Parasonnie: tutto quello che devi sapere 

|
Primo colloquio gratuito
Primo colloquio gratuito
kinga-howard-kqDEH7M2tGk-unsplash

Le parasonnie sono disturbi del sonno che possono influire sulla qualità della nostra riposo notturno. Si manifestano in una serie di comportamenti anomali che avvengono durante il sonno o in transizione tra la veglia e il sonno.

Ma cosa causa queste parasonnie? Come possono influenzare la vita quotidiana delle persone? Quali sono i sintomi tipici di disturbi come il sonnambulismo e i terrori notturni? In che modo si possono gestire o trattare questi disturbi?

In questo articolo, esamineremo le parasonnie in modo più dettagliato, fornendo risposte a queste domande. 

Cosa sono le parasonnie

Le parasonnie, come il sonnambulismo, i terrori notturni, il parlare nel sonno e la paralisi del sonno, sono disturbi del sonno caratterizzati da comportamenti indesiderati che si verificano durante l'addormentamento, il sonno o il risveglio. Sebbene più comuni nei bambini, le parasonnie possono manifestarsi a qualsiasi età.

Durante il sonno, il cervello attraversa ciclicamente diverse fasi, tra cui:

  • fase NREM:  il sonno a movimenti oculari non rapidi;
  • fase REM: il sonno a movimenti oculari rapidi;
  • fase della veglia

Il sonno NREM è diviso in 4 fasi:

  • dalla fase di transizione tra veglia e sonno (fase I);
  • alla fase più prolungata del sonno (fase II);
  • fino alle fasi III e IV che tendono a verificarsi nella prima metà della notte e richiedono stimoli significativi per risvegliare il dormiente. 

Le parasonnie si manifestano quando queste transizioni tra le fasi del sonno vengono interrotte, comunemente tra le fasi III/IV e lo stato di veglia, provocando comportamenti che avvengono senza la completa consapevolezza e la mentalità associata alla veglia.

La Classificazione Internazionale dei Disturbi del Sonno (ICSD) suddivide le parasonnie in gruppi:

Parasonnie associate alla fase NREM:

  • risvegli confusionali;
  • sonnambulismo;
  • terrori notturni. 

Parasonnie associate alla fase REM

  • paralisi del sonno ricorrente isolata;
  • disturbo degli incubi. 

Altre parasonnie includono: 

  • allucinazioni correlate al sonno;
  • disturbo alimentare correlato al sonno. 

Vediamoli nel dettaglio nei prossimi paragrafi.

Risvegli confusionali

I risvegli confusionali sono episodi che possono manifestarsi in qualsiasi momento in cui il sonno viene interrotto e spesso sono associati a condizioni come:

  • la narcolessia
  • l'apnea ostruttiva del sonno;
  • il disturbo del movimento periodico degli arti;
  • risvegli forzati, soprattutto nelle persone che soffrono di privazione del sonno. 

Inoltre, farmaci e sostanze che influenzano il sonno possono contribuire alla comparsa di risvegli confusionali.

Questi episodi sono tipicamente di breve durata e possono comportare comportamenti come il parlare nel sonno e movimenti motori semplici che si verificano senza che la persona reagisca all'ambiente circostante. La frequenza degli episodi tende a diminuire con l'età, e la loro persistenza oltre i 20 anni di solito è associata ad altri disturbi del sonno o all'uso di farmaci.

A causa dell'amnesia che accompagna spesso questi episodi, sono spesso notati solo dai compagni di letto. 

Sono state individuate 2 varianti dei risvegli confusionali: 

  • l'inerzia del sonno al mattino: simile alla confusione e alla lentezza osservate al risveglio dal sonno a onde lente (fase III e IV della fase NREM).;
  • i comportamenti sessuali legati al sonno (noti come sexsomnia): come vocalizzazioni, palpeggiamenti, masturbazione, rapporti sessuali o abusi sessuali, emergono come parte dei risvegli confusionali dal sonno. È importante notare che tali comportamenti dovrebbero essere considerati come crisi parziali e altre patologie.

Per coloro che ne soffrono, migliorare l'igiene del sonno, evitare farmaci o sostanze che influenzano il sonno e prevenire la privazione del sonno sono misure importanti per massimizzare la stabilità del sonno.

Alcuni trattamenti, come l'uso di benzodiazepine e inibitori selettivi del reuptake della serotonina (SSRI), insieme all'educazione sul sonno, la gestione dello stress e l'adozione delle dovute precauzioni, possono risultare efficaci. 

Anche se le prove si basano principalmente su esperienze, alcune persone hanno riscontrato beneficio nell'impostare una sveglia per circa un'ora dopo l'inizio del sonno.

Sonnambulismo

Il sonnambulismo è caratterizzato da episodi ripetuti in cui una persona si allontana dal suo letto durante il sonno e inizia a vagare in giro. 

Durante questi episodi, l'individuo può presentare un'espressione facciale fissa e vuota, mostrando una relativa mancanza di reattività agli sforzi compiuti dagli altri per comunicare con loro. Risvegliare la persona in questo stato può risultare estremamente difficile.

Il soggetto può manifestare una vasta gamma di comportamenti, dalle azioni più semplici come sedersi confusamente sul letto prima di iniziare a camminare, alle azioni più complesse e inusuali, come recarsi in cucina e preparare del cibo, pronunciando parole che spesso risultano poco comprensibili. 

Alcune persone, in situazioni più rare, possono persino impegnarsi in comportamenti sessuali o compiere gesti strani, come urinare in luoghi inappropriati, a volte a causa di una confusa percezione dell'ambiente circostante.

Ciò che spesso contraddistingue il sonnambulismo è che gli occhi del soggetto rimangono aperti, a differenza delle parasonnie REM in cui gli occhi sono chiusi.

Nel sonnambulismo, l'ambulazione agitata è più frequente tra gli individui più anziani ed è spesso legata a una sensazione di minaccia o ai sogni che promuovono il tipico comportamento di "combatti o fuggi". Questo può, talvolta, portare a situazioni pericolose o comportare il rischio di lesioni, sia per il sonnambulo stesso che per le persone che cercano di assistere o interagire con lui.

Un punto importante da notare è che per innescare gli episodi di sonnambulismo, di solito è necessaria la co-occorrenza di fattori predisponenti, come: 

  • la suscettibilità genetica;
  • la privazione del sonno;
  • il contatto fisico;
  • il rumore, lo stress;
  • l'uso di alcol e farmaci;
  • febbre. 

La causa sottostante del sonnambulismo rimane sconosciuta, ma sembra coinvolgere in modo evidente il sonno a onde lente. 

Nonostante la macroarchitettura del sonno nelle persone affette da sonnambulismo sia generalmente normale, c'è l'ipotesi di una maggiore frammentazione durante il sonno a onde lente. 

Questa frammentazione è stata supportata da dati di tomografia a emissione di singoli fotoni registrati durante gli episodi di sonnambulismo, rivelando la coesistenza di stati di sonno e veglia, causata da un'attivazione selettiva e da una minore attività dei circuiti neurali.

Nel tentativo di gestire il sonnambulismo, oltre alle precauzioni di sicurezza comuni, possono essere adottate ulteriori misure come:

  • evitare la privazione del sonno;
  • affrontare i disturbi del sonno concomitanti, come l'apnea ostruttiva del sonno, attraverso approcci sia farmacologici che non farmacologici.

Le opzioni di trattamento includono:

  • sveglie programmate;
  • psicoterapia;
  • esercizi di rilassamento;
  • in alcuni casi, l'ipnosi. 

Tuttavia, quando gli episodi di sonnambulismo si verificano frequentemente o rappresentano un rischio pericoloso, può essere necessario ricorrere alla terapia farmacologica. Comuni farmaci impiegati in tali situazioni includono il clonazepam, mentre altri benzodiazepine, imipramina, paroxetina e melatonina possono rappresentare opzioni alternative, sebbene con evidenze limitate.

Svegliarsi di colpo spaventati: i terrori notturni

I terrori nel sonno, noti anche come pavor nocturnus, rappresentano una condizione caratterizzata da ricorrenti episodi di risvegli dal sonno con terrore improvviso. 

La loro durata varia dai 30 secondi ai 5 minuti, durante il quale la persona coinvolta, dopo aver emesso un grido di terrore, si siede nel letto visibilmente sudata e angosciata, spesso incapace di comunicare o esprimere ciò che sta vivendo e manifestando i sintomi tipici della paura

Questi sintomi possono includere:

  • aumento della frequenza cardiaca;
  • sudorazione;
  • respirazione affannosa. 

Inoltre prevale una forte attivazione neurofisiologica con segni come:

  • la dilatazione delle pupille (midriasi);
  • tachicardia;
  • respiro affannoso;
  • sudorazione eccessiva.

In alcuni casi, il dormiente può alzarsi dal letto e cercare di sfuggire a una minaccia invisibile, mettendo così se stesso o gli altri in situazioni pericolose. Tuttavia è importante notare che nonostante l'intensità del terrore vissuto, il paziente in genere non ricorda gli episodi al risveglio.

In genere, durante un episodio di terrore nel sonno, non sono presenti sogni, a differenza degli incubi più comuni. 

Tra i bambini, i terrori nel sonno sono più comuni nei maschi rispetto alle femmine, mentre tra gli adulti la distribuzione tra i sessi è uguale. 

Un aspetto distintivo dei terrori nel sonno è la difficoltà nel risvegliare il paziente durante l'episodio di terrore. 

La causa esatta dei terrori notturni rimane sconosciuta, ma c'è una relazione tra questi episodi e i disturbi psichiatrici. Le persone che soffrono di terrore notturno possono manifestare sintomi di depressione, ansia e talvolta presentare tratti ossessivo-compulsivi e fobici, come indicato dal Minnesota Multiphasic Personality Inventory.

Altri fattori, come febbre, periodi di stress o deprivazione di sonno, possono facilitare la comparsa di terrori nel sonno.

Nella gestione dei terrore notturno, viene utilizzata la terapia farmacologica: gli antidepressivi triciclici e le benzodiazepine sono stati utilizzati con successo in alcuni casi, soprattutto quando gli episodi sono potenzialmente dannosi o disturbanti.

Questi episodi, sebbene spaventosi per chi li vive e per chi li osserva, possono talvolta migliorare con il tempo o rispondere a determinati trattamenti. 

La chiave è cercare l'aiuto di uno specialista del sonno o di un professionista sanitario per valutare la situazione e determinare il piano di gestione più appropriato per il paziente.

Disturbo alimentare correlato al sonno 

Il disturbo alimentare correlato al sonno è una parasonnia che combina elementi dell'abbuffata tipica della bulimia nervosa con comportamenti confusi e amnesia parziale o completa. 

Questo disturbo si manifesta durante la fase NREM, durante il quale la persona coinvolta consuma cibo e bevande in modo affrettato e senza controllo, spesso con una preferenza per alimenti ad alto contenuto calorico. Talvolta, possono essere ingeriti cibi insoliti o addirittura tossici, come fette di burro o pollo crudo. 

Ciò che distingue il disturbo alimentare correlato al sonno da altri disturbi alimentari è la mancanza di consapevolezza durante l'episodio e l'assenza di ricordi legati all'episodio stesso.

Sebbene la causa precisa di questo disturbo non sia completamente chiara, è associata ad altri disturbi del sonno come: 

  • il sonnambulismo; 
  • la sindrome delle gambe senza riposo; 
  • il disturbo del movimento periodico delle gambe;
  • l'apnea ostruttiva del sonno;
  • la narcolessia. 

Inoltre, l'uso di farmaci come il Zolpidem può aumentare il rischio di manifestare questo comportamento durante il sonno.

La gestione del disturbo alimentare correlato al sonno richiede spesso l'intervento di professionisti specializzati nel sonno, con un'enfasi particolare sulla sicurezza, data la possibilità di ingerire cibi potenzialmente tossici. 

I primi passi nella gestione includono:

  • stabilizzare l'orario dei pasti del paziente;
  • prevenire la privazione del sonno;
  • ridurre l'uso di alcol e sostanze. 

Se necessario, l'opzione terapeutica preferita attualmente è l'uso del farmaco topiramato, con agenti come gli SSRI e gli agonisti della dopamina considerati come alternative di seconda linea. 

Disturbo alimentare correlato al sonno e sindrome da alimentazione notturna: le differenze

Il disturbo alimentare correlato al sonno e la sindrome da alimentazione notturna sono due condizioni diverse relative all'assunzione di cibo durante il sonno e l'alimentazione incontrollata, ma hanno differenze significative. 

La principale differenza tra i due disturbi riguarda la consapevolezza e il ricordo dell'episodio, oltre alle fasi del sonno in cui si verificano. 

  1. Consapevolezza del ricordo

Nel disturbo alimentare correlato al sonno, il paziente solitamente ha una mancanza di consapevolezza durante l'episodio e spesso non ricorda di aver mangiato durante il sonno o ha solo una vaga consapevolezza di ciò che è accaduto.

Nella sindrome da alimentazione notturna, il paziente è completamente consapevole degli episodi di alimentazione notturna, ricorda in dettaglio ciò che ha mangiato e spesso prova sensi di colpa o disagio legati all'episodio.

  1. Fasi del sonno

Il disturbo alimentare correlato al sonno si verifica durante la fase NREM , che è caratterizzata da onde cerebrali lente e profonde. Questi episodi emergono da uno stato di coscienza alterato.

La sindrome da alimentazione notturna si verifica principalmente durante la fase REM, che è associata a sogni vividi e attività cerebrale più simile alla veglia. Questi episodi possono verificarsi anche dopo il risveglio dal sonno, causando spesso interruzioni del sonno stesso. 

Paralisi del sonno

La paralisi del sonno comporta l'incapacità di compiere movimenti volontari all'inizio del sonno o al risveglio. 

Nonostante la coscienza sia preservata e il paziente abbia una chiara memoria degli eventi, durante questi episodi, non è in grado di parlare o di muoversi

La respirazione non risente di queste paralisi, sebbene i pazienti possano percepire una sensazione di soffocamento dovuta alla perdita di tono muscolare dei muscoli accessori della respirazione, ma la respirazione diaframmatica rimane invariata. 

La durata di tali episodi può variare da pochi secondi a qualche minuto, risolvendosi spontaneamente. Tuttavia, possono essere interrotti se il paziente viene toccato o gli si rivolge la parola

Questi episodi, in particolare durante le prime esperienze, sono spesso accompagnati da una forte sensazione di ansia. Non è raro che siano correlate ad allucinazioni, che possono coinvolgere udito, vista o tatto, aggiungendo al disagio una percezione di presenza minacciosa nella stanza.

Diversi fattori possono predisporre alla paralisi del sonno, tra cui:

  • la privazione del sonno;
  • orari irregolari sonno-veglia (come nel caso di jet lag o lavoro a turni);
  • situazioni di stress. 

È importante notare che questi episodi si verificano più frequentemente quando il soggetto si trova supino, il che potrebbe favorire una sorta di dissociazione di stato in cui elementi della fase REM permangono nella fase di veglia, innescando il fenomeno. 

Per una diagnosi accurata, è fondamentale escludere cause secondarie di paralisi del sonno, come la narcolessia o altre condizioni neuropsichiatriche. Questa esclusione può richiedere un attento esame fisico, una dettagliata anamnesi medica e psichiatrica, nonché eventuali indagini diagnostiche.

La gestione della paralisi del sonno si concentra sulla rassicurazione e l'educazione del paziente: assicurare un adeguato riposo notturno e regolarità nei cicli sonno-veglia può contribuire a ridurre la frequenza di questi episodi.

Inoltre, il paziente può essere istruito a esercitarsi nel muovere il dito mignolo durante la paralisi nel sonno.Questa azione, se eseguita correttamente durante un episodio, può spesso interromperlo.

Nonostante non esistano prove solide in merito all'efficacia degli interventi psicologici o farmacologici per la gestione della paralisi del sonno, è importante notare che alcuni antidepressivi denominati SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) possono risultare utili poiché sopprimono il sonno REM e sono generalmente ben tollerati.

Disturbo da incubi

Il disturbo degli incubi è una condizione caratterizzata da incubi ricorrenti contenenti elementi di forte ansia, rabbia o disgusto, spesso causando risvegli prolungati. È possibile che si verifichino diversi incubi durante un'unica sessione di sonno, spesso legati da temi simili.

Gli incubi sono strettamente associati a problemi di salute mentale e si verificano più frequentemente in individui che soffrono di condizioni psicopatologiche. 

Alcuni farmaci possono contribuire allo sviluppo di incubi, tra cui:

  • antidepressivi;
  • antipertensivi;
  • agonisti dei recettori della dopamina.

La principale caratteristica che distingue gli incubi da altre parasonnie è la vivida memoria dei sogni disturbanti. Al contrario, nelle parasonnie come il terrore notturno, l'attività onirica, se presente, è frammentaria e spesso non si ricorda.

Solitamente si manifestano sia durante la fase NREM che durante la fase REM

Gli incubi sono una caratteristica ben nota del disturbo da stress acuto e del disturbo da stress post-traumatico. Tuttavia, la denominazione "disturbo degli incubi" è applicata solo quando la gravità degli incubi richiede attenzione clinica. 

In molti casi, la gestione dei sintomi del disturbo da stress post-traumatico può contribuire a una risoluzione degli incubi.

Esistono diverse modalità di trattamento per il disturbo degli incubi: gli approcci psicologici sono spesso considerati efficaci, tra cui la rielaborazione delle immagini

Questa tecnica coinvolge il paziente nella modifica della trama dell'incubo per renderla meno angosciosa o per portarla a una conclusione sicura. In seguito, il paziente esercita mentalmente questa nuova versione dell'incubo. 

Inoltre, il farmaco Prazosin è stato utilizzato per ridurre gli incubi post-traumatici

Come si manifestano le parasonnie?

Come detto, di solito le parasonnie si manifestano con comportamenti indesiderati durante il sonno o il risveglio. 

Se sospetti di soffrire di una determinata parasonnia, dovresti considerare alcune domande cliniche utili:

  1. Escludi la privazione del sonno

Valuta quanto tempo trascorri a letto e la tua durata totale di sonno tenendo un diario del sonno per almeno una settimana. Assicurati di escludere cause esterne di privazione del sonno, come orari di lavoro irregolari o responsabilità legate all'assistenza a bambini piccoli, familiari malati o animali domestici.

  1. Escludi gli effetti delle sostanze

Verifica se l'uso di alcol o altre sostanze, come stimolanti, potrebbe influenzare le manifestazioni dei tuoi disturbi del sonno.

  1. Escludi altri disturbi del sonno

Controlla se ci sono segni di disturbi noti a causare instabilità del sonno, come l'apnea del sonno, il disturbo del movimento periodico degli arti, la sindrome delle gambe senza riposo o la narcolessia.

  1. Escludi fattori medici e farmaci

Potresti avere una sindrome o condizione medica che causa disagio o dolore durante la notte, oppure usi farmaci stimolanti come gli antidepressivi che influiscono negativamente sul tuo sonno. Valuta queste opzioni. 

  1. Esamina la morfologia degli eventi

Considera la durata e la regolarità degli episodi. Gli episodi brevi e stereotipati sono più propensi a manifestarsi come crisi o attacchi. 

Se le tue attività notturne risultano potenzialmente dannose o disturbanti per gli altri, o se hai bisogno di una valutazione più dettagliata, è consigliabile consultare uno specialista dei disturbi del sonno o considerare la polisonnografia.

Cause delle parasonnie

Le parasonnie possono avere diverse cause, che possono variare da persona a persona. Le cause comuni delle parasonnie includono:

  1. Fattori genetici

In alcune famiglie, vi può essere una predisposizione genetica al sonnambulismo e ad altri disturbi del sonno. La storia familiare di parasonnie può aumentare il rischio di sviluppare questi disturbi.

  1. Stress

Lo stress e l'ansia possono aumentare la probabilità di episodi di parasonnie. Le situazioni stressanti o gli eventi traumatici possono influire negativamente sul sonno e aumentare la frequenza delle parasonnie.

  1. Deprivazione del sonno

La mancanza di sonno di qualità o una ridotta durata del sonno possono aumentare la probabilità di episodi di sonnambulismo o terrore notturno. La deprivazione del sonno può influenzare negativamente la regolazione del sonno e l'attività cerebrale durante il sonno.

  1. Disturbi del sonno correlati alla respirazione

Alcuni disturbi del sonno, come l'apnea ostruttiva del sonno, possono aumentare il rischio di parasonnie. Questi disturbi possono influire sulla qualità del sonno e portare a risvegli durante la notte.

  1. Alcol e farmaci

L'uso di alcol e alcuni farmaci può influire sulla regolazione del sonno e aumentare il rischio di episodi di parasonnie. Ad esempio, il consumo eccessivo di alcol può portare a blackout associati a comportamenti complessi.

  1. Altri disturbi mentali o del sonno

Alcuni disturbi mentali, come il disturbo da stress post-traumatico, e alcuni disturbi del sonno, come il disturbo da comportamento del sonno REM, possono essere associati a parasonnie. Questi disturbi possono influenzare il sonno e contribuire agli episodi di parasonnie.

  1. Fattori ormonali

Alcune parasonnie, come i terrori notturni, possono essere influenzate da fluttuazioni ormonali. Questo può essere particolarmente rilevante nelle fasi della vita in cui gli ormoni subiscono cambiamenti significativi, come l'infanzia e l'adolescenza.

È importante notare che le cause specifiche delle parasonnie possono variare da individuo a individuo, e spesso possono essere il risultato di una combinazione di fattori.

Parasonnie negli anziani

Le parasonnie possono essere più persistenti negli anziani rispetto ai bambini o agli adulti più giovani. Tuttavia, la natura specifica delle parasonnie negli anziani può variare notevolmente da persona a persona.

I cambiamenti nella struttura del sonno associati all'invecchiamento possono contribuire alle parasonnie negli anziani. Ad esempio, una maggiore frequenza di risvegli notturni e un'architettura del sonno diversa possono influenzare l'insorgenza di questi disturbi.

Le parasonnie negli anziani possono causare disagio e aumentare il rischio di cadute o infortuni durante gli episodi di sonnambulismo. Pertanto, è essenziale riconoscere questi disturbi negli anziani e considerare le misure di sicurezza adeguate.

La gestione delle parasonnie negli anziani può richiedere un approccio specifico, tenendo conto delle comorbidità mediche e dell'interazione con i farmaci.

Ad esempio, alcuni farmaci possono influire negativamente sulla regolazione del sonno e aumentare il rischio di episodi di sonnambulismo o terrore notturno. 

Infatti vanno tenuti a mente gli effetti collaterali significativi e le controindicazioni all'uso delle benzodiazepine

L'eccessiva sonnolenza, l'effetto residuo e il deterioramento delle abilità psicomotorie possono essere particolarmente problematici negli anziani. 

La terapia a breve termine con benzodiazepine può essere particolarmente utile negli anziani ospedalizzati quando non è controindicata e vengono affrontati altri problemi contribuenti.

Parasonnie negli adulti

Le parasonnie negli adulti possono essere influenzate da una serie di fattori, tra cui:

  • ansia e stress;
  • la deprivazione del sonno;
  • l'uso di farmaci o sostanze;
  • cambiamenti nella routine del sonno

Alcuni adulti possono sperimentare parasonnie che persistono dalla loro infanzia, come il sonnambulismo. Tuttavia, è importante escludere altre cause sottostanti, come i disturbi del sonno correlati alla respirazione o l'effetto di farmaci, prima di confermare la diagnosi.

Le parasonnie negli adulti possono avere un impatto significativo sulla qualità del sonno e sulla vita quotidiana. Possono portare a problemi sociali, familiari o lavorativi, oltre a possibili rischi per la sicurezza.

La gestione delle parasonnie negli adulti può richiedere un approccio multidisciplinare che coinvolga uno specialista del sonno, un medico o uno psicoterapeuta.

Parasonnie nei bambini

Le parasonnie sono relativamente diffuse nei bambini. 

I bambini sono più suscettibili a parasonnie come il sonnambulismo e i terrori notturni rispetto agli adulti.

Le più comuni includono:

  • il sonnambulismo: colpisce circa il 14.5% dei bambini tra i 2.5 e i 6 anni;
  • i terrori notturni:  circa il 39.8%; 
  • il somniloquio (parlare nel sonno): circa l'84.4%;
  • l'enuresi (pipì a letto): circa il 25.0% .

L'enuresi è l'incapacità di controllare la minzione durante il sonno, e questa parasonnia è spesso associata a differenze di genere, con una prevalenza maggiore nei maschi. 

Sebbene molte di queste parasonnie siano comuni nei bambini, spesso si risolvono con la crescita e raramente causano problemi di insonnia o sonnolenza eccessiva durante il giorno. 

Tuttavia, quando queste manifestazioni notturne diventano frequenti o di notevole intensità, i bambini possono sperimentare disagio, ansia o imbarazzo. In questi casi, quando le parasonnie comportano un rischio per la sicurezza o influiscono negativamente sulla qualità del sonno o sulla vita quotidiana del bambino, è consigliabile consultare uno specialista del sonno o un pediatra per una valutazione e, se necessario, per un piano di trattamento appropriato.

Trattamenti per le parasonnie

Le parasonnie possono richiedere differenti approcci di trattamento. 

In molti casi, specialmente nei bambini e negli adolescenti sani, questi disturbi potrebbero non necessitare di alcun trattamento specifico. 

Tuttavia, in situazioni in cui le parasonnie causano disagio significativo o rappresentano un pericolo per il paziente o gli altri, possono essere considerati interventi terapeutici.

  1. Supporto psicologico

In alcuni casi, le parasonnie possono rispondere a un approccio psicologico. Questo può includere consulenze o terapie (scopri i vantaggi delle terapie online) volte a gestire lo stress, migliorare l'igiene del sonno e affrontare eventuali fattori scatenanti psicologici.

  1. Trattamento dei fattori scatenanti

Alcune parasonnie possono essere scatenate da specifiche condizioni o sostanze che aumentano la fase 3 del sonno NREM. Identificare e trattare queste condizioni, come la privazione del sonno, gli orari irregolari sonno-veglia o lo stress, può spesso ridurre la frequenza degli episodi.

  1. Farmacoterapia

Quando le parasonnie sono frequenti, pericolose o causano disagio significativo, è possibile considerare il ricorso alla farmacoterapia. Alcuni farmaci possono essere utilizzati per sopprimere o gestire queste parasonnie, come il clonazepam può essere efficace per le parasonnie da risveglio, non tanto attraverso la soppressione del sonno NREM di fase 3, ma piuttosto inibendo gli episodi di risveglio o l'attività locomotoria. 

Ci sono poi comportamenti che possono risultare utili nel gestire le parasonnie, come: 

  • evitare di svegliare il soggetto: soprattutto nei casi di sonnambulismo o terrori notturni, è importante insegnare ai genitori o ai familiari a evitare di svegliare il paziente durante un episodio. Invece, possono gentilmente accompagnare il paziente a letto per garantire la sua sicurezza; 
  • effettuare una valutazione clinica: la terapia o l'intervento dovrebbero essere considerati se le parasonnie causano conseguenze indesiderate, come eccessiva sonnolenza diurna o causano notevole disagio al paziente o alla sua famiglia; 
  • assicurarsi un ambiente sicuro: nel caso di parasonnie che coinvolgono il vagabondaggio notturno o comportamenti violenti, è importante rendere l'ambiente il più sicuro possibile. Ciò può includere assicurare finestre, rimuovere ostacoli e installare allarmi per prevenire lesioni gravi. 

La psicoterapia online di Serenis

In questo blog troverai tantissimi altri articoli che parlano di salute mentale.

Se hai ritrovato un po' di te in quello che hai letto, magari puoi pensare di aiutarti facendo psicoterapia con noi: siamo un centro medico autorizzato.

Il servizio è completamente online, con centinaia di psicoterapeuti e psicoterapeute (cioè hanno la specializzazione) con in media circa 10 anni di esperienza.

Non abbiamo un percorso specifico sul sonno, ma troverai terapeuti specializzati online che ti potranno seguire in un percorso su questa tematica. È un percorso individuale che serve a stabilire delle routine sane per il riposo. Scoprirai la teoria di base che sta dietro al sonno e imparerai delle tecniche psicoterapeutiche che aiutano a dormire meglio.

Tutto inizia con il desiderio di vivere una vita migliore. Noi possiamo sostenerti; Serenis è a un solo link di distanza.

Il primo colloquio è gratuito, poi 55 € a seduta, o 202 € ogni 4 sessioni.

Fonti

  • Fleetham, J. A., & Fleming, J. A. (2014). Parasomnias. Cmaj, 186(8), E273-E280.
  • Tinuper, P., Bisulli, F., & Provini, F. (2012). The parasomnias: mechanisms and treatment. Epilepsia, 53, 12-19.
  • Wise, M. S. (1997). Parasomnias in children. Pediatric annals, 26(7), 427-433.
  • Susman, J. L. (1989). Sleep in the elderly: A practical approach. Journal of Family Practice, 29(5), 528-533.
Il nostro processo di revisione
Scopri di più
Approfondimento
Coinvolgiamo nella stesura dei contenuti clinici terapeuti con almeno 2.000 ore di esperienza.
Verifica
Studiamo le ricerche sul tema clinico e quando possibile le inseriamo in bibliografia.
Chiarezza
Perfezioniamo gli articoli dal punto di vista stilistico privilegiando la comprensione del testo.
Validano gli articoli
DDDDomenico De Donatis
Domenico De Donatis
Leggi la biografia

Domenico De Donatis è un medico psichiatra con esperienza nella cura dei disturbi psichiatrici. Laureato in Medicina e Chirurgia presso l'Università di Parma, ha poi ottenuto la specializzazione in Psichiatria all'Università Alma Mater Studiorum di Bologna. Registrato presso l'Ordine dei Medici e Chirurghi di Pescara con il n° 4336, si impegna a fornire trattamenti mirati per migliorare la salute mentale dei suoi pazienti.

DsMDott.ssa Martina Migliore
Dott.ssa Martina Migliore
Leggi la biografia

Romana trapiantata in Umbria. Laureata in psicologia e specializzata in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale. Ex-ricercatrice in Psicobiologia e psicofarmacologia. Visione pratica e creativa del mondo, amo le sfide e trovare soluzioni innovative. Appassionata di giochi di ruolo e cultura pop, li integro attivamente nelle mie terapie. Confermo da anni che parlare attraverso ciò che amiamo rende più semplice affrontare le sfide della vita.

FRFederico Russo
Federico Russo
Leggi la biografia

Psicologo e psicoterapeuta con 8 anni di Esperienza. Iscrizione all’Ordine degli Psicologi - Regione Puglia, n° 5048.

Laurea in Psicologia clinica e della salute, Università degli Studi di Chieti. Specializzazione in Psicoterapia presso l'Istituto S. Chiara.

Crede che la parte migliore del suo lavoro sia il risultato: l’attenuazione dei sintomi, la risoluzione di una difficoltà, il miglioramento della vita delle persone.