Gerontofilia: attrazione sessuale o parafilia?

La gerontofilia, l’attrazione sessuale verso persone anziane, è analizzata per comprendere se sia una preferenza o una parafilia, esplorando le sue dinamiche psicologiche.
gerontofilia

La gerontofilia, un termine che potrebbe far alzare un sopracciglio o due, è un aspetto della sessualità umana che merita una discussione approfondita. 

Contrariamente alla percezione comune, l’interesse romantico o sessuale per persone più anziane non equivale necessariamente alla gerontofilia o alla parafilia.

In effetti, l’attrazione verso individui con una notevole differenza di età è un aspetto normale delle relazioni umane. Molti hanno sperimentato il fascino di una connessione speciale con qualcuno più grande di noi, condividendo storie di vita, saggezza e comfort unici. 

Questo può essere una parte naturale della nostra crescita emotiva e sessuale.

La gerontofilia, d’altra parte, può rappresentare una preferenza sessuale estrema verso gli anziani, spesso sfociando in comportamenti compulsivi e causando un disagio significativo. A quel punto parliamo di disturbo parafilico

È importante distinguere tra un’attrazione salutare verso persone più anziane e il desiderio patologico di partner anziani. In fondo, la chiave sta nel rispetto e nella comprensione delle relazioni intergenerazionali, che possono arricchire le nostre vite senza necessariamente rientrare in un contesto parafilico.

In questo articolo, ci proponiamo di spiegare meglio il concetto di gerontofilia intesa come parafilia, distinguendola da una normale attrazione verso gli anziani. Vedremo inoltre le possibili cause in ottica psicoanalitica e i trattamenti in caso di disturbo parafilico.

Gerontofilia significato

La gerontofilia, intesa come parafilia, è caratterizzata da una forte attrazione sessuale e compulsiva verso partner molto più anziani dal punto di vista cronologico. Questa parafilia è inclusa nel Manuale di Diagnosi delle Malattie in Sessuologia (FLASSES) ed è definita come la partecipazione ad attività sessuali con persone anziane, sia in termini di comportamenti sessuali effettivi che di fantasie sessuali. 

I tratti fisici delle persone anziane, come la pelle rugosa, la flaccidità, la calvizie, i capelli grigi e persino l’odore, risultano attraenti per i gerontofili. 

Anche se ci sono pochi casi documentati di questa parafilia, si suggerisce che possa manifestarsi durante l’adolescenza prima dell’inizio dell’attività sessuale. 

La caratteristica principale è che l’individuo si eccita sessualmente esclusivamente con persone anziane.

È importante effettuare una diagnosi differenziale per escludere la possibilità che si tratti di un’esperienza gerontofila unita a sintomi psicotici. Ciò implica valutare la ragione per cui il paziente consulta, i suoi antecedenti familiari e sociali, la sua storia sessuale e altri fattori. 

È importante anche distinguere tra la gerontofilia genuina e quella spuria:

  • gerontofilia genuina: è caratterizzata da un forte interesse e attrazione quando un individuo più giovane si sente eccitato dalla presenza di una persona anziana. Inoltre, mostra una tolleranza positiva nei confronti di questa situazione, consentendo all’individuo di accettarla e trarne piacere
  • gerontofilia spuria: è caratterizzata da pensieri e fantasie sessuali mentre si trova con una persona anziana. Questi pensieri provocano eccitazione sessuale, che può portare alla masturbazione e, alla fine, all’orgasmo. 

Vuoi iniziare il tuo percorso di psicoterapia adesso?

Compila il questionario Serenis e scopri il terapeuta più adatto a te

Primo colloquio gratuito

Sedute online

Il servizio di psicoterapia meglio recensito in Italia

Inizia il questionario

Gerontofilia: disturbo o preferenza sessuale?

La gerontofilia è un argomento complesso che solleva domande sulla sua natura e rilevanza, sin dagli inizi del ‘900, quando fu coniata per la prima volta. La definizione di questa preferenza sessuale può variare notevolmente, e ciò solleva dubbi sulla sua classificazione come una condizione patologica

A differenza di alcune altre parafilie, come la pedofilia, non comporta necessariamente conseguenze legali, e molte delle situazioni coinvolte potrebbero rientrare semplicemente nelle relazioni private tra adulti consenzienti

Inoltre, il DSM-5 stabilisce che le parafilie non sono ipso facto disturbi mentali. Senza evidenza sostanziale del suo ruolo eziologico negli atti sessuali, la rilevanza di parlare di “parafilia” nel contesto degli anziani come fascia d’età, sfida le attuali definizioni di parafilia. 

La verità è che la gerontofilia è considerata una parafilia solo quando:

  • genera un disagio clinicamente significativo;
  • comporta una limitazione delle normali attività quotidiane;
  • nel caso in cui il soggetto anziano sia incapace di intendere e di volere e, di conseguenza, costretto a subire forme di violenza sessuale rispetto alle quali non è consenziente;
  • quando l’unico stimolo che scatena il desiderio sessuale è l’età avanzata in sé. 

Il parafilico, infatti, si trova costantemente in conflitto tra il desiderio di dare sfogo all’impulso sessuale e il rammarico di doverlo reprimere, e talvolta questo conflitto può trasformarsi in depressione

In altre parole, non è semplicemente l’attrazione verso persone anziane che costituisce una parafilia, ma piuttosto quando questa attrazione diventa patologica

Forme di gerontofilia

Ci sono 2 principali tipi di gerontofilia, ciascuno caratterizzato da una specifica attrazione verso le persone anziane.

  1. Alphamegamia

Questa forma di gerontofilia riguarda l’attrazione sessuale di una persona, sia maschio che femmina, verso uomini molto più anziani, di solito nella terza età. Questa preferenza può variare da una semplice attrazione a una vera e propria eccitazione sessuale nei confronti degli individui più anziani.

  1. Matronolagnia

Al contrario, la matronolagnia descrive l’attrazione sessuale verso donne anziane, manifestata principalmente da uomini o donne più giovani. Anche in questo caso, la preferenza può andare da una semplice inclinazione a un’attrazione sessuale più intensa.

Cause gerontofilia

Parlando di gerontofilia come parafilia, le possibili cause possono includere:

  • il comfort offerto da individui maturi;
  • la loro intelligenza, esperienza e tranquillità, che li rendono capaci di ascoltare gli altri;
  • evitamento dell’intimità con persone di età simile (similmente a quanto accade nella pedofilia), poiché una figura anziana tende a essere meno minacciosa di una giovane. 

Gerontofilia e psicologia: una lettura psicoanalitica

Dall’ottica psicoanalitica, le cause del disturbo possono essere ricondotte al mancato superamento dei complessi infantili di Edipo (per quanto riguarda l’attrazione per la madre) e di Elettra (per quanto riguarda l’attrazione per il padre).  

Ciò può portare a un’attrazione sessuale verso le persone anziane come una sorta di surrogato per soddisfare bisogni o desideri legati a esperienze infantili non risolte.

Trattamenti per la gerontofilia

I trattamenti per la gerontofilia come parafilia possono includere diverse modalità terapeutiche. Alcune delle opzioni potrebbero comprendere:

  1. Terapia cognitivo-comportamentale

Questo approccio terapeutico si concentra sull’identificazione e la modifica dei pensieri e dei comportamenti disfunzionali. Nella gerontofilia, la terapia cognitivo-comportamentale può aiutare a individuare i pensieri o le fantasie sessuali che alimentano l’attrazione verso le persone anziane e sviluppare strategie per gestirli o ridurli.

  1. Psicoanalisi

La psicanalisi può essere utilizzata per esplorare le radici psicologiche dell’attrazione verso le persone anziane. Si concentra sullo studio dei processi inconsci e delle dinamiche familiari che potrebbero aver contribuito a sviluppare la parafilia. La terapia psicanalitica mira a portare alla luce e affrontare queste dinamiche nascoste.

  1. Farmacoterapia

In alcuni casi, potrebbe essere considerata la farmacoterapia. L’uso di antidepressivi e stabilizzatori dell’umore potrebbe essere preso in considerazione per ridurre i pensieri ossessivi o gli impulsi sessuali. Tuttavia, l’efficacia di questa modalità di trattamento può variare da persona a persona.

  1. Ipnosi

L’ipnosi può essere un metodo utile per esplorare i fattori scatenanti e le cause della patologia, spesso legati a dinamiche disfunzionali all’interno della famiglia d’origine. Durante l’ipnosi, il paziente è guidato a uno stato di coscienza alterato in cui può esplorare ricordi o esperienze passate che potrebbero aver contribuito alla gerontofilia.

La psicoterapia online di Serenis

In questo blog troverai tantissimi altri articoli che parlano di salute mentale.

Se hai ritrovato un po’ di te in quello che hai letto, magari puoi pensare di aiutarti facendo psicoterapia con noi: siamo un centro medico autorizzato.

Il servizio è completamente online, con centinaia di psicoterapeuti e psicoterapeute (cioè hanno la specializzazione) con in media circa 10 anni di esperienza.

Tutto inizia con il desiderio di vivere una vita migliore. Noi possiamo sostenerti; Serenis è a un solo link di distanza.

Il primo colloquio è gratuito, poi 55 € a seduta, o 202 € ogni 4 sessioni.

Fonti

  • Piscicelli, S. (2001). LA GERONTOFILIA: TRA SCIENZA E IMMAGINARIO COMUNE.
  • Kaul, A., & Duffy, S. (1991). Gerontophilia—A case report. Medicine, Science and the Law, 31(2), 110-114.
  • Ball, H. (2015). Gerontophilia. The International Encyclopedia of Human Sexuality, 427-500.
  • Placeres Hernández, J. F. (2011). Some aspects on the Gerontophilia. A bibliographic review. Revista Médica Electrónica, 33(5), 595-598.
Ludovica Feliziani

Approccio:
Titolo di studio
Descrizione
Anima solare e (quasi) psicologa clinica, sono la blog manager di Serenis. Qui unisco il mondo della psicologia a quello del copywriting. Credo nell'importanza di imparare dagli errori, nella comunicazione aperta e nella condivisione, cuore di tutto ciò che faccio.

Questa pagina è stata verificata

I nostri contenuti superano un processo di revisione in tre fasi.

Scrittura

Ogni articolo viene scritto o esaminato da uno psicoterapeuta prima di essere pubblicato.

Controllo

Ogni articolo contiene una bibliografia con le fonti citate, per permettere di verificare il contenuto.

Chiarezza

Ogni articolo è rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e la comprensione.

Revisori

reviewer

Dott. Domenico De Donatis

Medico Psichiatra

Ordine dei Medici e Chirurghi della provincia di Pescara n. 4336

Laurea in Medicina e Chirurgia presso l'Università degli Studi di Parma. Specializzazione in Psichiatria presso l'Università Alma Mater Studiorum di Bologna.

reviewer

Dott. Federico Russo

Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale e Neuropsicologo, Direttore Clinico di Serenis

Ordine degli Psicologi della Puglia n. 5048

Laurea in Psicologia Clinica e della Salute presso l’Università degli Studi “G. D’Annunzio” di Chieti. Specializzazione in Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale a indirizzo neuropsicologico presso l’Istituto S. Chiara di Lecce.

reviewer

Dott.ssa Martina Migliore

Psicologa Psicoterapeuta specializzata in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale

Ordine degli Psicologi dell'Umbria n.892

Psicologa e Psicoterapeuta cognitivo comportamentale, docente e formatrice. Esperta in ACT e Superhero Therapy. Membro dell'Associazione CBT Italia, ACT Italia e SITCC. Esperta nell'applicazione di meccaniche derivanti dal gioco alle strategie terapeutiche evidence based e alla formazione aziendale.