’individuo. Alcune ragioni per la rabbia possono includere:

  • essere mancato di rispetto o trattato ingiustamente;
  • sentirsi violato, minacciato o attaccato;
  • essere spaventati o feriti fisicamente;
  • essere interrotti quando si sta cercando di raggiungere un obiettivo;
  • sentirsi impotente o senza speranza;
  • alti livelli di stress o ansia;
  • mancanza di sonno.

Vuoi iniziare il tuo percorso di psicoterapia adesso?

Compila il questionario Serenis e scopri il terapeuta più adatto a te

Primo colloquio gratuito

Sedute online

Il servizio di psicoterapia meglio recensito in Italia

Inizia il questionario

Tratteremo queste ragioni in modo più dettagliato più avanti nell’articolo. Se ti interessa scoprire il ciclo della violenza, ti consigliamo questo approfondimento.

Cosa posso fare?

Le persone possono sentirsi arrabbiate per una varietà di motivi: spesso lottano per regolare le loro emozioni e controllare potenziali scoppi. Molti individui che soffrono di rabbia inspiegabile non sono sicuri di cosa causi la loro rabbia o di come risolverla.

Mentre più di un terzo delle persone conosce qualcuno che ha difficoltà a controllare la rabbia, ci sono strumenti che molte persone usano per controllare con successo le loro emozioni volatili e affrontare positivamente i sentimenti di rabbia. I trattamenti per la rabbia possono includere cambiamenti nello stile di vita (come l’esercizio fisico), riconoscere e rispondere ai fattori scatenanti, farmaci per disturbi della rabbia, terapia per aiutare a capire e controllare le emozioni estreme e meditazione.

Come mostriamo la rabbia?

Oltre a sperimentare la rabbia in modo diverso, le persone possono esprimere la rabbia in modi molto diversi. Alcune persone potrebbero “scattare” o sfogarsi verbalmente quando si sentono arrabbiate, mentre altre potrebbero tenere le loro emozioni vicino al petto. Le espressioni comuni di rabbia possono includere:

  • gridare e urlare;
  • parolacce e minacce;
  • scagliarsi fisicamente, colpendo oggetti, persone o animali;
  • ignorare le persone;
  • diventare distanti o silenziosi;
  • infliggersi autolesionismo.

La rabbia eccessiva può essere causata da una varietà di circostanze. Anche se ognuno è diverso, ci sono tre ragioni comuni e quotidiane per la rabbia.

La tua situazione attuale: Se stai affrontando una situazione stressante, è normale provare sentimenti di rabbia o frustrazione. Specialmente quando si ha a che fare con stress e ansia prolungati, può essere difficile controllare le proprie emozioni. Dovete sapere che i vostri sentimenti sono validi. Se però scopri che la tua rabbia sta ostacolando una giornata produttiva o le tue relazioni con gli altri, allora potresti trarre beneficio da una gestione sana della tua rabbia.

Da bambino e in adolescenza, potresti aver imparato modi nocivi o improduttivi di gestire la rabbia dai tuoi genitori, dai tuoi tutori o da altri membri che hanno fatto parte della tua educazione. Riconoscere questo è un primo passo cruciale per rispondere ai fattori scatenanti della rabbia in un modo diverso, come andare a correre o fare una passeggiata, tenere un diario o ascoltare musica.

Oppure se hai vissuto eventi traumatici o stressanti, è normale sentirsi arrabbiati per la paura e la rabbia “residua”. Gli eventi traumatici possono avere un impatto duraturo sulla tua salute mentale, e non sempre ti rendi conto di come stanno influenzando il tuo comportamento attuale. Un terapeuta può aiutarti a riconoscere come gli eventi passati influenzino l’umore oggi e offrirti una guida per guarire da questi eventi.

I motivi principali della rabbia

Ora che hai una migliore comprensione di cosa sia la rabbia e di come ci si sente a essere arrabbiati, ecco cinque motivi comuni che possono causare la tua rabbia.

Preoccupazione

La preoccupazione è una delle cause più comuni per cui essere arrabbiati. Che tu sia preoccupato per te stesso o per una persona cara, la preoccupazione e persino la paura possono provocare una rabbia intensa in determinate circostanze. Se pensi che i tuoi sentimenti di rabbia possano provenire da un luogo di preoccupazione, considera quale potrebbe essere la fonte delle tue forti emozioni.

Quindi, esplora da dove vengono le preoccupazioni. Potrebbe essere il momento di chiederti perché potresti avere paura o cosa ti spaventa di più. Prova a scrivere le tue preoccupazioni. Ci sono dei passi che potresti fare per affrontarle? Se sei preoccupato che il tuo partner faccia un viaggio all’estero, comunica le tue preoccupazioni al partner in modo aperto, onesto e gentile. Una volta che avrete affrontato le tue paure, non solo ti sentirai orgoglioso di te stesso, ma noterai che i sentimenti di rabbia inizieranno a svanire.

Impotenza

Un’altra causa comune di rabbia è l’impotenza. Questo sentimento è spesso associato a una perdita di controllo. Se stai soffrendo di problemi di salute, sei stato colpito in una relazione abusiva, o anche solo ti senti intrappolato, potresti sentirti particolarmente turbato.

Ogni volta che ti senti impotente, ricorda a te stesso: “Sono responsabile della mia vita. Sono degno di rispetto. Le mie capacità e abilità mi hanno portato qui oggi, e posso usarle per affrontare questa situazione negativa in modo sano. Andrò a correre per rinfrescarmi e poi tornerò a questa situazione con la mente lucida”. Se hai un problema di salute e sei frustrato dal doverlo affrontare, allora cerca di essere proattivo verso la tua condizione, per conoscere al meglio come trattarla o conviverci, oppure trova il modo di lasciare una situazione abusiva. Se ti senti come se stessi perdendo il controllo della tua vita, allora potresti voler considerare di cercare un aiuto professionale o una guida su come fare attuare dei cambiamenti.

Ansia

Anche se l’ansia e la rabbia potrebbero sembrare due diversi problemi di salute mentale, sono spesso profondamente intrecciati. Coloro che soffrono di ansia spesso si sentono sopraffatti e sperimentano reazioni emotive fuori controllo. Di fronte a circostanze difficili, le persone con ansia possono cercare di esprimere il loro stress e la loro frustrazione attraverso la rabbia.

La buona notizia è che ci sono alcuni metodi di trattamento positivi per affrontare l’ansia. Alcuni modi per affrontare l’ansia in modo sano includono la ricerca di un aiuto professionale, impegnandosi in attività piacevoli, riducendo i fattori di stress nella vostra vita, prendendo un animale domestico, provando farmaci sotto la guida di un professionista, o la meditazione.

Eventi passati o traumi

Un’esperienza traumatica o dolorosa può avere effetti duraturi, anche se si pensa di aver superato l’evento. I ricordi di traumi passati possono scatenare ansia, frustrazione e persino sfoghi. Per risolvere correttamente un trauma passato, è sempre una buona idea cercare l’aiuto di un professionista. I servizi di psicoterapia possono aiutarvi a gestire le emozioni negative, a controllare la rabbia eccessiva e a sviluppare strategie per far fronte a circostanze dolorose o scatenanti.

La prossima volta che vi trovate arrabbiati per qualcosa, fermatevi e prendetevi un minuto per riflettere sulla situazione prima di reagire. Pensa: “Cosa di questa situazione mi fa sentire così?” “Cosa mi ricorda questa situazione?” Questo vi aiuterà a capire meglio la fonte della vostra rabbia e a gestire le vostre emozioni in modo appropriato.

Dolore

Il dolore è un’altra causa comune di rabbia. Un lutto ad esempio può travolgerti e causarti difficoltà e dolore. Il lutto può derivare dalla morte di amici, persone care, partner, genitori, fratelli o persino di un animale domestico. Il dolore può anche essere causato da altre difficoltà, tra cui una delusione professionale o personale, la perdita di un lavoro, un infortunio fisico o anche eventi attuali.

Quando si è sopraffatti dal dolore, questo può rapidamente trasformarsi in rabbia. Le persone in lutto sono spesso frustrate dalla crudeltà e dall’ingiustizia del mondo, arrabbiate perché un futuro che avevano immaginato non è più possibile, e arrabbiate con le persone che non sono in grado di capire e simpatizzare con la loro sofferenza.

Anche se è normale provare rabbia con il dolore, la rabbia può diventare fuori controllo se non viene gestita correttamente. Durante il lutto, può essere dannoso soffermarsi sulle emozioni negative e sulla rabbia intensa, e può persino ostacolare il processo di lutto e di guarigione. Sii gentile con te stesso. Permettiti di sentire il dolore, in modo da poter iniziare il processo di guarigione.

Quali sono i diversi tipi di rabbia?

Oltre a imparare le ragioni per cui ti senti turbato o hai problemi di rabbia, è importante conoscere anche i tipi di rabbia. Questo può aiutarti a controllare la rabbia, trovare i segnali di avvertimento prima che sia troppo tardi, e aiutarti a trovare un terapeuta che si occupa del tuo specifico tipo di rabbia. Cominciamo.

Rabbia fisica

Per molti, questo è il peggior tipo di rabbia che richiede la gestione della rabbia il più presto possibile. Qualcuno che è fisicamente arrabbiato può rompere le cose intorno a sé o attaccare la persona che ritiene gli abbia fatto un torto.

Questo ovviamente porta a dei problemi. Per esempio, si può essere arrestati per aver attaccato qualcuno o distrutto la proprietà di qualcun altro. Non c’è nemmeno bisogno di dare un pugno a qualcuno, anche solo mettere le mani addosso a qualcuno e oltrepassare i suoi confini personali può metterti nei guai.

Le tue esplosioni di rabbia possono essere viste come terrificanti, o trasformarti in uno zimbello se attacchi un oggetto come fare un buco nel muro.

A volte, la rabbia fisica è una sorta di risposta di lotta o fuga a un pericolo percepito. Nei nostri anni primitivi, quando ci trovavamo di fronte a un pericolo come una tribù in guerra o un animale, o lo combattevamo o scappavamo. Con la fuga, la meccanica della fuga è più presente nell’ansia, negli attacchi di panico e nella fuga dai nostri problemi. La nostra rabbia è legata al nostro io primitivo in qualche modo.

Mentre una malattia mentale può spiegarla, non la giustifica comunque. Se provi rabbia fisica, o attacchi di rabbia, trova uno psichiatra o un terapeuta che possa aiutarti a identificare certi fattori scatenanti, per calmarti e insegnarti tecniche di gestione della rabbia.

Se credi di avere un disturbo mentale, fai un po’ di ricerche. Ci sono molte guide sulla salute A-Z che possono elencare le condizioni. Queste guide però non sostituiscono la diagnosi di un medico, ma possono darti un’idea e qualcosa da discutere quando cerchi un medico.

Rabbia da stress

A volte ci arrabbiamo a causa dello stress, e possiamo esprimerlo attraverso attacchi di panico o sfogando la rabbia sulla nostra fonte di stress. Se un computer ti sta dando del filo da torcere, potresti arrabbiarti e colpirlo.

Lo stress è il modo in cui il nostro corpo risponde a un problema, e un po’ di stress fa bene. Tuttavia, troppo stress è un disturbo mentale a sé stante. Quando sei sopraffatto, può portare a vari problemi medici o psicologici come i disturbi del sonno, rafforzando altri problemi come il disturbo bipolare, e portare ad altre condizioni di salute mentale.

In un caso come questo, hai bisogno di più della gestione della rabbia. Hai bisogno di imparare a gestire il sentimento di rabbia. Ecco alcuni modi per farlo:

  • non affrontarlo da solo se è troppo da gestire;
  • ricerca la causa della tua rabbia.

Per un approfondimento sullo stress, vedi la nostra Guida al Burnout

Rabbia giudicante

Questa è la rabbia verso l’ingiustizia o qualcun altro che sta facendo qualcosa che pensi stia colpendo gli altri.

Nell’era di Internet, la rabbia giudicante è un grande problema. Non fraintendeteci: essere frustrati per l’ingiustizia è una buona cosa. Quando un gruppo di persone esprime la propria rabbia su una questione politica, si può arrivare al cambiamento.

Poiché è molto più facile prestare attenzione al mondo che ci circonda, la rabbia giudicante accade spesso. Ma devi imparare a gestire la tua rabbia se vuoi fare progressi. Ecco alcuni problemi con la rabbia giudicant.

  • Disumanizzare “l’altra parte”. Lo si vede spesso nello spettro conservatore VS liberale negli Stati Uniti d’America per esempio, specialmente nel clima politico di oggi. Qualcuno può vedere l’altra parte come qualcuno che è un mostro e con cui non vale nemmeno la pena parlare. Molto spesso, si è arrabbiati con persone che non si sono mai incontrate, e le si rimprovera costantemente. Quando si tratta di politica, si può essere sorpresi che se ci si siede e si ha una conversazione con “l’altra parte”, ci si può rendere conto di avere un sacco di terreno comune.
  • Inoltre, è facile per le persone usare la rabbia giudicante contro di te. Poche persone leggono la storia completa; solo il titolo. In un’epoca in cui tutti si sentono impazienti, molti non capiscono la storia completa e possono essere arrabbiati per qualcosa che ha più di quanto si pensi.
  • Di nuovo, il problema con la rabbia giudicante è che a volte non porta a nessuna soluzione. Essere una persona politicamente arrabbiata può non essere una cosa negativa, ma quando si tratta di rabbia incontrollata senza alcuna gestione della rabbia, non si riesce a trovare alcuna soluzione ai problemi.
Rabbia passiva-aggressiva

Questo tipo di rabbia è uno di quelli di cui potresti aver sentito parlare, eppure potresti non sapere cosa sia. La frase “passivo-aggressivo” è usata abbastanza spesso e anche male. Essenzialmente, questo è quando si gestisce la rabbia essendo evitanti e usando altri modi per esprimerla. A volte, è perché si vuole mantenere la pace. Sei arrabbiato con il tuo migliore amico, ma non vuoi affrontarlo apertamente, quindi esprimi la tua rabbia in un modo in cui lui potrebbe non notarlo.

La rabbia passiva-aggressiva può presentarsi in molte forme diverse. È un problema di rabbia che può non sembrare troppo grave, ma può comunque causare problemi:

  • linguaggio passivo-aggressivo. Un modo in cui qualcuno con problemi di rabbia passivo-aggressiva può esprimere la sua rabbia è il suo linguaggio. Se ti viene chiesto di portare fuori la spazzatura quando stai guardando la TV, potresti dire “Stavo guardando la TV, ma mi piacerebbe portare fuori la spazzatura”. A volte, il tono della tua voce può dire all’altra persona che ti senti turbato, ma non è sempre il caso;
  • anche le tue azioni possono essere passivo-aggressive. Se ti viene detto di fare qualcosa che non vuoi fare, controlli la tua rabbia facendo deliberatamente degli errori o procrastinando. Di nuovo, questo è qualcosa che una persona può cogliere e capire che ti senti turbato, ma questo non è sempre il caso;
  • l’aggressività passiva è un problema di rabbia che può portarti a metterti nei guai. Alle persone non piace quando non si può essere conflittuali e invece si cerca di lasciare intendere che si è turbati. Invece di essere passivo-aggressivo, potresti aver bisogno di imparare a controllare la tua rabbia con altri metodi.
Rabbia verbale

Quando qualcuno esprime la sua rabbia principalmente attraverso le parole, questo è noto come rabbia verbale.

Alcune persone possono vedere questo come un problema di rabbia meno significativo. Molte persone pensano che se si può regolare la propria rabbia attraverso le parole e non i pugni, è una buona cosa. In effetti, può esserlo. Quando una persona ti ha fatto un torto, può essere bello darle una bastonata verbale.

Tuttavia, la rabbia verbale è spesso usata male e può essere pericolosa per qualcuno che non sa gestire la rabbia. Chi è sempre arrabbiato può prendersela con il coniuge o con la persona amata. Ridicolo, minacce e urla sono segni di rabbia verbale tossica, ed è un segno di un problema di rabbia che deve essere affrontato.

L’abuso emotivo non è uno scherzo. Qualcuno che è emotivamente abusato da una persona può avere bassa autostima e temere gli altri. Qualcuno che è verbalmente arrabbiato, nel frattempo, può non rendersi conto di quanto le loro parole fanno male, e come hanno bisogno di imparare a gestire meglio la rabbia.

Con una corretta gestione della rabbia, la rabbia verbale può essere trasformata in qualcosa che è una forza per il bene. Se il vostro coniuge vi fa arrabbiare, imparare a controllare la vostra rabbia e trasformarla in una soluzione è una buona cosa.

Cosa intendiamo con questo? Diciamo che il vostro coniuge vi ha fatto arrabbiare. Una delle migliori tecniche di gestione della rabbia che puoi fare è spiegare come ti ha ferito. Non usate un linguaggio accusatorio o cercate di farvi sentire in colpa, ma esprimete invece le vostre emozioni. Questo può aiutare la persona con cui sei arrabbiato a capire che ha fatto qualcosa di sbagliato, e può essere più facile trovare una soluzione. Questa è una grande forza per il bene che più persone devono praticare.

Rabbia volatile

Tu o qualcuno che conosci sembra avere una “miccia corta”? Potresti avere una “rabbia volatile”.

La rabbia volatile è una forma difficile di rabbia nel mare dei problemi di rabbia. Qualcuno con rabbia volatile non deve necessariamente essere arrabbiato tutto il tempo; a volte, la sensazione sembra accadere tutto in una volta.

Le persone possono sentirsi come se dovessero camminare su gusci d’uovo per stare intorno a te per evitare la tua rabbia e aggressività, e avere una rabbia volatile può porre fine alle tue relazioni e amicizie. Inoltre, avere una rabbia estrema per i piccoli problemi non fa bene alla pressione sanguigna e può portare a malattie cardiache.

Qualcuno con rabbia volatile può non essere consapevole di averla e non si sente male per questo, o lo fa e si sente male ogni volta che perde la calma. A volte, la rabbia volatile può derivare da situazioni, ad esempio l’autismo, in cui alcune cose “normali” possono sovrastimolare la persona autistica.

È importante che se hai una rabbia volatile, tu impari alcune tecniche di gestione della rabbia per diminuire questi sentimenti. Mentre la rabbia può sembrare improvvisa, ci sono spesso dei fattori scatenanti che possono causare la tua rabbia. Imparando i fattori scatenanti, puoi evitarli o imparare a controllare la tua rabbia se si presentano.

Se sei volubile, cerca aiuto. Mentre non dovresti sentirti in colpa per la tua rabbia, dovresti cercare di controllare il tuo problema di rabbia il prima possibile.

Rabbia ritorsiva

Questo problema di rabbia è uno dei più comuni. Si tratta di arrabbiarsi con le persone che ti hanno fatto un torto. Molto spesso nella vita, abbiamo torto. A volte, è qualcosa di insignificante, come qualcuno che dimentica di pulire dopo se stesso. Altre volte, è qualcosa di più grande, come qualcuno che ti ruba, che rovina la tua relazione, o che ti supera al lavoro.

È uno dei più vecchi tropi narrativi nei libri, e questo perché si basa su un tema umano comune. Probabilmente avete amato i film, gli spettacoli o i libri su un giovane uomo o una giovane donna che subisce un torto e poi si vendica. È così soddisfacente, ma nella vita reale può essere un problema.

La “rabbia di rivalsa” può portare a pensieri e sentimenti di vendetta, e ci si può chiedere se si ha bisogno di gestione della rabbia per questo. Attaccare qualcuno che ti ha fatto un torto può portare a ripercussioni.

Tuttavia, se sai come controllare la tua rabbia e usarla per qualcosa di produttivo, essere un po’ vendicativo può essere positivo.

Detto questo, devi parlare con un terapeuta se ti senti sempre arrabbiato con le persone che ti hanno fatto un torto. Possono aiutarti a controllare la tua rabbia e usarla per qualcosa di buono.

Arrabbiato con te stesso

Questo tipo di risposta di rabbia può avere alcune gravi conseguenze. L’auto-rabbia è quando hai fatto qualcosa di cui ti penti, e te la prendi con te stesso. È un altro tipo di rabbia che può essere buona se usata correttamente.

Quando ci si sente sempre arrabbiati con se stessi, si può sfogare la rabbia in alcuni modi negativi. Questi includono:

  • l’abuso di sostanze. Qualcuno può consumare alcool o altre droghe come un modo per annegare la propria rabbia o punirsi. Abusare di sostanze non significa solo droghe o alcol. Qualcuno può sviluppare disordini alimentari come meccanismo di “coping”. Può provare ad abbuffarsi o a non mangiare proprio nulla. Sia le abbuffate che i disordini alimentari anoressici possono danneggiare il tuo corpo. Se ti stai abbuffando o stai evitando il cibo, parla immediatamente con un terapeuta;
  • l’autolesionismo. Si presenta in molti modi: può avvenire con l’assunzione di droghe, come menzionato, o si può attaccare il proprio problema di rabbia colpendosi o tagliandosi. In casi estremi, si può arrivare al suicidio. L’aggressività genera altra aggressività, quindi questa è raramente la soluzione.

La rabbia continua verso se stessi può essere incanalata e gestita. Un terapeuta può aiutarvi a formulare un piano per migliorare ed essere in grado di aiutarvi a raggiungere gli obiettivi, non importa come.

Rabbia repressa

La rabbia repressa consiste nell’imbottigliare la tua rabbia perché non vuoi esprimerla o non sai come farlo. Con la rabbia repressa, spesso la si tiene imbottigliata finché non è troppo, e poi si può sfogare su una parte innocente.La rabbia repressa è particolarmente comune nelle famiglie o nelle società in cui viene insegnato che è male esprimere le proprie emozioni. Questo è un modo poco salutare di vedere il mondo e può portare a vari problemi. È importante che se conoscete qualcuno che crede questo, gli insegniate altri modi di gestire la sua rabbia.

Se stai pensando di rivolgerti a uno psicologo online, potresti farlo con noi: siamo un centro medico autorizzato.

Il primo incontro è gratuito, mentre ogni seduta successiva ha un costo di 55 €. Se scegli di acquistarne quattro, il costo complessivo sarà di 202 euro.


Dott. Luca Barbieri

Psicologo clinico. Iscritto all’Ordine degli Psicologi della Lombardia num. 23251.

Questa pagina è stata verificata

I nostri contenuti superano un processo di revisione in tre fasi.

Scrittura

Ogni articolo viene scritto o esaminato da uno psicoterapeuta prima di essere pubblicato.

Controllo

Ogni articolo contiene una bibliografia con le fonti citate, per permettere di verificare il contenuto.

Chiarezza

Ogni articolo è rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e la comprensione.

Revisori

reviewer

Dott. Domenico De Donatis

Medico Psichiatra

Ordine dei Medici e Chirurghi della provincia di Pescara n. 4336

Laurea in Medicina e Chirurgia presso l'Università degli Studi di Parma. Specializzazione in Psichiatria presso l'Università Alma Mater Studiorum di Bologna.

reviewer

Dott. Federico Russo

Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale e Neuropsicologo, Direttore Clinico di Serenis

Ordine degli Psicologi della Puglia n. 5048

Laurea in Psicologia Clinica e della Salute presso l’Università degli Studi “G. D’Annunzio” di Chieti. Specializzazione in Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale a indirizzo neuropsicologico presso l’Istituto S. Chiara di Lecce.

reviewer

Dott.ssa Martina Migliore

Psicologa Psicoterapeuta specializzata in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale

Ordine degli Psicologi dell'Umbria n.892

Psicologa e Psicoterapeuta cognitivo comportamentale, docente e formatrice. Esperta in ACT e Superhero Therapy. Membro dell'Associazione CBT Italia, ACT Italia e SITCC. Esperta nell'applicazione di meccaniche derivanti dal gioco alle strategie terapeutiche evidence based e alla formazione aziendale.