Quanto mi conosci? 25 domande per migliorare la vita di coppia

Aggiornato il 18 agosto 2021

coppia

Domande frequenti (FAQ)

Quali sono alcune buone domande “Quanto mi conosci” per gli amici?

Avere amici e imparare l’uno dell’altro può rendere la vostra amicizia più forte e più interessante. Alcune domande che si possono fare l’un l’altro possono essere serie mentre altre possono essere semplicemente per divertimento. Alcune domande per gli amici sono le seguenti.

  • Qual è il mio cibo preferito?
  • Ho praticato qualche sport al liceo o all’università?
  • Qual è il mio segno zodiacale?
  • Quanti fratelli e sorelle ho?
  • Qual è la mia destinazione preferita per le vacanze?
  • Chi era la mia cotta per una star del cinema quando ero adolescente?
  • Qual è la cosa più imbarazzante che mi è successa?
  • Preferisco il caffè o il tè?
  • Qual è il nome della mia band preferita?
  • Credo nella vita dopo la morte?
  • Qual è il miglior regalo che abbia mai ricevuto?
  • Cosa mi piace nel mio panino preferito?

Se conosci il tuo amico da molto tempo, o forse siete amici d’infanzia, e vuoi fare domande più profonde e personali, puoi iniziare invece con alcune delle seguenti domande:

  • Quando ero bambino, qual era la mia più grande paura?
  • Qual è la mia più grande paura oggi?
  • Perché faccio quello che faccio per vivere?
  • Qual è il mio sogno più grande?

A volte, anche se conosciamo qualcuno da molto tempo, questo non significa che sappiamo tutto di lui. Forse ci sono  domande che non hai mai pensato di fare, o sei sempre stato curioso di sapere alcune delle risposte a queste domande ma avevi troppa paura di chiedere! Impostare la scena con una serata di gioco con un amico nuovo o di vecchia data per fare queste domande sarà il modo perfetto per conoscersi un po’ meglio o anche solo per se stessi. Forse ci sono domande a cui anche tu pensi e a cui vuoi dare una risposta, ma vuoi prima avere l’opinione di un amico di vecchia data.

Quali sono alcune domande “Quanto mi conoscono i miei genitori”? Quali sono alcune buone domande da fare ai miei genitori?

Ci possono essere momenti in cui ti chiedi quanto ti conoscono i tuoi genitori o viceversa. Prendersi il tempo di fare domande e conoscersi a un livello più profondo è importante per le relazioni familiari. Alcune ottime domande che puoi usare per iniziare una conversazione con i tuoi genitori sono:

  • Qual è il mio colore preferito?
  • Chi è il mio più vecchio amico?
  • Qual è il mio ricordo d’infanzia preferito?
  • Qual è il mio film preferito?
  • Sai scrivere il mio nome, e-mail e numero di telefono a memoria?
  • Qual è stata la mia vacanza di famiglia preferita?
  • Qual è la tua parte preferita del matrimonio?
  • Se potessi scegliere una delle seguenti cose (luoghi di vacanza, cibo e sport) da avere per il resto della tua vita, cosa sceglieresti?
  • Hai qualche domanda a caso per me?

Come si fa a fare una domanda intelligente? Cosa comporta di solito fare una domanda intelligente?

Tutti vogliono sembrare intelligenti quando parlano con gli altri. Sapere come fare domande intelligenti può aiutarti a ottenere informazioni che vuoi o di cui hai bisogno con fiducia. Per fare domande intelligenti, decidi qual è l’obiettivo della tua domanda . Le domande intelligenti tipicamente coinvolgono chi, cosa, quando, dove, perché e come. Per esempio:

  • Chi è responsabile del conto?
  • Cosa vorresti che facessi per aiutarti?
  • Dove posso trovare i documenti che hai lasciato per me?
  • Quanto spesso vorresti che ci incontrassimo?
  • Perché è importante per lei?
  • Quando posso aspettarmi una sua risposta?

Anche se questi esempi possono sembrare semplici, le domande intelligenti non devono essere “verbose” o risultare prepotenti. Una delle parti più importanti del fare domande intelligenti è quella di implementare le tue capacità di ascolto mentre aspetti le risposte. Arriva al punto di ciò che vuoi o hai bisogno di sapere e dai all’altra persona l’opportunità di risponderti.

Quali sono i 4 tipi di domande?

I quattro tipi di domande sono:

Domande speciali. Per esempio:

  • Da dove vieni?
  • Come hai conosciuto il tuo coniuge?
  • Chi sono le persone che camminano sul marciapiede?

Le domande a scelta sono domande che offrono a una persona più di un’opzione come risposta. Sono comuni nei test a scelta multipla e possono esserlo se vuoi che qualcuno ti aiuti a prendere una decisione.

  • Preferisci la pasta o la pizza?
  • Il tuo colore preferito è il rosa o il viola?
  • Puoi andare a pattinare o al parco; cosa preferisci?

Le domande a cartellino (dette anche domande “disgiuntive”) sono composte da due parti. Una parte della domanda è un’affermazione positiva e l’altra parte è un’affermazione negativa.

  • La mamma tornerà presto a casa, vero?
  • Jim non è andato al negozio, vero?
  • Li ha invitati a cena, vero?

Domande generali Sì o No

  • Posso prendere in prestito la macchina?
  • Hai messo via il tuo bucato?
  • Vuoi venire con me?

Quando si tratta di domande del tipo “Quanto mi conosci”, i primi due tipi di domande sono i più adatti per conoscere qualcuno.

Quali sono le domande da fare ai tuoi genitori prima che muoiano?

Nessuno vuole pensare alla morte del proprio genitore. Tuttavia, parte dell’essere responsabili è prepararsi per le emergenze o fare accordi su come le cose saranno gestite dopo la morte. È importante parlare con i vostri genitori mentre sono ancora in grado di comunicarvi efficacemente i loro desideri ed esigenze. Alcune domande importanti da fare ai vostri genitori sono:

  • Avete un testamento?
  • Avete pianificato le vostre spese finali o prepagato un funerale?
  • Avete un avvocato o un esecutore testamentario che avete assegnato per gestire le vostre questioni personali e finanziarie dopo la vostra morte?
  • Hai considerato di stabilire un testamento biologico o una procura medica in caso di malattia o infortunio potenzialmente letale?
  • Ha delle copie di documenti importanti come le polizze assicurative che potrebbero essere necessarie in caso di decesso?
  • Quali sono i termini della sua assicurazione sulla vita o sulla sepoltura?

Bibliografia e Approfondimenti


Due parole sul nostro processo di revisione

I video, i post e gli articoli non possono sostituire un percorso di supporto psicologico, ma a volte rappresentano il primo o l'unico modo per interpretare un problema o uno stato d'animo. Per i contenuti del nostro blog che trattano argomenti legati a sintomi, disturbi e terapie, abbiamo deciso di introdurre un processo di revisione fondato su tre principi.

Gli articoli devono essere approfonditi

La prima stesura è fatta da uno/una psicoterapeuta con almeno 2.000 ore di esperienza clinica.

Gli articoli devono essere verificati

Dopo la prima stesura, le informazioni e le fonti vengono esaminate da un altro o da un'altra professionista.

Gli articoli devono essere chiari

L'articolo viene rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e l'assimilazione dei concetti.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Luca Barbieri

Psicologo clinico di Milano

Ordine degli Psicologi della Lombardia num. 23251

Psicologo clinico. Ha una laurea in scienze psicologiche e una in psicologia criminologica e forense. Sta svolgendo il percorso di specializzazione in psicoterapia presso l'istituto CIPA di Milano.

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Si occupa di divulgazione scientifica e comunicazione scritta e video in ambito di salute mentale, psicologia e psichiatria. E' membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo Studio del Trauma e della Dissociazione).