body ▲ Select Parent Subselection ▼

Che relazione c’è tra ansia e bocca secca (xerostomia)?

Scopri tutto sulla stretta connessione tra ansia e bocca secca: impara a riconoscere i segnali, comprendi le ragioni dietro questa condizione e scopri i migliori rimedi per affrontarla con successo.
ansia e bocca secca

Ansia e bocca secca, nota anche come xerostomia, sono due condizioni che possono essere strettamente correlate e influenzarsi reciprocamente.

L’ansia è una risposta naturale del corpo allo stress e può manifestarsi con sintomi fisici come tensione muscolare, battito cardiaco accelerato e anche secchezza delle fauci. La bocca secca, d’altra parte, è una sensazione di mancanza di umidità nella bocca, spesso accompagnata da sete e difficoltà a deglutire.

Continua a leggere per sapere che relazione c’è tra ansia e bocca secca.

I sintomi fisici dell’ansia

L’ansia è una condizione psicologica caratterizzata da un insieme di sintomi psichici e fisici. Oltre all’alterazione dello stato emotivo l’ansia può influenzare profondamente il corpo manifestandosi attraverso vari sintomi fisici tra cui:

  • sudorazione eccessiva
  • tremori
  • palpitazioni
  • tensione muscolare

La bocca secca o xerostomia

Uno dei sintomi più fastidiosi dell’ansia a livello organico è la bocca secca, scientificamente nota come xerostomia. La parola “xerostomia” deriva dalle parole greche “xeros” che significa secco e “stoma” che significa bocca. Quindi letteralmente la xerostomia si riferisce a una condizione caratterizzata dalla secchezza della bocca.

In termini medici la xerostomia consiste in una diminuzione della produzione di saliva da parte delle ghiandole salivari che ha come conseguenza la sensazione di avere la gola secca e asciutta.

La xerostomia è associata a diversi fattori tra cui disturbi del sistema immunitario, effetti collaterali di alcuni farmaci o problemi legati all’ansia e allo stress.

Cosa fa l'ansia alla bocca?

Quali sono le cause psicologiche delle labbra secche?

Le labbra secche associate all’ansia possono essere il risultato di cause psicologiche profonde. Alcune tra le principali cause di questo disturbo riguardano un comportamento ansioso in risposta allo stress.

Quando siamo sottoposti a persistenti e intensi fattori di stress si attiva una risposta fisiologica che prepara il corpo per un’azione di risposta immediata. Questa reazione è legata alla sopravvivenza ed è comunemente nota come risposta di attacco o fuga.

Fai bene a informarti

Se senti il bisogno di fare il passo successivo, possiamo aiutarti.

Primo colloquio gratuito

Terapia da dove vuoi

+500 recensioni a 5 stelle

Trova un terapeuta

In questa condizione ad esempio è possibile sperimentare l’ansia somatizzata allo stomaco che può alterare la produzione di saliva contribuendo alla sensazione della bocca secca. Ci sono ulteriori sono fattori psicologici che possono scatenare o accentuare questo sintomo fisico:

Le labbra secche si presentano spesso in associazione con altri sintomi legati alla zona orale come la bocca asciutta, la bocca impastata e la sensazione di avere la gola secca.

Cosa vuol dire avere la bocca asciutta e impastata?

Nella maggior parte dei casi il corpo si riprende in tempi relativamente brevi dagli effetti della risposta allo stress.

Tuttavia nelle persone che sono tendenzialmente ansiose, tese e preoccupate è possibile che il flusso naturale della saliva rimanga alterato per un periodo di tempo più lungo, causando una sensazione di pastosità in bocca.

La bocca asciutta e impastata è una condizione in cui le ghiandole salivari producono meno saliva del normale e questo stato fisico si può manifestare in modo episodico oppure in forma cronica. Nella sua forma cronica può rappresentare un disagio molto forte per il soggetto che è costretto ad idratarsi costantemente assumendo sostanze liquide o bagnando regolarmente le labbra.

Cosa fa l’ansia alla bocca?

L’attività delle ghiandole salivari è strettamente connessa agli stati emotivi. L’ansia può influenzare direttamente la bocca alterando la produzione di saliva e portando alla sensazione di bocca secca.

Questa risposta fisiologica può essere particolarmente evidente durante momenti di stress elevato come ad esempio andare ad un appuntamento importante, parlare in pubblico oppure affrontare una situazione ansiogena. La bocca asciutta è legata anche all’ansia anticipatoria in quanto può manifestarsi al solo pensiero di dover affrontare un evento pericoloso, spiacevole o indesiderato.

Legame tra bocca impastata e ansia

Bisogna fare una distinzione tra ansia funzionale e ansia patologica. In entrambi i casi la mente gioca un ruolo significativo nelle manifestazioni fisiche.

Mentre l’ansia funzionale prepara ad affrontare con maggiore concentrazione un evento potenzialmente stressante come un esame o una gara sportiva, l’ansia patologica tende a bloccare l’azione peggiorando la performance complessiva.

Spesso una condizione di ansia generalizzata può contribuire all’insorgenza di questa costante sensazione di pastosità in bocca.

Gola secca e ansia

La gola secca è un altro sintomo fisico spesso presente in chi soffre di disturbi d’ansia. La tensione muscolare causata dalla risposta di attacco o fuga nelle situazioni stressanti può portare a una scarsa deglutizione il che provoca di conseguenza una sensazione di secchezza della gola.

Gola secca e ansia

Quando l’ansia si somatizza nella gola si può avere difficoltà nel parlare e possono nascere sintomi collaterali come l’alitosi, l’alterazione del gusto e in casi estremi anche infiammazioni delle gengive. La gola secca è una condizione presente in modo marcato nelle persone soggette ad un carico di stress elevato.

Scopri se soffri di Ansia

Fai il test in 5 minuti e scopri il tuo livello di ansia

Test sull'Ansia

Bocca secca e ansia: i rimedi

Affrontare il problema della bocca secca causata dall’ansia richiede un approccio multidimensionale. Riconoscere la causa del disturbo è il primo passo da compiere per affrontare al meglio questa condizione. Infatti la bocca asciutta e la gola secca rappresentano dei segnali che il corpo invia per rispondere ad una condizione psicologica di disequilibrio.

Oltre a trattamenti mirati per curare la xerostomia, è dunque essenziale considerare la possibilità di richiedere un supporto psicologico per superare l’ansia. La gestione dell’ansia anticipatoria, del disturbo d’ansia generalizzata e di altre manifestazioni psichiche richiede infatti un intervento complesso per ottenere risultati duraturi.

L’importanza del supporto psicologico per la bocca secca da ansia

La relazione tra ansia e bocca secca è complessa e richiede un approccio integrato. Per prima cosa bisogna consultare un medico per effettuare una valutazione per stabilire che l’origine del disturbo non sia di natura esclusivamente organica. A quel punto è importante comprendere che talvolta i sintomi fisici sono causati da fattori psicologici.

Per questo può essere utile esplorare diverse opzioni di trattamento che comprendano il supporto psicologico. Attraverso una consapevolezza approfondita è possibile affrontare in modo efficace il problema della bocca secca causata dall’ansia migliorando la qualità della vita e il benessere generale.

Se hai ritrovato un po’ di te in quello che hai letto, magari puoi pensare di aiutarti facendo psicoterapia con noi: siamo un centro medico autorizzato di psicologia online.

Il servizio è completamente online, con centinaia di psicoterapeuti e psicoterapeute (cioè hanno la specializzazione), oltre che psichiatri, con in media circa 10 anni di esperienza.

Tutto inizia con il desiderio di vivere una vita migliore. Noi possiamo sostenerti; Serenis è a un solo link di distanza.

Redazione

In Italia, la recente attenzione mediatica al benessere mentale vede giornali, creator, e centri medici impegnati nella produzione di contenuti informativi. In questo contesto il processo di revisione è fondamentale e lo scopo è garantire informazioni accurate. Il nostro processo di revisione è affidato ai terapeuti e alle terapeute che lavorano in Serenis, con almeno 2.000 ore di esperienza.

Questa pagina è stata verificata

I nostri contenuti superano un processo di revisione in tre fasi.

Scrittura

Ogni articolo viene scritto o esaminato da uno psicoterapeuta prima di essere pubblicato.

Controllo

Ogni articolo contiene una bibliografia con le fonti citate, per permettere di verificare il contenuto.

Chiarezza

Ogni articolo è rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e la comprensione.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Rosario Urbani

Psicoterapeuta specializzato in cognitivo comportamentale

Ordine degli Psicologi della Campania num. 6653/A

Laureato in Neuroscienze presso la Seconda Università di Napoli. Specializzato presso l’istituto Skinner in psicoterapia cognitivo comportamentale. Analista del comportamento ABA e specializzato anche nella tecnica terapeutica dell'EMDR.

reviewer

Dott.ssa Maria Vallillo

Psicoterapeuta specialista in Lifespan Developmental Psychology

Ordine degli Psicologi del Lazio num. 25732

Laurea in Psicologia presso l'Università degli Studi di Chieti. Specializzazione in psicoterapia e psicologia del ciclo di vita presso l’Università la Sapienza di Roma. Esperta in neuropsicologia e psicodiagnostica e perfezionata in psico-oncologia.