Capire la definizione di lavoro di squadra nelle relazioni

Aggiornato il 18 ottobre 2021

fare teamwork

Fonte: unsplash.com

John Maxwell una volta disse: “La verità è che il lavoro di squadra è il cuore dei grandi risultati”. Ci sono molte cose che si possono imparare facendo sport e che possono essere portate avanti nel resto della vita. All’inizio non si può vedere come il gioco di squadra possa applicarsi ad altre relazioni, ma ci sono molte cose che sono direttamente correlate, compreso il lavoro con coloro con cui si può non vedere, la risoluzione dei conflitti e una comunicazione sana. La definizione di lavoro di squadra secondo Google è “l’azione combinata di un gruppo di persone, specialmente se efficace ed efficiente”. Ma questo non ci dà un quadro completo di ciò che è il lavoro di squadra e di come può aiutare le vostre relazioni.

Non potete fare tutto da soli

Una buona relazione tra due persone richiede che entrambe facciano la loro parte. Questa è una lezione che si impara in qualsiasi sport di squadra. Non importa quanto sia bravo un quarterback, non può vincere la partita da solo. Il quarterback ha bisogno di gente che blocchi per loro, che prenda la palla che lanciano e che giochi in difesa quando l’altra squadra è in attacco. Non c’è una posizione in una squadra che sia più importante di un’altra. Ci sono alcune posizioni che ottengono più attenzione nell’occhio pubblico rispetto ad altre, ma è attraverso il lavoro di ogni persona nella sua posizione che permette ad una squadra di essere buona ed efficace. Anche il miglior giocatore, se solo, non sarebbe in grado di realizzare nulla senza la sua squadra.

La definizione di lavoro di squadra del leggendario allenatore di football Vince Lombardi è: “l’impegno individuale in uno sforzo di gruppo – questo è ciò che fa funzionare la squadra, funziona una società, funziona una società, funziona una civiltà”. Una relazione è esattamente allo stesso modo. Sono due persone che lavorano insieme e si impegnano a vedere il successo della relazione.

Ci sono molte volte nello sport in cui si nota un giocatore di una squadra che lavora duramente per vincere la partita. Sono completamente in linea, e tutto quello che stanno facendo è giusto. Ma, se i compagni di squadra che li circondano non stanno facendo la loro parte, è ancora quasi impossibile per la squadra vincere una partita.

Non c’è “io” in “squadra”

Se avete mai fatto sport prima d’ora, avrete probabilmente sentito la frase “non c’è ‘io’ in ‘squadra’”. Questo si adatta perfettamente alla definizione di lavoro di squadra, e sicuramente si applica anche alle relazioni. Quando un compagno di squadra è egoista, questo di solito danneggia l’intera squadra. Quando una persona in una relazione è egoista, può danneggiare l’intera relazione. Se volete migliorare la relazione in cui vi trovate, è importante che mettiate l’altra persona al primo posto. O, per lo meno, considerare i loro sentimenti tanto quanto i propri.

Quando c’è un mangiatore di palloni in una squadra di basket, il resto della squadra diventa rapidamente frustrato da questo individuo. Si sentono come se quella persona non valorizzasse ciò che portano alla squadra. Questo porta a sentimenti amari e spesso a una divisione nella squadra. Molte volte, il raccattapalle è sorpreso da questo perché sente che il lavoro che sta facendo è per il bene della squadra. Invece di vedere come stanno minando il valore degli altri giocatori, guardano a ciò che stanno offrendo alla squadra nel suo complesso. Spesso, sotto sotto questa persona pensa anche che l’unico modo per vincere è portare la squadra sulle spalle. Non sta riponendo alcuna fiducia negli altri membri della squadra. Questo è un modo pericoloso di pensare in una squadra o in una relazione.

Quando un individuo fa una relazione tutta su di sé o pensa di essere l’unico a lavorare sulla relazione, danneggia la relazione. Ci può essere la lettera “I” nella parola relazione, ma una relazione non può funzionare con successo se si concentra solo su una persona.

Le grandi squadre anticipano le mosse in arrivo

Se avete mai guardato una buona squadra di basket o di calcio giocare, noterete subito qualcosa sul lavoro di squadra: i giocatori sono così connessi e sulla stessa pagina che sono in grado di anticipare le mosse dei loro compagni di squadra. Pensate a quando un quarterback lancia il pallone a un ricevitore. Il quarterback deve effettivamente lanciare la palla prima che il ricevitore sia in grado di prenderla. Se aspettassero che il ricevitore sia lì in attesa di prenderla, la difesa gli starebbe addosso. Ma, quando il ricevitore sa dove correre, e il quarterback può anticipare e confidare che sarà lì, il quarterback è in grado di lanciare la palla in anticipo.

Funziona allo stesso modo nel basket. Se avete mai guardato una partita di basket professionale, probabilmente avete visto la guardia lanciare la palla vicino al canestro in attesa che il centro possa saltare e prenderla per un alley-oop. Se i compagni di squadra non fossero in grado di anticipare ciò che gli altri membri della squadra stanno facendo, questo non sarebbe possibile.

Quando si applica questa definizione di lavoro di squadra ad una relazione, può portare ad un livello completamente nuovo. Quando conosci l’altra persona così bene che sei in grado di anticipare ciò di cui avrà bisogno, sei in grado di passare ad una nuova fase nella tua relazione. Questo è quando sai veramente che l’altra persona ti conosce e che anche tu la conosci. Questo non è qualcosa che accade immediatamente in una relazione. È qualcosa che richiede tempo per essere costruito.

gruppo di lavoro

Fonte: unsplash.com

Le grandi squadre possono fidarsi l’una dell’altra

La fiducia è la chiave del lavoro di squadra nelle migliori squadre e relazioni. Per essere in grado di anticipare ciò che accadrà durante un gioco o una relazione, devi essere in grado di fidarti dell’altra persona. Un quarterback non lancerà la palla in anticipo a un ricevitore se non ha fiducia che il ricevitore conosca il percorso e sia presente. Una relazione non può progredire senza fiducia. Ci sarà un punto in cui avrete fatto crescere la relazione il più possibile e poi colpirete un muro se non sarete in grado di fidarvi l’uno dell’altro.

Molte persone lottano con questo, specialmente se sono state ferite in relazioni passate. La fiducia non è qualcosa che viene data liberamente, ma piuttosto qualcosa che si guadagna. Questo è vero sia nelle relazioni che nelle squadre. La definizione di lavoro di squadra che abbiamo discusso prima era “l’azione combinata di un gruppo di persone”. Quando le persone non si fidano l’una dell’altra, è molto difficile farle lavorare insieme per realizzare qualcosa. In una relazione, se non sentite di potervi fidare dell’altra persona, troverete piuttosto difficile arrivare ad un livello più profondo con lei.

Guadagnare la fiducia è qualcosa che accade nel tempo. In una squadra sportiva, succede in allenamento. I giocatori si esercitano a giocare insieme, in modo da costruire la fiducia in se stessi e nelle capacità dell’altro. Non c’è pratica nelle relazioni. Invece, costruisci la fiducia dimostrandoti di volta in volta. Si tratta di seguire ciò che si dice di voler fare e di lavorare insieme nei momenti difficili e di prova.

Il lavoro di squadra implica lavoro

Essere parte di una squadra implica lavoro. La tua squadra deve lavorare insieme per imparare gli schemi, costruire la resistenza e vincere le partite. Una buona squadra si sostiene l’un l’altra, e sono lì l’uno per l’altro dopo le vittorie e le sconfitte. I compagni di squadra di solito sanno quando un altro compagno ha bisogno di essere tirato su e incoraggiato. E sanno quando hanno bisogno di essere lasciati soli per elaborare. Ma, alla fine della giornata, i grandi compagni di squadra sono sempre lì per l’altro.

Non ti sembra una relazione che vorresti avere? In una buona relazione, due persone lavorano duramente per conoscersi e per superare insieme i momenti difficili. Si conoscono e possono anticipare ciò di cui l’altra persona ha bisogno. Sanno quando quella persona ha bisogno di essere confortata e quando ha bisogno di essere lasciata sola. E possono fidarsi l’uno dell’altro per fare la propria parte. Alla fine della giornata, che la giornata sia stata buona o cattiva, sono sempre lì per l’altro.

Questo è l’aspetto del lavoro di squadra. Anche se si può iniziare a lavorare insieme come una squadra in qualsiasi momento, il vero lavoro di squadra richiede tempo per essere costruito.

gruppo di lavoro

Fonte: unsplash.com

Le squadre hanno bisogno di allenatori

Non vedrai mai una squadra che non ha un allenatore. Questo perché le partite sono difficili da vincere. Le squadre hanno bisogno di una persona dall’esterno che guardi dentro e che possa vedere le cose da una prospettiva diversa e costruire una strategia che le aiuti ad avere successo. Nelle relazioni, questa persona è spesso conosciuta come un terapeuta o un terapeuta. Se stai cercando di rafforzare la tua relazione o di lavorare sui problemi al suo interno, i terapeuti come quelli di Serenis sono disponibili in qualsiasi momento. Questa è la persona che vi aiuterà proprio come un allenatore aiuta la sua squadra. Cercheranno le aree che hanno bisogno di lavoro. Incoraggerà le aree che stanno facendo bene, e non avrà paura di indicare e fare un piano di gioco per le aree che non lo sono. E vi aiuteranno a costruire una strategia da usare in modo che la vostra relazione possa vincere.

Nonostante siano più di 70, il 19% delle coppie intatte utilizzano effettivamente la psicoterapia di coppia, e solo il 36% delle coppie divorziate la cercano prima di divorziare. Questo stesso studio ha scoperto che i fattori principali di questo includono lo stigma sociale associato alla psicoterapia di coppia, il costo e la difficoltà di programmare o raggiungere le sessioni di persona. Tuttavia, all’interno dello studio, si è scoperto che la psicoterapia di coppia online è incredibilmente utile ed elimina molte di queste barriere.

Serenis è accessibile sempre e ovunque – avrete solo bisogno di una connessione internet o dati per iniziare. Da lì, sarete personalmente abbinati ad un terapeuta (ma potete sceglierne un altro in qualsiasi momento se pensate che non sia adatto a voi).

Bibliografia e Approfondimenti

  • https://en.wikipedia.org/wiki/Teamwork
  • West, Michael (2012). Effective Teamwork: Practical Lessons from Organizational Research. Wiley-Blackwell.
  • Woods, Stephen; West, Michael (2014). The Psychology of Work and Organizations. Andover: Cengage Learning EMEA.

Due parole sul nostro processo di revisione

I video, i post e gli articoli non possono sostituire un percorso di supporto psicologico, ma a volte rappresentano il primo o l'unico modo per interpretare un problema o uno stato d'animo. Per i contenuti del nostro blog che trattano argomenti legati a sintomi, disturbi e terapie, abbiamo deciso di introdurre un processo di revisione fondato su tre principi.

Gli articoli devono essere approfonditi

La prima stesura è fatta da uno/una psicoterapeuta con almeno 2.000 ore di esperienza clinica.

Gli articoli devono essere verificati

Dopo la prima stesura, le informazioni e le fonti vengono esaminate da un altro o da un'altra professionista.

Gli articoli devono essere chiari

L'articolo viene rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e l'assimilazione dei concetti.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Luca Barbieri

Psicologo clinico di Milano

Ordine degli Psicologi della Lombardia num. 23251

Psicologo clinico. Ha una laurea in scienze psicologiche e una in psicologia criminologica e forense. Sta svolgendo il percorso di specializzazione in psicoterapia presso l'istituto CIPA di Milano.

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Si occupa di divulgazione scientifica e comunicazione scritta e video in ambito di salute mentale, psicologia e psichiatria. E' membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo Studio del Trauma e della Dissociazione).