Aggiornato il 21 gennaio 2022

SborniaFonte: unsplash.com

Tutti conosciamo (e odiamo) i postumi di una sbornia. Una notte folle passata a bere troppo alcol può portare a una sfilza di sintomi sgradevoli la mattina dopo. Ma sapevi che c’è un altro tipo di postumi che non ha assolutamente nulla a che fare con il bere? Potresti svegliarti sentendoti svuotato, esausto, lunatico o un po’ spento… solo che la notte precedente non è stata affatto divertente. Anzi, è stato proprio il contrario! Benvenuti nella sbornia emotiva.

L’idea è che gli effetti di un evento emotivo possono persistere per un po’ di tempo dopo che l’evento è effettivamente accaduto – nello stesso modo in cui la nausea persiste a lungo dopo aver consumato troppi shot di tequila. Questo evento può essere scaturito qualsiasi cosa, da una discussione con il tuo migliore amico a una rottura con il tuo partner. Mentre nella realtà l’evento è già finito, la tua testa è ancora in subbuglio e incasina le tue emozioni attuali.

Recuperare da una sbornia emotiva è tutta una questione di cura di sé. Dovresti praticare la cura di te stesso tutti i giorni, ma ora è sicuramente il momento di darci dentro. Ecco alcuni consigli per uscire dalla tua sbornia e tornare nel ritmo delle cose.

 

Mangiare un buon pasto

Evita cibi e bevande che possono scatenare l’ansia, come caramelle, caffè e alcol. Anche se si potrebbe pensare che rivolgersi all’alcool e bere un drink aiuterebbe ad alleggerire la mente e a rilassarsi, non si vuole incasinare le sostanze chimiche del cervello quando la mente è in questo stato vulnerabile. Invece, fai il pieno di cibi sani che nutriranno il tuo corpo e la tua mente, come quelle verdure a foglia verde che tua madre cercava sempre di farti mangiare quando eri più giovane.

 

Fai un po’ di esercizio

Suda tutta quella negatività! Ci sono così tante prove su quanto l’esercizio fisico sia ottimo per la salute mentale, quindi è ora di alzare i nostri pigri sederi. Trovare la motivazione per allenarsi è metà della battaglia, quindi usa questa prova per motivarti a diventare attivo e riportare il tuo cervello in un posto migliore. Che il tuo esercizio preferito sia lo yoga o la corsa, muoviti!

 

Scrivi in un diario

Scrivi i tuoi pensieri su un quaderno o anche sul blocco note del tuo telefono, se sei in viaggio. Se la tua mente sta ancora rimuginando e ripetendo l’evento più e più volte, scrivi tutto sulla carta. Tirare fuori tutto su carta ti aiuterà a prendere le distanze dall’evento. Inoltre, il diario può aiutarvi a dare un senso ai sentimenti che state provando quando è troppo difficile tenere traccia dei pensieri a spirale. Se vai in terapia, può essere super vantaggioso avere un resoconto scritto a cui fare riferimento, in modo da non dimenticare cosa portare al tuo terapeuta! E la terapia online lo rende ancora più facile.

 

Trascorrere del tempo con le persone care

Non aiuta tenere i tuoi sentimenti imbottigliati! Può essere assolutamente fantastico togliersi dal petto qualcosa che ci si è tenuti dentro. Sfogati con amici e familiari di cui ti puoi fidare su quello che sta succedendo. Preferibilmente, sarete in grado di parlare con qualcuno che vi sosterrà e non vi giudicherà. Esprimere le tue emozioni e verbalizzarle a qualcun altro può permetterti di acquisire nuove prospettive e ricevere consigli. Inoltre, passare del tempo di qualità con i propri cari è un toccasana per l’umore, in generale.

 

Incanala la tua creatività

Metti le tue emozioni a buon uso. Invece di odiare semplicemente l’evento che stai rivivendo, usa la tua memoria a fin di bene per creare qualcosa – qualsiasi cosa. Non devi essere Picasso! Dipingi, disegna, scrivi una poesia, strimpella una chitarra, qualsiasi cosa ti piaccia! Fate ciò che vi fa sentire bene. Concentrati sul lasciare che sia uno sfogo per la tua energia, piuttosto che una sfida a creare qualcosa di perfetto. Puoi anche solo colorare un libro da colorare.

A differenza dei postumi di una sbornia, è praticamente impossibile evitare questi ragazzacci – a meno che non abbiate intenzione di evitare completamente la vita (e siamo sinceri, non è possibile). Ma ora, la prossima volta che vi sentirete emotivamente affamati, saprete esattamente cosa sta succedendo e come affrontarlo. È normale, è scienza, ed è solo il tuo cervello che fa il suo lavoro! Fatti sotto, vita!

Bibliografia e approfondimenti