Cambiamenti fisici dopo la prima volta: quali sono?

Una delle esperienze più significative che si può vivere durante l’adolescenza (ma anche in seguito) è il primo rapporto sessuale. Quali sono i cambiamenti fisici che accadono dopo aver fatto sesso per la prima volta?

In questo articolo approfondiremo le modifiche fisiologiche che si possono verificare sia negli uomini che nelle donne e discuteremo di come ci si può sentire a livello emotivo.

Cosa cambia nel corpo dopo il primo rapporto?

Dopo la prima esperienza sessuale il corpo può sperimentare alcuni cambiamenti, sia a livello fisico che emotivo. 

Questi cambiamenti possono variare da persona a persona, ma ci sono alcune esperienze che si verificano più spesso di altre.

  1. Emozioni

Dopo la prima volta è normale percepire emozioni molto intense (e a volte contraddittorie). Alcune persone si sentono eccitate e felici; altre possono sentirsi un po’ confuse; altre ancora si spostano continuamente lungo questo spettro.

Le emozioni più frequenti che si vivono dopo la prima volta sono:

  • ansia, per timore di come l’esperienza potrebbe cambiare il futuro prossimo;
  • felicità, per aver vissuto un momento significativo e atteso da tanto tempo;
  • tristezza, per la consapevolezza che qualcosa è cambiato per sempre;
  • curiosità, per voler capire e scoprire di più sull’esperienza vissuta;
  • confusione, perché non si ha ben chiaro quali potrebbero essere i prossimi passi;
  • sollievo, per aver superato le paure verso qualcosa che si conosceva solo per sentito dire.

Vuoi iniziare il tuo percorso di psicoterapia adesso?

Compila il questionario Serenis e scopri il terapeuta più adatto a te

Primo colloquio gratuito

Sedute online

Il servizio di psicoterapia meglio recensito in Italia

Inizia il questionario

È importante capire che tutte queste reazioni sono naturali e che non esiste una risposta emotiva “giusta” o “sbagliata”.

  1. Cambiamenti fisici temporanei

Dopo il rapporto sessuale, sia uomini che donne possono sperimentare alcuni cambiamenti fisici temporanei

Ad esempio, le donne potrebbero notare un leggero sanguinamento dovuto alla rottura dell’imene. Gli uomini potrebbero notare erezioni più frequenti e una maggiore sensibilità del pene. Questi cambiamenti sono transitori e di solito scompaiono entro un breve periodo.

Cambiamenti fisici dopo la prima volta: l’uomo

Dopo la prima esperienza sessuale, gli uomini possono sperimentare alcune modifiche fisiche nel loro corpo. Una delle più evidenti è la possibilità di erezioni più frequenti e una maggiore sensibilità del pene

Meno comune è la rottura del frenulo, una piccola membrana di tessuto sotto il glande del pene che collega il glande al corpo del pene. La rottura del frenulo può causare dolore e sanguinamento, ma in genere non è grave e guarisce col tempo. Quando questo non accade è importante cercare assistenza medica per valutare la gravità dell’infortunio e garantire che non ci siano complicazioni.

Dopo il sesso potresti notare una sensazione di rilassamento, che viene chiamata “postcoitale”.

Cambiamenti fisici dopo la prima volta: la donna

Le donne possono anche sperimentare alcune modifiche fisiche dopo la prima volta. Una delle più evidenti è la possibilità di piccole perdite di sangue, noto come sanguinamento da lacerazione dell’imene. È un fenomeno comune durante la prima esperienza sessuale, relativo alla rottura dell’imene, una membrana sottile che copre parzialmente l’apertura vaginale. 

Questo sanguinamento di solito è leggero e dovrebbe cessare in pochi giorni.

Alcune donne possono anche notare un leggero gonfiore o sensibilità vaginale, che può derivare dalla stimolazione sessuale. 

Così come il sanguinamento da imene, questi cambiamenti sono temporanei e scompaiono solitamente entro pochi giorni o poche settimane.

La paura dietro la prima volta: farà male?

Molte ragazze sono preoccupate che la perdita della verginità possa essere un’esperienza dolorosa e difficile. In realtà, tante donne durante la prima volta non provano affatto dolore, e se lo provano è generalmente limitato e di breve durata.

Questo è particolarmente vero se c’è una buona comprensione tra i partner, una reciproca eccitazione e desiderio da entrambe le parti. Uno dei motivi per cui il dolore può essere ridotto è il petting (le pratiche sessuali intime che spesso precedono il rapporto sessuale completo). Queste attività possono gradualmente dilatare l’imene e renderlo più “elastico”, il che facilita la penetrazione senza traumi.

Va sottolineato che i casi in cui il dolore è molto intenso e rende quasi impossibile la penetrazione sono rari, circa 1 su 100.  Queste situazioni possono essere dovute a un imene molto rigido o alla presenza di un disturbo specifico noto come vaginismo o dispareunia. In questi casi, è consigliabile cercare assistenza medica o ginecologica.

Come prepararsi alla prima volta?

Prima di intraprendere l’attività sessuale è una buona idea cercare una consulenza da un esperto sulla salute sessuale. Parlare di questi argomenti con un estraneo può apparire imbarazzante, ma può aiutare a pianificare il momento in modo sicuro e a ricevere informazioni sui metodi contraccettivi appropriati.

La comunicazione aperta con il partner è fondamentale per assicurarsi che entrambi si sentano a proprio agio e consenzienti durante l’esperienza. Ricorda che la prima volta dovrebbe essere una decisione personale e consapevole: non dovresti mai sentirti in obbligo a fare sesso se non ti senti pronta o pronto.

Cercare aiuto nella terapia

Se durante la tua esperienza sessuale o in qualsiasi momento successivo avverti ansie, preoccupazioni o dubbi, non esitare a cercare supporto da un professionista della salute mentale.

Parlare con uno specialista può aiutarti ad affrontare le tue emozioni in modo sano e costruttivo. Se non sai a chi rivolgerti esiste la possibilità di fare terapia online con psicologi, psicoterapeuti o centri medici riconosciuti.

La psicoterapia online di Serenis

Serenis è un centro medico specializzato in supporto psicologico, coaching, psichiatria e psicoterapia online. Il servizio è costruito per essere erogato in videochiamata, un aspetto che rende più semplice “incastrare” le sedute tra i tanti impegni della propria settimana.

Con Serenis il primo colloquio è gratuito: le sedute individuali successive costano 55 euro l’una. Rispondi a qualche domanda e trova il terapeuta ideale per la tua situazione.

Ludovica Feliziani

Approccio:
Titolo di studio
Descrizione
Anima solare e (quasi) psicologa clinica, sono la blog manager di Serenis. Qui unisco il mondo della psicologia a quello del copywriting. Credo nell'importanza di imparare dagli errori, nella comunicazione aperta e nella condivisione, cuore di tutto ciò che faccio.

Questa pagina è stata verificata

I nostri contenuti superano un processo di revisione in tre fasi.

Scrittura

Ogni articolo viene scritto o esaminato da uno psicoterapeuta prima di essere pubblicato.

Controllo

Ogni articolo contiene una bibliografia con le fonti citate, per permettere di verificare il contenuto.

Chiarezza

Ogni articolo è rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e la comprensione.

Revisori

reviewer

Dott. Domenico De Donatis

Medico Psichiatra

Ordine dei Medici e Chirurghi della provincia di Pescara n. 4336

Laurea in Medicina e Chirurgia presso l'Università degli Studi di Parma. Specializzazione in Psichiatria presso l'Università Alma Mater Studiorum di Bologna.

reviewer

Dott. Federico Russo

Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale e Neuropsicologo, Direttore Clinico di Serenis

Ordine degli Psicologi della Puglia n. 5048

Laurea in Psicologia Clinica e della Salute presso l’Università degli Studi “G. D’Annunzio” di Chieti. Specializzazione in Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale a indirizzo neuropsicologico presso l’Istituto S. Chiara di Lecce.

reviewer

Dott.ssa Martina Migliore

Psicologa Psicoterapeuta specializzata in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale

Ordine degli Psicologi dell'Umbria n.892

Psicologa e Psicoterapeuta cognitivo comportamentale, docente e formatrice. Esperta in ACT e Superhero Therapy. Membro dell'Associazione CBT Italia, ACT Italia e SITCC. Esperta nell'applicazione di meccaniche derivanti dal gioco alle strategie terapeutiche evidence based e alla formazione aziendale.