Cos’è una madre abusiva e come il suo comportamento influenza le relazioni e la famiglia? Impara come andare avanti al meglio

Aggiornato il 20 agosto 2021

Hai paura delle riunioni di famiglia. Una telefonata dalla mamma è di solito un campo minato emotivo, e si sceglie consapevolmente di non avere figli propri perché non sono piaciuti i propri genitori. Se trovi qualcuna di queste affermazioni simili al tuo pensiero, continua a leggere. Potresti avere una madre abusiva. Non è colpa tua se ti tratta in questo modo. Puoi imparare cosa la sta causando e come andare avanti in modo produttivo e sano.

donna che contempla

Questo sito web è di proprietà e gestito da Serenis, che riceve tutti i compensi associati alla piattaforma.

Fonte: unsplash.com

Cosa rende una madre abusiva?

In primo luogo, è importante notare che non è colpa tua se hai una madre abusiva. Molte persone lottano con dinamiche familiari complesse. Di seguito elencheremo alcune caratteristiche delle madri abusiva. È anche importante ricordare qui che la maggior parte dei genitori sono colpevoli di alcuni, e anche tutti, dei seguenti tratti, almeno qualche volta. Questo è normale e il più delle volte non è dannoso. Una madre abusiva, tuttavia, mostrerà costantemente o regolarmente due o più delle seguenti caratteristiche. E se ancora oggi avete una relazione con lei, capite che non la state costringendo a comportarsi in modo abusivo nei vostri confronti. Lei sta facendo delle scelte per agire in un modo particolare.

Comportamento abusivo

  • Critica costante
  • Maniaca del controllo
  • Senso di colpa e manipolazione
  • Umiliazione
  • Invalidazione delle tue emozioni
  • Aggressione passiva
  • Irrispettoso dei confini personali
  • Relazione a senso unico

Approfondiremo questi tratti più avanti nell’articolo.

Come posso andare avanti?

Cosa puoi fare? Non puoi cambiare tua madre, ma puoi lavorare sul tuo rapporto con te stesso. Uno dei modi per farlo è stabilire dei limiti con le persone che ti fanno sentire male. Se trovi che interagire con tua madre ti fa sentire peggio con te stesso, allora potrebbe essere il momento di stabilire dei limiti seri con lei. Se questo sembra troppo difficile, un modo per farsi aiutare a stabilire questi limiti è quello di vedere un terapeuta individuale, che vi aiuterà a sviluppare il senso di forza e indipendenza necessario. Sia che lavoriate con un terapeuta online o con un terapeuta nella vostra zona, meritate di essere in grado di elaborare la vostra complessa relazione con un professionista che abbia esperienza in materia.

Le caratteristiche di una madre abusiva

Questo non è un tentativo di demonizzare le madri, né intende alimentare sentimenti di odio verso la vostra. Tuttavia, sarà controproducente, e persino dannoso, trovare delle scuse per il suo comportamento, e sottovalutare la portata dell’effetto del suo comportamento potenzialmente tossico su di voi. Inoltre, notate che questa lista di tratti caratteriali non è esaustiva. Una madre abusiva è una madre che ignora costantemente i vostri limiti dichiarati, trattiene l’amore, o invalida i vostri sentimenti in qualsiasi modo, mostra tratti tossici, e questi possono manifestarsi in più modi di quelli indicati qui.

donna arrabbiata

Fonte: unsplash.com

1. Critica costante – Aggiunge stress e tossicità alla tua vita

Il detto “Niente è mai abbastanza per la mamma” è vero per voi? Questo spesso non vale solo per te, ma per la maggior parte delle persone e delle cose nella sua vita. È perennemente disapprovante e perfezionista, poiché le cose sembrano soddisfare raramente i suoi standard esigenti. Il tuo critico interiore probabilmente suona proprio come lei!

Da bambino, è probabile che tu sia stato criticato spesso e severamente. Forme più sottili di critica includono la presa in giro o l’etichettatura apparentemente amorevole, come ad esempio: “Questo è il nostro bambino pigro”, “E’ intelligente ma non si impegna a sufficienza”, o “E’ un fannullone testardo/ignorante”. Questa madre abusiva è anche probabile che individui la pagliuzza in un’offerta altrimenti perfetta, e il suo perfezionismo vi farà sentire mai abbastanza buoni, non importa quello che fate.

2. Maniaca del controllo – La mamma controlla i tuoi comportamenti

Le tendenze di controllo a volte accompagnano il comportamento della mamma costantemente critica. Spesso ha una personalità forte, persino prepotente, con qualità da leader. Tuttavia, probabilmente ti dà ancora istruzioni su come comportarti, cosa indossare e cosa fare, anche quando è completamente inappropriato per l’età. Inoltre, si esprime su molti aspetti della vostra vita e si considera un’esperta in materia, nonostante le proteste ben dimostrate. Il suo tono di voce è spesso tutto ciò che serve per paralizzarti o galvanizzarti in un’azione automatica ogni volta che la visiti! Questa madre tossica è probabilmente abituata a fare a modo suo con le persone, così da poter mostrare un comportamento di controllo tossico nella maggior parte delle relazioni.

3. Maestro Guilt-Tripper e Manipolatrice abusiva

Tutti questi tratti comportamentali sono intrinsecamente manipolatori, ma alcune madri abusive mostrano allarmanti abilità nell’arte oscura della manipolazione negativa. Tua madre lavora attivamente per farti sentire colpevole o responsabile del suo cattivo comportamento, spesso quando non può avere la sua strada. È probabile che sia un’esperta nell’affinare i vostri punti deboli emotivi o “bottoni” come un missile a ricerca di calore e può giocare magistralmente con le vostre emozioni. Dopo tutto, lei ti conosce molto bene.

Per esempio, trovi che, nonostante le tue migliori intenzioni, a volte reagisci solo in risposta a qualcosa che lei dice o fa? È molto probabile che sia la manipolatrice a tirare i tuoi fili. Può anche, indirettamente o direttamente, incolparti dei suoi problemi, o ritenerti responsabile dei suoi fallimenti nella vita.

4. Umiliatrice e Sabotatrice – Non pensa alle tue emozioni e alla tua salute mentale

Questo può essere sottile o abbastanza brutalmente diretto. Questa madre abusiva farà regolarmente commenti negativi o battute su di te di fronte alla famiglia e ai tuoi amici, senza considerare come le sue parole possano influenzarti. Se vi confrontate con lei, la reazione della madre abusiva è di solito quella di ammonirvi per essere troppo sensibili o incapaci di accettare una battuta/critica, ecc.

5. Invalida le emozioni negative o le vieta

Questo tratto è collegato a quelli precedenti quando vieni sminuito o criticato per aver espresso infelicità per il modo in cui sei stato trattato, o per aver espresso qualsiasi emozione negativa nei suoi confronti. In particolare, esprimere rabbia nei suoi confronti non è permesso, o viene punito con una grave aggressione passiva. Si può anche essere criticati per sentirsi male, indipendentemente dal motivo. Tutto questo rischia di farvi sentire che è meglio non condividere alcun sentimento negativo con lei.

madre e figlio

Fonte: unsplash.com

6. Aggressivo passivo – Ti butta giù nella conversazione

L’aggressione passiva può essere definita come “aggressione non verbale che si manifesta in un comportamento negativo”. Questa madre abusiva non esprimerà esteriormente la sua rabbia o il suo risentimento nei tuoi confronti, ma potrebbe, per esempio, ritardare deliberatamente un evento, presentarsi in ritardo a un appuntamento importante, o comportarsi in modo cupo e imbronciato nei tuoi confronti senza una ragione apparente. La madre abusiva non risponde bene al confronto e tende ad evitare l’intimità emotiva a tutti i costi. Spesso è anche una “maniaca del controllo”.

7. Non rispetta i limiti personali – Mancanza di limiti sani

Sei in visita a casa di tua madre. Stai facendo la doccia quando la tua madre tossica entra in bagno e si offre di lavarti la schiena. Questo può sembrare innocente, ma non lo è se ti capita di essere, per esempio, un adulto abile. In questo caso, il suo comportamento è altamente inappropriato. Altre manifestazioni di questo tratto potrebbero includere il suo aprire e leggere la tua posta privata senza permesso, hackerare il tuo computer o telefono per leggere i tuoi testi, contattare i tuoi amici o il tuo capo per discutere di te in modo inappropriato, o presentarsi a casa tua in qualsiasi momento e senza preavviso. Una madre abusiva come questa, che ignora le vostre richieste di limiti o di privacy, è una madre abusiva con problemi di attaccamento e una mancanza di rispetto.

8. Sei il suo migliore amico e il suo più stretto confidente

Questa non è sempre una caratteristica della madre abusiva, poiché esistono relazioni strette e buone tra genitori e figli. Tuttavia, se lei mostra anche tratti di controllo, manipolazione e passivo-aggressivi, allora essere il suo migliore amico può essere un peso enorme per te. Alcune madri abusive non incoraggiano la reciprocità e insistono che ti concentri esclusivamente sui suoi sentimenti. Questo è un tratto narcisistico. In alternativa, quando condividete l’intimità emotiva come fa lei, la madre abusiva non esita a tradire la vostra fiducia o a manipolarvi quando non può altrimenti controllarvi.

Come influisce una madre abusiva sulle relazioni?

Va da sé che il rapporto tra voi e una madre abusiva è improbabile che sia sano o nutriente. Le relazioni madre-figlia tossiche, in particolare, sono molto comuni, mentre le relazioni madre-figlio tossiche sono leggermente più rare. La disfunzione in questa connessione primaria colpisce tutti gli aspetti della psiche e della vita di una persona, e la consapevolezza di questo, soprattutto nelle donne, sembra essere in aumento.

Bethany Webster, psicologa formata e Life Coach, ha coniato la frase “Ferita della madre”, definendola come “…il dolore di essere una donna tramandato attraverso generazioni di donne in culture patriarcali”. Essenzialmente, lei sostiene che quelli di cui sopra, e altri tratti di una madre abusiva, sono il risultato di “meccanismi di coping disfunzionali” nelle culture patriarcali. Questo è un sobrio promemoria che la madre abusiva è essa stessa un prodotto, non solo della sua educazione abusiva, ma di una società largamente dominata dagli uomini. Detto questo, gli uomini non sono esenti da questi problemi. Elaborando la definizione, la Ferita della Madre può essere ben applicata per spiegare anche le esperienze di vita di molti uomini.

amiche

Fonte: unsplash.com

Una Ferita della Madre non affrontata dà origine a sentimenti di (adattato da Womb of Light.com):

  • Non essere abbastanza bravo
  • Vergogna o la sensazione costante che c’è qualcosa di sbagliato in te
  • Attenuazione o la sensazione di dover rimanere piccoli/impotenti per essere amati
  • Senso di colpa persistente per volere più di quello che hai attualmente

Questi sentimenti e un senso interiore di impotenza e inutilità sono in definitiva ciò che modellerà tutte le relazioni nella vita di una persona. Non ci vuole uno sforzo di immaginazione per vedere che questa influenza non è positiva e ha urgente bisogno di essere affrontata. Webster descrive le seguenti ricadute nelle relazioni:

  • Non essere pienamente se stessi perché non si vuole minacciare gli altri
  • Avere un’alta tolleranza per un cattivo trattamento da parte degli altri
  • Accudimento emotivo
  • Sentirsi competitiva con altre donne
  • Autosabotaggio
  • Essere eccessivamente rigida e dominante
  • Condizioni come disturbi alimentari, depressione e dipendenze

Cercare aiuto

Rendersi conto che si ha bisogno di aiuto per affrontare un problema è molto spesso il primo, importante passo in qualsiasi viaggio di guarigione. Se la lettura di questo articolo è scatenante, può essere un’indicazione che c’è qualcosa di attivo nella tua psiche che ha bisogno della tua attenzione. Tuttavia, non sarebbe consigliabile affrontare questo da soli.

Potresti non sapere se la relazione con tua madre è abusiva. Non dovete usare un’etichetta se non siete sicuri. L’obiettivo di lavorare con un terapeuta online è quello di prendersi un po’ di tempo per capire i propri sentimenti, elaborarli e trovare modi per affrontarli. Le dinamiche familiari sono impegnative e complicate. Quando si ha una madre abusiva, si può avere paura di ammettere che si hanno emozioni complesse nei suoi confronti. Queste sono cose su cui potete lavorare con un terapeuta online, un ascoltatore imparziale che si preoccupa del vostro benessere. Elaborando la vostra relazione, potete imparare modi sani per affrontare e andare avanti. Potrebbe non essere una sorpresa per voi che i figli di genitori abusivi tendano a sperimentare più problemi di salute mentale (rispetto ai figli di genitori sani). Tuttavia, c’è speranza. La ricerca dimostra che la terapia online può essere un potente strumento per ridurre il conflitto tra genitori e figli, riducendo così i problemi di salute mentale che i figli di genitori tossici sperimentano.

Molti clienti di Serenis hanno lavorato sui problemi familiari con i loro terapeuti online. Le persone parlano delle loro sfide emotive con le loro famiglie, in modo da poter guarire e avere relazioni soddisfacenti con altre persone nella loro vita.

Perché chiedere l’aiuto di un terapeuta?

È quasi scontato che tu abbia dei significativi punti ciechi riguardo al comportamento di tua madre nei tuoi confronti, anche quando la identifichi consapevolmente come una seria sabotatrice della tua vita. È tua madre, dopo tutto, e almeno una parte di te le vuole bene; pensare criticamente a lei potrebbe sentirsi come un tradimento, e farti sentire insicuro e turbato. Questi sentimenti potrebbero ostacolare e persino fermare qualsiasi sforzo di autoguarigione. Solo un terapeuta esperto saprà come navigare in queste acque difficili.

Un altro punto importante da tenere a mente è che potresti aver interiorizzato il comportamento tossico di tua madre, il che significa che hai inconsciamente accettato almeno alcuni aspetti di esso come “normali”. Hai dovuto farlo, per la sopravvivenza emotiva. Il più delle volte, ci vorrà un terapeuta o un terapeuta abile e astuto per sottolineare delicatamente ciò che è e non è un buon comportamento materno e guidarvi attraverso i processi per affrontare come questo vi colpisce.

Domande frequenti (FAQ)

Come si affronta una madre troppo critica?

Qualsiasi genitore avrà qualche disaccordo con il modo in cui conducete la vostra vita, anche se voi due siete abbastanza uguali. Tuttavia, c’è un limite, e molti genitori critici, e potenzialmente abusivi, lo superano. Se vi state chiedendo: “Come posso gestire la relazione con mia madre abusiva quando è così critica?”, ecco alcune risposte.

  • Stabilire dei limiti. Se c’è un argomento che provoca sempre critiche tossiche, dovreste mettere in chiaro che non lo accetterete. Invece, accettate di cambiare argomento ogni volta che questo viene tirato fuori.
  • Ricordate che il vostro genitore abusivo non è infallibile. Se non sei d’accordo con le critiche della tua madre abusiva, non accettarle. Invece, vivete la vostra vita e ditele che le volete bene e che volete essere presenti, ma che state vivendo la vostra vita come meglio credete.
  • Detto questo, entra in empatia. A volte, una madre critica, e potenzialmente anche abusiva, viene da un buon posto, ma potrebbe semplicemente portare le sue critiche troppo lontano. Ascolta e cerca di capire da dove viene, ma sii anche fermo e dille che questa è la tua decisione.

Cosa è una madre prepotente?

Una madre prepotente è una madre che è estremamente critica su tutto ciò che fai. Vi guarderà sempre da dietro l’ombra, solo per saltar fuori quando avete fatto qualcosa di sbagliato. Le madri prepotenti possono aleggiare su di te in ogni momento e a volte sono chiamate genitori elicottero. Questo è un altro esempio di genitorialità abusiva, e coloro che hanno madri prepotenti possono affrontare un sacco di problemi a causa del loro comportamento tossico.

Come affrontare una madre pazza?

Le madri abusive possono essere un dolore da affrontare. Vuoi bene a tua madre, ma c’è un limite a quello che puoi sopportare. Se sei il figlio di una madre abusiva, ecco alcuni modi per gestire la relazione:

  • Per prima cosa, non liquidarla come se fosse solo “pazza”. A volte, lei ha delle preoccupazioni e può essere equilibrata, ma non sa come esprimere le sue opinioni senza sembrare difficile o prepotente.
  • Parlate con calma di come vi sentite e stabilite dei limiti. Se la tua madre abusiva li supera, ricordale la promessa.
  • Piccole dosi possono essere la vostra soluzione. A volte, prendere la madre abusiva in piccole dosi può aiutare a mantenere la relazione forte senza essere troppo.
  • Se tutto il resto fallisce, provate a cercare aiuto da un terapista familiare. Potreste non essere attrezzati per affrontare la mentalità di vostra madre abusiva, ma un terapeuta potrebbe.

Come affrontare quando tua madre è abusiva?

Porre dei limiti è la cosa più importante da fare qui. Se sei un adulto, non hai bisogno di avere un contatto costante con tua madre abusiva. È importante ricordare che siete separati da lei e che non avete bisogno di riferire a vostra madre. La cosa più importante da fare è prendersi cura di se stessi e lavorare sulla definizione di confini, stabilire il proprio senso di sé e imparare a usare l’autocompassione nella psicoterapia. A volte, quando i tuoi genitori sono abusivi, ti rimangono molti sentimenti opprimenti. Queste emozioni sono difficili da affrontare, e la terapia o la psicoterapia possono essere utili per chi si trova in questa situazione.

Cos’è una relazione madre-figlia abusiva?

A volte, le relazioni abusive madre-figlia possono passare inosservate se entrambe le parti non sono consapevoli e una relazione abusiva madre-figlia richiede che sia la madre che la figlia siano consapevoli per poter guarire la relazione. Una relazione madre-figlia abusiva è in realtà più comune di quanto si possa pensare, e di solito si forma dai modelli di relazione e dai comportamenti. È importante ricordare a se stessi che non è colpa di nessuno. Nessuno ha intenzione di creare una relazione abusiva e ci possono essere ragioni sottostanti più profonde per cui la relazione tossica si è formata. Essere consapevoli della relazione abusiva è il primo passo, ma non dovete aspettare che vostra madre sia consapevole della relazione abusiva per iniziare la guarigione per voi stessi.

Se non sei sicura di come gestire la tua relazione abusiva madre-figlia e hai bisogno di una guida, contattare un terapeuta familiare autorizzato potrebbe essere un ottimo punto di partenza. Sono esperti in tutti i tipi di relazioni e possono aiutarti a sentirti sostenuta nel tuo viaggio verso la guarigione.

Come fai a sapere che hai una madre abusiva?

Il segno più comune di una relazione abusiva tra qualsiasi persona è la presenza di comportamenti di controllo. Le madri abusive tendono a voler gestire ogni aspetto della vita dei loro figli. I bambini possono finire per sentirsi emotivamente immaturi o dipendenti dalle loro madri abusive, il che può portare a sentimenti di insicurezza quando invecchiano e hanno figli propri.

Altri segni di avere una relazione abusiva con tua madre possono includere:

  • La tua madre abusiva è emotivamente non disponibile per te. La tua madre abusiva può trattenere l’amore o l’affetto da te mentre lo dà ad altri, facendoti sentire indesiderato o non amato.
  • È sprezzante dei vostri sentimenti. I bambini che sono cresciuti da madri tossiche che respingono i loro pensieri o sentimenti o non mostrano alcun riguardo per i risultati dei loro figli spesso si sentono indegni di attenzione da parte degli altri. Questo può portare a dubitare di se stessi.
  • Tua madre è inaffidabile. Le madri abusive sono tipicamente egocentriche e, quindi, non hanno alcun interesse ad essere il genitore affidabile a meno che, naturalmente, la loro disponibilità può qualcuno come servire il proprio scopo.

Avere una madre abusiva può avere un impatto negativo su un bambino, soprattutto nei primi anni dello sviluppo infantile. Mentre non tutte le madri abusive saranno disposte a chiedere aiuto, ci sono fonti di aiuto. Parlare con un terapeuta o un terapeuta o unirsi a un gruppo di sostegno sono ottimi modi per aprire la comunicazione e iniziare a imparare a sviluppare relazioni sane tra madre e figlio.

Cosa causa una madre abusiva?

La mancanza di buoni ruoli materni o di relazioni sane con le proprie madri può causare che alcune donne diventino madri abusive. Una donna che ha tendenze infantili può mostrare comportamenti tossici come l’essere possessiva o controllante.

Se notate segni che vostra madre è abusiva o se state mostrando sintomi di essere una madre abusiva, cercate aiuto. Per molti, imparare a comunicare efficacemente e a porre dei limiti sani può avere un impatto positivo sul rapporto con vostra madre o figlia e può aiutare a migliorare il modo in cui comunicate anche in altre relazioni.

Perché madri e figlie si scontrano?

Il rapporto tra madri e figlie è spesso complicato. I litigi e la battaglia di volontà sono una parte normale della crescita delle figlie e delle madri che imparano a lasciarle fare. La causa degli scontri nelle relazioni madre-figlia può variare dalle diverse opinioni personali sulle regole all’interno della casa o con chi una figlia dovrebbe essere amica a una madre che si sente non apprezzata o sottovalutata. Madri e figlie sperimentano entrambe alti e bassi emotivi. Quando le figlie diventano adolescenti e iniziano a sperimentare i cambiamenti ormonali, le emozioni possono farle sentire come se fossero su una montagna russa emotiva che non smette mai di muoversi.

Capire che le differenze di opinione e i cambiamenti nel modo in cui una madre e una figlia si sentono su questioni personali è importante. Mentre madri e figlie non devono essere d’accordo su tutto, trovare una via di mezzo per il compromesso e imparare a comunicare efficacemente può aiutare a costruire relazioni sane. Quando vi sembra che le differenze siano troppo grandi da superare da sole, può essere utile cercare l’aiuto di un terapeuta o di un terapeuta.

Perché mia madre è sempre arrabbiata e urla?

Non è insolito per le persone alzare la voce o urlare di tanto in tanto. Tua madre potrebbe avere l’impressione che tu non stia prestando attenzione a ciò che dice o che tu la stia ignorando di proposito. In questo caso, è importante che tu riconosca ciò che sta dicendo. Anche se non hai il tempo di fare qualcosa subito, puoi rispondere e dirle che la stai ascoltando. Tuttavia, quando la rabbia e le urla vanno di pari passo o si verificano spesso, potrebbe esserci qualche problema più profondo in corso. Le persone che hanno difficoltà a gestire i problemi di rabbia possono essere più propense ad alzare la voce o a urlare quando cercano di comunicare. Anche se questo non è solitamente favorevole a una comunicazione sana, succede comunque.

Inoltre, alcuni disturbi mentali come il disordine bipolare o il disturbo borderline di personalità inducono gli individui a comportarsi in modo arrabbiato o irrazionale, spesso urlando. Se siete preoccupati che vostra madre abbia una condizione di salute mentale, può essere una buona idea parlare con il vostro fornitore di cure primarie o un professionista della salute mentale per informazioni e consigli su quali passi seguire.

Una madre può essere gelosa di sua figlia?

Sì, purtroppo una madre può essere gelosa di sua figlia. Ci sono molte ragioni per cui una madre può provare sentimenti di gelosia nei confronti di una figlia, e mentre ognuna di esse può mettere a disagio madre e figlia, non significa che non si possa stabilire un rapporto sano. Il primo passo è capire il motivo per cui una madre prova gelosia nei confronti della figlia.

Per esempio, quando una donna di mezza età attraversa la menopausa, non è raro avere umore e comportamento alterati a causa dei cambiamenti ormonali. Possono sentirsi poco attraenti o poco importanti. Questi sentimenti possono portare ad emozioni di gelosia. Infatti, il Dr. Charles Sophy, dice che alcune donne sperimentano quello che lui chiama “trasferimento percepito della sessualità (PTS)”. Spiega che il PTS è il risultato di una madre che si sente minacciata quando la sessualità di sua figlia raggiunge l’apice e la sua diminuisce.

Se una madre si sente come se fosse stata costretta a rinunciare alle sue speranze o ai suoi sogni per una carriera o un viaggio, può provare gelosia verso la figlia per essere in grado di perseguire quei sogni. Inoltre, le madri che non sono emotivamente attaccate alle loro figlie possono provare sentimenti di gelosia verso le loro figlie quando le loro figlie iniziano a sviluppare legami emotivi sani con gli altri.

È importante capire che le madri abusive possono imparare a sviluppare relazioni sane con le loro figlie. Imparare a stabilire abitudini di crescita personale può influenzare il rapporto tra madri e figlie in modi potenti.

Come si fa a trattare con i genitori difficili?

Di solito, è il bambino che viene stereotipato come difficile, ma la verità è che i genitori possono essere altrettanto cattivi. Quando c’è una differenza di opinione o di percorso di vita, i genitori possono essere difficili da accettare. Ovviamente, non è necessario far cambiare idea all’altro, ma l’obiettivo è quello di essere d’accordo nel dissentire e amarsi lo stesso.

Questo è un altro caso in cui un terapeuta può essere la vostra migliore opzione. Quando qualcuno è difficile, è difficile essere civili, specialmente se non lo è. Un terapeuta può aiutare i vostri genitori a capire il vostro punto di vista, mentre vi insegna modi migliori per comunicare.

Quali sono i segni di genitori abusivi? Comportamento, pensieri, sentimenti, obiettivi dei genitori abusivi?

I comportamenti abusivi che i genitori possono esibire variano da una persona all’altra. Alcuni dei segni più comuni di un genitore abusivo includono:

  1. Controllo: Vogliono dirvi cosa fare, quando farlo e come farlo.
  2. Irrispettoso: I genitori abusivi spesso non riescono a vederti come un individuo separato da loro e spesso mostrano poco o nessun rispetto nei tuoi confronti.
  3. Egocentrico: Di solito mettono i loro desideri e bisogni prima dei tuoi e raramente considerano come il loro comportamento influenzi te o chiunque altro.
  4. Critici: I genitori abusivi spesso hanno difficoltà a fare complimenti, ma di solito trovano un modo per criticare anche i tuoi sforzi migliori
  5. Manipolatrici: Spesso distorcono la verità per farla sembrare buona per loro stessi. Possono usare la negazione o il senso di colpa per farvi cedere ai loro desideri e bisogni.

Come si fa a capire se qualcuno ha un comportamento abusivo ?

Il termine “abusivo” è stato usato molto di recente, ed è uno di quei termini che è un po’ soggettivo. Le persone abusive e le relazioni abusive sono di tutte le forme e dimensioni, e ciò che è abusivo per una persona potrebbe non esserlo per un’altra. Detto questo, ci sono alcuni segni che molti sarebbero d’accordo con l’essere abusivi. Eccone alcuni.

  • Le persone abusive tendono ad avere sensi di colpa. Questo significa che ti faranno sentire turbato quando non ottengono ciò che vogliono. Essere delusi è una cosa, ma una persona con sensi di colpa continuerà fino a quando non vi sentirete come se non aveste altra scelta che obbedire.
  • Le persone abusive tendono a non avere rispetto per i confini. In un’amicizia, una relazione o qualsiasi altra cosa, ci sono dei limiti, e una persona abusiva cercherà di oltrepassarli, o per lo meno di appoggiarsi ad essi, un bel po’ di volte.
  • Le persone abusive tendono ad essere quelle che non possono mai essere gentili o lodarvi senza che sembri una specie di complimento a rovescio. Un complimento a rovescio è qualcosa che sembra bello all’inizio, ma poi quando ci pensi, è un insulto. Per esempio, se sei in sovrappeso e indossi un vestito che mostra un po’ di pelle, qualcuno potrebbe dire che sei coraggiosa e sicura di te perché lo indossi. Sembra carino, ma porta anche la tua insicurezza in primo piano e agisce come se indossare vestiti fosse una specie di concetto incredibile. Un vero complimento sarebbe solo: “Stai benissimo”.
  • Espandendo la nota precedente, una persona abusiva è quella che sembra parlare con te solo quando non è d’accordo. Probabilmente avete visto questo fenomeno su Facebook, dove qualcuno non ama mai i vostri post o dà sostegno, ma se avete un’opinione, sarà il primo in fila per dire quanto avete torto.

Ci sono molti altri segni che la persona è abusiva, ma questo è un buon punto di partenza.

Cosa rende un genitore abusivo? Gli adulti possono essere abusivi con i loro figli?

Un ambiente tossico e relazioni abusive sono un male, ma la sfida più grande che molti dovranno affrontare è il genitore abusivo. Un amico che è abusivo si può facilmente tagliare fuori, nella maggior parte dei casi, ma c’è uno stigma più grande verso un genitore abusivo, soprattutto se si deve vivere con loro. Ecco alcuni segni di un genitore abusivo.

  • Sono sempre eccessivamente critici nei vostri confronti. Ogni decisione che prendi è sbagliata e non c’è spazio per il disaccordo o la discussione.
  • Vogliono sapere dove siete in ogni momento. Passano la linea tra la preoccupazione e il guardarvi come un falco, aleggiando su di voi ogni volta che possono.
  • Non vi ascolteranno perché hanno un senso di superiorità dovuto al fatto di essere il genitore, anche se siete un adulto istruito.
  • Il genitore abusivo crea solo un ambiente tossico. Ti senti a disagio ogni volta che sei con loro.

Come si affrontano i genitori egoisti?

L’egoismo può essere difficile da gestire. Alcune persone si preoccupano solo di se stesse e non considerano i tuoi sentimenti. Con i genitori, l’egoismo può emergere.

Di solito, è il bambino che viene stereotipato come egoista, ma anche i genitori possono sicuramente essere egoisti. Tutti noi conosciamo genitori che hanno fatto sentire in colpa i loro figli perché non hanno preso tutte le decisioni che volevano.

Per affrontare un genitore egoista, è complicato, ma non impossibile. Ecco alcuni passi:

  • Mettete bene in chiaro il vostro punto di vista e stabilite dei limiti. Se il vostro genitore li supera, ricordateglieli.
  • Cercate di avere una conversazione onesta sul perché il vostro genitore è egoista. Cercando di capire la prospettiva dell’altro, forse voi due potete raggiungere un terreno comune.
  • Ricordate, dovete fare ciò che è giusto per voi. A volte va bene essere un po’ egoisti, specialmente come risposta ai vostri genitori. Prendersi cura di se stessi è un bene, ma si supera il limite quando non si ha alcuna considerazione o empatia per gli altri.

Cos’è la genitorialità critica?

La genitorialità critica è quando i genitori sono eccessivamente critici nei confronti dei loro figli. Offrire una critica costruttiva è una cosa, ma un genitore critico è uno che non è mai soddisfatto di ciò che fa il figlio. Un genitore critico può ignorare il proprio figlio quando il bambino riesce a fare qualcosa, ma poi se ne va con un piccolo passo falso.

I figli di genitori critici possono finire per avere difficoltà a riconoscere le emozioni, e possono vivere una vita in cui sono preoccupati di dover camminare sulle uova. Come genitore, è importante che tu non sia eccessivamente critico con tuo figlio.

Cosa definisce un genitore abusivo?

Il termine “abusivo” è un po’ soggettivo. Il comportamento di qualcuno può essere oggetto di dibattito per stabilire se è abusivo o meno. Detto questo, ci sono alcuni tratti di un genitore abusivo che la maggior parte delle persone possono essere d’accordo che sono cattivi. Ecco alcuni tratti comuni dei genitori abusivi.

  • Usano il senso di colpa per controllarvi. Non puoi scegliere il tuo percorso di carriera perché il tuo genitore voleva che tu fossi qualcos’altro, e questo li fa arrabbiare. Ogni differenza che avete nella vita è soddisfatta dal senso di colpa, non da una civile differenza di opinione.
  • Parlando di desiderio, il genitore può agire come se la sua felicità dipendesse da quello che fai. Le persone dovrebbero essere felici per conto proprio, e non far dipendere la loro autostima dal loro figlio adulto.
  • Un genitore abusivo è qualcuno che non ha limiti. Con la maggior parte delle relazioni, ci sono dei limiti. Forse voi due avete un argomento, come una differenza di fede, che siete d’accordo di non discutere, ma poi il genitore abusivo lo tira fuori. In qualsiasi relazione è importante avere dei limiti, ma i genitori abusivi tendono ad ignorarlo.
  • Sono eccessivamente critici su tutto ciò che fate. C’è una differenza tra avere una critica costruttiva o non essere d’accordo con una decisione di vita, e rimproverarti costantemente. Un buon genitore dovrebbe essere uno che si rende conto che non farai tutto secondo il tuo libro.
  • Un genitore abusivo è uno che tratterrà il suo amore fino a quando non soddisferai tutti i suoi criteri. L’amore dei genitori è qualcosa che dovrebbe avvenire incondizionatamente, almeno in teoria, ma i genitori abusivi non lo fanno. Invece, un genitore abusivo si comporterà come se non vi amasse finché non sarete pronti a piegarvi alla loro volontà.
  • Un genitore abusivo ti fa avere paura di stargli vicino. Anche se sei un adulto, hai ancora paura del tuo genitore abusivo, e il dolore non va via.

Ci sono altri tratti che definiscono un genitore abusivo o genitori abusivi, e questi sono solo alcuni di essi.

Trattare e affrontare un genitore abusivo o dei genitori abusivi non è mai divertente, ma imparare a prendere il controllo della propria vita è incredibilmente importante, e vale la pena farlo per la propria salute mentale e il proprio benessere.

Perché i figli adulti vivono ancora con la loro famiglia abusiva?

Se conosci qualcuno che è adulto, sta facendo soldi, e vive con i suoi genitori abusivi, potresti chiederti perché lo stanno facendo. Ci sono molte ragioni per questo, ed ecco alcuni motivi per cui i figli adulti continuano a vivere con i loro genitori.

  • Senso di colpa. Un segno di un genitore abusivo è far sentire i figli adulti in colpa se cercano di avere una qualche indipendenza. Il genitore abusivo può dire che i figli adulti non li amano più se si trasferiscono. Il genitore può usare un problema di salute che ha o sostiene di avere come un asso nella manica per far rimanere il figlio. Per una persona che può sentirsi facilmente in colpa, questa tecnica può funzionare.
  • Minacciare di tagliarli fuori. Mentre i figli adulti possono avere abbastanza soldi per vivere, il genitore può dire che se si trasferiscono, non potranno più parlare con i genitori.
  • Il genitore può fare la sanguisuga sul figlio. Questo succede a volte, specialmente quando il genitore non lavora. I figli adulti possono pagare tutte le bollette o prestare al genitore soldi che non restituiranno, il che può causare al bambino problemi finanziari.
  • Il bambino o i figli adulti possono temere i loro genitori se cercano di andarsene. Molto spesso, una relazione con una madre, un padre o dei genitori abusivi in generale può sembrare un matrimonio violento, dove la paura controlla tutti.

Se voi o qualcuno che conoscete si trova in una relazione del genere, è importante che cerchiate aiuto. Anche se possono amare i loro genitori, la loro salute mentale è molto più importante.

Un genitore abusivo può causare disturbi alimentari?

Sì, un membro abusivo della famiglia può causare ai propri figli disturbi alimentari. Alcuni genitori possono essere dei bulli, dicendo ai loro figli che sono in sovrappeso o che devono perdere qualche chilo. Questo può portare a una scarsa autostima e, con il tempo, il bambino può sviluppare un disturbo alimentare. È importante cercare aiuto per questo, quando possibile.

Come faccio a stabilire dei limiti con un genitore abusivo?

Si può amare il proprio genitore o i propri genitori, ma si sa che sono abusivi. Se questo è il caso, è importante stabilire dei limiti e rispettarli.

Se la relazione abusiva è dovuta alle vostre convinzioni, alla vostra carriera, o a qualcos’altro che il vostro genitore non approva, mettete bene in chiaro che non volete discuterne. Quando si stabilisce un limite come questo, il vostro genitore o i vostri genitori potrebbero cercare di spingerlo. Per esempio, potrebbero fare dei commenti di cattivo gusto a riguardo. Non lasciate che questi commenti scivolino. Metti il piede a terra o lascia la conversazione se questi limiti vengono superati. In questi momenti, è importante essere chiari con i propri limiti, e fermi. Potrebbero volerci alcuni tentativi, ma alla fine potrebbe funzionare per voi.

Tuttavia, in alcuni casi, mentre una persona può volere e cercare di stabilire dei limiti con un genitore abusivo o con i genitori abusivi, potrebbe essere molto difficile mantenere questi limiti a causa della violazione di questi limiti da parte del genitore o dei genitori. Per esempio, ti senti come se quando uno o entrambi i tuoi genitori irrompono nella tua stanza senza bussare, questa sia una violazione della tua privacy, irrispettosa, e un segno di comportamento tossico. Perciò cercate di porre un limite al vostro genitore o ai vostri genitori abusivi dicendo loro: “Quando entrate nella mia stanza senza bussare, mi sembra una violazione della privacy ed è irrispettoso”. Tuttavia, la reazione che ricevete è sprezzante, arrabbiata, o viene completamente ignorata, anche con ripetuti tentativi di dichiarare il vostro confine. In questi casi, anche se avete cercato di stabilire dei limiti molto chiari con il vostro o i vostri genitori abusivi, può essere difficile mantenerli. Se questo scenario si riferisce alla vostra esperienza, è importante ricordare a voi stessi che non siete in difetto. A volte, il meglio che puoi fare è dichiarare chiaramente e coerentemente i tuoi limiti con i tuoi genitori, ma fare attenzione a non assumerti la responsabilità per il modo in cui uno o entrambi i tuoi genitori possono reagire.

Come posso trovare un terapeuta che si occupi di membri della famiglia abusivi?

Quando si hanno membri della famiglia o genitori abusivi, una soluzione è quella di trovare un terapeuta. Un terapeuta può aiutare in molti modi diversi, tra cui

  • Aiutandoti con qualsiasi problema di salute mentale che stai affrontando a causa delle persone abusive nella tua vita. Migliorando la tua salute mentale, può permetterti di essere fermo nelle tue comunicazioni.
  • Essere la persona di mezzo in una faida familiare. È importante trovare un terapeuta che possa aiutare tutti a raggiungere un terreno comune e che possa insegnare alle persone che possono avere problemi di comunicazione a parlare in un modo che sia produttivo e non tossico.
  • È anche importante che troviate un terapeuta che possa lavorare sia individualmente che insieme alla vostra famiglia. A volte, potresti non sentirti a tuo agio a parlare con la tua famiglia di tutto, e se trovi un terapeuta che fa entrambe le cose, può essere vantaggioso.

Terapeuti e terapeuti autorizzati sono disponibili su Serenis.com, una piattaforma online dove puoi connetterti con qualcuno che è stato addestrato per aiutarti a gestire una madre abusiva o qualsiasi altra sfida di salute mentale che potresti affrontare.

Se sei interessato alla terapia individuale, contatta info@serenis.it.

Posso trovare un terapeuta che mi rimetta in contatto con un membro della famiglia?

I figli adulti e i loro familiari, siano essi genitori abusivi o altri parenti, possono allontanarsi nel corso della loro vita per una ragione o per l’altra. A volte questo può accadere come risultato di una decisione di vita importante con la quale una delle due parti non era d’accordo o forse il membro della famiglia stava mostrando comportamenti tossici e in quel momento, si sentiva che era nel vostro interesse tagliare i contatti con il membro della famiglia abusivo. O forse il membro della famiglia con cui volete ricollegarvi è uno o entrambi i vostri genitori e non siete sicuri di come fare il primo passo.

Un terapeuta autorizzato può aiutarvi a raggiungere o essere il mediatore tra voi e il membro della famiglia, che sia quello dei vostri genitori o di altri parenti. Mentre molti terapeuti potrebbero aiutarvi a iniziare la conversazione per riconnettervi con i vostri genitori o i vostri familiari, i terapeuti specializzati nelle relazioni, come un terapeuta familiare con licenza (LMFT), possono essere un ottimo punto di partenza.

Se sei interessato ad una terapia individuale che ti aiuti ad affrontare i tuoi problemi familiari con i tuoi genitori o parenti o se sei interessato ad una terapia familiare per te e i tuoi genitori o familiari, contatta info@serenis.it.

Se trovo un terapeuta, ci sono delle bandiere rosse a cui prestare attenzione?

Se hai problemi familiari, è importante che tu cerchi aiuto da un terapeuta il prima possibile, ma devi anche avere un terapeuta che ti aiuti. Ecco un paio di bandiere rosse del terapeuta.

  • Il terapeuta deve essere il più neutrale possibile. Durante una sessione familiare, il tuo terapeuta non dovrebbe essere il tuo migliore amico che si coalizza contro i tuoi genitori, e non dovrebbe rimproverarti e schierarsi con i tuoi genitori. Devono colmare i divari tra i figli adulti e i loro familiari.
  • Durante la terapia individuale, quello che dici è confidenziale. Il vostro terapeuta non è qualcuno che dovrebbe dire ai vostri familiari quello che dite. Infatti, potrebbe mettersi nei guai per averlo fatto.
  • È importante che troviate un terapeuta che usi tecniche collaudate per aiutare a riparare le relazioni. Quando trovate un terapeuta, fate una piccola ricerca. Leggete alcune recensioni, se necessario.

Avere a che fare con genitori abusivi

non è mai divertente, ma imparare a prendere il controllo della propria vita è incredibilmente importante, e vale la pena farlo per la propria salute mentale e il benessere.

Mia madre è un narcisista?

Cos’è la sindrome della madre narcisista?

Il disturbo narcisistico di personalità è uno dei diversi disturbi di personalità che è caratterizzato da una persona che ha un senso gonfiato di autostima, un comportamento egocentrico e una mancanza di considerazione per gli altri. La sindrome della madre narcisista è un termine usato quando una madre o una figura materna soffre di narcisismo. È caratterizzata da un’incapacità di riconoscere i sentimenti e i bisogni degli altri, che è considerata una qualità della maggior parte delle madri. Le donne con narcisismo materno richiedono costante ammirazione e possono essere invidiose di qualsiasi attenzione che viene data agli altri a meno che non abbia un riflesso positivo su di loro personalmente. I loro comportamenti possono avere un impatto significativamente negativo sulla vita dei loro figli.

Come si comporta una madre narcisista?

Se vi state chiedendo se vostra madre è narcisista o se qualcun altro è una madre narcisista, i seguenti segni potrebbero indicare una forte probabilità.

  • Viola i vostri confini: Le madri narcisiste raramente vi concedono un po’ di privacy. Può curiosare tra le vostre cose private, come frugare nel vostro cassetto, nell’armadio o nel vostro diario. Una madre narcisista sembra incapace di distinguere dove finisce lei e dove iniziate voi, vedendovi piuttosto come un’estensione di se stessa.
  • Ti sminuisce o fa commenti negativi su di te: Una madre narcisista può insultarti di fronte agli altri o farti sentire come se pensasse meno di te rispetto agli altri. Può fare commenti negativi sul tuo aspetto o sulle tue capacità in un modo che ti mette in imbarazzo.
  • Cerca di farti sembrare e sentirti pazzo. Le madri narcisiste possono agire in modo crudele o fare cose che offendono voi o gli altri. Poi, quando si confronta con il suo comportamento, può fare affermazioni come: “dove te lo sei sognato” o “hai una fervida immaginazione”.
  • È concentrata su se stessa. I suoi sentimenti, bisogni e desideri sono più importanti dei tuoi nella sua mente. Ti fa sentire insignificante e irrilevante.
  • Hai paura di lei. Le madri narcisiste hanno un modo di farti sentire terrorizzato. Vi fanno temere la loro rabbia, il che di solito vi fa sentire il bisogno di cedere ai suoi desideri e alle sue necessità in modo da non sperimentare la sua ira o la sua punizione.

Quali sono i 9 tratti di un narcisista?

I 9 tratti comuni di un narcisista includono:

  1. Un esagerato senso di autostima
  2. Un senso di diritto
  3. Si approfitta degli altri per un guadagno personale
  4. Manca di empatia per gli altri
  5. Mostra comportamenti e atteggiamento arrogante e altezzoso
  6. Crede di essere unico e che solo le persone altrettanto importanti possano capirlo
  7. Preoccupato da fantasie di potere o successo
  8. È invidioso degli altri o pensa che gli altri siano invidiosi di lui
  9. Richiede eccessiva ammirazione

I narcisisti piangono?

I narcisisti piangono. La questione che è spesso dibattuta, tuttavia, è se un narcisista prova veramente emozioni che sono collegate al pianto. Molti professionisti della salute mentale credono che i narcisisti “piangano” quando questo li avvantaggia. Per esempio, possono piangere se credono che mostrare emozioni verso gli altri o a sostegno degli altri li farà ottenere qualcosa che vogliono. D’altra parte, molti credono che i narcisisti sperimentino risposte emotive che li fanno piangere, anche se non sono ad un livello emotivo profondo come gli altri.

La terapia è personale

La terapia è un’esperienza personale, e non tutti vi entrano cercando le stesse cose. Ma, tenendo a mente queste nove cose, puoi assicurarti di ottenere il massimo dalla terapia online, indipendentemente da quali siano i tuoi obiettivi specifici.

Se ti stai ancora chiedendo se la terapia è giusta per te, e quanto costa la terapia, contattaci a info@serenis.it. Serenis è specializzata nella terapia online per aiutare ad affrontare tutti i tipi di problemi di salute mentale. Se siete interessati alla terapia individuale, contattate info@serenis.it


Due parole sul nostro processo di revisione

I video, i post e gli articoli non possono sostituire un percorso di supporto psicologico, ma a volte rappresentano il primo o l'unico modo per interpretare un problema o uno stato d'animo. Per i contenuti del nostro blog che trattano argomenti legati a sintomi, disturbi e terapie, abbiamo deciso di introdurre un processo di revisione fondato su tre principi.

Gli articoli devono essere approfonditi

La prima stesura è fatta da uno/una psicoterapeuta con almeno 2.000 ore di esperienza clinica.

Gli articoli devono essere verificati

Dopo la prima stesura, le informazioni e le fonti vengono esaminate da un altro o da un'altra professionista.

Gli articoli devono essere chiari

L'articolo viene rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e l'assimilazione dei concetti.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Luca Barbieri

Psicologo clinico di Milano

Ordine degli Psicologi della Lombardia num. 23251

Psicologo clinico. Ha una laurea in scienze psicologiche e una in psicologia criminologica e forense. Sta svolgendo il percorso di specializzazione in psicoterapia presso l'istituto CIPA di Milano.

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Si occupa di divulgazione scientifica e comunicazione scritta e video in ambito di salute mentale, psicologia e psichiatria. E' membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo Studio del Trauma e della Dissociazione).