Il circolo vizioso della solitudine e della depressione

Aggiornato il 12 novembre 2021

Depressione e solitudine sono due parole che tutti odiamo sentire. C’è qualcosa in esse che suona triste. Sono parole con cui tutti possiamo identificarci e che tutti abbiamo sperimentato in un momento o nell’altro della vita. Ma una cosa di cui molte persone non si rendono conto è quanto queste due parole, depressione e solitudine, siano realmente collegate tra loro.

Per capire i modi in cui si relazionano e giocano l’uno con l’altro, guardiamo prima le due parole separatamente.

uomo solo depresso

Questo sito è di proprietà e gestito da Serenis, che riceve tutti i compensi associati alla piattaforma.

Fonte: unsplash.com

Capire la solitudine

“Solitudine” è una parola con cui la maggior parte delle persone ha familiarità. Anche se la solitudine è di solito associata al fatto di essere soli, si può essere circondati da persone che si conoscono e amano, e ancora sentire il pungiglione della solitudine. Piuttosto che essere una misura di isolamento fisico, la solitudine descrive la sensazione di essere soli. Questo sentimento può nascere perché non ti sembra che le persone intorno a te ti capiscano, perché senti che non puoi mai essere veramente te stesso, o perché non senti che puoi trovare persone che vuoi avere intorno.

Uno studio ha scoperto che la solitudine funziona sia come un sintomo di depressione che come un premonitore di depressione, suggerendo che affrontare la solitudine il più presto possibile dopo che si è sviluppata potrebbe essere utile per mitigare l’insorgenza di sintomi depressivi. Anche se la solitudine non è una diagnosi psicologica formale, molte persone beneficiano della terapia per alleviare i sentimenti di solitudine. Questo può essere ottenuto imparando come creare legami più forti con gli altri, come comunicare in modo più efficace, e anche come vedere se stessi in una luce più positiva, poiché molte persone si ritirano dalla compagnia di altre persone in risposta a un difetto percepito o all’assalto dell’insicurezza.

La depressione e la solitudine sono spesso intrecciate. Non è del tutto certo se sia venuto prima l’uovo o la gallina, ma potrebbe non avere importanza: la presenza di uno potrebbe segnalare l’insorgere dell’altro. Questo perché la solitudine può innescare sentimenti di depressione, e la depressione può creare sentimenti di isolamento e alienazione – entrambi i sentimenti che possono, a loro volta, portare alla solitudine. Quando il disturbo depressivo peggiora, i sentimenti di solitudine aumentano, e quando la solitudine aumenta, i sintomi della depressione aumentano. Anche se questo ciclo può sembrare impossibile da cui uscire, trattare un sintomo può effettivamente aiutare l’altro, e non c’è necessariamente bisogno di una forma più intensa di trattamento per trattare entrambi.

Sentirsi soli è spesso trattato come un argomento tabù, come se le persone che si sentono sole fossero in qualche modo carenti o rotte. Nonostante questa percezione – e la frequente tendenza ad applicarla principalmente a noi stessi – tutti hanno provato sentimenti di solitudine prima o poi, e la bellezza fisica, il successo e altri indicatori standard di attrattiva non sono necessariamente indicativi dei sentimenti (o della mancanza) di solitudine di una persona.

Cos’è la depressione?

La depressione è di solito caratterizzata da sentimenti di disperazione, sopraffazione, apatia e (in alcuni casi) tristezza, accompagnati da cambiamenti di peso (perdita o aumento), sonno disturbato e maggiore irritabilità, rabbia o confusione. Questi sintomi possono comparire tutti insieme o possono svilupparsi separatamente, portando alcune persone a sviluppare un senso di normalità dopo l’arrivo di ogni nuovo sintomo. Con il tempo, i sintomi della depressione possono raggiungere tiri che rendono il funzionamento quotidiano quasi impossibile, con la conseguente necessità di un trattamento.

donna depressa sulla poltrona

Fonte: unsplash.com

Rompere il ciclo

La depressione e la solitudine possono essere entrambe isolanti. Potresti sentirti in imbarazzo a sentirti solo o depresso, e cercare di nascondere questi tratti invece di condividerli liberamente. Questo può essere più problematico che utile, e può perpetuare il ciclo continuo di depressione e solitudine. Il modo più semplice per rompere il ciclo è prenderlo prima che inizi. Puoi inserire nella tua vita quotidiana dei processi che ti aiuteranno a non girare nel ciclo della depressione e della solitudine ancora e ancora. Ma, anche se ti trovi bloccato nel mezzo di esso, puoi ancora rompere il ciclo. Ecco alcuni suggerimenti su come porre fine al ciclo nella tua vita.

Creare connessioni reali

Essere “amici” sui social media non è la stessa cosa che avere un’amicizia significativa con una persona. Se siamo onesti, sappiamo che non è possibile essere amici intimi con 100 persone diverse. Invece di concentrarti sull’accrescere il tuo seguito sui social media, lavora per formare delle buone connessioni nella “vita reale”.

Quando avrete amici veri, avrete persone con cui potrete essere autentici. Saranno persone a cui potrete rivolgervi quando vi sentirete soli o depressi, e che vorranno aiutarvi a superare le vostre difficoltà. Saranno anche le persone che vi raggiungeranno quando noteranno che vi state ritirando. Questi sono i tipi di legami che dovete lavorare per costruire quando avete delle belle giornate, perché vi aiuteranno a superare le brutte giornate.

Vita sana, mente forte

Gli interventi sullo stile di vita hanno anche una storia dimostrabile di efficacia nel trattamento delle persone con depressione, in quanto migliorare la vostra dieta, creare regimi di esercizio e impegnarsi in pratiche di consapevolezza può migliorare la vostra salute mentale e fisica nel suo complesso, che può avere un impatto positivo sui sintomi depressivi. Questi interventi non sono di solito gravi o drammatici, e possono includere cambiamenti piccoli come limitare l’assunzione di caffeina ed esercitare 20 minuti al giorno, 3 giorni a settimana.

cane seduto

Fonte: unsplash.com

Prendi un animale domestico

Gli animali da terapia sono più comuni che mai, e molti studi suggeriscono che sono utili per trattare i sintomi dell’ansia e della depressione. Avere un animale – di solito indicato come un animale da terapia o un animale da supporto emotivo – di cui prendersi cura, da tenere e da cui tornare a casa può far diminuire l’isolamento e la solitudine che spesso accompagnano queste condizioni e può darvi un rinnovato senso di scopo.

Cercare aiuto

Poiché uno dei trattamenti per la depressione e la solitudine è la terapia della parola, i servizi di terapia online possono aiutare a trattare i sintomi dei disturbi depressivi, compresa la solitudine. Anche se la terapia di persona può essere enormemente utile per le persone affette da depressione, i servizi online offrono molti degli stessi vantaggi, tra cui il tempo per discutere dei tuoi sintomi, la possibilità di creare un piano di trattamento e la possibilità di lavorare a tu per tu con il tuo terapeuta. Per alcuni, la presenza di un terapeuta e lo spazio fornito da un ufficio fisico è una scelta obbligata, mentre ad altri potrebbe piacere discutere dei propri problemi a casa propria e a proprio piacimento.

Anche se molti fornitori di assicurazioni sono riluttanti a lavorare con i fornitori online, sempre più compagnie stanno facendo il cambiamento per offrire terapisti online come parte delle loro reti. Se la vostra assicurazione non copre la terapia online, questo non deve essere un grosso deterrente; poiché i terapeuti non pagano per lo spazio per fornire una terapia di persona, alcuni possono offrire i loro servizi a prezzi più bassi, rendendo la terapia online un’opzione realistica e conveniente per molti uomini e donne.

Andare avanti

Sebbene la depressione e la solitudine abbiano entrambe il potenziale di far sentire le persone isolate, nervose e insicure del loro posto nel mondo, entrambi questi problemi sono curabili, e ben oltre la metà delle persone trattate per i sintomi depressivi riportano il recupero dai loro sintomi. Anche tu puoi andare verso la guarigione attraverso un trattamento efficace, un maggiore amore per te stesso e una migliore comprensione della depressione e dei suoi sintomi. Con un professionista sanitario qualificato e premuroso al tuo fianco, puoi fare dei passi verso la guarigione oggi stesso.

FAQ (domande frequenti)

Cosa fa la solitudine ad una persona?

Le persone sole hanno difficoltà a rompere il ciclo dell’isolamento. Tuttavia, è essenziale agire quando ci si isola. La solitudine può avere un impatto negativo sulla mente e sul corpo. Può portare alla depressione ed è anche correlata a una maggiore probabilità che qualcuno abbia una malattia cronica. La solitudine non è la stessa cosa di essere soli per scelta. Si differenzia dall’introversione in quanto quando ci si sente soli, non ci si diverte. Ci si può sentire soli anche quando si è in mezzo agli altri. Per esempio, se sei in una nuova città o stai frequentando una nuova scuola, potresti sentirti solo perché anche se ci sono un sacco di persone intorno a te, non stai legando con le persone e potresti sentirti come se fossi un altro. Se non trattata, la solitudine può portare a gravi problemi di salute mentale. Ecco perché è fondamentale cercare l’aiuto di un professionista della salute mentale. Puoi cercare attivamente di evitare che la solitudine si trasformi in depressione cercando un sostegno.

Si può davvero morire di solitudine?

I sintomi della solitudine includono pigrizia o mancanza di energia, problemi di concentrazione, dolori corporei, ammalarsi più frequentemente, abuso di sostanze, difficoltà a dormire e sentimenti di inutilità o disperazione. Anche se la solitudine non è una causa diretta di morte, aumenta il rischio di mortalità e può danneggiare la salute in modo così esteso che i ricercatori l’hanno paragonata al fumo di 15 sigarette al giorno. Le persone sole hanno più probabilità di avere una morte prematura del 50% rispetto a quelle che non soffrono di solitudine. Ci sono comunque dei modi per evitare che la solitudine danneggi la tua salute. Potresti scegliere di raggiungere i vecchi amici che non vedi da tempo, iscriverti a classi e attività che ti piacciono, unirti a un gruppo di sostegno o parlare con un terapeuta con cui ti senti a tuo agio. Fare queste cose può anche aiutarti a impedire che la solitudine si trasformi in depressione. Altri modi per tenere a bada la solitudine sono unirsi a organizzazioni di volontariato, stare con gli animali o prendere un animale domestico per tenerti compagnia, o incontrare persone online. Se hai l’ansia sociale, questi modi per evitare che la solitudine abbia un impatto su di te potrebbero sembrare intimidatori o opprimenti. Se questo è vero per te, andare in terapia per l’ansia potrebbe essere il tuo primo passo per combattere la solitudine.

Lo stress causa la solitudine?

Gli studi di ricerca mostrano che coloro che hanno punteggi di solitudine più alti hanno maggiori probabilità di essere influenzati negativamente dallo stress. Le persone sole possono sperimentare un aumento degli ormoni dello stress che sono collegati alla depressione. Quando le persone sono stressate, possono isolarsi socialmente. Se ci si allontana dal proprio sistema di supporto, qualunque sia la ragione, ci si può sentire soli. Lo stress può farvi sentire fuori controllo e dissuadervi dal cercare aiuto. Ricorda, va bene contattare un professionista della salute mentale se hai bisogno di aiuto per sentirti solo.

Come può la solitudine ucciderti?

Gli esseri umani sono creature sociali. Prosperiamo nel connetterci con gli altri. L’assenza di connessione umana può essere dannosa per il nostro benessere emotivo e mentale. È dimostrato che la solitudine ha un impatto sul sistema immunitario. Può rendere una persona fisicamente malata, e se soffre di una condizione come l’Alzheimer, può peggiorarla. Ecco perché è essenziale avere un sistema di supporto sociale.

La solitudine può cambiare la personalità?

La solitudine può cambiare la percezione del mondo di una persona. Può far sentire una persona come se ci fosse poca o nessuna speranza. La tua personalità è qualcosa con cui sei nato; le influenze esterne possono avere un impatto sulla tua salute mentale. La solitudine è un fattore esterno che può influenzare gravemente il benessere di una persona. Anche se non può cambiarti fondamentalmente, può farti sentire diverso da te stesso.

Essere soli è salutare?

Ci si potrebbe chiedere: la solitudine porta a una cattiva salute? La risposta è forse. Essere soli per alcuni periodi può rinfrescarti. È essenziale impegnarsi nella cura di sé; tuttavia, essere soli e l’isolamento sociale sono due concetti diversi. Si possono trovare momenti tranquilli per prendersi cura di se stessi e bilanciarli con l’interazione con gli altri, come amici e persone care. È perfettamente sano passare del tempo da soli. Se sei una persona introversa, hai bisogno di stare da solo per ricaricarti. Tuttavia, la solitudine è diversa dall’essere soli per scelta. Molti di noi bramano il tempo da soli, e dobbiamo essere in grado di avere quel tempo per noi stessi, ma avere relazioni sociali è altrettanto importante.

Cosa fa la solitudine al cervello?

Forse ora lo sai, ma la solitudine può influenzare la tua mente. La solitudine può peggiorare i sintomi della depressione o farti sentire senza speranza. Più tempo ci si isola, più la depressione può peggiorare. Ecco perché è essenziale spingere te stesso a raggiungere le persone che ti capiscono e ti amano. Non è sempre facile, ma una volta che fai il primo passo e chiami un amico, potrebbe risultare in un declino dei sintomi della solitudine. Se stai lottando contro la solitudine, un terapeuta può aiutarti. Considera di provare la terapia online se ti senti solo. Un terapeuta abilitato può sostenerti nei tuoi sforzi per sviluppare un sistema di supporto.

Qual è la causa principale della solitudine?

Una delle cause principali della solitudine può essere l’isolamento sociale. Per un motivo o per l’altro, ci si può sentire isolati, anche quando si è in mezzo alla gente, e questo può lasciare la sensazione di non avere persone nella propria vita con cui parlare o passare del tempo. Un’altra ragione per cui qualcuno può sperimentare la solitudine è perché sta vivendo una malattia mentale di qualche tipo, o ha disturbi da uso di sostanze. Se hai un problema di solitudine e depressione, o hai un problema di abuso di sostanze, c’è un aiuto su cui puoi contare. Puoi unirti a gruppi di sostegno, trovare un terapeuta con cui parlare, o chiamare una linea telefonica nazionale per ulteriore supporto.

Come faccio a sapere se mi sento solo?

Ci sono alcuni modi per capire che sei solo. Uno è che ti senti depresso. La solitudine e la depressione vanno di pari passo, soprattutto perché agli esseri umani, in generale, piace interagire tra loro. La solitudine può però causare più problemi di salute mentale. Può portare all’abuso di sostanze, a disturbi da abuso di sostanze, a disturbi alimentari e anche ad altri problemi di salute. Se decidete di sentirvi soli, fate del vostro meglio per raggiungere e trovare un terapeuta con cui parlare. Anche se non hai un’assicurazione sanitaria, ci sono risorse che possono aiutarti. Puoi cercare e vedere se c’è un centro di risorse per informazioni sulla salute vicino a te, che sarà in grado di fornirti ulteriori dettagli. Se senti che la solitudine ti fa sentire come se volessi farti del male, chiama la linea di assistenza nazionale per la prevenzione del suicidio al 1-800-273-8255. Possono fornire un supporto che ruota intorno alla prevenzione del suicidio e possono essere in grado di offrire informazioni su dove trovare aiuto per i disturbi da uso di sostanze, abuso di sostanze e malattie mentali.

Essere soli è un male?

Essere soli può essere un male se ti fa sentire solo. Potresti sentirti solo e non accorgertene. Quando ci si sente soli, può essere utile cercare di uscire sia con un individuo che con le famiglie, con chiunque ci si senta più a suo agio. Si dovrebbe anche fare qualcosa di divertente, che può evitare di avere sentimenti negativi. Se vi è stata precedentemente diagnosticata una malattia mentale, è importante che abbiate un sistema di supporto su cui poter contare quando vi sentite vulnerabili o turbati. Se non avete un sistema di supporto, potete chiamare la linea telefonica nazionale per la prevenzione del suicidio per ulteriore supporto. Saranno in grado di fornirti informazioni pertinenti negli Stati Uniti, in modo che tu possa ottenere l’assistenza sanitaria e il sostegno di cui hai bisogno. Non solo possono fornire servizi relativi alla prevenzione del suicidio, ma anche dirvi come cercare un trattamento per i disturbi da uso di sostanze, abuso di sostanze o altre malattie mentali. Questa linea telefonica nazionale aiuta molte persone ogni anno.

Cosa si dovrebbe fare se ci si sente soli?

Se ti senti solo, dovresti fare il possibile per determinarne la causa principale. Quando hai una malattia mentale, come il disturbo bipolare, è necessario parlare o trovare un terapeuta che possa aiutarti a trattare questo sintomo e qualsiasi altro sintomo che stai vivendo. I fornitori di assistenza sanitaria dovrebbero essere in grado di indicarti i terapisti nella tua zona che possono trattare la tua salute mentale. Potresti anche essere in grado di trovare gruppi di supporto, in modo da poter comunicare con altri che si sentono come te. La solitudine non è qualcosa che devi semplicemente sopportare, quando ci sono molte persone là fuori che potrebbero volerti aiutare o che già ti amano e si preoccupano per te, che vogliono passare del tempo con te. Raggiungi le persone che si preoccupano per te e continua a prenderti cura della tua salute mentale mentre lavori attraverso i tuoi problemi, inclusa la solitudine. Assicurati di prenderti cura di te, in modo che la tua solitudine non porti a qualcosa come l’abuso di sostanze o disturbi da uso di sostanze, che possono essere difficili da trattare.

Perché mi sento solo nel mio matrimonio?

Puoi sentirti solo in un matrimonio perché il tuo matrimonio inizia a sentirsi un po’ diverso da come si sentiva prima. Uno dei due partner potrebbe dover lavorare più duramente o più a lungo rispetto al solito, il che può portare a una minore comunicazione e qualità del tempo trascorso insieme. Ricorda che la solitudine può capitare agli individui e alle famiglie, quindi praticamente chiunque può sperimentarla di tanto in tanto. Se questi sentimenti di solitudine persistono per un po’ nel vostro matrimonio, dovreste prima parlare con il vostro partner e dirgli come vi sentite. Poi potreste voler trovare un terapeuta o gruppi di supporto con cui parlare, in modo che la vostra solitudine non sfoci in una malattia mentale. Le malattie mentali non sono tutte uguali, quindi non c’è motivo di temere che si verifichi una malattia mentale solo perché ci si sente soli. Tuttavia, si dovrebbe notare che è possibile, soprattutto se questo non viene trattato rapidamente e correttamente. Quando la solitudine viene ignorata, può portare all’abuso di sostanze o a qualche altro tipo di problema di salute mentale, che dovrà essere trattato prima che acceleri. A volte, le persone si rivolgono alle droghe quando si sentono sole, il che può portare a disturbi da uso di sostanze o a problemi di abuso di sostanze, che possono portare a malattie mentali, a seconda di quale sia la sostanza. Ottieni sempre l’assistenza sanitaria adeguata quando ne hai bisogno, specialmente se hai un’assicurazione sanitaria. I tuoi fornitori di assistenza sanitaria saranno in grado di indicarti la giusta direzione quando cerchi aiuto per trovare un terapeuta per il trattamento dei disturbi mentali. Puoi anche contare sulla linea telefonica nazionale per la prevenzione del suicidio se ti senti sopraffatto e hai bisogno di parlare con qualcuno proprio intorno alla prevenzione del suicidio. Questa linea telefonica nazionale è disponibile per tutti negli Stati Uniti.

Come fanno i matrimoni ad affrontare la solitudine?

Di nuovo, se ti senti solo nel tuo matrimonio, dovresti parlare con il tuo partner e vedere se ci sono cose che puoi cambiare, in modo che nessuno di voi due continui a sentirsi solo. Potete trovare un terapeuta con cui parlare, insieme o separatamente, per determinare se si possono fare alcuni semplici cambiamenti. I fornitori di assistenza sanitaria possono parlarvi dei terapeuti nella vostra zona, così potete trovarne uno che sia in grado di aiutarvi nel vostro sistema di assistenza sanitaria. La salute mentale è importante e dovrebbe essere trattata con cura, quindi non stare seduto a sentirti solo senza cercare un trattamento. Quando la solitudine non viene trattata, può portare a qualsiasi cosa, dalla malattia mentale, ai disturbi da uso di sostanze, al disturbo bipolare o alla contemplazione del suicidio. Se stai pensando al suicidio, c’è una linea di assistenza nazionale che può parlarti della prevenzione del suicidio. Dovresti essere consapevole che i disturbi da abuso di sostanze possono essere evitati in alcuni casi, specialmente quando ottieni l’aiuto di cui hai bisogno quando si tratta di trattare una malattia mentale.

Come possono gli anziani fermare la solitudine?

Gli anziani possono anche essere in una posizione in cui hanno bisogno di prendersi cura della loro salute mentale per evitare di sperimentare la solitudine. Il modo migliore per farlo è quello di rimanere il più sociale possibile. Possono iniziare un gruppo con altre persone che hanno hobby simili, o imparare a usare il computer, in modo da potersi tenere in contatto online o attraverso i social media. Se sei anziano e non sei in grado di frequentare gli altri quanto vorresti, potresti trovare un terapista che ti aiuti a prevenire la malattia mentale. Puoi anche leggere le ultime informazioni sulla salute mentale leggendo gli articoli di Psychology Today. Anche con gli anziani, c’è la possibilità di disturbi da uso di sostanze, soprattutto se sono sottoposte a molte prescrizioni diverse. Quando hai bisogno di aiuto e stai sperimentando la solitudine, c’è una linea telefonica nazionale da chiamare per il supporto con qualsiasi malattia mentale che potresti sperimentare.

La solitudine è una scelta?

La solitudine può essere una scelta, ma molte volte non lo è. Ci sono momenti in cui le persone si sentono sole, non importa con chi sono. Questo può essere dovuto a un problema con una malattia mentale o perché qualcuno si è isolato attraverso l’abuso di sostanze. Dovresti sempre prenderti cura della tua salute mentale, così sarai in grado di prevenire i disturbi da uso di sostanze e molti tipi di malattie mentali. Parlate con un terapeuta delle informazioni sulla vostra salute, e loro saranno in grado di offrire un trattamento di disordine se questo è necessario, e avranno anche i dettagli sul centro nazionale di risorse helpline, in modo da poter essere sicuri che si sta ottenendo tutto il supporto di cui avete bisogno. Dovete sapere che la linea di assistenza nazionale per l’abuso di sostanze è in grado di aiutare chiunque, a tutte le ore del giorno e della notte.

Quali fattori contribuiscono maggiormente a una vita felice e soddisfacente?

I fattori che contribuiscono a una vita felice e appagante sono l’essere sociale, il denaro, la cultura, il tuo temperamento e il rimanere positivi. Queste cose possono essere difficili da mantenere sempre, quindi potrebbe essere necessario un po’ di aiuto, specialmente quelle che riguardano la salute mentale. Puoi leggere su come essere felice negli articoli pubblicati su Psychology Today, ma puoi anche prenderlo giorno per giorno e fare del tuo meglio. Prendersi cura della propria salute mentale o di una possibile malattia mentale è un buon primo passo. Puoi cercare online un centro di risorse da controllare nella tua zona, in modo da essere in grado di rimanere in cima alle tue informazioni sulla salute per limitare la malattia mentale.

Come si fa a smettere di essere soli?

Ogni volta che senti che la tua solitudine si sta trasformando in depressione, è necessario prendere provvedimenti per invertire la situazione. Un modo per farlo è rimanere sociale e ricordarsi di non isolarsi. Chiama un amico o una persona cara e esci con loro o vai a cena. Un’altra cosa che può essere utile fare è trovare un terapeuta. Dovresti prenderti cura della tua salute mentale nello stesso modo in cui ti prendi cura di altri problemi di salute, dove presti attenzione alle tue emozioni. Se hai una storia di malattia mentale nella tua famiglia, considera di farti controllare, in modo da poter escludere un problema di salute mentale. C’è una linea telefonica nazionale per assisterti nell’ottenere l’aiuto di cui hai bisogno in una situazione di emergenza, che sia per qualcosa come la prevenzione del suicidio o che tu abbia semplicemente bisogno di qualcuno con cui parlare. Potete chiamare la linea nazionale di prevenzione del suicidio in qualsiasi momento, dato che funziona a tutte le ore del giorno e della notte.

Bibliografia e Approfondimenti


Questa pagina è stata verificata

I nostri contenuti superano un processo di revisione in tre fasi.

Scrittura

Ogni articolo viene scritto o esaminato da uno psicoterapeuta prima di essere pubblicato.

Controllo

Ogni articolo contiene una bibliografia con le fonti citate, per permettere di verificare il contenuto.

Chiarezza

Ogni articolo è rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e la comprensione.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Rosario Urbani

Psicoterapeuta specializzato in cognitivo comportamentale

Ordine degli Psicologi della Campania num. 6653/A

Laureato in Neuroscienze presso la Seconda Università di Napoli. Specializzato presso l’istituto Skinner in psicoterapia cognitivo comportamentale. Analista del comportamento ABA e specializzato anche nella tecnica terapeutica dell'EMDR.

reviewer

Dott.ssa Maria Vallillo

Psicoterapeuta specialista in Lifespan Developmental Psychology

Ordine degli Psicologi del Lazio num. 25732

Laurea in Psicologia presso l'Università degli Studi di Chieti. Specializzazione in psicoterapia e psicologia del ciclo di vita presso l’Università la Sapienza di Roma. Esperta in neuropsicologia e psicodiagnostica e perfezionata in psico-oncologia.