20 idee su cose di cui parlare con un ragazzo

Aggiornato il 24 novembre 2021

Ti sei mai trovata a chiederti di cosa parlare con un ragazzo? Gli uomini possono essere misteriosi. A volte è difficile dire a cosa sono interessati, o se i tuoi tentativi di fare conversazione stanno attirando la loro attenzione.

Uomo e donna che parlanoFonte: unsplash.com

Le donne e gli uomini potrebbero non essere così diversi come si potrebbe pensare, o come si è portati a credere. Molti studi hanno scoperto che uomini e donne sono molto simili quando si tratta di personalità, capacità cognitive e leadership. Questo suggerisce che le differenze che esistono possono essere più un riflesso delle aspettative sociali, non della biologia. Questo può essere utile quando una donna vuole impegnarsi in una conversazione con un uomo. Allo stesso tempo, ci sono anche dati su come il cervello di uomini e donne sia cablato in modo diverso. Comprendere queste differenze può aiutare uomini e donne a interagire più comodamente.

Non c’è bisogno di interagire con troppi uomini per notare che sembrano pensare, ragionare, elaborare e rispondere in modo diverso dalla maggior parte delle donne. Ovviamente, questo avviene lungo un continuum, ma le differenze ci sono comunque. Per esempio, mentre il cervello degli uomini tende ad essere più grande, la parte del cervello di una donna che è critica per l’apprendimento e la memorizzazione è più grande di quella di un uomo e funziona diversamente. Al contrario, la parte del cervello degli uomini che è associata all’esperienza delle emozioni e al ricordo di tali esperienze è più grande di quella delle donne e funziona in modo diverso. Inoltre, i due emisferi del cervello delle donne parlano tra loro più di quelli degli uomini, il che porta a un’attività più fortemente coordinata tra i due.

Arrivando alle manifestazioni di alcune di queste differenze, le donne tendono ad essere più emotive e vogliono parlare per essere conosciute, ascoltate, capite e semplicemente per essere in una relazione. Gli uomini, invece, tendono a parlare per uno scopo specifico o per risolvere un problema. Come si può dedurre, questo porta al conflitto nella comunicazione tra uomini e donne. Mentre è molto probabile che tu inizi una conversazione con un uomo, indipendentemente dalla tua relazione con lui, solo per interagire con lui; lui molto probabilmente inizierà immediatamente a offrire input, suggerimenti, o forse avrà anche l’audacia di dirti cosa dovresti fare. Dato che questo spesso non è affatto il motivo per cui siete nella conversazione, potreste reagire con frustrazione, difensività, o altro dispiacere per il fatto che sembra che vi venga “detto cosa fare” quando stavate solo cercando di avere una conversazione.

Per questo motivo, c’è un certo valore nell’essere chiari sulle tue intenzioni, specialmente se stai parlando con un uomo con cui hai già una relazione. Questo potrebbe essere vostro padre, fratello, marito, collega, o qualsiasi altra connessione stabilita. Questo sarà meno rilevante, o necessario, con conoscenti o sconosciuti. Tieni a mente che l’uomo sta solo cercando di essere utile. La maggior parte degli uomini non stanno andando fuori del loro modo di essere odiosi, o un ‘so tutto io’. Così, molte volte, se siete in grado di fornire un piccolo avvertimento sul fatto che state chiedendo un parere, un consiglio, un aiuto, ecc, che può andare un lungo cammino per aiutare voi due ad avere una conversazione reciprocamente piacevole.

Quando sei tu a voler iniziare una conversazione, usa il più possibile domande aperte. Le domande aperte permettono qualsiasi risposta, quindi vanno molto lontano nel permettere la comunicazione più interessante e informativa. Le domande aperte di alta qualità iniziano con “chi”, “cosa”, “come”, “quando” o “dove”. Le domande da evitare sono quelle chiuse (per esempio, domande sì o no; o, o; domande che sembrano permettere solo certe risposte, come “Beh, non pensi che sia stata una decisione sbagliata?”). E, se hai più o meno 4 anni, è saggio evitare le domande “perché”. Solo i bambini piccoli fanno domande autentiche sul “perché”, come “Perché il cielo è blu? Quando gli adulti fanno domande sul “perché”, di solito stanno facendo un’affermazione, travestita da domanda, e il più delle volte con un giudizio negativo allegato. ‘Perché l’hai fatto?!’ potrebbe essere più accuratamente riformulato come qualcosa del tipo: ‘Non sai che c’è un modo più efficiente per fare quel compito, idiota?

Ecco alcune cose da considerare se non sai di cosa parlare con un ragazzo:

Considera lo stato della tua relazione

Questo ragazzo è tuo fratello? Una cotta? Un collega di lavoro? Un modo per farsi venire delle idee su cosa parlare con un ragazzo è basare la conversazione su cose appropriate alla relazione.

Se stai parlando con tuo fratello o un parente, puoi parlare dei ricordi che condividete insieme (“Cosa ricordi di quell’estate in cui eravamo al lago e tu hai preso il pesce più grande?)

Potresti parlare delle cose attuali che accadono nella famiglia allargata (“Cosa hai sentito da mamma e papà di recente?”).

Chiedi della sua famiglia e del suo lavoro (“Ehi, come sono le dinamiche al lavoro con il tuo nuovo capo?”)…

…o se ha fatto qualcosa di nuovo o eccitante ultimamente (“Cosa c’è di nuovo nel tuo hobby preferito?”).

Può essere molto bello imparare a fare buone domande, che incoraggiano il ragazzo a parlare di più. Questo ti toglie un po’ di sforzo, lo incoraggia a condividere di più e può aiutarti a conoscerlo meglio.

Sentiti libera di condividere storie divertenti o cose che stanno succedendo nella tua vita. È sempre importante condividere anche qualcosa di te stesso. Le relazioni importanti nella nostra vita dovrebbero essere reciproche. Non dovremmo aspettarci che qualcuno condivida con noi più di quanto noi siamo disposti a condividere con loro.

Se stai parlando con una cotta, potresti essere interessato a saperne di più su di loro, quindi puoi chiedere cose come:

“Qual era la tua materia preferita a scuola?”

“Che musica ascolti?”

“Quando è il tuo compleanno?”

“Cosa fai per vivere?”

“Hai degli animali domestici?”

Se stai parlando con un collega, potresti voler mantenere le cose per lo più professionali e relative al lavoro. Puoi iniziare facendo domande come:

“Da quanto tempo lavori qui?”

“Cosa ti ha spinto a diventare un (inserire posizione qui)?”

“Quali raccomandazioni hai per aumentare l’armonia e la produttività qui?”

Quanto sei vicino a questo ragazzo?

Un altro modo per capire con cosa parlare con un ragazzo è chiedersi quanto bene si conosce la persona. È probabile che tu abbia più cose di cui parlare con un amico intimo che con uno sconosciuto o qualcuno che hai appena conosciuto.

Se stai parlando con uno sconosciuto, ecco alcune idee su cosa parlare:

Chiedigli come sta andando la loro giornata.

Chiedi quanto sono eccitati per una prossima festa.

Chiedi il loro nome.

Coppia sedutaFonte: unsplash.com

Se stai parlando con un amico, puoi basare le tue domande su cose di cui sai già che gli piace parlare o su fatti che hai imparato su di loro in passato. Ecco alcune idee su come iniziare una conversazione:

“Che piani emozionanti hai per questo fine settimana?”

“Come va il tuo (inserire qui un hobby o un passatempo)?”

“Quali bei film mi consigli?”.

“Qual è il tuo ristorante preferito?”

Diciamo che il tuo problema nel parlare con i ragazzi va un po’ più in profondità di una mancanza di cose di cui parlare. Ti chiudi a riccio e diventi incapace di dire qualsiasi cosa quando cerchi di parlare con un ragazzo? Se questo è il caso, potresti avere un po’ di ansia sociale, che potrebbe beneficiare di assistenza professionale. Se non sei sicuro di essere a tuo agio nel partecipare ad una psicoterapia faccia a faccia per questo problema, la psicoterapia online è una comoda alternativa.

Conclusione

Una volta che hai imparato un po’ di più sul perché hai problemi a parlare con i ragazzi, puoi lavorare su strategie sane per rendere le cose un po’ più facili. Segnalibro questa pagina e tornare a queste idee di conversazione quando sei pronta a riprovare.

La psicoterapia è un modo per cercare sostegno e arrivare alla radice dei tuoi problemi quando si tratta di parlare con i ragazzi in modo sicuro e sano.


Questa pagina è stata verificata

I nostri contenuti superano un processo di revisione in tre fasi.

Scrittura

Ogni articolo viene scritto o esaminato da uno psicoterapeuta prima di essere pubblicato.

Controllo

Ogni articolo contiene una bibliografia con le fonti citate, per permettere di verificare il contenuto.

Chiarezza

Ogni articolo è rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e la comprensione.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Rosario Urbani

Psicoterapeuta specializzato in cognitivo comportamentale

Ordine degli Psicologi della Campania num. 6653/A

Laureato in Neuroscienze presso la Seconda Università di Napoli. Specializzato presso l’istituto Skinner in psicoterapia cognitivo comportamentale. Analista del comportamento ABA e specializzato anche nella tecnica terapeutica dell'EMDR.

reviewer

Dott.ssa Maria Vallillo

Psicoterapeuta specialista in Lifespan Developmental Psychology

Ordine degli Psicologi del Lazio num. 25732

Laurea in Psicologia presso l'Università degli Studi di Chieti. Specializzazione in psicoterapia e psicologia del ciclo di vita presso l’Università la Sapienza di Roma. Esperta in neuropsicologia e psicodiagnostica e perfezionata in psico-oncologia.