Amigdala: il centralino delle emozioni e della paura

L’amigdala, situata nei lobi temporali del cervello, è essenziale per la regolazione delle emozioni e la gestione delle risposte alla paura.
Cos'è l'amigdala

Negli ultimi anni, il campo delle neuroscienze cognitive ha rivalutato l’emozione come un’importante area di ricerca. Notevoli progressi sono stati fatti grazie agli studi sulla paura, in particolare sul condizionamento della paura. Queste ricerche hanno identificato l’amigdala come una componente chiave del sistema che gestisce l’acquisizione, l’immagazzinamento e l’espressione della memoria della paura, fornendo dettagli precisi sui percorsi degli stimoli che entrano, viaggiano attraverso e vengono elaborati da questa.

Cos’è l’amigdala

L’amigdala è un agglomerato di nuclei nervosi situato nella parte interna di entrambi i lobi temporali del cervello. Deve il suo nome alla sua forma simile a una mandorla e svolge un ruolo cruciale nella regolazione delle emozioni, nella percezione delle minacce e nella paura. L’amigdala è coinvolta in una vasta gamma di funzioni cognitive ed emotive ed è spesso descritta come il centro delle emozioni nel cervello umano.

Dove si trova?

L’amigdala è situata bilateralmente in entrambi gli emisferi cerebrali, nella regione profonda del lobo temporale mediale. La sua posizione all’interno del sistema limbico le permette di interagire con altre parti del cervello, come la corteccia cerebrale, che è coinvolta nell’elaborazione razionale e cognitiva, contribuendo a determinare come interpretiamo e rispondiamo alle situazioni emotive.

Vuoi iniziare un percorso di psicoterapia?

Compila il questionario e scopri quale terapeuta può fare al caso tuo.

Primo colloquio gratuito

Sedute online

97% recensioni positive

Inizia

Funzioni

L’amigdala è una struttura piccola ma potente, coinvolta in funzioni complesse e vitali legate alle emozioni, che elenchiamo di seguito.

  • Elaborazione delle emozioni. Identifica e dà significato alle emozioni come paura, rabbia, felicità e tristezza.
  • Regolazione delle risposte emotive. Attiva reazioni fisiche e cognitive a stimoli emotivamente rilevanti.
  • Apprendimento emotivo. Forma ricordi legati a esperienze emotive significative.
  • Selezione e valutazione del comportamento. Determina le azioni in risposta a stimoli emotivi.

L’amigdala è anche coinvolta in disturbi psicologici e neuropsichiatrici come ansia, disturbo da stress post-traumatico (PTSD) e disturbi dell’umore.

Amigdala e paura

L’amigdala è fondamentale nella valutazione dei pericoli e nella risposta agli stimoli minacciosi. È centrale nell’apprendimento e nell’estinzione della paura, essendo implicata nella fisiopatologia delle fobie e dei disturbi d’ansia. La risposta agli stimoli minacciosi è modulata principalmente da due regioni cerebrali:

  • Corteccia infralimbica e prefrontale: Esercitano un’inibizione dall’alto verso il basso, controllando l’attivazione dell’amigdala.
  • Ippocampo: Responsabile dell’apprendimento degli stimoli.

Amigdala iperattiva

Un’amigdala iperattiva risponde in modo eccessivo a stimoli emotivi o percepiti come minacciosi, preparando il corpo alla “risposta di lotta o fuga”. Questa iperattività può portare a reazioni eccessive e intense manifestazioni emotive. Una vigilanza continua può contribuire a disturbi d’ansia, disturbi da attacchi di panico e PTSD.

Scopri se soffri di Ansia

Fai il test in 5 minuti e scopri il tuo livello di ansia

Test sull'Ansia

Gestire l’amigdala iperattiva

Affrontare un’amigdala iperattiva può richiedere diverse strategie, sia a livello medico che attraverso approcci personali di auto-gestione. 

  • Trattamenti medici: Farmaci come ansiolitici, antidepressivi e antipsicotici possono aiutare a regolarne l’attività.
  • Auto-osservazione e accettazione: Essere consapevoli delle reazioni emotive e osservare cosa accade nella mente.
  • Meditazione: Può aiutare a sviluppare consapevolezza e distacco dalle emozioni.

Farmaci che agiscono sull’amigdala

Farmaci come ansiolitici, antidepressivi e beta-bloccanti possono influenzare il funzionamento dell’amigdala e ridurre le risposte emotive eccessive. In particolare, gli antidepressivi SSRI e SNRI modulano i livelli di serotonina, influenzandone l’attività.

Amigdala e ippocampo: il duo emotivo-mnemonico

L’amigdala e l’ippocampo lavorano insieme per influenzare l’esperienza emotiva e la formazione dei ricordi. L’amigdala è coinvolta nell’elaborazione delle emozioni e nella risposta a minacce, mentre l’ippocampo è cruciale per la formazione della memoria a lungo termine. Questa interazione è essenziale per la nostra comprensione del mondo e per imparare dalle esperienze passate.

Fonti

  • LE EMOZIONI, S. U. P. F., DELLA NOSTRA, V. I. T. A., MAGGIORMENTE, C. C. D. R. U., EQUILIBRIO PSICOLOGICO, M. C. N. S., & E CON GLI, A. L. T. R. I. Capire le emozioni per vivere meglio.
  • Del Casale, A., Ferracuti, S., Rapinesi, C., Serata, D., Simonetti, A., Caloro, M., … & Girardi, P. (2013). Neuroimaging funzionale dell’amigdala: la risposta a eventi minacciosi o fobigeni. Rivista di psichiatria, 48(1), 35-42.
  • Dinatale, L. (2023). Amigdala: l’azionista di maggioranza delle nostre emozioni; Istruzioni per l’uso. Microbiologia Italia.
Dott.ssa Martina Migliore

Approccio:
Titolo di studio
Descrizione
Romana trapiantata in Umbria. Laureata in psicologia e specializzata in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale. Ex-ricercatrice in Psicobiologia e psicofarmacologia. Visione pratica e creativa del mondo, amo le sfide e trovare soluzioni innovative. Appassionata di giochi di ruolo e cultura pop, li integro attivamente nelle mie terapie. Confermo da anni che parlare attraverso ciò che amiamo rende più semplice affrontare le sfide della vita.

Questa pagina è stata verificata

I nostri contenuti superano un processo di revisione in tre fasi.

Scrittura

Ogni articolo viene scritto o esaminato da uno psicoterapeuta prima di essere pubblicato.

Controllo

Ogni articolo contiene una bibliografia con le fonti citate, per permettere di verificare il contenuto.

Chiarezza

Ogni articolo è rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e la comprensione.

Revisori

reviewer

Dott. Domenico De Donatis

Medico Psichiatra

Ordine dei Medici e Chirurghi della provincia di Pescara n. 4336

Laurea in Medicina e Chirurgia presso l'Università degli Studi di Parma. Specializzazione in Psichiatria presso l'Università Alma Mater Studiorum di Bologna.

reviewer

Dott. Federico Russo

Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale e Neuropsicologo, Direttore Clinico di Serenis

Ordine degli Psicologi della Puglia n. 5048

Laurea in Psicologia Clinica e della Salute presso l’Università degli Studi “G. D’Annunzio” di Chieti. Specializzazione in Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale a indirizzo neuropsicologico presso l’Istituto S. Chiara di Lecce.

reviewer

Dott.ssa Martina Migliore

Psicologa Psicoterapeuta specializzata in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale

Ordine degli Psicologi dell'Umbria n.892

Psicologa e Psicoterapeuta cognitivo comportamentale, docente e formatrice. Esperta in ACT e Superhero Therapy. Membro dell'Associazione CBT Italia, ACT Italia e SITCC. Esperta nell'applicazione di meccaniche derivanti dal gioco alle strategie terapeutiche evidence based e alla formazione aziendale.