Come affrontare efficacemente i bulli

Aggiornato il 20 ottobre 2021

Quando si sente il termine “bullismo”, si può pensare alle vittime dell’infanzia. Ti immagini un bullo nel cortile della scuola che abusa verbalmente di un altro studente o lo ferisce fisicamente. La realtà è che il bullismo non avviene solo nelle scuole. Può accadere ovunque, a scuola, sul posto di lavoro o a casa. Secondo The Balance, il 19% delle persone negli Stati Uniti ha sperimentato il bullismo e un ulteriore 19% ha visto il bullismo sul posto di lavoro, mentre il 61% è consapevole del bullismo sul posto di lavoro. Per quanto riguarda chi è il bullo sul posto di lavoro, il 61 è supervisore o capo. Le statistiche mostrano che il bullismo in età adulta è altrettanto pervasivo del bullismo che si verifica tra i bambini nelle scuole. Ci sono molti modi per affrontare il bullismo, e la cosa più importante da ricordare è che non bisogna tollerare gli abusi.

donna bullizzata

Fonte: unsplash.com

Cos’è il bullismo?

Il bullismo è qualsiasi crudeltà o abuso in cui qualcuno fa del male a un’altra persona, sia esso fisico, emotivo o qualsiasi altro tipo di abuso in cui la persona non si sente sicura. Può accadere, come detto, ovunque, e non devi tollerare di essere vittima di bullismo. Anche se il bullismo non è mai colpa tua, ci sono cose che puoi fare al riguardo. La prima cosa da ricordare è che non sei solo. In secondo luogo, non è colpa tua. Se ti senti abbastanza sicuro, parla anche se il bullo ti fa sentire in silenzio. Ecco alcuni modi per gestire efficacemente il bullismo.

  1. Allontanati. Se possibile, non impegnatevi con un bullo. Lasciate la situazione. Usa il tuo corpo e il linguaggio del corpo per mostrare che sei apatico e che non ti interessa quello che stanno facendo.
  2. Se sono verbalmente offensivi, pensa a qualcos’altro. Di nuovo, mostra che sei apatico. Questo funziona come difesa per i bulli che prendono di mira gli altri solo per ottenere una reazione da loro. Se non dai loro quello che vogliono, alla fine saranno sconfitti.
  3. Letteralmente, urla la parola “basta” e fagli sapere che non ti sta bene quello che sta facendo. Se ci sono persone in giro, questo mostra loro che non hai paura di parlare e portare l’attenzione sulla situazione. Non hai bisogno di sopportare tutto questo, quindi finché ti senti sicuro nel farlo, fallo sapere.
  4. Rimani positivo al momento, e ricorda che stai facendo il meglio che puoi. Ricorda a te stesso che il loro abuso non ha nulla a che fare con te. Tu sei importante. Sei qualcuno che oggettivamente ha valore. Quello che stanno facendo riguarda loro, e non dice nulla sul tuo valore.
  5. Immagina uno scudo che ti protegge. Visualizza uno scudo o un campo di forza che ti faccia sentire al sicuro, in modo che tu non ti senta influenzato da ciò che dicono. Una delle cose che i bulli sono bravissimi a fare è far sentire una persona fisicamente insicura, quindi può essere utile immaginare una barriera fisica.
  6. Dite qualcosa di divertente. L’umorismo a volte coglie un bullo alla sprovvista. Se dici qualcosa di divertente a un bullo, potrebbe essere disarmato da ciò che stai dicendo e non sapere come rispondere.
  7. Uccidili con la gentilezza. Simile a una dimostrazione di apatia o umorismo, questo comunica che non sei qui per prendere i loro abusi. Essere gentile con qualcuno che è cattivo con te è un modo per deviare la situazione e farli sentire colpevoli per averti trattato male, o per lo meno, così confusi da fermarsi.
  8. Crea un esercito per combattere il bullismo. Molte volte i bulli prendono di mira una persona, ma non necessariamente attaccano un gruppo di persone. Se tu e i tuoi amici vi opponete a un bullo insieme, sarà meno probabile che prendano di mira un individuo perché sono in minoranza.

Ottenere aiuto

Potresti avere paura di chiedere aiuto. Potresti essere ansioso di ammettere ciò che a volte accade quando sei vittima di bullismo. Potrebbe essere spaventoso o intimidatorio parlare con qualcuno di questa situazione. E se non ti credessero? Forse non capiranno cosa sta succedendo. Devi superare l’ansia e parlare con qualcuno di quello che sta succedendo. Che tu sia vittima di bullismo emotivo o fisico, è importante dire a qualcuno se sei vittima di bullismo o ti senti insicuro. Se ti trovi in una situazione scolastica, dillo a qualcuno con un’autorità superiore, come un insegnante, o ai tuoi genitori. Anche un terapeuta scolastico potrebbe essere in grado di aiutarti. Se sei al lavoro, non aver paura di parlarne al dipartimento delle risorse umane o a un altro membro del team di cui ti fidi che potrebbe essere in grado di aiutarti.

Cyberbullismo

Tra i molti tipi di bullismo c’è il cyberbullismo. Uno dei modi più nascosti per fare il bullo nella società moderna è farlo online. Nessuno può vedere cosa sta succedendo perché è tutto sotto la superficie. Il cyberbullismo è pericoloso a causa del suo potenziale di passare inosservato o non essere preso sul serio a causa di persone che dicono che è “solo internet”. La verità è che, poiché internet è una grande parte della nostra vita in questi giorni, non è “solo internet”. Il cyberbullismo può danneggiare le persone in modi molto reali. Può anche sconfinare nel bullismo di persona. Qualcuno potrebbe diffamarti online o fare il bullo con i social media. Potresti ricevere un afflusso di spam o di e-mail minacciose. Ricorda che se questo sta accadendo, puoi documentare quello che sta succedendo. Fai degli screenshot e conserva tutto in modo da poter provare il bullismo e mostrare la documentazione a qualcuno che ha l’autorità di fare qualcosa al riguardo.

ragazzo al cellulare

Fonte: unsplash.com

Tipi di bullismo

Ci sono molti tipi di bullismo, compreso quello appena discusso. È fondamentale capire questi tipi, in modo da sapere se qualcuno di loro sta accadendo a te o a qualcuno che ami. Il bullismo non è sempre un insulto o una molestia fisica. Può essere fatto online o in una relazione.

  • Il bullismo fisico, che include qualsiasi interazione fisica, sia che si tratti di essere colpiti o spinti, molestati o umiliati pubblicamente.
  • Il bullismo verbale è quando qualcuno ti prende in giro, ti insulta o ti maltratta verbalmente.
  • Il cyberbullismo è quando qualcuno usa la tecnologia per ferire gli altri.
  • Il bullismo relazionale si verifica quando qualcuno fa il bullo con il proprio partner in una relazione romantica. Può avvenire in una varietà di modi, sia che si tratti di insulti, di diffondere bugie su di te ai tuoi amici e familiari, di ostruzionismo, di gaslighting o di abusare di te in qualsiasi altro modo.
  • Il bullismo sul posto di lavoro si verifica specificamente sul posto di lavoro, ma può essere presente in diversi modi.

Bullismo sul posto di lavoro

Come detto in precedenza, il bullismo non si verifica solo a scuola o tra i bambini. Anche gli adulti sono vittime di bullismo, e un luogo in cui vediamo il bullismo è il luogo di lavoro. Il bullismo sul posto di lavoro è reale, e le persone possono essere vittime di bullismo sul posto di lavoro in vari modi. Un modo comune in cui questo si presenta è quando le persone in posizioni di potere tentano di dominare i colleghi e farli sentire che non hanno altra scelta che fare quello che dicono. Non dovete tollerare il bullismo sul posto di lavoro. Potete segnalare il comportamento a un supervisore o a qualcuno del dipartimento delle risorse umane. Se il vostro bullo è un supervisore, potete comunque farvi valere e dirlo al dipartimento delle risorse umane o coinvolgere la legge, se necessario. Non è necessario lasciare il lavoro per fermare il mobbing, ma è essenziale farsi valere. Farsi avanti riguardo al bullismo sul posto di lavoro potrebbe aiutare i futuri dipendenti ad evitare di essere vittime di bullismo da parte di un individuo, quindi è molto importante rendere noto il problema.

Confronto

Affrontare un bullo può essere scoraggiante, ma è qualcosa che può aiutare a combattere l’abuso. Si può avere paura del confronto quando si tratta di bullismo, ed è naturale. Un bullo vuole che tu abbia paura di affrontarlo, e questo è il potere che ha su di te, ma quel potere è immaginario. Se affronti un bullo, disinneschi il suo potere. Per quanto sia spaventoso, affrontarlo e dirgli di smetterla o imparare a reagire in qualsiasi modo, disinnescherà la situazione e ti aiuterà a guadagnare potere sulla situazione.

bulli e bullizzati

Fonte: unsplash.com

Trovare supporto

Oltre a rivolgersi all’ufficio delle risorse umane, a un insegnante di scuola, a un amico fidato o a un membro della famiglia, potreste avere bisogno di più sostegno. Un terapeuta online o un terapeuta faccia a faccia può guidarti nella comprensione dei tuoi sentimenti e nell’elaborazione del trauma del bullismo.

Parlare con un professionista della salute mentale può fornirti la chiarezza di cui hai bisogno per combattere l’abuso. Ci sono molte emozioni forti che vengono fuori come risultato del trauma del bullismo. Potresti sentirti arrabbiato, frustrato o depresso, quindi è fondamentale parlare di questi sentimenti con qualcuno che capisca.

Come Serenis può aiutarti

La terapia online è un luogo eccellente per discutere di bullismo e aprirsi su ciò che si sta passando piuttosto che tenersi dentro queste emozioni. I terapeuti online di Serenis si preoccupano del tuo trauma e hanno l’esperienza per aiutarti a navigare attraverso le tue emozioni, offrendoti strategie per affrontare la situazione. Puoi contattare un terapeuta da qualsiasi luogo in cui ti senti sicuro e nel momento che funziona meglio per te.

Bibliografia e Approfondimenti


Questa pagina è stata verificata

I nostri contenuti superano un processo di revisione in tre fasi.

Scrittura

Ogni articolo viene scritto o esaminato da uno psicoterapeuta prima di essere pubblicato.

Controllo

Ogni articolo contiene una bibliografia con le fonti citate, per permettere di verificare il contenuto.

Chiarezza

Ogni articolo è rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e la comprensione.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Rosario Urbani

Psicoterapeuta specializzato in cognitivo comportamentale

Ordine degli Psicologi della Campania num. 6653/A

Laureato in Neuroscienze presso la Seconda Università di Napoli. Specializzato presso l’istituto Skinner in psicoterapia cognitivo comportamentale. Analista del comportamento ABA e specializzato anche nella tecnica terapeutica dell'EMDR.

reviewer

Dott.ssa Maria Vallillo

Psicoterapeuta specialista in Lifespan Developmental Psychology

Ordine degli Psicologi del Lazio num. 25732

Laurea in Psicologia presso l'Università degli Studi di Chieti. Specializzazione in psicoterapia e psicologia del ciclo di vita presso l’Università la Sapienza di Roma. Esperta in neuropsicologia e psicodiagnostica e perfezionata in psico-oncologia.