Globuli bianchi alti e stress: una relazione complessa

L’articolo esplora la complessa relazione tra livelli elevati di globuli bianchi e stress, evidenziando come il benessere psicologico possa influenzare l’immunità e la salute fisica.

Il corpo umano è una macchina complessa, composta da numerosi sistemi che lavorano in armonia per mantenerci sani e in equilibrio. 

Uno di questi sistemi cruciali è il sistema immunitario, che è responsabile di combattere le infezioni e le malattie. All’interno di questo sistema, i globuli bianchi, o leucociti, giocano un ruolo fondamentale. 

Questi piccoli soldati del sistema immunitario sono spesso al centro dell’attenzione quando si parla di globuli bianchi alti e stress. È interessante notare che lo stress può anche manifestarsi fisicamente con sintomi come sangue dal naso, che può essere legato a vari fattori, compresa la risposta del corpo a situazioni stressanti.

In questo articolo, scopriremo come lo stress può influenzare il numero di globuli bianchi nel sangue, esamineremo i sintomi e le conseguenze di questa situazione ed elencheremo le principali strategie per gestire il livello di stress al fine di preservare la salute generale.

Leucociti: cosa sono e come funzionano

I leucociti, o globuli bianchi, sono componenti critici del sistema immunitario. Essi si trovano in tutto il corpo e hanno il compito di riconoscere e combattere agenti patogeni come batteri, virus e altri invasori. Quando il corpo percepisce una minaccia, i leucociti si attivano per proteggerci.

Mentre esiste una relazione tra globuli bianchi alti e stress, questa è spesso una risposta temporanea e naturale del corpo. Tuttavia, uno stress cronico a lungo termine può avere un impatto negativo sulla salute generale. 

Ricorda sempre che, in caso di sintomi gravi o persistenti, consultare un professionista sanitario è la scelta migliore per ricevere una valutazione accurata e un piano di trattamento appropriato. 

La salute è un tesoro prezioso, e prendersene cura è essenziale per una vita felice e prospera.

Globuli bianchi alti: un segnale dal corpo

L’aumento dei globuli bianchi nel sangue, noto come leucocitosi, è una risposta del corpo a una serie di situazioni, tra cui infezioni, infiammazioni e, sorprendentemente, lo stress

Quando si verifica una situazione stressante, il corpo può reagire liberando ormoni come il cortisolo, che può influenzare il sistema immunitario e portare a un aumento temporaneo dei globuli bianchi.

Tuttavia, è importante notare che non c’è una relazione diretta tra il livello di stress e il numero di globuli bianchi. Questo aumento temporaneo dei globuli bianchi in risposta allo stress di solito non è motivo di preoccupazione. Si tratta di una reazione naturale del corpo che aiuta a prepararlo a fronteggiare una minaccia percepita.

Globuli bianchi alti: sintomi e conseguenze 

Tra i sintomi più comuni troviamo:

  • affaticamento: il sistema immunitario è attivato per combattere l’infezione o l’infiammazione, il che può richiedere molta energia e causare stanchezza;
  • febbre: L’aumento dei globuli bianchi può essere una risposta a un’infezione. In questi casi, può verificarsi febbre come parte della risposta immunitaria del corpo;
  • dolore o gonfiore: l’infiammazione è spesso associata a globuli bianchi alti. Di conseguenza, si possono sperimentare dolori muscolari o articolari e gonfiore in alcune parti del corpo;
  • mal di testa

Mentre un aumento temporaneo dei globuli bianchi a causa dello stress non è solitamente problematico, la leucocitosi persistente può avere conseguenze:

  • infiammazioni croniche: se i globuli bianchi rimangono elevati a lungo termine a causa di un’infiammazione cronica, ciò può contribuire a condizioni di salute come l’artrite reumatoide o la malattia infiammatoria intestinale;
  • debolezza del sistema immunitario: se i globuli bianchi rimangono costantemente alti a causa dello stress cronico o di altre condizioni, il sistema immunitario potrebbe indebolirsi, aumentando il rischio di infezioni.
  • malattie del sangue: in alcune circostanze, globuli bianchi persistentemente elevati possono essere un segno di una condizione ematologica come la leucemia.

Linfociti alti

Tra i globuli bianchi, i linfociti sono un tipo importante. 

Un aumento dei linfociti nel sangue, noto come linfocitosi, è un’alterazione dei livelli normali di linfociti, un tipo di globuli bianchi che fa parte del sistema immunitario del corpo. 

I linfociti sono responsabili della difesa del corpo contro infezioni e malattie, e la loro quantità può variare in risposta a diverse situazioni.

Esistono due tipi principali di linfociti: 

  • linfociti B: sono coinvolti nella produzione di anticorpi; 
  • e linfociti T: svolgono un ruolo fondamentale nella distruzione delle cellule infettate.

Gli alti livelli di linfociti possono essere associati a una varietà di condizioni, tra cui:

  • leucemia;
  • stress;
  • infezioni virali;
  • alcune malattie autoimmuni. 

Strategie per gestire il livello di stress

Poiché lo stress può influenzare i globuli bianchi, è essenziale adottare strategie per gestire il livello di stress e preservare la salute.

1. Pratica esercizio fisico 

L’attività fisica regolare può aiutarti a ridurre lo stress e migliorare la tua salute generale. L’esercizio promuove il rilascio di endorfine, noti come “ormoni della felicità,” che possono alleviare il malessere associato allo stress.

2. Prova le tecniche di rilassamento

La meditazione, la respirazione profonda e il rilassamento muscolare progressivo sono alcune delle tecniche di rilassamento che possono aiutarti a ridurre il livello di stress e migliorare il benessere.

4. Mantieni uno stile di vita salutare

Una dieta equilibrata e il sonno sufficiente sono fondamentali per ridurre il livello di stress. Mantieni uno stile di vita sano per sostenere il tuo sistema immunitario.

5. Valuta la psicoterapia

La psicoterapia, sia online che in presenza, può aiutare le persone a identificare le fonti specifiche di stress, a sviluppare strategie di coping personalizzate e a migliorare la gestione dello stress a lungo termine. I terapeuti possono utilizzare varie approcci terapeutici, tra cui la terapia cognitivo-comportamentale (CBT), la terapia psicodinamica e molte altre, per adattarsi alle esigenze di ciascun individuo.

Scopri come affrontare lo stress

Un percorso di psicoterapia su Serenis può aiutarti a gestire i sintomi dello stress: scopri come funziona.

Primo colloquio gratuito

Terapia da dove vuoi

+500 recensioni a 5 stelle

Scopri di più

La psicoterapia online di Serenis

In questo blog troverai tantissimi altri articoli che parlano di salute mentale.

Se hai ritrovato un po’ di te in quello che hai letto, magari puoi pensare di aiutarti facendo psicoterapia con noi: siamo un centro medico autorizzato.

Il servizio è completamente online, con centinaia di psicoterapeuti e psicoterapeute (cioè hanno la specializzazione) con in media circa 10 anni di esperienza.

Tutto inizia con il desiderio di vivere una vita migliore. Noi possiamo sostenerti; Serenis è a un solo link di distanza.

Il primo colloquio è gratuito, poi 55 € a seduta, o 202 € ogni 4 sessioni..

Fonti

  • Mastronardi, V., Ricci, S., Adinolfi, V., & Pomilla, A. (2012). Stress, lutto e modificazione dei parametri immunitari. Rivista di Criminologia, Vittimologia e Sicurezza, 6(3), 212-231.
  • Panetti, F. (2016). Stress: Come farselo amico. Guaraldi.
  • CREA, S. (2020). Relazione tra stress emotivo, sistema nervoso ed immunitario: la psiconeuroendocrinoimmunologia.
Ludovica Feliziani

Approccio:
Titolo di studio
Descrizione
Anima solare e (quasi) psicologa clinica, sono la blog manager di Serenis. Qui unisco il mondo della psicologia a quello del copywriting. Credo nell'importanza di imparare dagli errori, nella comunicazione aperta e nella condivisione, cuore di tutto ciò che faccio.

Questa pagina è stata verificata

I nostri contenuti superano un processo di revisione in tre fasi.

Scrittura

Ogni articolo viene scritto o esaminato da uno psicoterapeuta prima di essere pubblicato.

Controllo

Ogni articolo contiene una bibliografia con le fonti citate, per permettere di verificare il contenuto.

Chiarezza

Ogni articolo è rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e la comprensione.

Revisori

reviewer

Dott. Domenico De Donatis

Medico Psichiatra

Ordine dei Medici e Chirurghi della provincia di Pescara n. 4336

Laurea in Medicina e Chirurgia presso l'Università degli Studi di Parma. Specializzazione in Psichiatria presso l'Università Alma Mater Studiorum di Bologna.

reviewer

Dott. Federico Russo

Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale e Neuropsicologo, Direttore Clinico di Serenis

Ordine degli Psicologi della Puglia n. 5048

Laurea in Psicologia Clinica e della Salute presso l’Università degli Studi “G. D’Annunzio” di Chieti. Specializzazione in Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale a indirizzo neuropsicologico presso l’Istituto S. Chiara di Lecce.

reviewer

Dott.ssa Martina Migliore

Psicologa Psicoterapeuta specializzata in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale

Ordine degli Psicologi dell'Umbria n.892

Psicologa e Psicoterapeuta cognitivo comportamentale, docente e formatrice. Esperta in ACT e Superhero Therapy. Membro dell'Associazione CBT Italia, ACT Italia e SITCC. Esperta nell'applicazione di meccaniche derivanti dal gioco alle strategie terapeutiche evidence based e alla formazione aziendale.