Vitamina D bassa e ansia: c’è un legame?

La carenza di vitamina D è stata associata ad un aumento del rischio di ansia e disturbi dell’umore. Infatti, questa svolge un ruolo importante nel regolare i livelli di serotonina nel cervello.
qual è la connessione tra ansia e vitamina d

È possibile che ci sia un legame tra Vitamina D bassa e ansia? La risposta ve la sveliamo subito: sembrerebbe assolutamente possibile, oltre ai normali sintomi fisici e mentali dell’ansia. Negli ultimi anni sono infatti aumentati gli studi sull’argomento, perché la vitamina D svolge un ruolo essenziale nella vita di tutti noi.

Vitamina D bassa

In ambito medico la Vitamina D è considerata bassa quando nell’organismo i suoi livelli ematici sono minori di 30 ng/L.

Quando questo succede, ci troviamo di fronte a un problema da non sottovalutare: la Vitamina D svolge un’importante azione nell’assorbimento di calcio e fosforo, rinforza le ossa, gioca un ruolo essenziale per la nostra salute cardiovascolare, riduce la crescita delle cellule tumorali, aiuta a controllare le infezioni, riduce le infiammazioni, ed è essenziale anche per il corretto funzionamento della tiroide.

Carenza di Vitamina D: sintomi neurologici

Uno dei problemi maggiori della carenza di Vitamina D è che spesso è asintomatica: si manifesta soltanto quando il deficit è molto grave, e lo fa con dolori generali e la sensazione di avere una grande debolezza muscolare.

Esistono anche situazioni in cui la Vitamina D bassa si presenta con sintomi neurologici, tra cui:

  • Contrazioni muscolari involontarie;
  • Stati confusionali;
  • Non riuscire a pensare in modo chiaro;
  • Stanchezza ricorrente;
  • Ansia;
  • Disturbi del sonno.

Quando la causa di una carenza di vitamina D viene associata all’ansia, possono essere presenti anche altri sintomi come:

ansia e vitamina d connessione

Cause di carenza di vitamina D

Le cause della carenza di Vitamina D sono da ritrovare nelle nostre abitudini quotidiane, tanto da rendere questa situazione una delle mancanze più diffuse, e fin dalla giovane età.

Vi basti pensare che uno studio condotto nel 2013 da Kristina Hoffmann e collaboratori spiega che i livelli medi di vitamina D nella popolazione mondiale sono inferiori a 20 ng/ml, ovvero al di sotto della soglia ottimale.

Vitamina D bassa e ansia

Come accennato poco sopra, nel corso degli ultimi anni sono stati affrontati diversi studi che hanno dimostrato l’esistenza di un legame diretto tra Vitamina D bassa e ansia. Ne è un esempio lo studio condotto da Bruna R. Kouba e collaboratori che ha dimostrato che:

  • La carenza di vitamina D correla con un maggior rischio di ansia e depressione;
  • Le persone che soffrono di queste due condizioni presentano bassi livelli sierici di vitamina D.

Vuoi iniziare un percorso di psicoterapia?

Compila il questionario e scopri quale terapeuta può fare al caso tuo.

Primo colloquio gratuito

Sedute online

97% recensioni positive

Inizia

Sintomi della Vitamina D bassa e ansia

Depressione e sbalzi di umore possono essere associati a bassa presenza di Vitamina D nel sangue, poiché quest’ultima è legata alla modulazione dei livelli di serotonina, ovvero l’ormone del buon umore.

E l’ansia, purtroppo, si manifesta con sensazioni persistenti ed eccessive di preoccupazione o disagio, e in molte circostanze rende incapaci di controllare le proprie emozioni. Tra le varie conseguenze generate dall’ansia troviamo gli attacchi di panico, che ci portano ad essere molto agitati e ad avere il battito cardiaco veloce, tremori e difficoltà respiratorie.

Come combattere l’ansia con la Vitamina D

È assolutamente vero che c’è un legame tra Vitamina D bassa e ansia, ma allo stesso tempo non si può del tutto affermare che assumerla a livelli più elevati possa funzionare come cura.

Quel che è certo, è che la correlazione tra le due è stata rafforzata dall’identificazione dei recettori di questa stessa vitamina proprio nelle aree del cervello coinvolte nei disturbi dell’umore, tra cui ansia e depressione.

Per questo motivo, è sempre più profondo l’interesse da parte dei ricercatori su tale legame, ma nei fatti gli studi condotti fino a questo momento non sono sufficienti per poter già parlare di certezze. I risultati ottenuti, quindi, sono assolutamente interessanti perché possono essere un valido aiuto per quanto riguarda la prevenzione e la cura dei disturbi depressivi, ma la realtà è che gli aspetti da indagare sono ancora troppo numerosi. In sostanza, la soluzione più efficace è rivolgersi a degli esperti della salute mentale.

Scopri se soffri di Ansia

Fai il test in 5 minuti e scopri il tuo livello di ansia

Test sull'Ansia

La psictoterapia online di Serenis

L’ansia – come gli altri disturbi dell’umore in generale – può essere definita il “male del secolo”. Come abbiamo accennato sopra, può essere causa di altre condizioni fisiche come una carenza di vitamina D per l’ansia. Nessuno di noi è libero da essa, ma in alcune circostanze può diventare ingestibile. Se questo è il tuo caso, sappi che noi di Serenis possiamo aiutarti a stare meglio con la psicoterapia online: siamo un centro medico specializzato dove collaborano centinai di psicologi e psicoterapeuti. Se sei interessato, puoi compilare il questionario online per ricevere subito un appuntamento.

Bibliografia:

  • Hoffmann, I. C., dos Santos, W. M., da Silva, C. B., de Paula, C. C., de Mello Padoin, S. M., & de Barros, S. M. O. (2014). Fatores que interferem na transmissão vertical do HIV: revisão integrativa [Risk factors that interfere on vertical transmission of HIV: integrative review]. Enfermagem obstétrica, 1(1), 31-39.
  • Kouba, B. R., Camargo, A., Gil-Mohapel, J., & Rodrigues, A. L. S. (2022). Molecular basis underlying the therapeutic potential of vitamin D for the treatment of depression and anxietyInternational journal of molecular sciences23(13), 7077.
Dott.ssa Martina Migliore

Approccio:
Titolo di studio
Descrizione
Romana trapiantata in Umbria. Laureata in psicologia e specializzata in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale. Ex-ricercatrice in Psicobiologia e psicofarmacologia. Visione pratica e creativa del mondo, amo le sfide e trovare soluzioni innovative. Appassionata di giochi di ruolo e cultura pop, li integro attivamente nelle mie terapie. Confermo da anni che parlare attraverso ciò che amiamo rende più semplice affrontare le sfide della vita.

Questa pagina è stata verificata

I nostri contenuti superano un processo di revisione in tre fasi.

Scrittura

Ogni articolo viene scritto o esaminato da uno psicoterapeuta prima di essere pubblicato.

Controllo

Ogni articolo contiene una bibliografia con le fonti citate, per permettere di verificare il contenuto.

Chiarezza

Ogni articolo è rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e la comprensione.

Revisori

reviewer

Dott. Domenico De Donatis

Medico Psichiatra

Ordine dei Medici e Chirurghi della provincia di Pescara n. 4336

Laurea in Medicina e Chirurgia presso l'Università degli Studi di Parma. Specializzazione in Psichiatria presso l'Università Alma Mater Studiorum di Bologna.

reviewer

Dott. Federico Russo

Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale e Neuropsicologo, Direttore Clinico di Serenis

Ordine degli Psicologi della Puglia n. 5048

Laurea in Psicologia Clinica e della Salute presso l’Università degli Studi “G. D’Annunzio” di Chieti. Specializzazione in Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale a indirizzo neuropsicologico presso l’Istituto S. Chiara di Lecce.

reviewer

Dott.ssa Martina Migliore

Psicologa Psicoterapeuta specializzata in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale

Ordine degli Psicologi dell'Umbria n.892

Psicologa e Psicoterapeuta cognitivo comportamentale, docente e formatrice. Esperta in ACT e Superhero Therapy. Membro dell'Associazione CBT Italia, ACT Italia e SITCC. Esperta nell'applicazione di meccaniche derivanti dal gioco alle strategie terapeutiche evidence based e alla formazione aziendale.