body ▲ Select Parent Subselection ▼

Tutto quello che vuoi sapere per combattere la dipendenza da gioco d’azzardo

Cos’è la ludopatia e come guarire dalla dipendenza da gioco d’azzardo: la cura e il percorso da seguire.

Le persone che soffrono di dipendenza da gioco, o ludopatia, vivono un desiderio non controllabile di giocare ripetutamente d’azzardo, nonostante il grosso rischio che corrono scommettendo notevoli somme di denaro. Si tratta di un disturbo che, se non trattato adeguatamente, può portare a complicazioni critiche, da gravi problemi finanziari e legali, fino al suicidio.

Ludopatia: cos’è, definizione e significato

Per ludopatia si intende la condizione di dipendenza dal gioco d’azzardo. Nei testi di ambito medico-psichiatrico e psicologico compare come sinonimo non preferenziale di gioco d’azzardo patologico, definizione tecnica e raccomandata.

Vivere con un ludopatico non è facile.

La ludopatia è un vero e proprio disturbo con sintomi specifici e con impulsi incontrollabili. Negli ultimi anni, il gioco d’azzardo è diventato una vera e propria piaga sociale: per questo motivo è stato necessario l’intervento delle Istituzioni per regolamentare i requisiti di chi può accedere al gioco e in quale modo.

Gioco d’azzardo: quando si concretizza il disturbo ossessivo-compulsivo

La dipendenza da gioco d’azzardo presenta alcune caratteristiche in comune con il disturbo ossessivo-compulsivo per quanto riguarda la natura compulsiva dell’azione associata all’assoluta incapacità di smettere.

Ciò che differenzia nettamente le due condizioni, però, è che nel disturbo ossessivo-compulsivo la compulsione ha la funzione di ridurre un’emozione negativa (in genere l’ansia). Nella dipendenza da gioco, invece, la compulsione produce emozioni positive a cui il soggetto non riesce a rinunciare. Una condizione che porta le persone a continuare a giocare nonostante gli ingenti sforzi per controllare, ridurre o interrompere tale comportamento.

Ludopatia e vizio del gioco: si può uscirne da soli? A chi rivolgersi

Uscire da soli dalla ludopatia è difficile poiché le persone che hanno il vizio del gioco difficilmente si rendono conto o ammettono di soffrire di un qualche disturbo. La tendenza più comune è nascondere il proprio vizio e mentire a riguardo.

Per questo motivo, è bene che parenti e amici provino a convincere chi è affetto da una dipendenza dal gioco a rivolgersi a un medico esperto in disturbi ossessivo-compulsivi e a ricevere le cure del caso.

Vuoi iniziare il tuo percorso di psicoterapia adesso?

Compila il questionario Serenis e scopri il terapeuta più adatto a te

Primo colloquio gratuito

Sedute online

Il servizio di psicoterapia meglio recensito in Italia

Inizia il questionario

È fondamentale, pertanto, l’intervento di un esperto che possa aiutare chi soffre di dipendenza da gioco, soprattutto quando questo vizio:

  • interferisce con le relazioni interpersonali, le proprie disponibilità economiche e il lavoro o la scuola;
  • assorbe gran parte delle energie e del tempo di una persona;
  • è un problema dal quale non si riesce a guarire;
  • è un disturbo che viene nascosto in tutti i modi a chiunque;
  • induce a furti o frodi per avere denaro da giocare;
  • induce a richiedere prestiti economici, per giocare d’azzardo.

I familiari possono sicuramente provare ad aiutare la persona cara, ma il rischio che si corre senza il supporto di un professionista è assecondare le richieste economiche di chi soffre. A maggior ragione, per soccorrere un giocatore d’azzardo è necessario indirizzarlo a un esperto.

cure per ludopatia

Psicoterapeuta: come scegliere

Una volta presa la decisione di farti aiutare da uno o una psicoterapeuta per prenderti cura di te, è il momento di trovare la persona giusta. La decisione non è semplice: ci sono diverse scuole di psicoterapia con diverse tecniche. Ma è proprio questo uno dei momenti più delicati, perché scegliere quella sbagliata potrebbe far fallire la terapia. Ecco qualche consiglio per intraprendere il percorso che fa per te:

  • Scegli qualcuno che non sia legato a parenti o amici: durante la terapia devi sentirti tranquillo o tranquilla e poterti aprire completamente. Questo avviene meglio con professionisti che non sono connessi alla tua sfera di conoscenze;
  • Trova uno o una psicoterapeuta con esperienza: per quanto tutti i terapeuti abbiano avuto una formazione completa, migliaia di ore di esperienza sul campo e una specializzazione sono garanzia di un percorso di successo;
  •  Scegli qualcuno con cui entri in sintonia: questo lo puoi sapere veramente solo provando una seduta, ma in fase di prenotazione puoi porre delle domande che ti aiuteranno a capire meglio se lo o la psicoterapeuta che hai scelto fa al caso tuo. Come sarà strutturato il percorso? Su cosa ci si concentrerà? Sono previsti esercizi e compiti a casa?

Una soluzione è il servizio di psicoterapia online di Serenis, il centro medico che, tra le altre cose, cura anche questo blog. Serenis ha solo psicoterapeuti esperti. Te ne assegna uno adatto alla tua situazione, con cui farai una prova gratuita e inizierai un percorso (e se per qualche motivo non entri in sintonia, puoi richiedere un terapeuta diverso con un clic). Ci sono anche molti altri modi per trovare uno psicoterapeuta valido: per esempio puoi chiedere al medico di base o rivolgerti a un consultorio nella tua zona. L’importante è fare il primo passo.

Come riconoscere un giocatore d’azzardo: i sintomi

Gli individui con dipendenza da gioco manifestano alcuni sintomi e segni che aiutano a riconoscerli. È bene sapere, però, che queste persone hanno la possibilità di giocare ovunque e, per questo motivo, è necessario prestare particolare attenzione agli atteggiamenti che si verificano insieme a ciò che sembra essere diventato un vizio del gioco.

Tra i maggiori sintomi troviamo:

  • provare un brivido quando si corre un grande rischio giocando d’azzardo;
  • rischiare sempre di più;
  • vivere in funzione di e preoccuparsi per il gioco d’azzardo;
  • giocare d’azzardo per sfuggire alla depressione, alle debolezze o da alcune incombenze della vita;
  • sottrarre tempo al proprio lavoro o alla famiglia per giocare d’azzardo;
  • mentire riguardo tutto ciò che concerne il gioco d’azzardo, o nascondere di avere il vizio del gioco;
  • sentirsi in colpa o provare rimorso dopo aver giocato;
  • chiedere prestiti o rubare soldi;
  • abbandonare ripetutamente ogni proposito di non giocare più d’azzardo.

Il giocatore d’azzardo può inoltre sviluppare dei sintomi fisici secondari, tra cui:

  • disturbi dell’alimentazione;
  • cefalea;
  • conseguenze fisiche dovute all’utilizzo di sostanze stupefacenti o alcol insonnia;
  • sintomi fisici dell’ansia (tremori, sudorazione, palpitazioni ecc.).

Come curare la ludopatia

Curare la ludopatia è possibile grazie a una serie di interventi psicoterapici, come la terapia cognitivo-comportamentale, che si focalizza sull’analisi dei meccanismi che sono alla base dipendenza e, allo stesso tempo, sull’individuare delle strategie che consentano di gestirla nella vita di tutti i giorni, anche attraverso l’esposizione controllata allo stimolo al gioco.

Nei casi di ludopatia più severa e duratura, insieme alla psicoterapia è spesso indispensabile anche una terapia farmacologica.

Nel caso in cui tu fossi un giocatore d’azzardo, a tua disposizione ci sono anche gruppi di auto-aiuto dedicati, che conducono a maturare la consapevolezza della patologia di cui soffri e a perseverare nell’affrontarla in modo positivo.

Se invece vuoi sapere come comportarti con chi soffre di ludopatia, sappi che la disponibilità a essere di supporto da parte di un familiare o di un amico durante il percorso di cura è importante. Esserci vuol dire rafforzare la motivazione all’astinenza e offrire comprensione, affetto e occasioni di interazione e svago alternative che possono rivelarsi preziose per facilitare il recupero.

Come ho vinto la dipendenza da gioco, le testimonianze

Guarire dalla dipendenza dal gioco d’azzardo è possibile. A testimonianza di quanto appena detto ci sono le parole di alcuni utenti che hanno vinto questo vizio. Un esempio è Filippo che ci ha raccontato che: “È stato il timore di non rivedere più mia figlia, l’unica figlia, a indurmi a cambiare. Infatti, mentre prima giocavo per non pensare adesso preferisco soffrire, ma gestendo io stesso le emozioni. Le macchinette esistono ancora nei bar, negli esercizi pubblici, il mio augurio è di non vederle più”.

Martina, invece, ci spiega il percorso che sta affrontando per non soffrire più di ludopatia: “Il gioco mi ha tolto cinque anni di vita, mi ha tolto mio marito. Sì, mi ha tolto anche un mucchio di soldi, ma quei soldi, oggi rispetto al resto, sembrano niente. Il gioco mi stava togliendo anche la vita, è solo un caso se non c’è riuscito. Io oggi odio il gioco, lo detesto profondamente. Dopo essere entrata in trattamento non ho mai più giocato. Oggi, vivo la mia vita con maggior libertà e con una forza straordinaria”.

come guarire ludopatia

Conclusione

Curare una dipendenza da gioco d’azzardo non significa solamente riuscire a smettere di giocare, ma anche e soprattutto non ricominciare più a farlo. Superare la ludopatia non è semplice, ma quello che conta è che è davvero possibile, oltreché necessario per condurre una vita di qualità migliore. Per questo, ma anche per altri motivi, la soluzione vincente è rivolgersi a degli esperti. Su Serenis articoli, per esempio, è possibile trovare un supporto psicologico grazie a un team di psicoterapeuti online pronti a fornire nuovi strumenti per combattere la dipendenza da gioco d’azzardo.

Bibliografia

  • IPSICO, Dipendenza da gioco: sintomi e cura.
  • Wikipedia, Gioco d’azzardo patologico.
  • Healthline, Gambling Addiction.

Dott. Raffaele Avico

Psicologo clinico e psicoterapeuta, specializzato in psicoterapia cognitiva e sessuologia clinica. La mia formazione include anche EMDR e mindfulness. Ho un'ampia esperienza nella gestione di disturbi d'ansia, dell'umore, da stress, sessuali, e da uso di sostanze. Mi dedico in particolare al trattamento del trauma psicologico e delle dipendenze. Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822.

Questa pagina è stata verificata

I nostri contenuti superano un processo di revisione in tre fasi.

Scrittura

Ogni articolo viene scritto o esaminato da uno psicoterapeuta prima di essere pubblicato.

Controllo

Ogni articolo contiene una bibliografia con le fonti citate, per permettere di verificare il contenuto.

Chiarezza

Ogni articolo è rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e la comprensione.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Rosario Urbani

Psicoterapeuta specializzato in cognitivo comportamentale

Ordine degli Psicologi della Campania num. 6653/A

Laureato in Neuroscienze presso la Seconda Università di Napoli. Specializzato presso l’istituto Skinner in psicoterapia cognitivo comportamentale. Analista del comportamento ABA e specializzato anche nella tecnica terapeutica dell'EMDR.

reviewer

Dott.ssa Maria Vallillo

Psicoterapeuta specialista in Lifespan Developmental Psychology

Ordine degli Psicologi del Lazio num. 25732

Laurea in Psicologia presso l'Università degli Studi di Chieti. Specializzazione in psicoterapia e psicologia del ciclo di vita presso l’Università la Sapienza di Roma. Esperta in neuropsicologia e psicodiagnostica e perfezionata in psico-oncologia.