body ▲ Select Parent Subselection ▼

Cos’è il pregiudizio? Psicologia, definizione ed esempi

Il pregiudizio è un atteggiamento basato su opinioni e stereotipi anziché su fatti. Coinvolge sentimenti negativi, credenze stereotipate e tendenza alla discriminazione contro un gruppo. Può essere un istinto, insegnato o rafforzato dalla società, ma può anche essere disimparato attraverso l’educazione e la consapevolezza.

Il pregiudizio è un atteggiamento che si basa principalmente su opinioni e stereotipi piuttosto che su fatti e prove. Anche se il pregiudizio è un sostantivo e non un verbo, il comportamento pregiudizievole è spesso influenzato dal pregiudizio. Una volta che si passa dal “pensiero/sentimento” alla “azione”, la discriminazione è avvenuta. Gli esperti di definizioni di psicologia sostengono che il pregiudizio coinvolge tre cose principali:

  • sentimenti negativi;
  • credenze stereotipate;
  • una tendenza a discriminare contro un gruppo stereotipato.

La ricerca scientifica ha determinato che il pregiudizio può essere un istinto (ci arriveremo dopo). Può anche essere insegnato e rafforzato da altri nella società. Fortunatamente, può anche essere “disimparato”.

Vuoi iniziare il tuo percorso di psicoterapia adesso?

Compila il questionario Serenis e scopri il terapeuta più adatto a te

Primo colloquio gratuito

Sedute online

Il servizio di psicoterapia meglio recensito in Italia

Inizia il questionario

Definizione psicologica

pregiudizio

La parola pregiudizio è di origine latina. Il prefisso “pre” significa “prima”, mentre “giudizio” deriva dalla stessa radice di “giudicato”. Anche se di solito colleghiamo il pregiudizio con sentimenti negativi come il bigottismo o il razzismo, ci sono molti altri tipi di pregiudizi sociali, tra cui:

  • sessismo: stereotipi basati sul genere;
  • pregiudizio religioso: antipatia per una persona/gruppo solo in base al suo credo religioso;
  • ageismo: pregiudizio basato sull’età;
  • classismo: pregiudizio contro quelli di una certa classe sociale;
  • omofobia: stereotipi sulle persone in base all’orientamento sessuale;
  • transfobia: pregiudizio basato sull’identità di genere di una persona;
  • xenofobia: pregiudizio contro coloro che provengono da altri paesi.

A volte il pregiudizio è esplicito, altre volte, è più sottile.

Definizione di stereotipo

Quando si manifesta il pregiudizio, le persone tendono a dipingere tutti in un gruppo con lo stesso pennello. In altre parole, tutti quelli che rientrano in una specifica categoria sono considerati uguali. Anche se usiamo i termini in modo intercambiabile, c’è una sottile differenza tra la definizione di psicologia del pregiudizio e quella di stereotipo.

Gli stereotipi sono esagerazioni che non sono sempre vere, ma hanno qualche merito basato sull’esperienza. Gli stereotipi possono essere positivi (per esempio, la maggior parte delle persone assume che tutti gli asiatici sono bravi in matematica). I pregiudizi, invece, sono quasi sempre negativi e non sono basati sulla ragione o sull’esperienza. Spesso sono sostenuti dalla convinzione che certe persone o gruppi abbiano un valore o abilità inferiori.

Esempi di stereotipo e pregiudizio

Perdonateci per aver inserito queste frasi, ma sono degli esempi basati – tristemente – sulla realtà:

  • perché Ben è ebreo, è avido di soldi;
  • Lee dovrebbe essere messo nella squadra di matematica al posto di Darius perché gli asiatici sono più intelligenti;
  • Hosea è probabilmente qui illegalmente; dovrebbe essere rimandato da dove è venuto;
  • perché Latonya è nera, può giocare a basket ma non sa nuotare;
  • Donna è troppo vecchia per essere assunta come barista; non farebbe tante vendite come le donne più giovani;
  • Abdul viene dall’Africa, quindi probabilmente è cresciuto in una zona povera e remota;
  • poiché il signor Jones è gay, non dovrebbe avere il permesso di insegnare ai bambini piccoli.

Il problema con le affermazioni prevenute e stereotipate come quelle elencate sopra è che quasi sempre portano alla discriminazione.

Per esempio, un insegnante che crede che i bambini asiatici siano sempre bravi in matematica potrebbe non notare uno studente cinese in difficoltà nella sua classe. Un allenatore che ha il pregiudizio che le persone nere non sappiano nuotare, potrebbe non reclutare bambini afroamericani perché presume che non vogliano gareggiare. Un responsabile delle assunzioni che cerca di trovare ottimi supplenti per una scuola potrebbe lasciarsi sfuggire un fantastico dipendente, presumendo erroneamente che essere omosessuale sia associato all’essere un pedofilo.

Poiché il pregiudizio di solito si trasforma in azione, è imperativo che identifichiamo la fonte e lavoriamo per liberarcene quando possibile.

Da dove nasce il pregiudizio?

Sono state fatte molte ricerche sul pregiudizio e sul perché certe persone sono inclini a questo tipo di pensiero negativo. Di seguito discuteremo diverse teorie e ricerche che spiegano cosa potrebbe succedere quando i pensieri prevenuti sono all’opera. Troverete che, sebbene siano tutte diverse, molte hanno dei pezzi che si sovrappongono.

La teoria naturale

Anche se è facile classificare coloro che esprimono pregiudizi come “cattivi”, questo giudizio non è giusto secondo la psicologia del pregiudizio. Definizione a parte, esperti come Gordon Allport attribuiscono il pregiudizio e gli stereotipi al normale pensiero umano.

Nel suo lavoro, “The Nature of Prejudice”, Allport spiega che già a cinque anni ci rendiamo conto che facciamo parte di certi gruppi. Questi gruppi (cioè, sesso, etnia, religione, classe) non sono di nostra scelta a questo punto, ma ci vengono assegnati. Diamo anche per scontato che siano buoni. Dopo tutto, siamo una parte di loro.

Fino a quando non saremo un po’ più grandi (nove anni o giù di lì), non saremo in grado di confrontarci con altri gruppi a livello cosciente, ma a quel punto avremo già sviluppato la lealtà verso le nostre categorie. Abbiamo anche giudicato gli altri e li abbiamo messi in scatole. Questo è il modo in cui il nostro cervello dà un senso alle cose.

Calore e competenza: uno studio di Fiske

Un altro studio di ricerca sulla psicologia del pregiudizio mostra che le emozioni delle persone che sono legate al pregiudizio e alla discriminazione e non necessariamente agli stereotipi.

L’American Psychological Association (APA) ha coperto uno di questi studi condotto da Susan Fiske, dell’Università di Princeton:

“I suoi colleghi hanno anche trovato prove che i pregiudizi emotivi di pietà, invidia, disgusto e orgoglio esistono attraverso le culture e, attraverso studi di neuroimaging, che queste quattro emozioni possono attivare parti distinte del cervello”.

Pregiudizio e personalità

donna triste
Fonte: unsplash.com

Alcuni esperti di psicologia credono che la personalità abbia molto a che fare con i pregiudizi e i sentimenti negativi verso gli altri che consideriamo pregiudizi. Gli esperti di definizione e ricerca in psicologia dicono che quelli con tipi di personalità autoritari sono più propensi a lottare con il pregiudizio rispetto agli altri. I tratti comuni degli autoritari includono:

  • sforzo per la conformità, specialmente in una società;
  • credenze rigide/valori tradizionali;
  • totale/estremo rispetto dell’autorità;
  • non tollerano la debolezza in se stessi/gli altri;
  • ammira le persone affini/non si fida degli estranei;
  • distruttivo/cinico;
  • tende a incolpare e a fare da capro espiatorio agli altri.

Questi tratti di personalità, se sommati insieme, rendono una persona molto più propensa ad avere pregiudizi e a discriminare coloro che sono diversi da loro senza una ragione basata sui fatti.

Il pregiudizio è appreso

Anche se tutti i fattori e le teorie di cui sopra giocano sicuramente un ruolo negli atteggiamenti prevenuti, la maggior parte delle credenze prevenute sono attivamente diffuse nella società.

Ricordate Gordon Allport, il guru delle definizioni psicologiche, di cui abbiamo parlato prima? Le sue scoperte supportavano anche la teoria “appresa”, citando che i bambini imparano il pregiudizio in uno dei due modi:

  • adottando il pregiudizio dei loro genitori/membri della famiglia;
  • crescendo in un ambiente che li rende sospettosi o timorosi. (Più tardi, queste paure vengono proiettate sui gruppi minoritari).

Questo non è un processo semplice. La ricerca ha scoperto che ci vuole tutto il periodo dell’infanzia per “padroneggiare” il pregiudizio e solidificare queste opinioni negative e dannose. Questo significa che c’è qualche speranza per i bambini che vengono cresciuti in ambienti con pregiudizi, ma solo se vengono offerti punti di vista alternativi prima che questi pregiudizi prendano piede.

Gli effetti del pregiudizio sulla società

Sia gli stereotipi che i pregiudizi sono dannosi. Queste credenze e opinioni ignorano che ogni persona, indipendentemente dalle “categorie” in cui rientra, ha capacità, punti di forza, debolezze e obiettivi che hanno poco a che fare con chiunque altro.

Il pregiudizio e la discriminazione corrodono la nostra società, facendo sentire svalutati e indifesi coloro che sono ingiustamente presi di mira. Potrebbero anche provare vergogna e tristezza come risultato dell’essere stati maltrattati. Molte persone che cercano salute da un professionista della salute mentale lo fanno a causa di pregiudizi ingiusti detenuti da altri che li colpiscono personalmente.

Ridurre il pregiudizio: Definizione di psicologia in azione

persone che parlano in ufficio
Fonte: unsplash.com

Non è certo che riusciremo mai a sradicare il pregiudizio dal mondo, specialmente se Allport ha ragione e alcune credenze “interne” sono naturali. Tuttavia, possiamo lavorare per fermare la discriminazione:

  • guardando i nostri pregiudizi interni e combattendoli con fatti concreti;
  • educando gli altri sulla definizione di psicologia del pregiudizio qui discussa, specialmente le giovani generazioni in cui le radici non sono ancora “profonde”;
  • fare leggi che sostengano l’uguaglianza dei diritti e punire coloro che discriminano o danneggiano gli altri a causa del pregiudizio.

Infine, possiamo incoraggiare coloro che sono stati profondamente colpiti dal pregiudizio sociale a cercare servizi di aiuto mentale. A volte tutto ciò di cui una persona ha bisogno è qualcun altro che stia al suo fianco e dica “ti sostengo”.

Se credete che il pregiudizio stia influenzando la vostra vita in un modo o nell’altro, può essere utile cercare aiuto da un professionista della salute mentale. Se i terapeuti non sono facilmente disponibili nella vostra zona, non dovete preoccuparvi. La terapia è ora più accessibile che mai con la psicoterapia online. Scoprirete che gli psicologi hanno già sviluppato una ricca base di conoscenza accademica che coinvolge sia coloro che sperimentano il pregiudizio sia coloro che lo manifestano. Il trattamento è disponibile online in entrambi i casi. I ricercatori stanno scoprendo sempre più che la terapia online replica il successo e la soddisfazione del trattamento di persona.

Forse avete sperimentato un pregiudizio dannoso nella vostra comunità. O forse sei diventato recentemente consapevole dei tuoi pregiudizi e vuoi correggerli. In entrambi i casi, un terapeuta online di Serenis può aiutarti ad affrontare le tue preoccupazioni. I professionisti di Serenis sono disponibili a mettersi in contatto e a somministrare il trattamento quando è conveniente per te. Puoi accedere a questo supporto dalla comodità della tua casa.

FAQ

Cosa significa il pregiudizio in parole semplici?

Una semplice definizione di pregiudizio è: dare giudizi negativi su qualcuno basati solo su ciò che si pensa di un gruppo di cui fa parte. Questi giudizi non sono basati su fatti o esperienze reali con quella persona. Un’altra semplice definizione di pregiudizio è “un sentimento ingiusto di antipatia per una persona o un gruppo a causa dell’etnia, del sesso, della religione, ecc.”

Qual è la migliore definizione di pregiudizio?

Ci sono molte definizioni di pregiudizio. La parola deriva dal latino praejudicium, che significa giudizio in anticipo. Più tardi, la parola è stata usata in francese antico e, infine, come “pregiudizio” in inglese medio. Per quanto riguarda una definizione attuale, il dizionario inglese Merriam-Webster ne ha due. Una definizione di pregiudizio è che è un’opinione sfavorevole formata senza motivi o prima di avere abbastanza conoscenze per sostenere la conclusione. Il pregiudizio può anche essere un’ostilità irrazionale diretta a qualcuno di un’altra etnia o gruppo.

Cos’è il pregiudizio ed esempi?

Un’altra definizione di pregiudizio è giudicare qualcuno duramente prima di conoscerlo. Ecco alcuni esempi di quando potresti provare pregiudizio verso qualcuno.

  • Sei chiamato a far parte di una giuria. Non appena vedi che l’imputato è un nero, assumi immediatamente che sia colpevole di un comportamento criminale.
  • Voti per Ezekiel come tesoriere del tuo club invece di Jose solo perché pensi che un ebreo sia più bravo con i soldi.
  • Hai paura quando Ahmed e la sua famiglia si trasferiscono qui accanto perché associ i musulmani al terrorismo.
  • Ti preoccupi che tuo figlio non impari la matematica perché il suo insegnante di matematica è una donna e tu pensi che gli uomini siano più bravi con i numeri.

Quali sono i quattro tipi di pregiudizio?

Anche se ci sono molti tipi diversi di pregiudizio, i quattro più comuni sono:

Un altro tipo di pregiudizio è basato sulla religione. Qualcuno potrebbe anche avere dei pregiudizi nei confronti di qualcuno che ha una disabilità o che viene da un paese diverso.

Cosa causa il pregiudizio?

Molte cose possono lavorare insieme per causare il pregiudizio. Quando si pensa alla definizione di pregiudizio come “un giudizio ingiusto su qualcuno fatto prima di conoscerlo”, ci si potrebbe chiedere perché formiamo queste opinioni senza sapere chi è la persona come individuo. Ci sono diverse ragioni.

  • Fin dall’infanzia, ci rendiamo conto che facciamo parte di certi gruppi, e sviluppiamo la lealtà verso questi gruppi. Diventiamo anche diffidenti delle persone che fanno parte di gruppi diversi.
  • I genitori, gli insegnanti e altre persone nella nostra vita possono mostrare pregiudizi verso gli altri, e noi impariamo da loro a fare lo stesso. Impariamo che, all’interno del nostro gruppo, è accettabile e persino incoraggiato pensare in un certo modo agli altri gruppi.
  • Se viviamo in un ambiente pericoloso o instabile, possiamo cercare un capro espiatorio nelle persone che sono diverse da noi.
  • Possiamo ottenere sostegno sociale avendo pregiudizi contro le stesse persone contro cui hanno pregiudizi i nostri amici o la nostra famiglia.
  • Tendiamo a valutare gli altri in base alle nostre norme culturali, che potrebbero non essere le stesse per un altro gruppo.

Come usiamo i pregiudizi?

Usiamo il pregiudizio come una scorciatoia per orientarci nella vita. Possiamo trovare meno impegnativo esprimere semplicemente un giudizio immediato su qualcuno piuttosto che impiegare il tempo e lo sforzo di conoscerlo come individuo. Come molte scorciatoie, il pregiudizio tralascia passi essenziali che potrebbero aiutarci a raggiungere risultati migliori.

Quali sono gli effetti del pregiudizio?

Il pregiudizio è dannoso. È dannoso per la persona contro cui abbiamo dei pregiudizi, per noi stessi e per la società nel suo complesso.

Il pregiudizio può ferire la persona a cui è diretto abbassando la sua autostima e danneggiando la sua salute mentale.

Il pregiudizio può essere la causa principale della perdita di opportunità da parte di qualcuno. Alcune persone che sperimentano gli atteggiamenti pregiudizievoli degli altri hanno difficoltà a trovare lavoro e a sostenere le loro famiglie.

Le persone che hanno a che fare con il pregiudizio degli altri intorno a loro possono diventare depresse o ansiose. Possono iniziare a credere a ciò che gli altri dicono di loro.

Il pregiudizio fa male anche alla società. Quando alcune persone sono sempre guardate dall’alto in basso a causa del gruppo di cui fanno parte, è più difficile per loro avere le risorse per contribuire alla società. Le tensioni derivanti dal pregiudizio possono impedire a una comunità di raggiungere obiettivi comuni.

Cos’è il concetto di pregiudizio?

Per capire il concetto di pregiudizio, bisogna iniziare con la definizione di pregiudizio. Andare oltre implica guardare ogni parte della definizione di pregiudizio. Considerate la definizione di pregiudizio che descrive il termine come “un giudizio ingiusto su qualcuno basato su un gruppo di cui fa parte”. Pensate prima alla parola ‘giudizio’. Questa è una parola che significa formarsi un’opinione su qualcosa o qualcuno. Poi, pensate alla parola “ingiusto”. Ingiusto implica qualcosa che non è meritato. Ora, passa alla parola ‘gruppo’. Ci sono molti tipi diversi di gruppi contro cui si possono avere pregiudizi, compresi quelli basati su etnie, generi, preferenze sessuali, religioni, nazionalità, gruppi di età e abilità. Mettendo insieme il concetto di questa definizione di pregiudizio, vi rendete conto che state prendendo decisioni su qualcun altro basandovi esclusivamente sul suo gruppo senza considerare chi è come individuo. La tua valutazione non può essere accurata quando non hai abbastanza conoscenza di un altro. È ingiusto e dannoso per loro.

Il pregiudizio è una buona cosa?

Quando sentite o esprimete un pregiudizio verso qualcun altro, potete pensare che sia una cosa “buona”. Dopo tutto, non devi sentirti male con te stesso o con il tuo gruppo quando puoi dare la colpa dei tuoi problemi a qualcun altro. Si può pensare che la vita sia più facile da capire quando si può rapidamente distinguere chi disprezzare e di chi diffidare. Il problema è che quando si formano opinioni senza conoscere i fatti, si è in realtà più vulnerabili. Perdi anche delle relazioni che potrebbero beneficiare sia te che l’altra persona.

Quali sono gli effetti negativi del pregiudizio?

Se qualcuno esprime pregiudizi nei tuoi confronti, può danneggiare la tua autostima. Inoltre, può impedirti di raggiungere i tuoi obiettivi nella vita. Affrontare il pregiudizio ogni giorno può portare a depressione, ansia e altri problemi di salute mentale.

Alcuni effetti che possono derivare dal pregiudizio includono:

  • bullismo;
  • violenza domestica;
  • crimine;
  • morte;
  • perdita di produttività;
  • perdita di proprietà;
  • perdita di opportunità;
  • danni alle relazioni personali.

Come possiamo evitare il pregiudizio?

Ci sono molti modi diversi per evitare il pregiudizio. Eccone alcuni da considerare.

  • Viaggia in un posto dove non sei mai stato. Quando vai, pensa alla definizione di pregiudizio come un giudizio negativo anticipato. Poi, sii aperto a conoscere una nuova cultura che stai sperimentando per la prima volta.
  • Educati sul pregiudizio. Segui un corso sull’argomento presso il tuo college locale o online.
  • Cerca i punti in comune tra persone di gruppi diversi. Invece di concentrarti su ciò che rende qualcuno diverso da te, pensa a ciò che lo rende simile.
  • Unisciti a un’organizzazione di volontariato dove persone di diversi gruppi si uniscono per migliorare il mondo.
  • Quando sei interessato a conoscere persone di un altro gruppo, aspettati che anche loro vogliano conoscerti. Spesso non ci proviamo perché presumiamo che non vogliano avere niente a che fare con noi.
  • Non dare per scontato che i tuoi pregiudizi inconsci siano più validi dei pensieri coscienti non pregiudiziali che scegli.
  • Conosci gente nuova.

Il pregiudizio può essere positivo o negativo?

Mentre gli effetti del pregiudizio sono quasi sempre dannosi, c’è un altro senso della definizione di pregiudizio che può essere visto come positivo. Cioè, si può avere il pregiudizio che qualcuno sia “buono” in base al gruppo di cui fa parte. Ci si può sentire bene con se stessi perché si presume che tutti i membri di un gruppo siano intelligenti. Tuttavia, anche se il pregiudizio riguarda una qualità positiva, può comunque avere effetti dannosi. Giudicare qualcuno ingiustamente senza prove sufficienti può indurti a favorire qualcuno che non si è guadagnato un favore extra. Potrebbe anche rendervi ciechi di fronte al bisogno di aiuto di qualcuno. Tutto sommato, la politica migliore è quella di evitare i pregiudizi il più possibile.

Se stai pensando di rivolgerti a uno psicologo online, potresti farlo con noi: siamo un centro medico autorizzato.

Il primo incontro è gratuito, mentre ogni seduta successiva ha un costo di 55 €. Se scegli di acquistarne quattro, il costo complessivo sarà di 202 euro.

Bibliografia e Approfondimenti


Dott. Luca Barbieri

Psicologo clinico. Iscritto all’Ordine degli Psicologi della Lombardia num. 23251.

Questa pagina è stata verificata

I nostri contenuti superano un processo di revisione in tre fasi.

Scrittura

Ogni articolo viene scritto o esaminato da uno psicoterapeuta prima di essere pubblicato.

Controllo

Ogni articolo contiene una bibliografia con le fonti citate, per permettere di verificare il contenuto.

Chiarezza

Ogni articolo è rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e la comprensione.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Rosario Urbani

Psicoterapeuta specializzato in cognitivo comportamentale

Ordine degli Psicologi della Campania num. 6653/A

Laureato in Neuroscienze presso la Seconda Università di Napoli. Specializzato presso l’istituto Skinner in psicoterapia cognitivo comportamentale. Analista del comportamento ABA e specializzato anche nella tecnica terapeutica dell'EMDR.

reviewer

Dott.ssa Maria Vallillo

Psicoterapeuta specialista in Lifespan Developmental Psychology

Ordine degli Psicologi del Lazio num. 25732

Laurea in Psicologia presso l'Università degli Studi di Chieti. Specializzazione in psicoterapia e psicologia del ciclo di vita presso l’Università la Sapienza di Roma. Esperta in neuropsicologia e psicodiagnostica e perfezionata in psico-oncologia.