Un test online per la distimia è affidabile?

Aggiornato il 28 agosto 2020

Sembra che quasi tutto possa essere trovato in un quiz online. Da un rapporto sconvolgente, “Ti sta tradendo?” al più divertente, “Di che colore dell’arcobaleno sei?”, internet è piena di quiz progettati per dirti qualcosa in più su te stesso. Insieme ai quiz in stile Cosmo e agli sciocchi quiz sulla personalità, ci sono quiz e test che pretendono di dirti se soffri o meno di malattie mentali, come la distimia. Ma questi test sono affidabili?

Cos’è la distimia?

La distimia è il nome clinico del disturbo depressivo persistente. La distimia è separata da un disturbo depressivo maggiore e da altri disturbi depressivi perché si presenta in modo un po’ diverso; in particolare, è un disturbo depressivo cronico, piuttosto che uno acuto. La distimia si presenta spesso con sintomi meno gravi di altri disturbi depressivi, ma questi sintomi lievi possono durare per anni e anni con solo piccoli periodi di sollievo (in genere non superiori a due mesi).

Anche se molte persone che non sono nel campo della salute mentale non indagano a fondo i molti tipi diversi di depressione, la distimia è in realtà un disturbo depressivo o uno dei molti disturbi che sono caratterizzati da un insieme simile di sintomi. La differenza nei disturbi depressivi può ruotare intorno alla durata dei sintomi, ai sottoinsiemi di sintomi e alle reazioni ai sintomi. I componenti più pressanti della distimia sono una lunga durata, poco o nessun sollievo dai sintomi, e un basso livello di intensità dei sintomi.

Quali sono i sintomi della distimia?

donna depressa
Fonte: unsplash.com

I sintomi della distimia sono, per la maggior parte, gli stessi sintomi che si presentano nella depressione. Questi includono:

  • Senza speranza
  • Letargia
  • Essere sopraffatti
  • Difficoltà di concentrazione
  • Irritabilità
  • Evitare
  • Senso di colpa
  • Mangiare troppo (o troppo poco)
  • Disturbi del sonno

Non è necessario che ognuno di questi sintomi sia presente perché un individuo abbia una diagnosi di distimia, ma una combinazione di essi deve essere presente per almeno sei mesi o più per qualificarsi come distimia, e in molti casi, i sintomi sono durati anche più a lungo.

I test online per la distimia sono affidabili?

La risposta a questa domanda è sfumata, e la risposta migliore è un deciso (e potenzialmente sconcertante): sì e no. Anche se i test per la distimia online non sono fonti affidabili per una diagnosi di qualsiasi condizione, non prendono in considerazione tutti i possibili fattori per fornire un’opinione solida e ben informata, e non sono un sostituto legittimo per una valutazione professionale, i test per la distimia online hanno il loro posto, a condizione che siano usati correttamente.

I quiz online progettati per testare i sintomi della malattia mentale non sono conclusivi, ma hanno un posto nella ricerca di informazioni sui sintomi che si stanno vivendo, in quanto possono fornire una certa rassicurazione che non si stanno immaginando i cambiamenti alla vostra salute mentale, e qualcosa può essere legittimamente sbagliato. Ancora una volta, questi quiz non sono creati come una fonte di informazione professionale e di alta qualità, ma molto spesso usano sintomi di depressione e distimia conosciuti nelle loro linee di domanda per fornire uno spettro di risposte che possono avere una certa verità.

Quando si partecipa a un quiz online che pone domande sui sintomi delle malattie mentali, assicurarsi di controllare le domande e i risultati con un vero professionista della salute, anche se questo professionista è semplicemente un medico di base o di famiglia. Anche se questi medici non sono di solito addestrati a diagnosticare condizioni di salute mentale, sono addestrati per essere in grado di fare uno screening delle malattie mentali e possono aiutare a mettervi sulla strada giusta per ulteriori valutazioni o indagini. Potete anche esaminare i risultati e le preoccupazioni con un terapeuta professionale autorizzato o un altro terapeuta autorizzato.

Per cosa dovrebbero essere usati questi test?

compilare un test
Fonte: unsplash.com

I test dovrebbero funzionare come un punto di riferimento o un punto di partenza per ulteriori indagini sui sintomi. I quiz online sono spesso di facile accesso, privati da fare, e non richiedono molte conoscenze precedenti o una comprensione approfondita del campo della salute mentale. Questo rende i quiz ideali per le persone che hanno appena iniziato a notare o sospettare i sintomi della depressione maggiore o di altri disturbi depressivi, come sentimenti prolungati di disperazione, maggiore irritabilità o perdita di interesse in attività o cose precedentemente amate. I quiz possono essere usati per restringere l’attenzione e determinare ciò che i tuoi sintomi imitano più da vicino.

I quiz possono anche essere utili per aiutarvi a raccogliere i vostri pensieri. Se, per esempio, stai leggendo un quiz con domande sulla depressione e ti ritrovi a pensare: “Oh! Non ci avevo pensato, ma mi sono sentito spesso così”, il quiz è stato una risorsa utile. Questo è particolarmente vero per i sintomi meno conosciuti della depressione, come i cambiamenti alimentari, la rabbia e la difficoltà di concentrazione. Quando un quiz riunisce tutti i possibili sintomi e li mette in un unico spazio, le persone potrebbero essere in grado di raccogliere un quadro più chiaro delle loro lotte.

Quali sono i passi successivi?

Se un quiz online indica che siete ad alto rischio di distimia o che state mostrando sintomi significativi di distimia, il prossimo passo da fare è cercare aiuto. Cercare aiuto può essere diverso per ognuno. Cercare aiuto può significare:

  • Rivolgersi a un amico fidato o a un mentore. Cercare aiuto dalle persone più care può essere un passo semplice ma importante. Cercare di far sapere a qualcuno che amate o di cui vi fidate che sospettate di avere i sintomi della distimia può aiutarvi a capire la gravità della situazione, e potrebbe essere in grado di aiutarvi a guidarvi o offrirvi supporto morale mentre cercate un’assistenza professionale per la salute mentale.
  • Chiedere l’aiuto di un leader religioso. Alcuni leader religiosi hanno una formazione in servizi di psicoterapia e possono essere in grado di aiutare a indicare ai parrocchiani o ai fedeli la direzione di un professionista che può aiutare. Anche se le sessioni con un prete o un altro tipo di autorità religiosa possono aiutare in qualche modo, questi individui sono raramente addestrati a trattare l’intera gamma di malattie e disturbi mentali e non dovrebbero essere considerati come unica forma di terapia.
  • Coinvolgere un professionista della salute mentale autorizzato. Rivolgersi direttamente a un professionista della salute mentale può essere il passo successivo più logico per alcune persone. I terapeuti possono essere trovati attraverso le compagnie di assicurazione, una rapida ricerca su Google di terapeuti nella zona, o anche online, attraverso siti come Serenis, che offrono servizi di terapia professionale a distanza.
  • Controllare i gruppi di sostegno. I gruppi di sostegno possono offrire meravigliosi cachet di risorse per qualcuno che ha appena iniziato a cercare informazioni e assistenza con i sintomi depressivi. Anche se questi gruppi non dovrebbero essere visti come un’alternativa alla terapia o anche come una fonte autorevole di informazioni, i gruppi di sostegno possono aiutare a fornire alcune indicazioni su ciò che si può fare dopo, sul trattamento che potrebbe comportare, e su quanto presto ci si può aspettare di notare dei cambiamenti.

Una nota sulla ricerca di aiuto

Se hai i sintomi della depressione e hai bisogno di aiuto, cercare aiuto è un passo meraviglioso. Sfortunatamente, alcuni consiglieri fidati – genitori, amici, leader religiosi o altre persone autorevoli – possono avere difficoltà a riconoscere la validità dei problemi di salute mentale e potrebbero non fornire il sostegno e la guida di cui avete bisogno o che sperate. Se questo è il caso, continuate a cercare. Non è da deboli o da stupidi cercare aiuto per qualsiasi problema di salute mentale, e spesso ci sono numerose strade attraverso le quali ottenere psicoterapia o terapia. Se la prima persona a cui ti rivolgi non è disposta ad aiutarti, passa alla successiva fino a quando non sarai in grado di ottenere l’aiuto, la guida o il trattamento di cui hai bisogno.

Lo stesso si può dire dei quiz sulla depressione maggiore e di altre valutazioni online sulla salute mentale. Alcuni sono offerti come un rapido trafiletto, alcuni sono postati come parte di una campagna di marketing da un team di salute mentale, e alcuni sono postati senza alcun legame reale con il campo della salute mentale. Quando prendete un quiz, fate qualche compito veloce per determinare la fonte del quiz. È una richiesta di pagamento? Viene fornito attraverso un sito che offre terapia? Richiede informazioni personali, come nome, indirizzo o numero di carta di credito? Tutte queste possono essere bandiere rosse che non dovrebbero essere ignorate.

Test per la distimia online

uomo al laptop
Fonte: unsplash.com

I test per la distimia online non dovrebbero essere scambiati per fonti legittime di diagnosi. Invece, questi test sono progettati per offrire un gentile “forse” riguardo ai sintomi e al loro significato. I quiz online non sono indicatori affidabili di una certa diagnosi o malattia mentale, ma invece offrono alle persone che stanno cercando delle risposte una certa comprensione del perché si stanno comportando o sentendo nel modo in cui sono, il che può incoraggiarle a cercare un aiuto professionale. Ci sono molti modi diversi per capire che la propria salute mentale potrebbe aver bisogno di assistenza, e i rapidi quiz online sono solo uno di questi modi. Dopo tutto, se il quiz risulta positivo, e si visita un terapeuta, solo per scoprire che non si è depressi, o non si richiede una terapia continua e intensiva, si può andare via con un conto pulito della salute mentale, senza alcun danno. I quiz online non dovrebbero essere l’unica fonte di informazioni riguardanti la salute mentale e la malattia mentale, ma possono essere un utile punto di partenza per gli individui che sospettano sintomi di distimia.

Bibliografia e Approfondimenti


Due parole sul nostro processo di revisione

I video, i post e gli articoli non possono sostituire un percorso di supporto psicologico, ma a volte rappresentano il primo o l'unico modo per interpretare un problema o uno stato d'animo. Per i contenuti del nostro blog che trattano argomenti legati a sintomi, disturbi e terapie, abbiamo deciso di introdurre un processo di revisione fondato su tre principi.

Gli articoli devono essere approfonditi

La prima stesura è fatta da uno/una psicoterapeuta con almeno 2.000 ore di esperienza clinica.

Gli articoli devono essere verificati

Dopo la prima stesura, le informazioni e le fonti vengono esaminate da un altro o da un'altra professionista.

Gli articoli devono essere chiari

L'articolo viene rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e l'assimilazione dei concetti.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Luca Barbieri

Psicologo clinico di Milano

Ordine degli Psicologi della Lombardia num. 23251

Psicologo clinico. Ha una laurea in scienze psicologiche e una in psicologia criminologica e forense. Sta svolgendo il percorso di specializzazione in psicoterapia presso l'istituto CIPA di Milano.

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Si occupa di divulgazione scientifica e comunicazione scritta e video in ambito di salute mentale, psicologia e psichiatria. E' membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo Studio del Trauma e della Dissociazione).