Emetofobia: che cos’è, quali sono i sintomi e le soluzioni

Scopri cosa è l'emetofobia, quali sono i sintomi e le possibili soluzioni per affrontarla in modo efficace.

|
Primo colloquio gratuito
Primo colloquio gratuito
Emetofobia

L’emetofobia è un disturbo d’ansia in cui la persona ha un timore incontrollato e irrazionale di vomitare. L’emotofobico ha paura non solo di poter vomitare, ma anche di veder vomitare e in genere di assistere a scene legate al vomito.

Sebbene si tratti di un disturbo abbastanza raro, si pensa che quasi il 7% della popolazione femminile e il 2% della popolazione maschile ne soffra.  

I sintomi dell’emetofobia possono riguardare sia la sfera fisica, che quella psicologica ed emotiva.

Le ipotesi di cura possono comprendere: terapia cognitivo-comportamentale, terapia breve strategia e EDMR.

In questo articolo, esamineremo tutti questi punti nel dettaglio.

Una volta letto, speriamo che tutti i tuoi dubbi su questa condizione siano chiariti e che possa esserti utile nel comprendere e affrontare l'emetofobia, se la stai vivendo o se conosci qualcuno che ne è affetto.

Emetofobia: per una definizione

L’emetofobia è difficile da individuare. Questo perché, non di rado, si accompagna ad altre situazioni psicopatologiche come il disturbo ossessivo-compulsivo, l'ipocondria e altro ancora.

L’emetofobia è inoltre causa di vergogna per chi ne soffre: ecco che diviene spesso difficile fornire una diagnosi e intervenire tempestivamente sul problema. 

Molto in generale, possiamo definire l’emetofobia come la paura incontrollata e irrazionale di vomitare, assistere a scene di vomito o prospettarsi scenari simili.

Come in altri disturbi d’ansia, anche l’emotofobico va incontro ad una precisa sintomatologia che adesso analizzeremo nel dettaglio. 

Quali sono i sintomi dell’emetofobia?

I disturbi fobici tendono a svilupparsi secondo una sintomatologia precisa. Essa può comportare: 

In presenza del vomito

  • ansia; 
  • panico;
  • sudorazione eccessiva;
  • secchezza delle fauci;
  • confusione;
  • cefalee.

E in generale sintomi collegati alle crisi d’ansia e agli attacchi di panico.

Davanti al possibile scenario di vomito

Anche dinanzi al possibile scenario di vomito, il fobico può sperimentare sintomi simili a quelle sopradescritti. Questo perché, a livello neurologico, una prospettiva immaginativa può avere le stesse conseguenze emotive di un oggetto reale.

Ecco che il fobico non si limita ad evitare situazioni concretamente legate al vomito, ma ad allontanarsi da tutte quelle circostanze in cui si prospetta la possibilità di incontrare l’oggetto della fobia.

A lungo termine

Per rimandare l’incontro con l’oggetto stressante, il paziente può mettere in atto strategie di evitamento. Si tratta di una soluzione disfunzionale che consiste nell’evitare determinate situazioni percepite come pericolose.

Per esempio, il paziente potrebbe: 

  • evitare circostanze in cui il vomito potrebbe presentarsi come evenienza (feste di bambini, cene, viaggi, locali, ristoranti e altro ancora): andando quindi a limitare fortemente la propria libertà personale;
  • evitare l’assunzione di alcuni alimenti potenzialmente pericolosi (come crostacei, dolci, etc.). 

Strategie di controllo

Oltre all’evitamento, il soggetto fobico può mettere in atto strategie di controllo. Si tratta di soluzioni che mirano alla gestione della paura irrazionale e che rientrano a pieno titolo nei comportamenti compulsivi. 

Per esempio, se l’emetofobico ha il timore di vomitare a causa dell’alimentazione, potrebbe:

  • Controllare compulsivamente le scadenze.
  • Cuocere per tempi prolungati gli alimenti.
  • Sviluppare un’ossessione per la pulizia

Ecco perché, da un altro punto di vista, questo disturbo fobico può spesso essere correlato al disturbo ossessivo-compulsivo di personalità. 

Perché si ha paura di vomitare?

Le cause dell’emetofobia sono complesse da individuare. Sappiamo però che possono dividersi in cause caratteriali

  • Il paziente potrebbe per esempio avere un’alta sensibilità alle sensazioni di disgusto (e soffrire anche di emofobia e consimili).

In cause ambientali

  • Il soggetto fobico ha forse esperito situazioni traumatiche e/o stressanti relative al vomito.

Per sviluppare la fobia, non è necessario aver vissuto un’esperienza del genere in prima persona. Molti emetofobici testimoniano di aver visto vomitare un genitore, un amico o una persona a loro vicina. 

L’esperienza traumatica, anche in virtù di un disturbo d’ansia, ha poi assunto la forma psicopatologica della fobia. 

Come si cura l’emetofobia?

A lungo termine, l’emetofobia può divenire invalidante e impedire lo svolgimento dei più semplici compiti quotidiani. Lo abbiamo visto: le due soluzioni disfunzionali dell’evitamento e del controllo possono portare il paziente ad isolarsi dalla vita sociale e relazionale.

Ecco perché diviene necessario intervenire il prima possibile per individuare la causa del disturbo e agire su di essa. Ad oggi, per la cura dei disturbi fobici sono in genere raccomandate: 

L’EDMR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing) è una terapia basata sull’esposizione a stimoli visivi e uditivi. Funziona grossomodo così: le sessioni hanno durata media di un’ora o un’ora e mezza. Durante i primi momenti, i pazienti devono concentrarsi sui vissuti traumatici che hanno generato la fobia.

In seguito, il medico utilizza strumenti di stimolazione oculare o sonora. Indirizza al contempo il pensiero del paziente su particolari positivi pur facendolo rimanere legato al vissuto traumatico. Con l’avanzare del tempo, il soggetto fobico comincerà a collegare un ricordo positivo all’evento stressante.

La psicoterapia online di Serenis

In questo blog troverai tantissimi altri articoli che parlano di salute mentale.

Se hai ritrovato un po' di te in quello che hai letto, magari puoi pensare di aiutarti facendo psicoterapia con noi: siamo un centro medico autorizzato.

Il servizio è completamente online, con centinaia di psicoterapeuti e psicoterapeute (cioè hanno la specializzazione) con in media circa 10 anni di esperienza.

Tutto inizia con il desiderio di vivere una vita migliore. Noi possiamo sostenerti; Serenis è a un solo link di distanza.

Il primo colloquio è gratuito, poi 55 € a seduta, o 202 € ogni 4 sessioni..

Il nostro processo di revisione
Scopri di più
Approfondimento
Coinvolgiamo nella stesura dei contenuti clinici terapeuti con almeno 2.000 ore di esperienza.
Verifica
Studiamo le ricerche sul tema clinico e quando possibile le inseriamo in bibliografia.
Chiarezza
Perfezioniamo gli articoli dal punto di vista stilistico privilegiando la comprensione del testo.
Validano gli articoli
DDDDomenico De Donatis
Domenico De Donatis
Leggi la biografia

Domenico De Donatis è un medico psichiatra con esperienza nella cura dei disturbi psichiatrici. Laureato in Medicina e Chirurgia presso l'Università di Parma, ha poi ottenuto la specializzazione in Psichiatria all'Università Alma Mater Studiorum di Bologna. Registrato presso l'Ordine dei Medici e Chirurghi di Pescara con il n° 4336, si impegna a fornire trattamenti mirati per migliorare la salute mentale dei suoi pazienti.

DsMDott.ssa Martina Migliore
Dott.ssa Martina Migliore
Leggi la biografia

Romana trapiantata in Umbria. Laureata in psicologia e specializzata in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale. Ex-ricercatrice in Psicobiologia e psicofarmacologia. Visione pratica e creativa del mondo, amo le sfide e trovare soluzioni innovative. Appassionata di giochi di ruolo e cultura pop, li integro attivamente nelle mie terapie. Confermo da anni che parlare attraverso ciò che amiamo rende più semplice affrontare le sfide della vita.

FRFederico Russo
Federico Russo
Leggi la biografia

Psicologo e psicoterapeuta con 8 anni di Esperienza. Iscrizione all’Ordine degli Psicologi - Regione Puglia, n° 5048.

Laurea in Psicologia clinica e della salute, Università degli Studi di Chieti. Specializzazione in Psicoterapia presso l'Istituto S. Chiara.

Crede che la parte migliore del suo lavoro sia il risultato: l’attenuazione dei sintomi, la risoluzione di una difficoltà, il miglioramento della vita delle persone.