body ▲ Select Parent Subselection ▼

Bulimia nervosa: cos’è, cause, cura e sintomi

Una guida facile, facile su cosa fare per guarire dalla bulimia nervosa, un disturbo alimentare da non sottovalutare.

La bulimia nervosa è un disturbo del comportamento alimentare (DCA), patologie che si manifestano attraverso comportamenti alimentari disfunzionali che compromettono lo stato di salute fisica e il funzionamento psicosociale di una persona che ne è affetta. Oltre la bulimia, rientrano in questa categoria di patologie anche l’anoressia, l’obesità, il disturbo da alimentazione incontrollata (BED) e la vigoressia. In questo articolo approfondiremo cos’è la bulimia nervosa, quali sono le cause, i sintomi e le cure.

Cos’è la bulimia

La bulimia nervosa è un disturbo del comportamento alimentare caratterizzato dall’eccessiva assunzione di cibo – le abbuffate – solitamente consumate in modo rapido e spesso in solitudine. Le persone affette da bulimia nervosa sperimentano poi un profondo senso di colpa e vergogna in seguito alle abbuffate, il che spesso porta a condotte di compensazione quali il vomito autoindotto, l’abuso di lassativi o diuretici, digiuno eccessivo o esercizio fisico estremo.

Sebbene sia più comunemente associata a una preoccupazione eccessiva per il peso corporeo e la forma fisica, la bulimia nervosa non è limitata esclusivamente alle persone magre. Le persone che ne soffrono possono presentare anche un peso corporeo che è nella norma o avere un problema di obesità.

Solitamente la bulimia nervosa tende a interessare principalmente le donne tra i 16 e i 40 anni, tuttavia può svilupparsi in individui di qualsiasi età. Sebbene sia più comune nelle donne, non mancano casi di bulimia anche negli uomini e, sebbene rari, possono verificarsi anche in bambini.

I cicli di abbuffate-comportamenti compensatori possono essere scatenati sia dalla fame, sia dallo stress ma, più frequentemente, costituiscono soltanto un modo per fronteggiare i propri stati d’ansia.

Il significato della bulimia

Cosa significa soffrire di bulimia?

Soffrire di bulimia significa essere intrappolati in precisi schemi prestabiliti, dove il cibo e il vomito, o l’attività fisica e l’abuso di lassativi, diventano rituali ineludibili. Questi comportamenti creano una sensazione di totale mancanza di libertà alimentare, imprigionando la persona bulimica in un ciclo distruttivo. La bulimia porta con sé un costante senso di colpa dopo un episodio di abbuffata, che spesso si traduce in comportamenti di eliminazione come il vomito autoindotto.

In molti aspetti, la bulimia presenta somiglianze con il disturbo da alimentazione incontrollata, noto come “binge eating disorder” (BED), poiché entrambi coinvolgono episodi ricorrenti di abbuffate. Tuttavia, a differenza della bulimia, il BED non è accompagnato da comportamenti compensatori come il vomito autoindotto o l’uso eccessivo di lassativi.

In alcuni casi, la bulimia può far sentire potenti e forti, almeno inizialmente. C’è una percezione distorta che permette di mangiare qualsiasi cosa, perché si sa che, in seguito, verrà espulsa attraverso i comportamenti compensatori. Tuttavia, questa sensazione di potere è effimera e illusoria, poiché la bulimia alla lunga ha gravi conseguenze sulla salute fisica e mentale.

Vivere con la bulimia significa vivere una dura battaglia quotidiana che va oltre il semplice rapporto con il cibo. È una lotta che coinvolge il corpo, la mente e le emozioni, spesso creando un circolo vizioso che richiede un supporto empatico e professionale per essere superato.

Significato della bulimia: una visione psicodinamica

Una prospettiva psicodinamica può offrire una comprensione più approfondita delle radici e dei meccanismi della bulimia, evidenziando come questo disturbo possa essere influenzato da esperienze infantili e dinamiche familiari complesse.

Questo disturbo, insieme all’anoressia, è spesso considerato come due facce della stessa medaglia, condividendo alcune caratteristiche fondamentali. Mentre la bulimia nervosa si caratterizza per episodi di abbuffate seguiti da comportamenti compensatori, come il vomito autoindotto, l’anoressia nervosa è contrassegnata da una restrizione estrema dell’assunzione di cibo. Entrambi i disturbi sono influenzati da complessi fattori biopsicosociali e richiedono un trattamento individualizzato e multidisciplinare per il recupero.

Le persone che lottano con la bulimia spesso hanno difficoltà a controllare i loro impulsi. Questo comportamento è spesso il risultato di un Io indebolito (senso di sé debole) e di un Super-Io (voce critica interna) meno forte. Il comportamento di mangiare in modo eccessivo e poi cercare di liberarsi del cibo non è solo un problema di controllo sugli impulsi, ma spesso viene accompagnato da comportamenti sessuali impulsivi, autolesionismo e uso di sostanze.

Un tema comune nella storia infantile delle persone con bulimia è l’assenza di un oggetto transizionale, come un ciuccio o una copertina, che aiuta il bambino a separarsi psicologicamente dalla madre. 

Vuoi iniziare il tuo percorso di psicoterapia adesso?

Compila il questionario Serenis e scopri il terapeuta più adatto a te

Primo colloquio gratuito

Sedute online

Il servizio di psicoterapia meglio recensito in Italia

Inizia il questionario

Questa lotta evolutiva per separarsi può essere invece inscenata utilizzando il corpo: il mangiare rappresenta il desiderio di essere vicini alla madre, mentre il cercare di liberarsi del cibo simboleggia il tentativo di allontanarsi da lei.

All’interno delle dinamiche familiari, spesso emergono forti bisogni da parte dei genitori di essere visti come “tutti buoni”. Le qualità inaccettabili e gli aspetti negativi dei genitori vengono proiettati sul figlio/figlia bulimico/a, che finiscono per sentirsi come i “cattivi“. 

Tuttavia, il sentimento residuo di “bontà” è instabile, poiché è basato sulla scissione, sul diniego e sulla proiezione dell’aggressività piuttosto che sull’integrazione del cattivo con il buono.

Le cause della bulimia

Identificare le cause della bulimia nervosa è complesso, poiché il disturbo è influenzato da molteplici fattori. Oltre alla paura di ingrassare e all’utilizzo del cibo come mezzo di coping emotivo, altre emozioni profonde giocano un ruolo significativo. Le abbuffate e i comportamenti di eliminazione del cibo spesso rappresentano il principale modo per coloro che soffrono di bulimia di affrontare emozioni complesse come ansia, depressione, insicurezza e stress. In alcuni casi, può anche essere presente una forma di dipendenza da cibo, contribuendo ulteriormente al circolo vizioso. È cruciale affrontare queste emozioni profonde per un trattamento efficace della bulimia nervosa.

I problemi più comuni che possono portare alla bulimia sono:

  • bassa autostima: si considera la perdita di peso un modo fondamentale per far crescere l’autostima;
  • depressione: si utilizza l’abbuffata come sistema per ridurre i propri stati d’animo negativi, ma la costante presenza dei comportamenti di eliminazione non riesce ad alleviare queste emozioni e il ciclo riprende;
  • stress: il disturbo può comparire dopo aver affrontato un’esperienza traumatica o nel corso di importanti eventi che cambiano la vita.

La bulimia nervosa può verificarsi anche in persone che hanno sofferto di una malattia fisica e in quelle che hanno subito abusi sessuali.
Contribuiscono a far soffrire di bulimia nervosa anche problemi psicologici. La ricerca scientifica sull’argomento mostra che la bulimia è più comune nelle persone con:

  • disturbi d’ansia;
  • disturbo ossessivo-compulsivo (DOC);
  • disturbo da stress post-traumatico (PTSD);
  • disturbi della personalità.

Infine, ci sono anche motivi legati prettamente a fattori socio-culturali e genetici, come ad esempio la familiarità del disturbo.

Scopri se soffri di bulimia

Fa il test in 5 minuti e scopri se sei a rischio di soffrire di Disturbi del Comportamento Alimentare

Test sui DCA

Sintomi della bulimia

I principali sintomi della bulimia nervosa comprendono:

  • abbuffate compulsive;
  • inappropriate condotte compensatorie per prevenire l’aumento di peso (vomito autoindotto, rigida restrizione alimentare, abuso di lassativi e diuretici, eccessiva attività fisica);
  • forti preoccupazioni per la magrezza;
  • autostima influenzata in misura eccessiva dalla forma e dal peso corporei.

Le crisi bulimiche avvengono in solitudine e gli episodi possono essere più o meno programmati. Sono schemi comportamentali che possono comparire singolarmente o in parallelo a dipendenze multiple da alcool, droghe e così via.

I comportamenti di abbuffata, in molti casi, continuano finché l’individuo bulimico non si sente “pieno da star male”. In seguito a ciò emergono stati di umore negativo, stress e intensa fame a causa di una restrizione dietetica. Oppure, sentimenti di insoddisfazione che riguardano il peso, la forma del corpo o il cibo.

Una crisi di bulimia è anche accompagnata dalla sensazione di perdere il controllo che porta a ricorrere frequentemente a inappropriati comportamenti compensatori tra cui il vomito.

Espellere cibo dalla bocca, infatti, riduce la sensazione di malessere fisico, oltre alla paura di ingrassare. In altri casi, invece, chi soffre di bulimia nervosa potrebbe usare in maniera non opportuno lassativi e diuretici.

Altre misure compensatorie per le abbuffate sono il digiuno nei giorni successivi o l’esercizio fisico eccessivo.

Bulimia Test – come misurare la fame nervosa

Se pensi di essere una persona che soffre di bulimia, a tua disposizione ci sono diversi test, online e non, per misurare la fame nervosa. Il più usato è l’Eating Attitude Test (EAT-26).

Questo strumento consiste in un questionario di auto-somministrazione, ma affinché possa fornire informazioni accurate richiede risposte oneste e aperte. Consente, infatti, l’identificazione precoce dei disturbi legati ai problemi alimentari, portando a iniziare una cura più rapidamente e quindi più efficace.

La differenza tra bulimia e anoressia

Pur classificate entrambe come disturbi del comportamento alimentare (DCA), anoressia e bulimia presentano caratteristiche peculiari e differenze. La maggiore diversità tra le due patologie è legata principalmente al peso:

  • l’anoressia nervosa consiste in un’eccessiva perdita di peso corporeo accompagnata da un fortissimo terrore di ingrassare e da una distorsione della propria immagine corporea che ti fa percepire grasso anche se in realtà sei sottopeso;
  • la bulimia nervosa è spesso il rovescio della medaglia dell’anoressia. La sua caratteristica principale è l’ abbuffata compulsiva seguita da comportamenti compensatori. Ma in realtà, di primo impatto, chi soffre di bulimia non mostra caratteristiche preoccupanti come l’eccessiva magrezza.

Bulimia: le cure per smettere

Uscire dalla bulimia nervosa è possibile. Esistono diverse cure per non avere più questo errato comportamento alimentare e per aiutare le persone che soffrono di questo disturbo.

Se pensi di soffrire di bulimia nervosa, il primo passo che devi fare è riconoscere di avere un problema e rivolgerti al tuo medico di famiglia. La terapia, di solito, inizia con una cura psicologica che si propone di ristabilire atteggiamenti e comportamenti corretti nei confronti del cibo. Tra queste ci sono:

  • la terapia cognitivo-comportamentale (CBT): prevede colloqui con un terapeuta volti ad analizzare i problemi e modificare la convinzione che il peso e le forme fisiche siano l’unico, o il principale fattore secondo cui definire il proprio valore. Il tutto con l’obiettivo di aiutare chi soffre di questo disturbo a gestire i propri comportamenti o a sostituirli con altri che risultano più adeguati;
  • psicoterapia interpersonale (IPT): incontro con un terapeuta al fine di discutere e analizzare i problemi,  specialmente dal punto di vista delle relazioni interpersonali. Lo scopo è identificare e modificare il contesto nel quale i problemi psichici si sono sviluppati.

Si è dimostrata efficace anche la cura della bulimia nervosa con i farmaci. In particolare, l’uso di antidepressivi migliora il tono dell’umore e riduce il sintomo delle abbuffate nel breve periodo. In presenza di gravi complicazioni e di situazioni a rischio, può essere necessario il ricovero ospedaliero.

Un approccio all’alimentazione spesso consigliato per migliorare il proprio rapporto con il cibo è quello della mindful eating. Si tratta di una pratica che incoraggia le persone a rallentare, ad essere attente alle sensazioni fisiche, emozionali e mentali legate all’atto di mangiare, e a prestare attenzione agli stimoli interni ed esterni che influenzano le scelte alimentari. Si basa dunque sull’essere consapevoli e presenti durante il consumo di cibo.

Una soluzione è il servizio di psicoterapeuti online di Serenis, il centro medico che, tra le altre cose, cura anche questo blog. Serenis ha solo psicoterapeuti esperti. Te ne assegna uno adatto alla tua situazione, con cui farai una prova gratuita e inizierai un percorso (e se per qualche motivo non entri in sintonia, puoi richiedere un terapeuta diverso con un clic). Ci sono anche molti altri modi per trovare uno psicoterapeuta valido: per esempio puoi chiedere al medico di base o rivolgerti a un consultorio nella tua zona. L’importante è fare il primo passo.

Terapia farmacologica per la bulimia

La prima cosa da fare per curare la bulimia nervosa è intraprendere una corretta e tempestiva diagnosi della malattia. In seguito, si può intervenire con diversi tipi di trattamenti che coinvolgono specialisti, e in alcuni casi affiancati a rimedi a base di farmaci antidepressivi.

Gli antidepressivi maggiormente impiegati sono gli inibitori selettivi del reuptake della serotonina. Per la bulimia nervosa si ricorre soprattutto alla fluoxetina. Ma se necessario, i medici specialisti potrebbero prescrivere anche la somministrazione di medicinali volti a contrastare i sintomi della bulimia, come, ad esempio, le alterazioni del ciclo mestruale

Testimonianze di persone che hanno vissuto la bulimia

Seppur un processo lento e non privo di ostacoli, guarire dalla bulimia nervosa è possibile. A dimostrazione di quanto detto ci sono alcune testimonianze di persone che ci sono riuscite come Stefania che racconta: “Se si soffre di un disturbo alimentare non si può risolverlo partendo dal cibo. Prima di tutto bisogna ri-risolvere te stessa, senza farti frenare dalla paura, dalle tante volte che hai provato. Ce la puoi fare”.

Marcello, invece, ha voluto condividere le sue emozioni e tutto quello che ha guadagnato non appena guarito dalla bulimia nervosa: “ Quello che voglio dire è che si può guarire. Dobbiamo imparare ad amare noi stessi e a chiedere aiuto, quando ce n’è bisogno. Non c’è nulla di male in questo. Vorrei anche concludere sottolineando che la bulimia, l’anoressia e in generale i disturbi alimentari non sono capricci o manie dettate dalla moda del momento. Sono vere e proprie malattie, che coinvolgono mente e corpo. Vanno curate e le persone che ne soffrono vanno aiutate, seguite, capite ma soprattutto amate. Mai giudicate. Ora sto finalmente imparando ad accogliermi e ad amarmi, perché quel senso di morte, quella distruzione non è altro che un urlo alla vita. Non permettete che vi distrugga”.

Sensibilizzazione e solidarietà per i Disturbi del Comportamento Alimentare

Il 15 marzo si commemora la “Giornata Nazionale del Fiocchetto Lilla“, dedicata alla sensibilizzazione sui disturbi del comportamento alimentare. Queste patologie rappresentano una sfida per la salute pubblica e richiedono un’attenzione particolare sia dal punto di vista sanitario che sociale, data la loro diffusione crescente e l’insorgenza sempre più precoce. Tra i meno noti ma ugualmente diffusi vi sono anche l’atto di masticare e sputare (chewing and spitting) e la dipendenza da cibo.

Se hai un disturbo alimentare o conosci qualcuno che ne soffre, è possibile rivolgersi il numero verde S.O.S. disturbi alimentari  800.180.969.

La strada verso la guarigione inizia con il coraggio di chiedere aiuto.

La psicoterapia online di Serenis

In questo blog troverai tantissimi altri articoli che parlano di salute mentale.

Se hai ritrovato un po’ di te in quello che hai letto, magari puoi pensare di aiutarti rivolgendoti a uno psicologo online attraverso un servizio come quello che offriamo noi: siamo un centro medico autorizzato. Il servizio è completamente online, con solo psicoterapeuti e psicoterapeute (cioè hanno la specializzazione). Ti basterà avere un posto tranquillo da cui collegarti, una rete Wi-Fi, e tanta voglia di lavorare su di te.

La vita presenta sfide uniche per chiunque, non importa chi tu sia o cosa abbia affrontato. Il tuo passato non ti definisce, né deve determinare il resto della tua vita. Tutto inizia con il desiderio di vivere una vita migliore. Noi possiamo sostenerti; Serenis è a un solo link di distanza.

Il primo colloquio è gratuito, poi 55 € a seduta, o 202 € ogni 4 sessioni..

Fonti

  • IPSICO, Bulimia: sintomi e cura.
  • Fondazione Veronesi, Che cos’è la Bulimia?
  • ISSalute, Bulimia Nervosa.
  • Healthline, Bulimia Nervosa: What It Is, Symptoms, Causes, and More.

Ludovica Feliziani

Anima solare e (quasi) psicologa clinica, sono la blog manager di Serenis. Qui unisco il mondo della psicologia a quello del copywriting. Credo nell'importanza di imparare dagli errori, nella comunicazione aperta e nella condivisione, cuore di tutto ciò che faccio.

Questa pagina è stata verificata

I nostri contenuti superano un processo di revisione in tre fasi.

Scrittura

Ogni articolo viene scritto o esaminato da uno psicoterapeuta prima di essere pubblicato.

Controllo

Ogni articolo contiene una bibliografia con le fonti citate, per permettere di verificare il contenuto.

Chiarezza

Ogni articolo è rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e la comprensione.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Rosario Urbani

Psicoterapeuta specializzato in cognitivo comportamentale

Ordine degli Psicologi della Campania num. 6653/A

Laureato in Neuroscienze presso la Seconda Università di Napoli. Specializzato presso l’istituto Skinner in psicoterapia cognitivo comportamentale. Analista del comportamento ABA e specializzato anche nella tecnica terapeutica dell'EMDR.

reviewer

Dott.ssa Maria Vallillo

Psicoterapeuta specialista in Lifespan Developmental Psychology

Ordine degli Psicologi del Lazio num. 25732

Laurea in Psicologia presso l'Università degli Studi di Chieti. Specializzazione in psicoterapia e psicologia del ciclo di vita presso l’Università la Sapienza di Roma. Esperta in neuropsicologia e psicodiagnostica e perfezionata in psico-oncologia.