Segnali misti: voglia di cibo senza desiderio di mangiare

Aggiornato il 26 agosto 2021

Molte persone lottano con la mancanza di appetito ma si sentono affamate. I sintomi dell’essere affamati ma senza appetito possono variare in intensità e durata, durando occasionalmente solo pochi istanti o a volte estendendosi per tratti di tempo più lunghi e problematici. In quest’ultimo caso, perdere l’appetito ma avere ancora fame per lunghi periodi può portare a problemi di salute fisica, emotiva e mentale. È importante esplorare le cause potenziali della perdita di appetito e gli effetti in modo da poter imparare a sostenere uno stile di vita sano e a prendersi cura di se stessi.

Una causa comune della perdita di appetito: l’ansia

Molteplici disturbi che rientrano sotto l’ombrello dell’ansia sono causati da stress persistente. Questi includono il disturbo ossessivo-compulsivo (OCD), il disturbo da stress post-traumatico (PTSD), le fobie sociali, i disturbi di panico e molti altri. Ansia è caratterizzata da apprensione generale, preoccupazione o nervosismo, può manifestarsi in molti modi diversi, compresa la perdita di appetito.

Mentre alcuni dei suoi sintomi più riconosciuti sono legati all’umore o alle emozioni, l’ansia può anche manifestarsi come sintomi fisici. Questi includono sudorazione, frequenza cardiaca rapida, anomalie del sonno e perdita di appetito. I disturbi d’ansia possono anche causare disagio gastrico che si traduce in una miriade di problemi digestivi, tra cui nausea e diarrea.

Se i comportamenti di perdita di appetito e gli effetti fisici sono di breve durata, allora non c’è bisogno di preoccuparsi. Tuttavia, se persistono, malnutrizione, disidratazione e un aumento del rischio di morte diventano preoccupazioni molto reali. Trovare modi per affrontare o ridurre l’ansia può eventualmente aiutare a recuperare l’appetito, e aiutare i sintomi dell’ansia.

donna senza appetito

Questo sito è di proprietà e gestito da Serenis, che riceve tutti i compensi associati alla piattaforma.

Fonte: unsplash.com

Dieci altre possibili cause per perdere il desiderio di mangiare

C’è una ragione per questa sensazione. Di seguito, troverete alcune delle ragioni più comuni per questo problema.

  1. Anoressia nervosa – Dal punto di vista medico, la perdita dell’appetito è considerata anoressia, indipendentemente dalla ragione che c’è dietro. Ciò che è diventato comune, tuttavia, è che le persone usano il termine anoressia quando intendono esclusivamente il disturbo alimentare chiamato anoressia nervosa. L’anoressia nervosa è causata da un’immagine distorta del corpo in cui la persona colpita si vede in sovrappeso anche quando, in realtà, potrebbe essere gravemente sottopeso. Questa particolare condizione è caratterizzata da un’intensa paura di ingrassare e dalla perdita di appetito, ma può comunque sentire la fame.
  2. Disidratazione – Essere disidratati è più che avere sete. Il bisogno di acqua/fluidi può portare a mal di testa, nausea, stanchezza, confusione e mancanza di appetito, ma comunque fame. Alcune persone possono notare questi sintomi durante i mesi estivi. Quando perdiamo più acqua attraverso il sudore, il nostro corpo ha bisogno di cibo anche se non abbiamo appetito, il che ci impedisce di mangiare regolarmente come dovremmo.
uomo solo al bar

Fonte: unsplash.com

  1. Stress a breve termine – A volte, durante periodi particolarmente stressanti della tua vita, potresti perdere l’appetito, o potresti sperimentare l’opposto e ritrovarti a mangiare a sbafo. Le situazioni di stress spingono il tuo corpo a rilasciare una miscela di ormoni, compresa l’adrenalina. Questo innesca la tua risposta di lotta o fuga, in cui il tuo corpo aumenta la frequenza cardiaca, aumenta la respirazione e manda il sangue ai muscoli. Rallenta anche la digestione perché non è immediatamente importante per la sopravvivenza. Se esposto allo stress per periodi di tempo prolungati, il tuo corpo può essere a rischio di sviluppare complicazioni emotive e fisiche che minacciano il tuo benessere.
  2. Depressione – Tutti ci sentiamo tristi a volte. La depressione, o la tristezza grave e prolungata, può portare a una persistente sensazione di “fame ma mancanza di appetito”. La depressione è una malattia seria, quindi se anche tu ti senti costantemente giù, dovresti parlare con il tuo medico il prima possibile. Vale la pena sottolineare che, nel caso della depressione, gli individui possono anche sperimentare l’opposto – aumento delle voglie e aumento di peso.
  3. Infezione virale – Avere un attacco di raffreddore o influenza può lasciarti affamato ma senza appetito. Un naso chiuso causato da un raffreddore, per esempio, diminuisce il tuo senso dell’olfatto e può rendere il cibo meno attraente per te. Inoltre, la stanchezza che spesso accompagna l’influenza può farti sentire come se non avessi energia per mangiare. L’epatite, un’infezione virale del fegato, è un altro motivo di questa sensazione.
  4. Gravidanza – Tendiamo ad associare le voglie alla gravidanza. Tuttavia, molte donne incinte non hanno tanto appetito ma si sentono comunque affamate, soprattutto durante il primo trimestre. Il colpevole è la nausea o la nausea mattutina (così chiamata perché è più diffusa al mattino, anche se in realtà può verificarsi in qualsiasi momento). Fare spuntini frequenti, mangiare piccoli pasti e avere qualcosa di secco (come i cracker) da sgranocchiare può aiutare.
  5. Età – Diversi fattori possono portare a questa sensazione quando si invecchia. Questa è chiamata anoressia dell’invecchiamento, e le sue cause includono una digestione rallentata, sensi meno acuti dell’olfatto e del gusto, problemi di salute dentale e cambiamenti ormonali. Assicurati di contattare un operatore sanitario specializzato in medicina geriatrica se una persona anziana sembra perdere l’appetito.
  6. Farmaci – Una delle prime cose da fare è rivedere tutti i farmaci che si possono prendere. Alcuni farmaci possono causare una diminuzione dell’appetito. Questi includono farmaci per l’emicrania, la depressione, COPD (malattia polmonare ostruttiva cronica), alcuni tumori, il morbo di Parkinson e la pressione alta. Se sei sotto farmaci e provi questa sensazione, solleva la preoccupazione con il tuo fornitore di assistenza sanitaria, anche se questo non è stato originariamente menzionato come uno dei possibili effetti collaterali.
  7. Cancro – Le persone che si sottopongono a radioterapia e chemioterapia per il cancro possono scoprire di essere rimaste senza appetito in un momento in cui la nutrizione è della massima importanza. Questo perché le terapie per il cancro possono lasciare una sensazione di nausea o addirittura influenzare l’odore e il sapore dei cibi. A seconda del tipo di cancro, alcune persone sperimentano anche un metabolismo più lento, un falso senso di pienezza, bocca secca e una serie di altre condizioni che possono far perdere l’appetito.
  8. Anemia – I tuoi globuli rossi trasportano l’ossigeno nel tuo corpo e sono usati nel processo di respirazione, trasformando il tuo cibo in energia per sostenere altri processi del corpo. L’anemia, una condizione in cui hai un basso numero di globuli rossi sani, può lasciarti una sensazione di debolezza, stanchezza e perdita di appetito. Può essere combattuta con una dieta ricca di ferro e vitamina B12 o prendendo integratori che li contengono.

Cosa puoi fare per i tuoi problemi di appetito?

Molte cose possono influire sul tuo senso di fame o di sazietà. Sebbene sia importante seguire i segnali del tuo corpo, a volte è importante ottenere dei nutrienti, anche se devi forzarti a mangiare. È importante riconoscere di avere un problema e prendere provvedimenti per correggerlo. Ecco alcuni consigli:

  • Fai una linea del tempo o crea un diario per aiutare a individuare le ragioni di fondo. Annota i pasti che tendi a saltare e le situazioni che possono contribuire alla tua decisione di non mangiare.
  • Mangiate spesso piccole porzioni e diversificate le vostre opzioni alimentari con spuntini sani.
  • Limitate i liquidi durante i pasti, perché possono farvi sentire pieni prima di aver consumato sufficienti calorie alimentari.
  • Includa cibi di vari colori e consistenze per rendere i suoi pasti più attraenti.
  • Fai esercizio o partecipa ad altre forme produttive di attività fisica.
  • Parli con il suo fornitore di assistenza sanitaria sull’uso di multivitaminici o integratori liquidi per ottenere le sostanze nutritive di cui ha bisogno.
  • Cerca un aiuto professionale attraverso una terapia o una psicoterapia.
bambino pasticcione

Fonte: unsplash.com

Affronta i problemi con i professionisti della salute mentale

Potresti non renderti conto che i problemi sottostanti, come le situazioni che causano stress o ansia, possono contribuire a questa sensazione. Puoi discutere le tue preoccupazioni con un terapeuta che comprenda i tuoi bisogni e desideri, e che abbia l’esperienza per aiutarti a realizzare abitudini quotidiane più sane.

Conclusione

Ci sono molte ragioni per cui si può avere fame senza avere appetito, e una corretta alimentazione è importante quando si affrontano problemi che riguardano il proprio benessere. Non è necessario lottare quando ci sono modi produttivi per ritrovare l’appetito. Fai il primo passo oggi.

Domande frequenti (FAQ): Effetti collaterali, sintomi, trattamenti, malattie e soluzioni salutari

Cosa può causare la mancanza di desiderio di mangiare?

Quando non vuoi mangiare, può essere causato da qualcosa di minore o di grave. Alcune possibili cause includono depressione, stress, ansia, congestione, costipazione, indigestione o alcuni farmaci che stai assumendo. Anche il cancro e la fibrosi cistica possono essere un fattore.

Cosa fare quando si ha bisogno di mangiare e non si ha voglia di cibo?

Se non vuoi mangiare, dovresti comunque fare il possibile per assumere calorie. Un buon modo per farlo è preparare qualcosa che sai che ha un buon sapore e mangiarne un po’. Anche se non hai voglia di mangiare, questo non significa che non hai bisogno di mangiare.

Quale tipo di cancro provoca il non voler mangiare?

Essenzialmente, qualsiasi tipo di cancro può causare una perdita di voglia di mangiare, anche se è leggermente più comune nei tumori del tratto gastrointestinale o nel cancro ai polmoni. Dovresti sempre seguire la diagnosi o il trattamento del tuo medico quando mangi durante il trattamento del cancro, in modo da sapere cosa dovresti mangiare e quanto dovresti mangiare.

La perdita di voglia di mangiare è normale?

Ci sono molte ragioni per sperimentare il non voler mangiare e alcune di queste vanno bene. Mentre questo può essere dovuto a una malattia, si può anche non voler mangiare a causa del tempo o perché si sta vivendo lo stress. Tuttavia, abbiamo bisogno di nutrizione per sopravvivere. Ci sono gravi problemi di salute che possono derivare dal non mangiare abbastanza.

Di cosa è sintomo il non voler mangiare?

Ci sono molte condizioni che possono causarlo, che vanno da lievi a gravi. Se lo sperimenti abbastanza spesso, potresti aver bisogno di incontrare un medico, in modo da farti controllare. Saranno in grado di fornire una diagnosi medica, in modo da poter determinare con precisione il motivo per cui non hai voglia di mangiare.

Perché il mio desiderio di cibo sta diminuendo?

Alcune ragioni per questo potrebbero essere cose come condizioni mediche, come tumori o problemi di stomaco, anche se potrebbe essere solo perché sei malato o non ti senti al meglio.

Cosa significa se non riesci a mangiare senza sentirti male?

Se non riesci a mangiare senza sentirti male, potresti avere un problema al tuo tratto gastrointestinale. Per esempio, le persone con certi problemi intestinali non sono in grado di mangiare senza sentire effetti negativi. Se questo è il tuo caso, considera la possibilità di ottenere una diagnosi o un trattamento. Dopotutto, devi essere in grado di mangiare o soffrirai di un’improvvisa perdita di peso, che può essere malsana. Assicuratevi di notare come vi sentite quando sperimentate il non voler mangiare, in modo da poter essere consapevoli se vi sentite di nuovo così. Dovresti anche notare qualsiasi altro effetto negativo che senti quando non riesci a mangiare senza sentirti male. Questo è particolarmente vero se i problemi includono il non riuscire a mangiare per un lungo periodo di tempo.

Cosa può causare la mancanza di desiderio di cibo?

Il non voler mangiare può essere causato dallo stress, da una malattia minore o da una condizione grave. Dovresti preoccuparti solo quando ti succede abbastanza frequentemente. Se scopri che non mangi quasi mai, questo può essere un vero problema che richiede una diagnosi di psicoterapia medica. I problemi includono il non riuscire a mangiare o il non riuscire a mangiare abbastanza.

Sia la perdita di desiderio di cibo che la perdita di peso possono essere causate dall’anemia. Se pensi di essere anemico, dovrai visitare il tuo medico per saperne di più. Ci sono modi in cui questa condizione può essere trattata, in modo che tu possa sentirti di nuovo in grado di mangiare.

La sensazione di non voler mangiare unita alla nausea può essere causata da qualsiasi cosa, da un’infezione a certe medicine che stai prendendo. Quando stai sperimentando entrambi questi sintomi, assicurati di scrivere quanto frequentemente stanno accadendo, in modo da poter percepire se queste cose stanno accadendo regolarmente.

Lo stress può indurre le persone a non voler mangiare. Quando si è stressati, si può non voler mangiare come si fa normalmente. Si possono anche saltare i pasti o non avere voglia di mangiare. Se questa sensazione è dovuta allo stress, dovresti fare tutto il possibile per limitare la quantità di stress presente nella tua vita. Se sperimenti anche altri sintomi, potrebbe esserci qualcos’altro sotto.

Cosa mangiare quando non si ha voglia di mangiare?

Quando non hai voglia di mangiare, è importante mettere gli alimenti giusti nel tuo corpo e mangiare in modo da ottenere una nutrizione adeguata, di cui il tuo corpo ha bisogno per sopravvivere. Mangiate un piccolo pasto bilanciato, in modo da ottenere vitamine e sostanze nutritive, anche quando non avete voglia di mangiare. Assicurati anche di bere acqua, così il tuo intestino continuerà a lavorare come dovrebbe.

Quali sono i 7 segni di avvertimento del cancro?

I 7 segni di avvertimento del cancro sono piaghe che non guariscono, cambiamenti nella vescica, una tosse che non va via, verruche che cambiano forma o dimensione, non essere in grado di deglutire, uno scarico insolito e un nodulo che compare da qualche parte nel corpo.

Non desiderare il cibo è un segno di cancro?

Non voler mangiare può essere un segno di cancro, anche se può anche essere un segno di molte condizioni diverse. Quando si ha una perdita di desiderio di cibo, si può semplicemente avere un raffreddore o un’infezione. Se scopri che non hai voglia di mangiare e stai anche sperimentando altri sintomi del cancro, dovresti farti controllare il prima possibile.

Non desiderare il cibo può essere un segno di cancro al colon o di qualsiasi altro tipo di cancro. Tuttavia, questo può essere solo causato da una prescrizione che stai prendendo o perché sei troppo sotto stress. Altri problemi rilevanti nel mangiare includono il non essere in grado di sentire i sapori o avere problemi di masticazione e deglutizione.

Cos’altro potrebbe essere la causa?

Questo potrebbe essere un segno della gravidanza, dato che va di pari passo con le nausee mattutine. Se non vuoi mangiare a causa della gravidanza, potresti anche avere nausea e vomito. Tieni presente che è importante mangiare il giusto numero di calorie quando sei incinta a prescindere.

La disidratazione

È in grado di causare il non voler mangiare. Altri problemi legati alla disidratazione includono non essere in grado di deglutire perché siete a corto di acqua nel vostro corpo e stomaco sconvolto perché il vostro intestino non funziona correttamente. Altri sintomi legati alla disidratazione includono mal di testa, confusione, sonnolenza e sensazione di disagio.

L’ansia

Può causare il non voler mangiare. Una volta che l’ansia diminuisce, probabilmente sarete in grado di mangiare di nuovo e vorrete il cibo come dovreste. Se ti senti spesso ansioso e incapace di mangiare, potresti avere un disturbo d’ansia. Assicurati di scrivere tutti i tuoi sintomi, in modo da poter fare ulteriori ricerche. È importante mangiare abbastanza per la tua salute.

Il reflusso acido

O GERD, che è la malattia da reflusso gastroesofageo, può far sì che tu non voglia mangiare. Può anche causare la perdita di peso. Quando si hanno entrambi questi sintomi e si pensa di avere il reflusso acido, questo è qualcosa che deve essere affrontato rapidamente.

Alcune condizioni cardiache

possono causare la perdita del desiderio di cibo. Per esempio, le persone con insufficienza cardiaca possono avere difficoltà a mangiare le calorie di cui hanno bisogno per rimanere in salute. Questo può anche portare alla perdita di peso, il che non è sorprendente, considerando che una perdita di desiderio di mangiare di solito causa una riduzione del numero di calorie ingerite.

Quando si attraversa la menopausa

, non avere voglia di mangiare non è comune. Se viene sperimentato, è probabilmente dovuto a qualcosa come l’ansia, che può essere un problema quando qualcuno sta attraversando i cambiamenti ormonali. In altre parole, è improbabile che la menopausa diminuisca il tuo desiderio di cibo.

Non desiderare il cibo insieme alla diarrea può significare che hai un problema all’intestino o che stai soffrendo di intossicazione alimentare. Se si verifica anche una perdita di peso dopo l’inizio di questi sintomi, questo può essere il segno di una condizione che deve essere trattata da un medico.

Cosa causa la perdita di desiderio di mangiare negli anziani?

Ci sono diverse ragioni per cui una persona anziana può non voler mangiare. Alcune cause sono legate alle medicine che stanno prendendo, hanno perso parte del loro senso del gusto, sono disidratati, o hanno problemi quando si tratta di masticare. Una persona può iniziare a sperimentare la perdita di peso dopo una certa età a causa di non essere in grado di mangiare tanto quanto poteva prima.

Cosa dovrei mangiare per aumentare il mio appetito?

Quando hai voglia di mangiare e stai cercando di mangiare di più, potresti mangiare cose come frutta fresca e oggetti che hanno proteine, come noci e yogurt. In generale, dovresti fare del tuo meglio per mangiare sano e ingerire cibi che il tuo corpo è in grado di digerire. Dovresti cercare di rimanere idratato, così il tuo corpo continuerà a farti sapere quando vuoi mangiare. Questo dovrebbe includere ulteriori sintomi se si tratta di qualcosa di serio, in quanto non c’è un enorme motivo di preoccupazione se non hai altri sintomi presenti.


Due parole sul nostro processo di revisione

I video, i post e gli articoli non possono sostituire un percorso di supporto psicologico, ma a volte rappresentano il primo o l'unico modo per interpretare un problema o uno stato d'animo. Per i contenuti del nostro blog che trattano argomenti legati a sintomi, disturbi e terapie, abbiamo deciso di introdurre un processo di revisione fondato su tre principi.

Gli articoli devono essere approfonditi

La prima stesura è fatta da uno/una psicoterapeuta con almeno 2.000 ore di esperienza clinica.

Gli articoli devono essere verificati

Dopo la prima stesura, le informazioni e le fonti vengono esaminate da un altro o da un'altra professionista.

Gli articoli devono essere chiari

L'articolo viene rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e l'assimilazione dei concetti.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Luca Barbieri

Psicologo clinico di Milano

Ordine degli Psicologi della Lombardia num. 23251

Psicologo clinico. Ha una laurea in scienze psicologiche e una in psicologia criminologica e forense. Sta svolgendo il percorso di specializzazione in psicoterapia presso l'istituto CIPA di Milano.

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Si occupa di divulgazione scientifica e comunicazione scritta e video in ambito di salute mentale, psicologia e psichiatria. E' membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo Studio del Trauma e della Dissociazione).