body ▲ Select Parent Subselection ▼

Insonnia grave: quando preoccuparsi?

Soffrire di insonnia è un problema comune, ma se inizia a interferire con la vita quotidiana, è necessario agire. È importante riconoscere quando è il momento di preoccuparsi e cercare aiuto professionale.

I disturbi del sonno coinvolgono molti individui e presentano diverse sfaccettature. Tra di essi, l’insonnia risulta essere il più comune e, se impatta sulle attività quotidiane, può diventare un problema rilevante.

In questo articolo, esamineremo l’insonnia grave, identificandone i segni distintivi e fornendo suggerimenti per affrontarla, comprendendo anche quando è il momento di preoccuparsi.

Che cos’è l’insonnia?

L’insonnia, che nel DSM-5 (Manuale Diagnostico Statistico dei Disturbi Mentali) si chiama disturbo da insonnia, è la condizione caratterizzata dalla difficoltà nel dormire o nel mantenere un sonno ristoratore, influenzando negativamente il riposo e il benessere complessivo.

Si tratta di insonnia grave quando un problema transitorio diventa a tutti gli effetti un disturbo che dovrebbe essere valutato da un medico o da un professionista della salute mentale.

Cos'è l'insonnia

Riconoscere l’insonnia grave: segnali e strategie

Se il giorno successivo ti aspetta un evento che ti provoca ansia o agitazione, come un esame o un colloquio di lavoro, è comune avere difficoltà ad addormentarti. Può capitare di soffrire di insonnia anche nei giorni pre ciclo. Tuttavia, in questi casi solitamente persiste per un breve periodo.

In altri casi, se le condizioni stressanti persistono o se l’insonnia si accompagna ad altre patologie psicologiche, possiamo parlare di insonnia grave, che può diventare cronica. In particolare, si parla di insonnia grave quando gli episodi si verificano regolarmente almeno tre volte a settimana, per un periodo minimo di tre mesi consecutivi.

Questa problematica può manifestarsi in diversi modi:

  • nell’addormentamento: difficoltà a conciliare il sonno;
  • nel risveglio: sonno intermittente o poco profondo;
  • nel mantenimento: risvegli frequenti durante la notte, anche per incubi.

Questo porta a una qualità del sonno scadente, influenzando negativamente la vita diurna. L’insonnia provoca stanchezza e sonnolenza durante il giorno, ostacolando le normali attività. Puoi sperimentare difficoltà di concentrazione, attenzione e memoria, con un declino delle prestazioni lavorative e sociali. A lungo termine, l’insonnia può contribuire ad ansia, umore depresso o apatia.

Quando l’insonnia è accompagnata da altri disturbi (ipertensione arteriosa, diabete, obesità e disturbi psichici), si può distinguere tra insonnia primaria, se essa è la causa degli altri disturbi, o insonnia secondaria, se è causata da altri problemi.

Come capire se si soffre di insonnia grave e quando preoccuparsi

Se ti stai chiedendo quali sono le cause dell’insonnia, devi sapere che possono essere molteplici e includono fattori psicologici (stress, l’ansia e la depressione), disturbi fisici (dolore cronico o malattie respiratorie), abitudini di sonno poco salutari (ad esempio l’uso eccessivo di dispositivi elettronici prima di dormire) e condizioni ambientali sfavorevoli, come il rumore o la luce. Molto frequente è anche soffrire di insonnia durante la gravidanza.

Dunque, quando preoccuparsi dell’insonnia grave? Alcuni segnali evidenti includono dolore o bruciore di stomaco, cambiamenti nell’umore, sindrome delle gambe senza riposo, risvegli confusionali e apnee notturne con angoscia al risveglio.

L’insonnia familiare fatale (IFF) è una malattia genetica estremamente rara caratterizzata da problemi di sonno gravi e progressivi, che possono portare alla morte. È causata da una mutazione genetica e provoca insonnia cronica, con progressiva perdita di sonno fino alla completa mancanza.

A chi rivolgersi per l’insonnia grave?

Per diagnosticare disturbi del sonno, consultare un medico specializzato è essenziale.

Il primo passo da compiere, in caso tu pensi di soffrire di insonnia grave o di un qualsiasi disturbo del sonno che ti causa disagio, è contattare un medico esperto: alcune figure sono specializzate proprio nella diagnosi e cura dei disturbi del sonno.

A seconda della causa e delle preferenze del paziente, si potrebbe valutare se rivolgersi a un neurologo o uno psichiatra. In particolare, il neurologo può esaminare eventuali condizioni mediche sottostanti e prescrivere farmaci specifici per il sonno, mentre uno psichiatra può utilizzare terapie psicologiche per affrontare le preoccupazioni emotive legate al sonno.

Se stai pensando di rivolgerti a uno psicologo online, potresti rivolgerti a noi: siamo un centro medico autorizzato. Il servizio è completamente online, con solo psicoterapeuti e psicoterapeute (cioè hanno la specializzazione). Ti basterà avere un posto tranquillo da cui collegarti, una rete Wi-Fi, e tanta voglia di lavorare su di te.

Puoi trovare ispirazione anche nelle testimonianze di chi ha superato questo problema.

Rimedi per l’insonnia

Alcuni rimedi per l’insonnia che puoi provare ti consigliamo:

  • esercizi per dormire e pratiche di rilassamento come la meditazione e lo yoga;
  • adozione di una routine di sonno regolare;
  • evitare caffeina e alcol prima di dormire;
  • assunzione di integratori naturali come la melatonina.

Attraverso una consultazione con un professionista della salute, potrebbero essere consigliati anche farmaci specifici per l’insonnia.

Redazione

In Italia, la recente attenzione mediatica al benessere mentale vede giornali, creator, e centri medici impegnati nella produzione di contenuti informativi. In questo contesto il processo di revisione è fondamentale e lo scopo è garantire informazioni accurate. Il nostro processo di revisione è affidato ai terapeuti e alle terapeute che lavorano in Serenis, con almeno 2.000 ore di esperienza.

Questa pagina è stata verificata

I nostri contenuti superano un processo di revisione in tre fasi.

Scrittura

Ogni articolo viene scritto o esaminato da uno psicoterapeuta prima di essere pubblicato.

Controllo

Ogni articolo contiene una bibliografia con le fonti citate, per permettere di verificare il contenuto.

Chiarezza

Ogni articolo è rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e la comprensione.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Rosario Urbani

Psicoterapeuta specializzato in cognitivo comportamentale

Ordine degli Psicologi della Campania num. 6653/A

Laureato in Neuroscienze presso la Seconda Università di Napoli. Specializzato presso l’istituto Skinner in psicoterapia cognitivo comportamentale. Analista del comportamento ABA e specializzato anche nella tecnica terapeutica dell'EMDR.

reviewer

Dott.ssa Maria Vallillo

Psicoterapeuta specialista in Lifespan Developmental Psychology

Ordine degli Psicologi del Lazio num. 25732

Laurea in Psicologia presso l'Università degli Studi di Chieti. Specializzazione in psicoterapia e psicologia del ciclo di vita presso l’Università la Sapienza di Roma. Esperta in neuropsicologia e psicodiagnostica e perfezionata in psico-oncologia.