Psicologia Vs Psichiatria: le differenze di diagnosi e trattamento

Aggiornato il 19 ottobre 2021

La psicologia e la psichiatria si occupano entrambe di come funziona la mente e, come tali, hanno molti principi e pratiche in comune. Questo spesso rende difficile la differenziazione tra i due. Infatti, non è insolito trovare persone che presumono che i due campi siano la stessa cosa, il che porta all’abitudine comune di usare i termini in modo intercambiabile.

Mentre la psicologia e la psichiatria sono abbastanza simili e spesso lavorano in tandem per fornire la migliore assistenza ai pazienti, hanno diverse differenze chiave. In questo articolo, confronteremo la psicologia e la psichiatria per mostrare come queste differenze possono influenzare la diagnosi e il trattamento di un individuo.

Occhiali su blocco noteFonte: unsplash.com

Qual è la differenza?

Come discuteremo in questo articolo, ci sono una serie di differenze tra psicologi e psichiatri. In generale, la differenza più importante è che gli psicologi trattano i pazienti con la terapia della parola e gli psichiatri con procedure mediche e farmaci da prescrizione. L’approccio giusto per ogni individuo può dipendere dalla sua condizione, dalla gravità della condizione, dalle sue preferenze personali, dalla sua area geografica e dalla sua capacità di pagare.

Quali sono le somiglianze?

Nel corso di questo articolo, vedremo anche che ci sono una serie di similitudini tra psicologi e psichiatri. La cosa più importante è che entrambi lavorano per aiutare i pazienti a superare gli ostacoli mentali ed emotivi per vivere una vita felice e sana. Infatti, spesso lavorano insieme per raggiungere questo obiettivo.

Cos’è la psicologia?

La psicologia viene definita come “lo studio scientifico del comportamento degli individui e dei loro processi mentali”. In altre parole, la psicologia si concentra sulla società nel suo complesso e sulle interazioni tra gli individui.

Cos’è la psichiatria?

La psichiatria viene definita come “incentrata sulla diagnosi, il trattamento e la prevenzione dei disturbi mentali, emotivi e comportamentali”. In altre parole, la psichiatria è una scienza medica che considera il contesto sociale e biologico degli individui.

La differenza tra psicologia e psichiatria A colpo d’occhio

  • Sia gli psicologi che gli psichiatri sono medici.
  • Entrambi i campi comportano uno studio e una formazione intensivi.
  • Entrambi i professionisti hanno accesso ad alcuni degli stessi strumenti diagnostici.
  • Gli psicologi sono specializzati in una serie di terapie di conversazione.
  • Nella maggior parte degli stati, solo gli psichiatri possono prescrivere farmaci.
  • Gli psichiatri possono usare trattamenti fisici, come la terapia d’urto.
  • Gli psichiatri gestiscono i casi di salute mentale più gravi.

Psichiatra che sorrideFonte: unsplash.com

Psicologia Vs Psichiatria – Educazione e Formazione

Sia gli psichiatri che gli psicologi sono medici che hanno completato corsi intensivi che combinano istruzione e formazione. In breve, gli psichiatri sono medici che hanno ricevuto la distinzione di M.D. o D.O. Gli psicologi, invece, hanno completato un dottorato che dà loro il diritto di essere chiamati “Dottore” e hanno ricevuto il Ph.D. o il Psy.D.

Per fornire maggiori dettagli, Gli psichiatri iniziano la loro carriera con la stessa educazione medica di tutti gli altri medici. Imparano tutto sui diversi sistemi del corpo, comprese le varie malattie che possono colpire questi sistemi e come queste malattie possono essere identificate e trattate. Seguono corsi di anatomia, scienze comportamentali, biochimica, neuroscienze e psichiatria, tra molti altri. Inoltre, sono esposti a lavorare in un minimo di sei aree specialistiche. Lasciano la scuola medica con una laurea in medicina e, a questo punto, sono conosciuti come un Dottore in Medicina (M.D.) o un Dottore in Medicina Osteopatica (D.O.).

Per specializzarsi in psichiatria, i medici passano anche almeno quattro anni concentrandosi sulla psichiatria nella formazione di residenza. Come parte di questa residenza, si allenano in una varietà di impostazioni mediche con pazienti di tutte le fasce di età, ottenendo l’esposizione alla diversità dei problemi di salute mentale che i pazienti affrontano. Alcuni scelgono di proseguire gli studi in una sottospecialità, come la psichiatria infantile e adolescenziale, la psichiatria forense o la psichiatria delle dipendenze.

Gli psicologi seguono un percorso diverso. Devono prima completare gli studi di dottorato, in genere guadagnando un dottore in filosofia (Ph.D.) o un dottore in psicologia (Psy.D.). In seguito, i laureati sono tenuti a soddisfare una residenza di uno o due anni. Questo fornisce loro un ambiente pratico dove possono acquisire esperienza nei metodi di trattamento e nelle tecniche di risoluzione dei problemi.

Diversi stati hanno diversi requisiti per gli psicologi. In alcuni stati, devono lavorare uno o due anni in più sotto la guida e la supervisione di un professionista della salute mentale autorizzato prima di essere pienamente riconosciuti come psicologi. Le aree di specializzazione all’interno della psicologia includono la psicologia clinica, la psicologia comportamentale e cognitiva, e la psicologia della famiglia.

In sintesi, quando si tratta di istruzione e formazione, la differenza principale tra psicologi e psichiatri è il focus dei loro studi. Tuttavia, entrambi si occupano del perché le persone pensano e si comportano nel modo in cui lo fanno.

Ragazza laureataFonte: unsplash.com

Psicologia Vs Psichiatria – Diagnosticare i problemi del paziente

C’è una grande differenza nel modo in cui entrambi i campi diagnosticano i problemi di salute mentale di un paziente, principalmente a causa delle differenze nella loro educazione e formazione. In base ai loro studi, uno psichiatra cercherà spiegazioni fisiche o chimiche, mentre uno psicologo cercherà spiegazioni sociali o personali.

Sia gli psichiatri che gli psicologi usano una varietà di test e valutazioni psicologiche. Gli psicologi, tuttavia, ricevono un’ampia formazione nella somministrazione e nell’interpretazione di questi test. Fanno anche uso del DSM-5.

Psicologia Vs Psichiatria – Opzioni di trattamento

In questa sezione, discuteremo le tre opzioni di trattamento più comuni.

Farmaci

Come medici formati, gli psichiatri sono legalmente autorizzati a prescrivere farmaci. Gran parte del lavoro che fanno con i pazienti si concentra sul trattamento degli squilibri chimici nel cervello e sulla gestione dei farmaci. Naturalmente, la loro formazione medica significa che gli psichiatri prenderanno in considerazione altri fattori. Attraverso un esame fisico e possibili test, cercheranno di eliminare altre possibili cause per la condizione del paziente prima di prescrivere un ciclo di farmaci.

Nella maggior parte degli stati, gli psicologi che vogliono che un paziente inizi un trattamento farmacologico o che rivalutino il loro attuale dosaggio devono indirizzare il paziente ad uno psichiatra o ad un altro medico. Tuttavia, grazie al lavoro pioneristico di psicologi come Jack Wiggins Jr. ci sono attualmente una manciata di paesi nel mondo in cui gli psicologi possono prescrivere alcuni farmaci psichiatrici. C’è anche una spinta per più stati a seguire l’esempio e ampliare la portata dei trattamenti che gli psicologi possono offrire ai loro pazienti. Questo è importante perché molti disturbi emotivi e mentali comuni sono trattati in modo più efficace ed efficiente con una combinazione di terapia e farmaci.

Psicoterapia

La psicoterapia, che è anche conosciuta come talk therapy, consiste nel parlare con i pazienti dei problemi che stanno affrontando e aiutarli a:

  • Identificare le circostanze della loro vita (come il divorzio o la morte di una persona cara) che stanno contribuendo al loro problema di salute mentale.
  • Diventare consapevoli di qualsiasi comportamento o emozione che sta contribuendo alla loro condizione.
  • Fare uso di tecniche di modifica del comportamento.
  • Sviluppare strategie di coping sane e tecniche appropriate di risoluzione dei problemi.

Lo scopo ultimo della psicoterapia è aiutare i pazienti a riscoprire il piacere della vita ripristinando il loro senso di controllo.

Sia gli psichiatri che gli psicologi praticano varie forme di psicoterapia, che possono includere il lavoro con individui, coppie, famiglie o gruppi di persone che condividono problemi simili. La differenza nel loro lavoro deriva dal fatto che gli psichiatri si occupano principalmente di trattamenti medici e farmaci, mentre gli psicologi sono (di solito) esclusivamente concentrati sulla psicoterapia. Non è raro che uno psichiatra riferisca i pazienti a uno psicologo, in modo che possano beneficiare della specifica area di competenza dello psicologo in psicoterapia.

Gli psicologi si impegnano in molti tipi di terapia della parola, a seconda di quale approccio o combinazione di approcci pensano possa aiutare maggiormente un particolare paziente.

  • Psicoanalisi – Questo metodo si concentra sull’aiutare i pazienti a scoprire, esaminare e imparare a far fronte a pensieri ed emozioni represse che possono essere sepolte in profondità nella loro mente inconscia. È un metodo approfondito di psicoterapia che si è dimostrato efficace per i pazienti che si occupano di depressione, disturbi della personalità, problemi di relazione persistenti, lotte emotive e traumi, così come modelli di comportamento nevrotici e autodistruttivi.
  • Terapia cognitivo-comportamentale (CBT) – Questa modalità di psicoterapia cerca di cambiare il modo in cui i pazienti si comportano in situazioni difficili cambiando i loro modelli di pensiero. CBT è un approccio a breve termine utilizzato per trattare i problemi attuali che i pazienti stanno affrontando, come l’ansia, lo stress, la rabbia e i disturbi alimentari.
  • Terapia cognitivo-analitica (CAT) – Usando la CAT, uno psicoterapeuta aiuta i pazienti a identificare le prime esperienze che possono contribuire ai loro attuali problemi di salute mentale. Per esempio, una genitorialità eccessivamente controllante porta tipicamente a una natura eccessivamente ribelle nell’adolescenza o nell’età adulta. I pazienti in CAT sono attivamente coinvolti nel processo, aiutando a sviluppare strategie che freneranno i loro comportamenti disadattivi.
  • Terapia della Gestalt – Questa forma di psicoterapia centrata sul cliente è spesso usata per i pazienti che hanno difficoltà di relazione, depressione, ansia e bassa autostima. Ha anche dimostrato di avere effetti positivi nei casi in cui lo stress emotivo dei pazienti si manifesta fisicamente attraverso emicranie e spasmi alla schiena. La terapia della Gestalt incoraggia a portare in superficie questioni forse dolorose usando metodi come il teatro o l’arte, in modo che possano essere affrontate positivamente in un ambiente in cui i pazienti si sentono sicuri e protetti.
  • Ipno-psicoterapia – Questo è definito come l’uso clinico dell’ipnosi per aumentare gli interventi psicoterapeutici. È destinata al trattamento di problemi psicologici profondi e malattie psichiatriche attraverso l’attenzione selettiva e le esperienze suggerite. L’ipno-psicoterapia è spesso combinata con la CBT in un trattamento noto come ipnoterapia cognitivo/comportamentale (CBH).
  • Danza/Terapia del movimento (DMT) – Questa è una terapia espressiva, e in alcuni casi è indicata come psicoterapia del movimento. Si basa sulla relazione ben studiata tra movimento ed emozione. La danza/movimento terapia è talvolta applicata nel trattamento dei disturbi alimentari e della scarsa immagine di sé.
  • Arteterapia – Questa è un’altra forma espressiva di terapia in cui l’arte è usata per liberare le emozioni dei pazienti. Inoltre, l’arte che i pazienti producono è valutata dal terapeuta per i segni sottostanti di un problema di salute mentale. È spesso usata nel trattamento di bambini e adolescenti, ma si è dimostrata efficace anche per gli adulti.
  • Terapia integrativa o olistica – Questa è praticata da alcuni psicologi che ritengono che una fusione di diverse terapie sia il miglior approccio da adottare con un particolare individuo.

Trattamenti fisici

Come medici, gli psichiatri sono addestrati in una serie di trattamenti fisici che possono essere utilizzati con i pazienti. Tuttavia, questi sono più spesso riservati a casi gravi di malattia mentale, e alcuni trattamenti sono noti per essere controversi.

Alcuni trattamenti elencati dall’American Psychiatric Association includono:

  • Terapia elettroconvulsivante (ECT) – Conosciuta anche come terapia d’urto, comporta l’uso di correnti elettriche al cervello per indurre convulsioni al fine di trattare la depressione grave catatonia e mania.
  • Stimolazione magnetica transcranica (TMS) – Questo è l’uso non invasivo di un generatore di campo magnetico per stimolare alcune aree del cervello. È stata usata efficacemente in pazienti la cui depressione grave non risponde ai farmaci.
  • Stimolazione cerebrale profonda (DBS) – In questo trattamento, un neurostimolatore (un pacemaker cerebrale) viene impiantato nel cervello del paziente. Gli impulsi elettrici sono poi utilizzati per trattare condizioni come il disturbo ossessivo-compulsivo (OCD).
  • Stimolazione del nervo vago (VNS) – Questo è un altro trattamento in cui la stimolazione elettrica viene applicata al cervello per trattare la depressione resistente ai farmaci.
  • Terapia della luce– Questa tecnica relativamente nuova è usata per trattare sia la depressione stagionale che quella non stagionale.

Psicologia Vs Psichiatria – Quale è giusto per te?

Quando stai cercando di decidere se usare la psichiatria o la psicologia per trattare un problema di salute mentale, ci sono due fattori importanti da tenere a mente.

  • Gravità e tipo di condizione di salute mentale

Gli psichiatri spesso si occupano delle malattie mentali più complesse. Queste includono la schizofrenia, la depressione grave, l’avere pensieri altamente irrazionali e il disturbo bipolare, così come le condizioni che sono fisicamente disabilitanti per il paziente. Gli individui che hanno tendenze suicide, sia che stiano avendo pensieri suicidi o che abbiano tentato il suicidio, saranno di solito trattati da uno psichiatra invece che da uno psicologo. Tuttavia, nel caso di problemi comportamentali, forme lievi di depressione, ansia, fobie o difficoltà di apprendimento, le competenze di uno psicologo possono essere le più appropriate.

  • Approccio con cui ti senti più a tuo agio

La differenza nel modo in cui la psicologia e la psichiatria approcciano il trattamento significa che alcune persone si sentiranno naturalmente più a loro agio con uno piuttosto che con l’altro. Per esempio, le persone che sono caute sugli effetti collaterali dei farmaci o sull’assunzione di farmaci in generale tenderanno a gravitare verso i servizi di uno psicologo.

Inoltre, il trattamento da parte di uno psicoterapeuta è di solito più intensivo in termini di tempo perché spesso richiede sessioni settimanali, e le sessioni sono normalmente più lunghe di quelle con uno psichiatra. Gli psichiatri generalmente vedono i pazienti per sessioni più brevi su un programma settimanale o mensile per concentrarsi sulla gestione dei farmaci.

Sfortunatamente, molte persone prendono la loro decisione anche in base alla loro posizione geografica e alla capacità di pagare. Anche in aree molto rurali, la maggior parte delle persone avrà accesso – o almeno, un migliore accesso – ai farmaci che alle terapie di conversazione. È anche più probabile che i farmaci siano coperti dall’assicurazione. Tuttavia, ci sono diverse opzioni di psicoterapia (come la terapia online) che costano più o meno quanto le spese dell’assicurazione.

Andare avanti

Speriamo che questo confronto tra psicologi e psichiatri vi aiuti a determinare quale sia quello giusto per voi. In caso di dubbio, mettetevi in contatto con un professionista che possa  quale opzione è migliore. È sempre importante ottenere l’aiuto e il sostegno che meriti.


Due parole sul nostro processo di revisione

I video, i post e gli articoli non possono sostituire un percorso di supporto psicologico, ma a volte rappresentano il primo o l'unico modo per interpretare un problema o uno stato d'animo. Per i contenuti del nostro blog che trattano argomenti legati a sintomi, disturbi e terapie, abbiamo deciso di introdurre un processo di revisione fondato su tre principi.

Gli articoli devono essere approfonditi

La prima stesura è fatta da uno/una psicoterapeuta con almeno 2.000 ore di esperienza clinica.

Gli articoli devono essere verificati

Dopo la prima stesura, le informazioni e le fonti vengono esaminate da un altro o da un'altra professionista.

Gli articoli devono essere chiari

L'articolo viene rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e l'assimilazione dei concetti.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Luca Barbieri

Psicologo clinico di Milano

Ordine degli Psicologi della Lombardia num. 23251

Psicologo clinico. Ha una laurea in scienze psicologiche e una in psicologia criminologica e forense. Sta svolgendo il percorso di specializzazione in psicoterapia presso l'istituto CIPA di Milano.

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Si occupa di divulgazione scientifica e comunicazione scritta e video in ambito di salute mentale, psicologia e psichiatria. E' membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo Studio del Trauma e della Dissociazione).