Aggiornato il 07 gennaio 2022

Donna che beve birraFonte: unsplash.com

Il bere bevande alcoliche ha un piede fermo nella nostra cultura, e sembra adattarsi a qualsiasi occasione.

Hai un compleanno e compi 20, 30 o 50 anni? Fatti un giro offerto dalla casa!

Vai al primo appuntamento? Perché non incontrarsi al bar per un cocktail di classe o un bicchiere di vino?

Hai avuto una dura giornata al lavoro, una brutta settimana, o anche un mese difficile in cui non riesci a scuotere quella sensazione di sprofondamento? Niente che un drink per sollevare gli spiriti non possa risolvere.

Ed è qui che cominciamo ad avere problemi: l’automedicazione della nostra depressione attraverso il consumo di alcol.

 

La relazione tra alcol e depressione

Anche se un drink o due all’occasione possono non essere motivo di preoccupazione, la ricerca è chiara: bere ti rende depresso – e viceversa.

Bere per automedicazione porta ad uno schema circolare in cui il bere causa la depressione, che aumenta il bisogno di automedicazione, il che significa più bere, e così via. Questo porta alla dipendenza per molti. Il legame tra il disturbo da uso di alcol (ACU) e la depressione è molto forte.

Secondo il National Institute on Alcohol Abuse and Alcoholism, gli studi suggeriscono che “dal 30 al 50 per cento delle persone con problemi di alcol (in un dato momento) soffrono anche di un disturbo depressivo maggiore. Uno studio simile ha scoperto che coloro che sono alcol-dipendenti hanno quasi quattro volte più probabilità di aver sofferto di depressione nell’anno precedente rispetto a quelli senza problemi di alcol. Nel 2011, uno studio ha rivelato che vivere con l’alcolismo o la depressione raddoppiava le possibilità di sviluppare l’altro disturbo.

Inoltre, l’Istituto di ricerca sulle dipendenze dell’Università di Buffalo riferisce che coloro che hanno l’ACU e la depressione generalmente sperimentano forme più gravi di entrambe le diagnosi, che sono più difficili da trattare. Le donne hanno maggiori probabilità di sviluppare prima la depressione e poi un problema di alcol, mentre gli uomini di solito sviluppano una dipendenza da alcol seguita dalla depressione.

Effetti dell’alcol sul cervello

Per capire la relazione dell’alcol con la depressione, esaminiamo come l’alcol influenza la chimica del nostro cervello.

Anche se è comunemente indicato come un depressore, non è tutto ciò che l’alcol fa per noi. Quando entra nel flusso sanguigno e infine nel cervello, aumenta le nostre sensazioni di piacere e smorza il nostro umore.

Quando il contenuto di alcol nel sangue aumenta durante le fasi iniziali, il bere agisce come uno stimolante, facendovi sentire meglio. Questo accade grazie ad un aumento dei neurotrasmettitori del “sentirsi bene” come la dopamina, innescando il “centro di ricompensa” del cervello. Inizialmente, l’alcol può sembrare un modo efficace per trattare la tristezza.

Tuttavia, quando il contenuto di alcol nel sangue diminuisce, le sue qualità soppressive iniziano a prendere piede. L’alcol smorza i neurotrasmettitori eccitatori che regolano i livelli di energia, come il glutammato, abbassando la tensione.

Pericoli di depressione e abuso di alcol

Uno degli altri ben noti effetti collaterali dell’alcol è la sua capacità di rimuovere le inibizioni – ballare selvaggiamente tutta la notte o scivolare tra le lenzuola per una notte di divertimento casuale. Abbiamo inibizioni ridotte perché le aree della corteccia prefrontale e temporale del cervello sperimentano una diminuzione dell’attività. La corteccia prefrontale controlla il processo decisionale e il pensiero logico. Sotto l’influenza, quest’area del cervello permette azioni meno inibite.

 

Considerare i farmaci adeguati

Mentre alcune depressioni sono situazionali – sentirsi giù per un periodo di tempo dopo aver perso una persona cara o essere stato licenziato dal lavoro – per molti, la depressione ha anche una componente chimica meglio gestita dai farmaci. I farmaci usati per trattare la depressione e altre malattie mentali e l’alcol non si mescolano.

 

Cercare il trattamento

Nonostante l’allarmante connessione tra il bere e la depressione, ci sono anche buone notizie. Jacob scrive che i sintomi della depressione sono “notevolmente ridotti” in circa un mese dopo aver lasciato andare l’alcol. Tenete a mente che la depressione può peggiorare prima di migliorare, soprattutto mentre si attraversa il periodo di astinenza della sobrietà. Una volta che hai smesso di bere, è più facile affrontare le cause alla radice della depressione, sia una situazione di vita difficile o uno squilibrio chimico.

Inoltre, la consapevolezza e la difesa dei disturbi coesistenti, come la depressione e l’ACU, aumenta ogni giorno. I programmi che affrontano sia l’uso di sostanze che le condizioni di salute mentale sono diventati più disponibili, comprese le soluzioni terapeutiche. L’aiuto è là fuori, e una volta che si fa il passo coraggioso di raggiungere, c’è anche la speranza.