Cos’è il disturbo da sovrappensiero?

Aggiornato il 14 settembre 2021

Pensare troppo è qualcosa che tutti noi facciamo a un certo punto, ma se ti perdi spesso nei tuoi pensieri, sappi che non sei solo. La terapia può essere un ottimo modo per capire perché stai pensando troppo spesso, identificare i fattori scatenanti che possono causare il tuo sovrappensiero e capire come smettere di pensare a tutto. Oltre a questo, un terapeuta può essere in grado di aiutarvi a migliorare il vostro benessere generale, dall’ansia e lo stress ai modelli di sonno, un terapeuta può aiutarvi.

Ti ritrovi a pensare troppo tutto il tempo? I pensieri sono così dirompenti e pervasivi che ti senti come se la tua mente non ti lasciasse essere? Continua a leggere – e scopri cosa potrebbe essere.

Donna seduta che guarda il mare in solitudineFonte: unsplash.com

Disturbo da sovrappensiero – Che cos’è?

Il disturbo da sovrappensiero non esiste. Ci sono molti tipi diversi di disturbi d’ansia in cui un individuo si impegna a pensare troppo o a ruminare, ma non esiste un disturbo. Quando un individuo non riesce a smettere di ossessionarsi e preoccuparsi delle cose, può interferire con la qualità della vita.

Vi starete chiedendo “quali condizioni causano il sovrappensiero? Alcune diagnosi di salute mentale in cui una persona non può fermare il suo cervello dalla ruminazione sono PTSD, trauma, agorafobia, disturbo di panico, mutismo selettivo, disturbo d’ansia da separazione, disturbo d’ansia sociale, fobie, disturbi d’ansia indotti da sostanze, o potrebbe potenzialmente essere un sintomo di qualche altra malattia.

Quando si tratta di disturbi d’ansia, molti di loro hanno il sovrappensiero come sintomo. Per esempio, una persona con un disturbo di panico potrebbe ruminare e pensare troppo a quando avrà di nuovo un attacco di panico. Sono ossessionati da qualcosa che potrebbe scatenare il loro attacco. Non solo sono ansiosi, ma ora hanno una meta-ansia, che è l’ansia di essere ansiosi. Pensare troppo al loro attacco di panico lo fa sentire più scoraggiante.

Pensare troppo è comune. Non è necessario avere un disturbo d’ansia per impegnarsi in una costante ruminazione. Si potrebbe dire che fa parte della condizione umana. Tutti noi a volte pensiamo troppo alle cose: Potresti essere eccessivamente preoccupato per quello che hai detto o fatto a qualcuno. Potresti essere preoccupato per il tuo rendimento a scuola o al lavoro. Potresti essere preoccupato di come gli altri ti vedono. Questi sono tutti esempi di come potresti impegnarti a pensare troppo.

Altri esempi di sovrappensiero includono:

  • Quando sei ossessionato da ciò che avresti dovuto dire o fare
  • Ansia da prestazione, o preoccuparsi di come ti misuri con gli altri al lavoro-
  • Impegnarsi in scenari “what-if” dove consideri cosa potrebbe accadere in una varietà di circostanze-
  • Catastrofizzare o pensare che il peggio accadrà
  • Preoccuparsi di avere un attacco di panico inaspettato
  • Pensieri intrusivi o ossessivi

Ragazza in sovrappensieroFonte: unsplash.com

è pervasivo, ma esiste un aiuto per questa condizione. Molte persone soffrono di ossessione e preoccupazione per cose che sono fuori dal loro controllo. Un trattamento comune per questo tipo di ansia è la terapia cognitivo-comportamentale (CBT). La CBT aiuta le persone a sfidare il loro pensiero negativo o irrazionale e a cambiare i loro pensieri in pensieri produttivi e positivi. Ottenere una terapia o una psicoterapia per l’ansia può fare un’enorme differenza per qualcuno con il sovrappensiero.

Sovrappensiero

Molte persone hanno familiarità con il termine disturbo d’ansia (e, infatti, milioni di americani soffrono di qualche tipo di disturbo d’ansia ogni giorno), ma tendiamo a trascurare un sintomo principale dei disturbi d’ansia, che è il sovrappensiero.

La definizione di sovrappensiero è ruminare o ossessionarsi su qualcosa. Molte persone, quando sentono questa definizione, potrebbero credere di essere sovrappensiero. Chi non passa un solo giorno senza pensare troppo a qualcosa? Ci chiediamo se stiamo facendo le scelte giuste, da piccole cose come scegliere il percorso più veloce per il nostro tragitto quella mattina o selezionare il ristorante giusto per la cena a cose come il benessere dei nostri figli e la sicurezza della nostra famiglia. Ma questo è normale. È comune preoccuparsi e pensare troppo in una certa misura.

Ragazza che pensa Fonte: unsplash.com

Tuttavia, ci sono effetti dannosi che il sovrappensiero può avere su una persona mentalmente ed emotivamente. Quando il sovrappensiero riguarda un disturbo d’ansia, si tratta di pensieri eccessivi su qualcosa che provoca ansia, stress, paura o terrore. Non si tratta solo di pensare troppo a qualcosa, ma di essere ossessionati da qualcosa così tanto da influenzare la propria capacità di funzionare nella vita.

Quando ti interroghi o ti preoccupi per te stesso, la tua vita, la tua famiglia, i tuoi amici o qualsiasi altra cosa e non hai un problema di sovrappensiero, qualsiasi cosa su cui stai riflettendo ti preoccupa per un po’, poi dopo un breve periodo di tempo, vai avanti con la tua giornata. Continuate a preoccuparvi a volte, ma non ruminate costantemente. Non trovate che la preoccupazione interferisca con il resto della vostra vita. Con il sovrappensiero come risultato di un disturbo d’ansia, tuttavia, la preoccupazione è tutto ciò a cui la persona può pensare e anche se non è ossessionata dalla stessa cosa per tutto il tempo, è sempre preoccupata per qualcosa.

Se credi di poter soffrire di sovrappensiero a causa dell’ansia, potresti aver sperimentato una o più di queste situazioni:

  • Difficoltà a seguire e a contribuire a una conversazione perché si ripassano più volte potenziali risposte o affermazioni finché la conversazione non è finita o si è persa la possibilità di parlare
  • Continuo paragone con le persone intorno a voi e come vi misurate con loro
  • Concentrarsi sugli scenari peggiori che coinvolgono se stessi o le persone che si amano
  • Rivivere i fallimenti o gli errori del passato più e più volte e non si è in grado di superarli
  • Preoccuparsi di compiti e/o obiettivi futuri fino a farli sembrare quasi impossibili da realizzare
  • Rivivere un’esperienza traumatica passata (come un abuso o la perdita di una persona cara) che ti lascia incapace di affrontarla
  • Un’incapacità di rallentare la corsa di pensieri vaghi, preoccupazioni o emozioni

Ragazza in piedi che pensaFonte: unsplash.com

Non ci sono due persone che sperimentano il sovrappensiero allo stesso modo. Tuttavia, coloro che lo sperimentano troveranno tutti che la loro qualità di vita è compromessa dalla loro incapacità di controllare efficacemente i pensieri e le emozioni negative. Può rendere più difficile uscire e socializzare, godersi gli hobby o essere produttivi al lavoro perché la loro mente spende una quantità sproporzionata di tempo ed energia su specifiche linee di pensiero. C’è la sensazione di non avere il pieno controllo della propria mente o delle proprie emozioni, il che può essere molto dannoso per la propria salute mentale.

Farsi degli amici o mantenerli può essere difficile con il sovrappensiero perché si fa fatica a comunicare quando qualcosa non va o si può comunicare eccessivamente. Può essere estremamente difficile parlare con loro perché si è preoccupati di cosa dire o di fare qualcosa con loro perché si è eccessivamente preoccupati di come si farà o cosa succederà. Qualcuno che pensa troppo può avere difficoltà anche a portare avanti conversazioni generiche o a interagire in un ambiente normale. Può avere difficoltà anche ad andare al negozio o ad un appuntamento.

La verità è che il sovrappensiero può influenzare qualsiasi cosa della vostra vita. Può influenzare il modo in cui si lavora con gli altri, avere un impatto sulla vita sociale, e prendere un pedaggio sulla vostra vita personale. Ciò significa che può iniziare a logorare voi e le relazioni che avete con le persone che vi circondano. Il sovrappensiero può creare seri problemi nella tua vita.

Come smettere di pensare troppo

“Smettila di pensare troppo alle cose!”

L’avrete sentito dire molte volte, ed è piuttosto inutile. Non si può semplicemente girare un interruttore e smettere di pensare troppo. In effetti, quando si dice di smettere di pensare troppo, spesso si finisce per pensare di più. È un circolo vizioso.

Essenzialmente, insegnare a te stesso a non pensare troppo è un lungo processo che devi allenare il tuo cervello a fare. Diamo un’occhiata ad alcune ragioni comuni per cui si può pensare troppo e insegniamo come smettere di pensare troppo.

Sovrappensiero da insonnia

Quando non riesci a dormire, la tua mente può correre e puoi avere pensieri ossessivi sul dormire. Spesso, questo sovrappensiero arriva quando l’insonnia colpisce, e poi continua con il giorno successivo. Puoi sentirti stanco e il tuo cervello è meno concentrato. Si possono avere pensieri negativi e ossessivi sul fatto di non riuscire a dormire.

L’insonnia è chiamata un circolo vizioso per una ragione. Quando ce l’hai, è difficile smettere di pensare troppo al fatto di non dormire. Ecco alcuni modi per ridurli quando si hanno problemi di sonno.

  • App per la meditazione e la consapevolezza. Queste ti aiutano a vivere il momento presente, scartando i pensieri o le emozioni che sono invadenti. Oltre al fatto che la mindfulness può allenare il tuo cervello, può calmarti e facilitare il sonno.
  • Esci dal letto se non riesci ad addormentarti. Se sei a letto e non riesci ad addormentarti, sembra che sia impossibile svenire. Il tuo cervello associa il tuo cervello all’inquietudine. Esci e fai qualcosa di rilassante. Non passare il tempo sui social media o fare qualcosa di stimolante. Invece, rilassati.
  • Renditi conto che non stai per morire per la mancanza di sonno. Mentre la tua paura e l’ansia ti dicono che non riesci ad addormentarti, la maggior parte dei casi sono temporanei. Mentre la tua salute diminuisce a causa della privazione cronica del sonno, preoccuparti troppo per un attacco occasionale di insonnia peggiorerà il problema. Se il problema persiste, è il momento di vedere un medico o un terapeuta.

Processo decisionale

Un’altra ragione per cui le persone pensano troppo è il processo decisionale. A volte, la decisione è qualcosa di grande. Altre volte, la decisione riguarda qualcosa di un po’ sciocco, come ad esempio quale ristorante scegliere.

Mentre dovreste pensare alle vostre decisioni, pensarci troppo fa solo perdere tempo, specialmente se avete molte persone che aspettano che prendiate una decisione. Ecco come superare finalmente l’ansia da decisione.

  • Poni un limite di tempo al tuo processo decisionale. Ora, questo limite di tempo non deve essere così breve da farvi sentire estremamente affrettati, ma dovrebbe essere abbastanza breve da aiutare a fermare il sovrappensiero.
  • Molte persone, specialmente i grandi decisori, programmano i loro tempi di pensiero e finiscono per distrarsi nel frattempo. Avere certi tempi per pensare può prevenire l’ansia da sovrappensiero.
  • Di nuovo, la mindfulness e il vivere nel momento presente possono aiutare. Il momento presente dovrebbe coinvolgere la logica dietro la decisione, non le paure infondate che si possono avere.
  • In alcuni casi, si può cambiare idea su una decisione. Rendersi conto di questo può rendere più facile prendere una decisione.

Ansia e sovrappensiero

Molte malattie mentali possono portare al sovrappensiero, e la connessione tra ansia e sovrappensiero è ovvia. Chi ha l’ansia non vive mai nel presente.

Parti del cervello sono sempre preoccupate per quello che succederà dopo, e l’ansia estrema e il sovrappensiero possono rendere difficile uscire di casa.

Ecco come fermare l’ansia e il sovrappensiero quando il tuo cervello ansioso ti dice di no.

  • Fissare piccoli obiettivi. Fissando obiettivi troppo grandi, la tua mente ansiosa può pensare troppo alle cose. L’ansia e il sovrappensiero ti rendono difficile fissare obiettivi più grandi. Fissando obiettivi più piccoli, potete farvi strada verso l’alto.
  • Di nuovo, non possiamo sottolineare l’importanza della meditazione e della consapevolezza. Fa bene per molte malattie mentali, specialmente quando si tratta di ansia e sovrappensiero. La meditazione può riportarti al momento presente e calmare il tuo corpo in caso di ansia.
  • Cerca di capire cosa provoca il tuo cervello ansioso a pensare troppo. I fattori scatenanti possono peggiorare le vostre malattie mentali, e dedicare del tempo a scrivere ciò che scatena la vostra ansia e il sovrappensiero, rende tutto più facile da gestire.
  • Le distrazioni sono sempre importanti nell’ansia e nel sovrappensiero. Perché alla fine dovresti iniziare a prestare attenzione ai tuoi problemi, le distrazioni possono aiutare ad abbassare la tua ansia, lo stress e altri problemi. Prova a guardare un film o a lavorare su un puzzle.
  • Inizia a notare quando stai avendo dei brontolii di un attacco d’ansia. Poi, cerca di uscire da lì. Spesso l’ansia e il sovrappensiero possono essere prevenuti, soprattutto se si sa quali sono i fattori scatenanti.
  • Se l’ansia e il sovrappensiero sono eccessivi e occupano tutto il tuo tempo, è il momento di consultare un professionista.

L’ansia e il sovrappensiero sono due cose che vanno di pari passo, ma gestendo l’ansia e il sovrappensiero si può fare molto meglio.

Disturbo bipolare e sovrappensiero

Quando si pensa al disturbo bipolare, si tende a pensare alle informazioni sulla salute mentale che si conoscono. E queste informazioni sulla salute sono il fatto che le persone con disturbo bipolare tendono ad essere depresse o maniacali. Le persone che ne sono affette hanno difficoltà con il loro umore, ma possono anche avere difficoltà a pensare troppo.

Con il disturbo bipolare, il sovrappensiero di pensieri sconvolgenti o angoscianti può accadere con entrambi i lati della medaglia. Con la depressione, si può essere preoccupati per ciò che accadrà in futuro. Oppure ci si può preoccupare degli effetti collaterali dei farmaci che si prendono.

Con la mania, si può avere difficoltà a prestare attenzione ai propri pensieri, rendendo più difficile sfidare i propri pensieri. A volte è difficile separare la vita reale dalla finzione. Oppure, si può essere così euforici da spendere del tempo per sentirsi al sicuro, per poi pentirsene.

Con il disturbo bipolare, è importante cercare l’aiuto di una terapia online o di un terapeuta di persona. La terapia online funziona particolarmente bene per i casi lievi e moderati. Un terapeuta può darvi le informazioni di base e le informazioni sulla salute mentale sul disturbo bipolare. Inoltre, è importante che prestiate attenzione ai vostri pensieri.

A volte, i tuoi episodi bipolari possono durare per diversi periodi di tempo, e i tuoi pensieri possono peggiorarli. Potresti concentrarti sul negativo e far peggiorare il tuo disturbo per lunghi periodi di tempo. Disturbo bipolare o no, i pensieri che ci vengono in mente tendono a peggiorare il problema. Cercate aiuto se ne avete bisogno.

Pensare pensieri positivi

Potresti chiederti come smettere di pensare troppo. Un modo è pensare più pensieri positivi. Potreste alzare gli occhi al riguardo. State pensando che i pensieri positivi sono, per definizione, qualcosa che viene fuori da un libro sulla salute di cattivo gusto.

Tuttavia, la scienza sostiene che i pensieri positivi e i modelli di pensiero più positivi sono le chiavi del successo. Se vuoi pensare in modo più positivo, ecco alcuni modi per farlo.

  • Dai un’occhiata ai tuoi pregiudizi di conferma. I pensieri negativi tendono a indugiare, e quando si tratta di pensieri positivi, di solito è il contrario. Dovresti provare a cambiare un po’ questo pensiero.
  • Invece, inizia a notare i tuoi pensieri positivi. Quando cominci a pensare in modo positivo, scrivilo. Nota quando stai pensando a pensieri positivi e raccoglili tutti.
  • Non possiamo sottolinearlo abbastanza. Pratica la consapevolezza. Le tecniche mindful ti insegnano a lasciare andare qualsiasi angoscia emotiva. Un pensiero distruttivo esce dalla finestra. Concentra la tua attenzione sui pensieri positivi.
  • Pensa a tutte le volte che hai aiutato le persone. Pensa a qualcosa che ti rende felice. Qualsiasi pensiero angosciante, lasciatelo andare. È un processo a tappe che richiede pratica.
  • Alcune persone pensano che il pensiero positivo significhi nessun pensiero negativo. Tutto ciò che riguarda dovrebbe essere ignorato, non importa quanto sia grande. Questo non è affatto vero. Pensare pensieri positivi significa solo avere meno pensieri negativi nel reparto dei pensieri eccessivi. I pensieri angoscianti accadranno, ma il pensiero positivo ci insegna che l’angoscia emotiva è temporanea e che c’è molto di positivo a cui pensare.
  • Prova a pulire il tuo feed sui social media. Elimina le persone più negative e concentra la tua attenzione sulla positività. Sì, dovresti consumare anche le notizie negative, ma molte persone ne sono sovraccaricate, e se sei un pensatore eccessivo, non ti fa bene.

Persone mentalmente forti

Le persone mentalmente forti hanno meno probabilità di pensare troppo. Pensa al tuo cervello come a un muscolo. Più lo alleni, più diventi forte mentalmente. Aumentare la tua forza mentale è particolarmente importante quando invecchi. La salute mentale diminuisce con l’invecchiamento, ma con le giuste informazioni sulla salute, puoi allenare la tua mente.

Ecco alcune buone informazioni sulla salute mentale per la tua mente:

  • Le persone mentalmente forti fanno molto esercizio. Quando si pensa all’esercizio fisico, si possono immaginare persone forti che migliorano il proprio corpo. Tuttavia, l’esercizio ha molti effetti collaterali positivi per la tua mente. Per esempio, il tuo cervello rilascia sostanze chimiche di benessere che uccidono il dolore e aiutano a ridurre gli ormoni dello stress. Per non parlare del fatto che l’esercizio aiuta a distrarti dai tuoi pensieri, il che lo rende ottimo se vuoi sapere come smettere di pensare troppo.
  • Le persone mentalmente forti cercano di socializzare il più possibile. Prova a parlare con un amico intimo e raggiungilo ad un livello più profondo. Se non hai amici con cui parlare, prova ad uscire e a parlare con qualcuno in una libreria, in un caffè o in un altro posto. Quando parli con persone nuove e cerchi di fare amicizia, ti preoccupi molto meno e ti senti più a tuo agio.
  • Le persone mentalmente forti praticano regolarmente la terapia cognitiva comportamentale. Questo tipo di terapia aiuta a sbarazzarsi delle cattive abitudini e dei pensieri, e può essere usato per trattare tutti i tipi di malattie mentali. Disturbi alimentari, disturbo bipolare, disturbo d’ansia generalizzato e altro ancora.
  • Le persone forti tendono ad allenarsi mentalmente mescolando le cose. Fare sempre le stesse cose può avere degli effetti collaterali negativi. Guarda un aspetto della tua vita e pensa a cosa puoi fare diversamente. Prova ad avere un nuovo hobby, a cercare il lavoro dei tuoi sogni o semplicemente a imparare qualcosa di nuovo. Quando inizi a vivere per un nuovo giorno, questo ti aiuta con il tuo sovrappensiero.
  • Le persone forti tendono a capire che ci saranno momenti di debolezza. Ci sono momenti in cui si passa troppo tempo a pensare, e poi ci si accorge che si pensa troppo. Succederà, e non si può pensare troppo al sovrappensiero. A volte succede. Basta non passarci ore. Puoi programmare un tempo per far vagare la tua mente su un problema specifico, e quando quel tempo è finito, smetti di pensarci. Questo è qualcosa che può richiedere pratica, ma le persone forti possono sicuramente fare un tentativo.

Ridurre lo stress

Vi chiederete perché “ridurre lo stress” è qui. Beh, lo stress e la nostra tendenza a pensare troppo vanno di pari passo. Lo stress è il modo in cui il nostro corpo ci aiuta quando siamo sopra le nostre teste in una situazione che ci minaccia, ma il nostro corpo non riesce a capire la differenza tra il pericolo reale e i problemi comuni, e così lo stress si accumula.

Le persone tendono a trovare difficile far fronte a tutto lo stress.

Un po’ di stress può essere positivo. Lo stress associato alla psicologia positiva, che è uno stress buono, tende a sfidarvi e a farvi desiderare di fare meglio. Ma la psicologia positiva arriva solo fino a un certo punto. Troppo stress può peggiorare i tuoi problemi, tra cui:

  • Farvi temere il rifiuto, il senso di colpa, il fallimento o il perdere tutto.
  • Si tende a preoccuparsi delle cose che non si possono cambiare. La maggior parte delle persone si rende conto che dovrebbe preoccuparsi delle cose che può cambiare e ignorare quelle che non può cambiare, ma è difficile affrontare il pensiero eccessivo.
  • Lo stress fisico è un problema di troppo stress. Ogni giorno fa male, letteralmente. Stress fisico significa che lo stress ha effetti reali e dolorosi. Esempi di stress fisico includono mal di testa e altri dolori del corpo, che possono essere anche depressione clinica.

Lo stress può capitare a chiunque. Non importa se sei un bambino, un adolescente o un adulto. Se hai l’abitudine di pensare troppo e sei stressato, ecco alcuni semplici modi per ridurre lo stress. Chiunque può fare questi semplici modi, e questi semplici modi non richiedono nemmeno un medico.

  • Pratica la terapia cognitiva comportamentale. Questo è qualcosa che richiede pratica, ma imparare a identificare i pensieri che sono, per definizione, intrusivi, e imparare a far fronte a questi pensieri è importante.
  • Scrivi i tuoi problemi e ordinali dal più al meno importante. Una parte del problem solving implica che tu risolva prima il problema più facile e poi vada avanti. Presto troverai facile risolvere i problemi.
  • Pensa alla tua paura di fallire e ad altre paure quotidiane. Perché ne hai paura? In che modo il tuo stress ha un impatto su di te? Hai paura del senso di colpa, del fallimento o di qualsiasi altra cosa?
  • La gente non si rende conto del valore dell’esercizio fisico. Può aiutare a ridurre il tuo stress di quire un po’.
  • Prenditi del tempo per rilassarti. Guarda cosa sta succedendo nel tuo programma preferito. Non passare troppo tempo a procrastinare, ma piuttosto prenditi una pausa e torna con la mente fresca.
  • Non prendere droghe o alcol. Se parlare con un terapeuta o uno psicologo li porta a prescrivere dei farmaci, prendili.
  • Infine, prova a lavorare con un terapeuta. Potrebbero essere in grado di aiutarvi con i vostri problemi.

Ipocondria

Un’altra parte del sovrappensiero e del disturbo d’ansia generalizzato in generale è l’ipocondria. Questo è quando si sente sempre di avere qualcosa di sbagliato dal punto di vista medico, il che lo rende un grande problema di sovrappensiero.

Ci sono alcune persone che sono leggermente ipocondriache. Per esempio, si può pensare che ci sia qualcosa che non va in voi, di solito dopo aver fatto una visita al Dr. Google, quindi si parla con il medico. Poi, si scopre che non c’è niente di sbagliato ed è solo un problema di sovrappensiero, mescolato con un po’ di disturbo d’ansia generalizzato.

Tuttavia, potresti essere un ipocondriaco estremo. Oggi vi incontrate sempre con il vostro medico per qualcosa. Dopo aver parlato con il vostro medico, avete ancora quelle sensazioni, e nessuna quantità di discussioni con il vostro medico sembra farle andare via. Non importa quanto ci provi, pensi ancora di essere malato.

Questo è qualcosa per cui devi cercare aiuto. Potresti avere più di un semplice disturbo d’ansia generalizzato. Facendo terapia, puoi finalmente trovare il coraggio di ammettere che stai bene.

Cerca la motivazione

Anche se molte persone sono scettiche riguardo agli oratori motivazionali, potrebbero essere in grado di aiutare. Leggere le storie di un uomo che è riuscito a superare l’ansia e a vivere o di persone che hanno imparato a iniziare a vivere in età avanzata può ispirarti ed è un buon modo per distrarti dal tuo sovrappensiero.

È un buon modo per ottenere informazioni sulla salute mentale a livello personale. Mentre alcune di queste informazioni sulla salute mentale possono non far parte della psicologia contemporanea, alcune valgono la pena di essere verificate.

Per esempio, lo psicologo spirituale e autore Eckhart Tolle è un buon posto dove andare per informazioni sulla salute. “Psicologo spirituale e autore Eckhart Tolle”, chiederete voi. Eckhart Tolle ha scritto molti libri sul qui e ora, che è ciò di cui tendono a parlare le informazioni sulla salute per evitare il sovrappensiero.

Anche Guy Winch, uno psicologo, è un buon ascoltatore. Qualsiasi autore di guida emotiva vale la pena di controllare.

Quando si tratta di mindfulness, leggi tutte le informazioni sulla salute che puoi ottenere. Alcuni libri sono brevi e non richiedono molto tempo per essere letti. Altri richiedono molto tempo, ma le informazioni che danno ne valgono la pena. Alcuni libri di auto-aiuto sembrano un po’ smielati, ma sarete sorpresi di quanto possano aiutare con la guarigione, il rifiuto, il senso di colpa, il fallimento e altri problemi.

Quando si tratta di sovrappensiero, è essenziale consumare tutti i contenuti di mindfulness che puoi. La consapevolezza è la chiave per ottenere l’aiuto di cui hai bisogno.

C’è altro?

Vale la pena ricordare che come pensiamo e come funziona il cervello è ancora un mistero. Ci sono molti studi clinici, sia clinici che sociali e oltre, che possono insegnarci di più sulla mente. Tuttavia, questi studi clinici sono solo questo, studi clinici, sociali e mentali.

Forse un giorno avremo una pillola per riparare completamente il sovrappensiero che non sia un diritto riservato agli studi clinici, ma quel giorno è ancora molto lontano.

Il sovrappensiero è un comportamento che potrebbe verificarsi in qualsiasi momento. Per qualcuno che ha l’ansia o qualsiasi tipo di disturbo d’ansia, può facilmente avere anche il sintomo del sovrappensiero. L’ansia e la preoccupazione che avete per diverse situazioni e diversi ostacoli nella vostra vita possono rapidamente trasformarsi in un sovrappensiero e nel chiedersi cosa dovreste fare o come potreste impedire che accadano cose brutte. La verità è che non si può impedire che tutte le cose brutte accadano e non ci si può fermare da ogni decisione sbagliata. Quello che potete fare è chiedere aiuto.

Se stai lottando per smettere di pensare troppo, può essere utile cercare un trattamento professionale.

Con la terapia online, sarete in grado di comunicare con un fornitore di salute mentale autorizzato e confidenziale senza dovervi preoccupare di andare in una struttura o addirittura di essere visti da chiunque tranne che dal terapeuta stesso. Puoi sentirti più a tuo agio perché sei in un ambiente in cui ti senti meglio, la tua casa. Non solo, ma avrai il controllo su quello che succede. Tutto questo può rendere più facile per te aprirti e iniziare il tuo viaggio di guarigione insieme al tuo terapeuta. Tutto quello che devi fare è trovare quello giusto.

FAQ (domande frequenti)

Come posso smettere di pensare troppo a tutto?

Se scopri che stai pensando troppo, non punirti. Le persone con ansia cronica spesso si trovano a rimuginare su varie cose nella loro vita. È difficile staccarsi da qualcosa che non si può controllare. Le persone con disturbi d’ansia spesso pensano troppo, e ci sono strategie che puoi usare per smettere di pensare così tanto. Una delle cose più importanti da fare è avere l’autoconsapevolezza di sapere che si sta ruminando. Una volta che sai che stai pensando troppo, puoi usare delle tecniche per smettere di farlo. Notate che state ruminando, e poi chiedetevi: “C’è qualcosa che posso fare per questa situazione?” Se stai facendo del tuo meglio, e non c’è nessuna azione che puoi fare, puoi distrarti e fare qualcos’altro. A volte, pensiamo troppo perché ci sentiamo fuori controllo, ed è normale. Chiedersi se c’è qualcosa che si può fare e usare l’accettazione radicale quando non c’è è una cosa che si può fare per frenare il sovrappensiero. Un’altra ragione per cui possiamo pensare troppo è che siamo preoccupati che qualcosa di terribile stia per accadere. Se vi trovate a catastrofizzare, siate consapevoli di questo e chiedetevi: “è probabile che questa situazione si verifichi?” Se vi rendete conto che vi state impegnando nella catastrofizzazione, ciò che può essere utile è scrivere su carta ciò che pensate stia per accadere. Quando lo vedrete di fronte a voi, vi renderete probabilmente conto che queste cose terribili non sono probabili e sarete in grado di mettere le cose in prospettiva. Potrai poi disimpegnarti dai pensieri facendo qualcosa come fare una passeggiata o chiamare un amico.

Perché penso troppo a tutto?

Se pensi troppo a tutto, potresti avere un disturbo d’ansia cronico. Potresti essere un preoccupato; forse è la tua personalità, o forse pensi che se ti ossessioni abbastanza sulle cose, troverai una soluzione e sarai in grado di cambiarle. Ci sono molte ragioni per cui potreste pensare troppo, ed è utile esplorarle con un terapeuta.

Cosa fa il sovrappensiero al tuo cervello?

Alcune persone sviluppano mal di testa a causa del sovrappensiero. Altre persone notano che diventano frustrate a causa del sovrappensiero. Si possono avere sintomi fisiologici dal sovrappensiero. Quando si pensa troppo, si può diventare eccessivamente ansiosi; le cose possono iniziare a sembrare sempre peggiori e i pensieri possono iniziare a correre. Si può sperimentare l’insonnia a causa del sovrappensiero, e potrebbe anche avere un impatto sulla memoria o sulla capacità di apprendimento. È essenziale riconoscere il comportamento e iniziare a trovare dei modi per frenare l’impulso a pensare troppo.

Come rompere il ciclo del sovrappensiero?

Se si vuole rompere il ciclo del sovrappensiero, è essenziale trovare delle strategie da usare quando ci si rende conto che si sta pensando troppo. Reindirizzare i pensieri e ricordare a te stesso che stai facendo il meglio che puoi è una strategia. Un’altra cosa che puoi provare è darti un piano d’azione. A volte, pensiamo troppo perché non sappiamo cosa fare. Puoi sfidare i pensieri che ti vengono in mente, e usare la mindfulness o praticare tecniche di radicamento che possono aiutarti. Non hai bisogno di cambiare i tuoi pensieri o di vergognarti per essi, ma puoi imparare ad accettarli e rilasciarli in modo da poter continuare le tue attività quotidiane. Puoi concentrarti sul trovare una soluzione al problema, se possibile.

Come posso calmare la mia mente?

La consapevolezza è un’ottima tecnica da usare per calmare la mente. La meditazione può aiutare a calmare la mente. Puoi lasciare che i tuoi pensieri arrivino senza giudizio e accettare ciò che non puoi controllare. Quando pratichi la mindfulness, osservi i tuoi pensieri senza cercare di cambiarli. Imparerai esercizi di radicamento che ti aiutano a rimanere nel tuo corpo e ti aiutano a contrastare il sovrappensiero.

Pensare troppo è un sintomo di ansia?

Le persone con disturbi d’ansia spesso sperimentano il sovrappensiero. Quando si è costantemente preoccupati di ciò che sta per accadere, si può pensare troppo e considerare diversi scenari nel tentativo di controllare l’esito peggiore. Sfortunatamente, il sovrappensiero non è una soluzione ed è improbabile che risolva qualsiasi problema, quindi è importante parlare con un terapeuta autorizzato e sviluppare tecniche di coping per il sovrappensiero.

Come posso fermare il sovrappensiero e l’ansia?

Se si può riformulare, piuttosto che cercare di fermarlo, pensare è sviluppare strategie di coping per far fronte al sovrappensiero. Se si cerca di fermare qualcosa, è probabile che torni con tutta la sua forza, quindi si tratta di lavorare con esso piuttosto che contro di esso. Abbiate auto-compassione e consapevolezza dei vostri pensieri. Se sei un perfezionista, volere che le cose siano in un certo modo può avere un impatto tale da farti ruminare sul fatto che vuoi che le cose vadano alla perfezione. Riformulare i pensieri e sfidare i pensieri che non sono realistici o non aiutano, può essere uno strumento eccellente. Non puoi controllare il futuro, ma puoi essere responsabile di quello che fai adesso.

Quali sono gli effetti collaterali del sovrappensiero?

Come menzionato sopra, potresti sperimentare sintomi fisiologici. Potresti avere problemi di memoria; potresti essere stressato e avere mal di testa, emicranie o dolori al corpo, avere problemi di concentrazione e affrontare problemi di sonno cronici. È essenziale riconoscere il sovrappensiero in modo da impedire che abbia un impatto negativo sulla tua mente e sul tuo corpo.

Possiamo controllare i nostri pensieri?

Parte del sovrappensiero è il desiderio di controllare una situazione o i propri schemi di pensiero. Ecco perché è essenziale lasciare andare i pensieri piuttosto che cercare di controllarli. La mindfulness è un’ottima tecnica per aiutarvi a lasciar andare il tentativo di controllare qualcosa che non è controllabile. Se ti accorgi di essere travolto dai tuoi pensieri e non riesci a trovare una strategia per smettere di pensare troppo, parlare con il tuo terapeuta può essere un ottimo strumento per aiutarti.

Un terapeuta può darti:
  • Crescita personale. Non solo crescita personale quando la tua mente non è proibita, ma crescita in tutti gli aspetti della tua vita.
  • Guarigione emotiva di primo soccorso.
  • Tecniche di terapia come la terapia cognitiva comportamentale per aiutarti con i tuoi pensieri ruminanti.
  • Comunicazione attraverso vari mezzi. Telefono, sms, video chat e indirizzo e-mail sono solo alcuni modi per contattare un terapeuta.

Se soffri di ansia, c’è speranza. Il tuo disturbo d’ansia generalizzato non è un problema per un terapeuta. Essi gestiscono il disturbo d’ansia generalizzato, la depressione, il disturbo bipolare e altri disturbi associati al sovrappensiero. Puoi lavorare con un terapeuta di salute mentale autorizzato che può aiutarti a sviluppare le abilità di coping per gestire la tua ansia e vivere una vita soddisfacente.

Di cosa è sintomo il sovrappensiero?

Il sovrappensiero è uno dei sintomi principali del disturbo d’ansia. I disturbi d’ansia si riferiscono fondamentalmente a un gruppo di malattie mentali che sono caratterizzate da disagio mentale che colpisce le attività quotidiane delle persone e la vita.

Secondo il National Institute of Mental Health, il disturbo d’ansia è più di una paura o preoccupazione incerta, ma peggiora nel tempo. Pensieri, sovrappensiero, pensieri vaghi, preoccupazioni e pensieri specifici sono tutti sintomi del disturbo d’ansia.

Pensare troppo è un sintomo dell’ADHD?

Tecnicamente, il sovrappensiero non è assolutamente un sintomo del disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD). Secondo il Center for Dependency, Addiction and Rehabilitation (CeDAR), l’ADHD è osservato come una condizione psichiatrica estremamente comune tra coloro che lottano con la dipendenza. Tuttavia, il sovrappensiero diventa peggiore quando si ha l’ADHD. Il sovrappensiero porta alla frustrazione e alla depressione grave nei pazienti ADHD. In diverse occasioni, può portare a sentimenti spiacevoli e ad altre malattie mentali.

Come si cura il disturbo da sovrappensiero?

Il disturbo da sovrappensiero può influenzare il tuo rapporto con le persone che ti circondano e le tue attività quotidiane a casa e al lavoro. Se hai un disturbo d’ansia, sei ad alto rischio di avere il disturbo da sovrappensiero. Quando si verifica, il modo migliore per trattarlo è la terapia. Trova un terapeuta per un aiuto professionale. La capacità di trovare un terapeuta può aiutarvi ad affrontare i vostri pensieri e preoccupazioni irrazionali. Potrebbe anche essere necessario fare dei test sul sovrappensiero per mostrare quanto sia critica la tua condizione.

Come faccio a smettere di pensare troppo e di pensare in modo negativo?

La ruminazione eccessiva può essere problematica e a volte può lasciarti confuso, mentalmente stressato o depresso. Passare molto tempo a pensare a cose negative può causare danni al tuo benessere influenzando il tuo sonno e la tua alimentazione. Dovresti imparare a riconoscere la tua condizione e sapere cosa fare per fermarla. I seguenti sono modi per fermare il sovrappensiero e i modelli di pensiero distruttivi:

  • Sii consapevole della tua condizione: Puoi affrontare ciò che non conosci. Diverse persone, a volte, possono vedere il pensiero eccessivo come una cosa normale che si fa quando ci si trova di fronte a un problema specifico preoccupante. Tuttavia, si dovrebbe chiarire che può interferire con la vostra salute mentale. Il momento in cui si è consapevoli di questo vi spingerà a fare una mossa per fare un cambiamento.
  • Pensiero positivo costante: Concentrati sempre su ciò che sta andando bene e non ruminare su ciò che è andato male. La paura di ciò che potrebbe andare male può innescare costantemente pensieri negativi con cui potreste occupare la vostra mente. Nel momento in cui cominci a percepire una spirale discendente verso i pensieri negativi o il sovrappensiero, cerca di concentrarti sulle cose giuste e di occupare la tua mente con esse.
  • Sviluppa un atteggiamento gioioso: Questo è un modo per distrarsi con positività, felicità e attività salutari come la pittura, la meditazione, la danza, imparare uno strumento, l’esercizio fisico e il lavoro a maglia. Il tempo che trascorri con queste attività ti terrà lontano da pensieri eccessivi o negativi.
  • Evitare l’esagerazione: L’esagerazione dei vostri problemi può portare a pensieri eccessivi e negativi. Prova a pensare a quanto l’oggetto dei tuoi pensieri sarà importante dopo un paio d’anni a venire. Questo pensiero può farvi capire che non c’è motivo di fare una montagna da un mucchio di terra.
  • Comprensione: Questo è un modo per cambiare la prospettiva che scatena la tua paura. Il fatto di aver fallito in passato non deve farvi passare un bel po’ di tempo a preoccuparvi per il futuro. Dovete smettere di preoccuparvi e capire che oggi è un’opportunità per ricominciare da capo e fare meglio.
  • Lavorate sulla vostra autostima: Dovreste cercare di smettere di pensare che non siete abbastanza bravi. Questo può portare a pensare troppo al disordine o a pensare negativamente a te stesso. Apprezza te stesso e accetta il tuo meglio. Confrontare i risultati degli altri con i tuoi è una perdita di tempo. Ricorda costantemente a te stesso che farai meglio.
  • Gratitudine: Essere grato per quello che hai, non importa quanto piccolo, ti renderà sempre positivo. Puoi scrivere ciò di cui sei grato e ricordartelo costantemente invece di ruminare sui tuoi problemi.
Come posso smettere di pensare di notte?

A volte, si può trovare difficile dormire di notte a causa di pensieri preoccupanti o persistenti che non si può tenere la mente fuori. I seguenti sono ciò che si può fare per fermare e molto un bel sonno:

  • Osservare le tecniche di rilassamento: Queste tecniche hanno dimostrato di avere il potere di rendere attivo il tuo stato di onde cerebrali alfa. Puoi osservare tecniche come la meditazione un’ora prima di andare a letto.
  • Chiacchierate con i vostri cari: Questo aiuterà a distrarre la tua mente dal pensiero eccessivo o dalla preoccupazione. Puoi fare una chiacchierata con il tuo partner, un amico o un membro della famiglia.
  • Scrivi i tuoi pensieri: Se non c’è nessuno con cui chiacchierare, metti i tuoi pensieri per iscritto, chiudi il libro, mettilo via e vai a letto.
  • Evita l’inibizione dei pensieri: Non cercare di bloccare i tuoi pensieri negativi. Lasciateli scorrere nella vostra mente. C’è una grande differenza tra accettare la legge dell’impermanenza e bloccare la negatività. La prima con l’apprezzamento dei diversi pensieri che attraversano la tua mente detiene la chiave della tua pace mentale. Bloccare i pensieri ti fa fare più sforzi che possono tenerti sveglio.
  • Trova un terapeuta: Se il problema persiste, allora è il momento di preoccuparsi di come trovare un terapeuta che possa offrire più supporto mentale su come fermarlo.
Qual è la causa principale del sovrappensiero?

Tutti pensano. È un’attività mentale che determina il modo in cui le cose si manifestano fisicamente rispetto al processo decisionale, all’azione e ad altre cose. Le persone non pensano allo stesso modo, il che spiega le grandi differenze nello stato di vita individuale. Il pensiero può andare oltre il normale. Si può ruminare eccessivamente sui problemi e questo può provocare paura, timore, depressione e ansia.

Ci sono fattori responsabili del pensare troppo. Alcuni di questi possono includere:

  • Oversensibilità: Si può avere un problema a pensare troppo a cosa penseranno gli altri se qualcosa va storto. Essere troppo sensibili a ciò che penseranno gli altri può portare a pensare troppo.
  • Mancanza di fiducia e bassa autostima: Molte persone sono intrappolate nel sovrappensiero perché non hanno la fiducia necessaria per affrontare alcuni errori nei loro modi, quindi passano troppo tempo a pensarci.
  • Sovraccarico: se si assumono costantemente problemi su se stessi senza possibili soluzioni, si può iniziare a pensare troppo su di essi.
  • Immaginazione: Il sovrappensiero può essere causato dall’essere intrappolati nel mondo della fantasia di situazioni inutili che potrebbero non diventare realtà. Se state pensando all’impossibile, potreste finire per pensare troppo. Dovete lasciare questo campo ed essere reali.
  • Ansia: Se siete ansiosi per alcune situazioni specifiche, potreste iniziare a pensare troppo, il che può portare alla sensazione di malessere emotivo o fisico.
  • Preoccupazione continua: La ruminazione incessante su chi sei e il paragonare i tuoi risultati con quelli degli altri può portare a pensare troppo.
Come posso smettere di preoccuparmi di tutto?

Preoccuparsi troppo di tutto può interferire con la vita normale, influenzando i tuoi sentimenti e persino il tuo modo di mangiare a volte. Devi imparare a smettere di preoccuparti di tutto e cominciare a sperimentare una pace interiore che metta la tua mente costantemente a riposo. I seguenti sono modi per affrontare il tuo problema e fermare le tue preoccupazioni:

  • Riconoscere la tua condizione: Dovresti cercare di vederti come un preoccupato e sapere sempre quando inizi a preoccuparti per qualcosa. Questo può aiutarti a fermarla immediatamente quando te ne rendi conto.
  • Esaminare ogni pensiero: È possibile che la tua mente a volte ti faccia degli scherzi. Non dovresti credere ad ogni pensiero che ti passa per la testa. La maggior parte delle persone ha il controllo dei propri pensieri. Per smettere di preoccuparsi, è necessario non credere ai pensieri negativi che si muovono nella tua mente.
  • Creare una distrazione: Uno dei modi per affrontare la tua condizione è quello di distrarti da te stesso. Invece di pensare troppo che può portare a preoccupazioni, cerca di impegnarti in qualcun altro.
  • Accetta le tue imperfezioni: Puoi smettere di preoccuparti di tutto se credi che niente e nessuno è perfetto. Questo può anche aiutare a gestire l’ansia e il sovrappensiero.
  • Suonare e ascoltare musica: La musica parla alla tua mente e alla tua anima. Il suo potere curativo e i suoi benefici psicologici possono aiutarti a smettere di preoccuparti di tutto. Scegli le tue canzoni preferite che possono distrarti dal soggetto delle tue preoccupazioni.
  • Osserva l’esercizio costante: Un buon esercizio aiuta a costruire la tua salute cardiovascolare e a migliorare il tuo umore. È benefico psicologicamente e aiuta a liberare la mente dalle preoccupazioni.
  • Impegnati nella meditazione: La meditazione ti aiuta a rilassarti, a calmarti e ti riporta al tuo momento presente. Ti aiuta a concentrarti su ciò che è essenziale e a liberarti dell’ansia e dei dubbi.
  • Sii grato: Scrivi una lista di ciò di cui sei grato e occupa sempre la tua mente con l’essere grato per loro, non importa quanto siano piccoli. Questo aiuterà ad aumentare la tua forza mentale per smettere di preoccuparti di tutto.
  • Capire i fattori scatenanti: Devi cercare di capire cosa ti fa preoccupare di solito. Potrebbero essere le tue paure. Se le tue paure sono responsabili, sforzati di conoscere le fonti della motivazione e liberatene.
  • Trova un terapeuta: A volte, può essere difficile affrontarlo personalmente. In questa situazione, potrebbe essere necessario trovare un terapeuta che possa essere d’aiuto.
Quali sono gli effetti collaterali del sovrappensiero?

Quando sottoponi il tuo cervello a un pensiero eccessivo, questo comporta degli effetti collaterali che possono influire sulla tua salute mentale. Il sovrappensiero può portare alle seguenti sfide mediche:

  • Malattie mentali: Pensare troppo può esporre al rischio di problemi di salute mentale. Quando si passa troppo tempo a rimuginare e a preoccuparsi dei problemi, c’è la possibilità che si cada in uno stato di depressione. Pensare troppo può influenzare il tuo umore innescando sentimenti di solitudine e isolamento.
  • Problemi di sonno: Il sovrappensiero può influenzare il tuo sonno. Il momento di andare a letto non è il momento di preoccuparsi. La preoccupazione può influenzare la qualità del tuo sonno a causa di una mente turbata.
  • Sforzo del cervello: quando si pensa troppo, si sta dando al cervello più lavoro da fare. A volte è necessario far riposare il cervello. Tuttavia, quando è sottoposto a molti pensieri, può influenzare il tuo benessere mentale.
  • Influenza sulla tua capacità di risolvere i problemi: Pensare troppo e analizzare troppo le cose può interferire con la tua capacità di risolvere i problemi. È una percezione sbagliata pensare che il segreto per risolvere i problemi sia analizzare troppo i problemi nella tua testa.
  • Complicazione: Pensare troppo può far sembrare le cose più complicate di quanto dovrebbero essere in realtà. Il sovrappensiero può provocare un disturbo d’ansia che potrebbe richiedere la ricerca di un terapeuta.

Due parole sul nostro processo di revisione

I video, i post e gli articoli non possono sostituire un percorso di supporto psicologico, ma a volte rappresentano il primo o l'unico modo per interpretare un problema o uno stato d'animo. Per i contenuti del nostro blog che trattano argomenti legati a sintomi, disturbi e terapie, abbiamo deciso di introdurre un processo di revisione fondato su tre principi.

Gli articoli devono essere approfonditi

La prima stesura è fatta da uno/una psicoterapeuta con almeno 2.000 ore di esperienza clinica.

Gli articoli devono essere verificati

Dopo la prima stesura, le informazioni e le fonti vengono esaminate da un altro o da un'altra professionista.

Gli articoli devono essere chiari

L'articolo viene rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e l'assimilazione dei concetti.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Luca Barbieri

Psicologo clinico di Milano

Ordine degli Psicologi della Lombardia num. 23251

Psicologo clinico. Ha una laurea in scienze psicologiche e una in psicologia criminologica e forense. Sta svolgendo il percorso di specializzazione in psicoterapia presso l'istituto CIPA di Milano.

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Si occupa di divulgazione scientifica e comunicazione scritta e video in ambito di salute mentale, psicologia e psichiatria. E' membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo Studio del Trauma e della Dissociazione).