Come resistere ai sensi di colpa ingiustificati

Aggiornato il 14 settembre 2021

I sensi di colpa possono essere una forma di coercizione o manipolazione psicologica, ma a volte possono essere autoinflitti. Anche se ci sono vari metodi per superare e resistere ai sensi di colpa, è necessario avere una comprensione completa e approfondita di tutto ciò che i sensi di colpa comportano.

Donna con mani sporche in facciaFonte: unsplash.com

Una panoramica sui sensi di colpa

La maggior parte delle persone che tentano di infliggere sensi di colpa agli altri sono incredibilmente calcolatrici e conniventi; sanno esattamente cosa stanno facendo e sono abituate a brandire il senso di colpa come arma per ottenere ciò che vogliono dagli altri. Molti vedono i sensi di colpa come un tipo di bullismo.

I sensi di colpa sono malsani e irragionevoli. Chiunque può essere vittima di un senso di colpa. Amici, membri della famiglia, soci, colleghi e persino datori di lavoro possono essere presi di mira da un individuo manipolatore, ma astuto, che ha un’agenda. Fortunatamente, ci sono diversi segnali di avvertimento di un imminente o attuale senso di colpa. La consapevolezza dei segnali indicativi aiuterà a salvare le persone dall’essere ingannate e altrimenti raggirate per fare ciò che il bullo in questione vuole.

Cose da sapere quando si verifica un senso di colpa

I colpevoli di sensi di colpa hanno diversi trucchi e indizi. L’individuo ignaro o inconsapevole può non accorgersene; tuttavia, la sua controparte più consapevole sarà in grado di riconoscere i segni e agire di conseguenza. Coloro che impiegano i sensi di colpa fanno sentire i loro bersagli responsabili della fonte del reclamo. Questo vale sia che la lamentela riguardi una perdita, una delusione o qualcos’altro. Inoltre, questa persona probabilmente si lamenterà, si rifiuterà di lasciar perdere il suo bersaglio, e renderà anche le questioni più semplici il più complicate e drammatiche possibile.

I viaggi di colpa non sono sempre chiari e facili da individuare. A volte questa particolare forma di manipolazione psicologica può avere luogo in un comportamento passivo, passivo-aggressivo o aggressivo verso il bersaglio. Questa condotta può includere l’isolamento, il trattamento del silenzio, o l’antagonismo esplicito. Lo scopo è quello di sconvolgere il bersaglio e di conseguenza manipolarlo in modo che si senta contrito e si vergogni di se stesso, anche quando non dovrebbe esserlo.

Altri incitatori di sensi di colpa possono portare alla luce occasioni passate o casi in cui sono stati d’aiuto (o almeno sembravano esserlo) al loro attuale bersaglio. Temi comuni di questo particolare trucco sono: “Guarda quanto ho fatto per te”, “Se non fosse stato per me, dove saresti”, “Ricorda quando ero lì per te” e altre affermazioni simili.

Donna depressa seduta Fonte: unsplash.com

A differenza degli altri omaggi, questa tattica può essere allettante e più difficile per il bersaglio resistere. In superficie, può sembrare che il manipolatore sia ragionevole e chieda semplicemente un favore ricambiato. Tuttavia, questo è falso. Una persona che vi aiuta veramente con intenzioni pure non vi sbatterà in seguito quell’evento in faccia per un guadagno personale.

Situazioni comuni in cui si verifica un senso di colpa

Gli obiettivi comuni dei sensi di colpa sono le persone che sono più vicine al manipolatore. Più siamo vicini a qualcuno, più è probabile che proviamo dei legami emotivi che possono di conseguenza generare vulnerabilità ai sensi di colpa. Qualsiasi relazione in cui una o entrambe le parti sono costantemente in preda ai sensi di colpa è destinata a fallire prima o poi. L’obiettivo dell’individuo manipolatore è probabile che lo capisca. Il senso di colpa può alla fine trasformarsi in risentimento. Questo potrebbe spingere il bersaglio a vendicarsi.

I bambini sono i primi bersagli perché sono i più indifesi e incapaci di riconoscere e proteggersi dalla manipolazione psicologica esercitata con astuzia. I sensi di colpa rivolti ai bambini diventano ancora peggiori se l’autore è un genitore, un parente o un’altra figura autoritaria. I bambini che sono spesso bersaglio di sensi di colpa da parte di genitori emotivamente violenti possono a loro volta crescere e disprezzare i loro genitori. Possono soffrire di bassa autostima e altri problemi emotivi. Gli amici che sono costantemente presi di mira dai colpevoli possono decidere di porre fine alla loro amicizia. Lo stesso vale per i coniugi che sono sposati con individui psicologicamente manipolatori.

Le persone hanno varie ragioni e motivazioni dietro la loro condotta. Oltre al guadagno personale e alla manipolazione degli altri, i sensi di colpa potrebbero essere radicati nel bisogno e nell’insicurezza. Manipolando e maltrattando gli altri, il colpevole può ottenere una scarica di adrenalina o un senso di potere. Nel profondo, sanno che sentirsi superiori è anche abbastanza fugace. Abusare delle altre persone non genera mai una felicità genuina.

Persone che utilizzano un portatileFonte: unsplash.com

I danni e il caos che causano i sensi di colpa sono innegabili. Ci sono diversi modi per le persone di resistere e rifiutare queste forme artigianali di maltrattamento psicologico che includono i seguenti punti:

  • Mantenere un’alta autostima. Gli individui che soffrono di bassa autostimasono alcuni dei bersagli più vulnerabili. Chi lotta con l’autostima è probabile che dubiti di se stesso e ignori la propria intuizione. Il tuo intuito può dirti che qualcosa non va quando sei vicino a qualcuno che cerca di manipolarti; ascoltalo. Non dubitare di te stesso. Le persone possono spesso cogliere inconsciamente i segnali di avvertimento.
  • Fatti valere. Quando i colpevoli diventano impazienti o frustrati, possono ricorrere a insulti o minacce. Fatti valere e fai sapere all’abusatore che non ti lascerai intimidire. Fermezza, chiarezza e franchezza sono fondamentali. Debolezza, incertezza o segnali esitanti sono per i manipolatori ciò che il sangue è per uno squalo. Non lasciatevi spaventare o costringere a eseguire gli ordini di un colpevole. Non otterrete il loro rispetto o li farete indietreggiare. Semplicemente diventeranno più coraggiosi e sicuri delle loro capacità di fare il bullo e manipolare gli altri.
  • Prendi le distanze e smetti di comunicare con loro. Nella maggior parte delle situazioni, interrompere prontamente e permanentemente il contatto con un colpevole è la migliore e più saggia linea d’azione. La decisione può sembrare estrema per alcuni, ma è una delle forme più benigne di autoconservazione. Le persone psicologicamente manipolatrici non hanno alcun riguardo o rispetto per le persone di cui tentano di abusare emotivamente. Non c’è niente di buono che possa venire dal frequentare costantemente individui che non hanno alcun riguardo per voi. Ad un certo punto, il comportamento tossico inizierà a prendere il suo pedaggio.

Il bersaglio del senso di colpa non è responsabile dei suoi maltrattamenti. Il comportamento di chi abusa parla molto di se stesso e del suo carattere. Le persone psicologicamente manipolatrici sono maestri nella proiezione e nel creare l’illusione che i loro obiettivi soffrano di certi problemi. La maggior parte delle persone, prima o poi, si troverà all’estremità di un senso di colpa. Speriamo che gli omaggi per i sensi di colpa menzionati in precedenza, insieme ai modi per resistere al comportamento, si rivelino utili.

Se credete di essere stati il bersaglio dei sensi di colpa o vi sentite come se foste in compagnia di un individuo psicologicamente manipolatore, non siete in difetto. A volte ottenere un consiglio da parte di un esperto, fatto su misura per la vostra situazione, può fare una differenza significativa e d’impatto.

Conclusione

Il senso di colpa messo su di te da qualcun altro non è colpa tua. È inaccettabile essere sfruttati emotivamente per un guadagno personale. Comprendere gli aspetti di un senso di colpa include essere consapevoli dei comportamenti manipolatori e delle relative azioni create dagli altri. I consigli e i suggerimenti menzionati in questo articolo mostrano che esistono metodi efficaci per aiutarvi a resistere. Fate il primo passooggi stesso.

Domande frequenti (FAQ)

Cos’è il senso di colpa?

Un senso di colpa è sentirsi in colpa per un incidente specifico. Il senso di colpa, però, non è solo una sensazione di aver fatto qualcosa di sbagliato. Questo senso di colpa è eccessivo se si considerano le circostanze o il ruolo che avete avuto nel risultato. Oppure potete sentirvi in colpa per qualcosa che non è stata affatto colpa o responsabilità vostra. Se qualcun altro ti sta facendo sentire in colpa, è una forma di manipolazione psicologica.

Cosa si prova a sentirsi in colpa?

I sentimenti di colpa possono essere abbastanza angoscianti. Puoi sentirti imbarazzato o addirittura inutile quando sei ossessionato da come potresti aver fallito con qualcuno. Si può iniziare a credere di essere il tipo di persona che delude sempre gli altri. I sensi di colpa possono farti sentire paranoico se immagini di meritare che qualcuno si vendichi su di te. Il senso di colpa può farti sentire triste, solo e impotente. Se questi sentimenti persistono, è fondamentale trovare un terapeuta che ti aiuti ad affrontare gli effetti dei sensi di colpa.

Perché mi sento così in colpa?

È naturale sentirsi in colpa quando si è ferito qualcuno intenzionalmente o senza considerare la sua situazione e i suoi sentimenti. È giusto sentirsi in colpa quando si è fatto qualcosa per danneggiare qualcun altro o quando si fa qualcosa che va contro i propri valori. Infatti, se non ti senti mai in colpa, potresti avere un disturbo mentale, come il disturbo antisociale di personalità, chiamato anche personalità sociopatica.

Tuttavia, molte persone si sentono in colpa più spesso di quanto sia sano. Se vi sentite in colpa, chiedetevi se avete fatto il meglio che potevate nelle circostanze. Se avete fatto del vostro meglio, potreste sentirvi in colpa perché qualcun altro vi sta manipolando per farvi sentire così. Oppure potreste imporre il senso di colpa a voi stessi.

A volte, i sensi di colpa iniziano perché qualcuno è una persona che piace alla gente. Alcune persone approfittano di questo fatto se vogliono manipolarvi. Sanno che volete che siano felici con voi, quindi usano il senso di colpa per farvi dare quello che vogliono.

Cos’è un senso di colpa autoinflitto e perché succede?

Il senso di colpa autoinflitto è un senso di colpa che ti imponi. Potresti farlo perché hai paura di sentirti solo. A volte può sembrare che sia meglio incolpare te stesso prima che qualcun altro possa incolparti. Oppure si può immaginare che se ci si sente abbastanza in colpa, si diventerà una persona migliore.

Ma sentirsi in colpa quando non avete fatto nulla per danneggiare qualcuno o andare contro i vostri valori intenzionalmente può impedirvi di vivere una vita felice e mentalmente sana. Se scopri che ti critichi sempre per le cose che fai, puoi trovare un terapeuta che ti aiuti ad affrontare ed evitare i tuoi sensi di colpa.

Cosa devo fare quando qualcuno vuole farmi sentire in colpa?

Se qualcuno ti fa sentire come se fossi una cattiva persona, la prima cosa da fare è pensare se ti meriti i suoi sensi di colpa. Se sei vittima di una manipolazione emotiva, potresti avere un senso di colpa anche quando non hai alcun motivo giustificabile per sentirti male. Accetta la responsabilità delle tue azioni ma riconosci che sei una brava persona che sta facendo il meglio che può.

Non sentirti obbligato a fare ciò che vogliono o a scusarti per qualcosa che non è stata colpa tua. Invece, comunicate con loro in modo assertivo. Fategli sapere che non accettate la colpa per qualcosa che era fuori dal vostro controllo o che non era vostra responsabilità. Non dovete accettare i loro sensi di colpa solo perché vogliono farvi sentire male. Hai tutto il diritto di proteggere la tua salute mentale da questo tipo di attacco. Se non smettono di cercare di farti sentire come se tutto fosse colpa tua, potrebbe essere il momento di trovare un terapeuta o di fare i bagagli.

I sensi di colpa peggiorano la malattia mentale?

Poiché il senso di colpa è un’emozione potente, può esacerbare qualsiasi malattia mentale che hai già. Se hai un disturbo bipolare, potresti sentirti incredibilmente in colpa, soprattutto durante la fase depressiva. Ma il disturbo bipolare è solo un esempio. I viaggi di senso di colpa possono aumentare le turbolenze emotive se hai un disturbo di panico, ansia, disturbi alimentari o qualsiasi malattia mentale. Se sai di avere una malattia mentale o riconosci i segni che potresti avere un disturbo mentale, trova un terapeuta che ti aiuti ad affrontare il senso di colpa e gli altri sintomi della malattia mentale.

Quali sono gli effetti a lungo termine dei sensi di colpa?

Un solo senso di colpa potrebbe non causare troppi danni emotivi, specialmente se la tua autostima è alta e lo affronti bene. Tuttavia, a lungo termine, i sensi di colpa possono distruggere la tua autostima. Possono farvi sentire male su chi siete e sulle scelte che fate. A lungo termine, questo può portare alla depressione e all’ansia. La tristezza e la paura possono influenzare le tue relazioni con gli amici, i membri della famiglia e il tuo compagno. E quando non si è mentalmente sani, è difficile trovare un nuovo lavoro o mantenere quello attuale. Quindi, se hai frequenti sensi di colpa, interni o inflitti da qualcun altro, trova presto un terapeuta prima che il tuo benessere mentale diminuisca.

Come posso stabilire dei limiti migliori?

Stabilire dei limiti può aiutarvi a evitare gli effetti dannosi dei viaggi di colpa. Stabilisci dei limiti su quanto tempo passi con qualcuno che ti spinge a stare male con te stesso. Inoltre, poni dei limiti alle tue responsabilità verso gli altri. Può sembrare nobile assumersi i fardelli del mondo, ma non è realistico. Sappiate cosa è in vostro potere, e riconoscete che siete ancora una buona persona, anche se fate un errore occasionale.

Dovrei lasciare qualcuno che cerca costantemente di farmi sentire in colpa?

Potrebbe valere la pena considerarlo. Nessuno ha il diritto di farti sentire eccessivamente in colpa per piccole cose e cose che non puoi cambiare. Possono causare danni irreparabili al tuo benessere mentale. Se vi sentite giudicati e denigrati, non importa quanto duramente cerchiate di fare la cosa giusta, mettete una certa distanza emotiva tra voi e loro.

E se qualcuno con cui vivi ti fa sentire costantemente in colpa, fai le valigie e vattene. Andarsene potrebbe essere l’unico modo per proteggere la tua salute emotiva e sentirti di nuovo bene. Se hai bisogno di aiuto per decidere cosa fare, trova un terapeuta che possa insegnarti come valutare i tuoi pensieri, affrontare i tuoi sentimenti e fare le scelte che sono giuste per te.

Come si può affrontare il senso di colpa?

Se hai difficoltà con il senso di colpa, determina se si tratta di un senso di colpa sano o malsano; se si tratta di un senso di colpa sano e adeguato alla situazione, fai quanto segue:

  • Riconoscere ciò che hai fatto di sbagliato
  • Chiedi scusa per il tuo comportamento
  • Fai quello che puoi per rimediare
  • Apportare modifiche appropriate al tuo comportamento
  • Accettare ciò che è successo e andare avanti

Il senso di colpa sano può essere un percorso per una maggiore crescita personale. Tuttavia, il senso di colpa malsano, sproporzionato rispetto all’accaduto o immeritato, può portare agonia, angoscia e agitazione. Quindi, se avete un senso di colpa malsano, è fondamentale affrontarlo in modo appropriato. Potete trovare un terapeuta che vi aiuti, ma ci sono alcune cose che potete fare da soli.

  • Chiedetevi da dove viene il senso di colpa: da voi o da qualcun altro?
  • Risolvi ciò di cui tu sei responsabile e ciò di cui gli altri devono occuparsi da soli.
  • Riconosci che sei responsabile della tua felicità, e lo stesso vale per la persona che ti fa sentire in colpa.
  • Controlla i tuoi standard per assicurarti che non stai pretendendo troppo da te stesso.
  • Stabilisci e mantieni chiari i confini con gli altri.
  • Pratica la meditazione, la consapevolezza, la respirazione profonda o il rilassamento muscolare sistematico se i sensi di colpa sono intensi.
Come può un terapeuta aiutarmi con il senso di colpa?

Quando trovi un terapeuta che ti aiuti a gestire il senso di colpa, può assisterti in diversi modi. Può offrire consigli, diagnosi o trattamenti, a seconda dei tuoi problemi e della tua situazione. Può darti test psicologici, terapia e sostegno. Possono usare test di personalità per aiutarvi a determinare se siete più vulnerabili ai sensi di colpa a causa della vostra personalità.

Non possono fornire aiuto medico, ma possono suggerirti uno psichiatra se hai bisogno di farmaci o altri trattamenti per un disturbo mentale. Inoltre, il vostro terapeuta può indicarvi dei gruppi di sostegno che possono aiutarvi a gestire il senso di colpa ingiustificato. Infine, il vostro terapeuta può aiutarvi a raggiungere una crescita personale. Alla fine, potrete scoprire cosa significa evitare i sensi di colpa e sentirsi bene.


Questa pagina è stata verificata

I nostri contenuti superano un processo di revisione in tre fasi.

Scrittura

Ogni articolo viene scritto o esaminato da uno psicoterapeuta prima di essere pubblicato.

Controllo

Ogni articolo contiene una bibliografia con le fonti citate, per permettere di verificare il contenuto.

Chiarezza

Ogni articolo è rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e la comprensione.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Rosario Urbani

Psicoterapeuta specializzato in cognitivo comportamentale

Ordine degli Psicologi della Campania num. 6653/A

Laureato in Neuroscienze presso la Seconda Università di Napoli. Specializzato presso l’istituto Skinner in psicoterapia cognitivo comportamentale. Analista del comportamento ABA e specializzato anche nella tecnica terapeutica dell'EMDR.

reviewer

Dott.ssa Maria Vallillo

Psicoterapeuta specialista in Lifespan Developmental Psychology

Ordine degli Psicologi del Lazio num. 25732

Laurea in Psicologia presso l'Università degli Studi di Chieti. Specializzazione in psicoterapia e psicologia del ciclo di vita presso l’Università la Sapienza di Roma. Esperta in neuropsicologia e psicodiagnostica e perfezionata in psico-oncologia.