Terapia umanistica: definizione e tecniche

Aggiornato il 27 ottobre 2021

L’umanesimo è una scuola di pensiero che riconosce il bene nelle persone come individui. Mentre questo suona meraviglioso in teoria, può essere difficile immaginare come si traduce in una situazione di terapia. Se avete bisogno di risolvere un problema personale o di salute mentale, potreste considerare di parlare con un terapeuta umanistico. Comprendere la definizione di terapia umanistica e le sue componenti e tecniche è un buon punto di partenza.

donna guarda fuori dalla finestra

Questo sito è di proprietà e gestito da Serenis, che riceve tutte le tasse associate alla piattaforma.
Fonte: unsplash.com

Cos’è la terapia umanistica?

Allora, cos’è la terapia umanistica? Cosa sottolinea e quali tipi di problemi può aiutare a risolvere? Il seguente breve sguardo ad una definizione di terapia umanistica e le idee che stanno dietro quella definizione possono aiutarti a capire.

La terapia umanistica è un trattamento psicologico che si basa sulla teoria che gli esseri umani sono buoni e hanno il potere di prendere le proprie decisioni. Riconosce anche che gli esseri umani hanno certi bisogni che devono essere soddisfatti e che ognuno può trarre beneficio dall’accettare la responsabilità di soddisfare tali bisogni.

Concentrarsi su tratti e comportamenti positivi

Piuttosto che enfatizzare i modi in cui una persona è disfunzionale o “meno che”, la terapia umanistica si concentra sui vostri attributi positivi. Il terapeuta vi guida nello sviluppo di comportamenti sani invece di soffermarsi sugli aspetti negativi della vostra vita. Sei visto come una persona buona, potente e creativa. Quando impari a vederti da questa prospettiva positiva, diventi più capace e di successo nel risolvere i tuoi problemi.

Concentrarsi sull’intuizione personale

La terapia umanistica presuppone che tu abbia la saggezza e possa acquisire la conoscenza per affrontare i tuoi problemi da solo. Certamente, il terapeuta è lì per aiutarvi a trovare le risposte alle vostre sfide di salute mentale. Tu prendi queste decisioni in base alla tua intuizione e al tuo senso del giusto e dello sbagliato.

Concentrarsi sulla soddisfazione dei propri bisogni

Quando parlate con un terapeuta umanistico, vi guida mentre scoprite quali dei vostri bisogni sono insoddisfatti. Poi, facilita la tua ricerca per soddisfare quei bisogni per te stesso. Il terapeuta non è lì per spingerti o dirti cosa fare. È lì solo per ascoltarti, fornire una cassa di risonanza per te, e aiutarti a capire che hai il potere di fare i cambiamenti necessari per soddisfare quei bisogni.

uomo in montagna
Fonte: unsplash.com

Concentrati sul raggiungimento dei tuoi obiettivi

Mentre molte persone iniziano la terapia per superare un problema, altre ci vanno perché vogliono avere più successo o essere più felici. Abram Maslow, uno psicologo umanista, ha dichiarato che l’autorealizzazione non è solo un desiderio, ma è un bisogno comune a tutti gli esseri umani. L’autorealizzazione significa diventare il tuo miglior io. I terapeuti umanistici riconoscono che l’autorealizzazione è qualcosa che si deve realizzare da soli.

Problemi affrontati nella terapia umanistica

Potresti essere sorpreso dalla gamma di problemi che possono essere trattati attraverso la terapia umanistica. Questo tipo di terapia non ignora questi problemi. Al contrario, li riconosce come indicazioni che avete dei bisogni che dovete soddisfare per essere mentalmente sani e felici. La seguente lista non è completa, e ci sono altri problemi che possono beneficiare della terapia umanistica.

  • Depressione
  • Disturbi di panico
  • Ansia
  • Disturbi della personalità
  • Schizofrenia
  • Dipendenza
  • Problemi di relazione
  • Problemi familiari
  • Sviluppo personale

Tecniche di terapia umanistica

I terapeuti umanistici si basano su una prospettiva positiva piuttosto che su un sacco di tecniche stravaganti. Le tecniche elencate di seguito sono modi di guardare a te e ai tuoi problemi. Ti aiutano a trovare le soluzioni per le tue lotte.

Tecniche di ascolto del terapeuta

Usando tecniche di ascolto attivo, il terapeuta ti tiene impegnato nella sessione di terapia. Mostrano che stanno ascoltando con semplici frasi ed espressioni facciali. Se non capiscono qualcosa che hai detto, potrebbero chiederti di parlarne meglio. Potrebbero anche dirvi cosa hanno sentito e chiedervi se hanno capito bene. Ti incoraggiano lungo tutto il percorso.

Oltre ad ascoltare attivamente, il terapeuta umanistico ascolta senza giudicare. Poiché l’umanesimo ti riconosce come una persona buona, i terapeuti umanistici ti permettono di lavorare attraverso i tuoi pensieri disadattivi durante la terapia mentre ti aiutano a trovare il bene dentro di te.

Supponendo che tu sia buono

Sì, la terapia umanistica opera sotto il presupposto che tu sei buono. Sei abbastanza buono per superare qualsiasi problema o sfida che hai o, almeno, per imparare ad affrontarli in modo sano. Nella terapia umanistica, non sei etichettato in base alle sfide di salute mentale che affronti. Non è quello che sei per un terapeuta umanistico. Invece, sei una brava persona che affronta una situazione difficile.

Riconoscere il tuo potere di decidere

Quando state affrontando un problema di salute mentale o una crisi, potreste sentirvi impotenti a superarla. Potreste sentire che qualcun altro o qualche circostanza deve essere cambiata per voi prima che possiate ottenere sollievo. Tuttavia, la terapia umanistica riconosce e ti aiuta a realizzare il tuo potere in qualsiasi situazione. Anche se non puoi cambiare la persona o la situazione, puoi decidere come reagire ad essa. Questo potere di decidere è un fondamento della terapia umanistica.

Trattarti come una persona intera

Alcuni tipi di terapia si occupano di un aspetto di chi sei. La terapia cognitivo-comportamentale lavora solo con i tuoi pensieri e comportamenti. La terapia della realtà virtuale enfatizza le tue risposte alle minacce percepite. La terapia umanistica, però, è una terapia della Gestalt in quanto ti tratta come una persona intera – una persona che percepisce, pensa, si comporta, crede e ha specifici bisogni umani. Tu sei una combinazione di aspetti fisici, mentali, emotivi e spirituali che costituiscono la totalità di ciò che sei.

Riconoscerti come individuo

La terapia umanistica non cerca di categorizzarti. Riconosce che non ci sono due persone esattamente uguali. Costruendo sulla tua unicità, puoi sbocciare in una bella espressione di bontà umana che non esiste da nessun’altra parte se non dentro di te. Non solo sei un individuo unico, ma sei quello più adatto a risolvere i tuoi problemi.

donna felice
Fonte: unsplash.com

Affrontare i problemi nel qui e ora

Alcune terapie si concentrano sulla risoluzione di problemi del passato. Questo potrebbe essere importante per te, e se è così, potresti aver bisogno di scegliere un altro tipo di terapia per affrontare traumi o abusi del passato. La terapia umanistica si occupa dei problemi nel qui e ora, mentre stanno accadendo. Se quello che stai facendo ora è un’espressione di un problema del passato, puoi scegliere diversamente dove ti trovi, nel momento presente.

Identificare i tuoi bisogni

Una delle cose più importanti da fare nelle sedute di terapia umanistica è arrivare al fondo di ciò di cui hai bisogno nella vita. Il tuo terapeuta potrebbe farti delle domande aperte per incoraggiarti a parlare dei tuoi problemi e trovare i bisogni insoddisfatti che si nascondono dietro quelle sfide. Non è sempre facile riconoscere i vostri bisogni, ma un terapeuta può spingervi a guardare più a fondo ai vostri problemi di salute mentale fino a trovare il vostro bisogno sottostante.

Accettare la responsabilità

Nella tradizione umanistica, ognuno deve accettare la responsabilità di soddisfare i propri bisogni. Quando si fa questo, ci si libera di trovare soluzioni dove prima non sembrava esistere. Invece di incolpare gli altri per i tuoi problemi, riconosci la parte che giochi, sia che si tratti di creare il problema o di non affrontarlo in modo positivo e produttivo. La cosa meravigliosa dell’accettare la responsabilità è che quando lo fai, ottieni il controllo e il potere sulle tue risposte al problema.

Trovare soluzioni

Il vostro terapeuta non vi dirà cosa fare della vostra situazione. Questo in parte perché riconosce che siete voi a vivere con le conseguenze delle vostre scelte. È anche perché tu ti conosci meglio di chiunque altro, quindi sei nella posizione migliore per decidere cosa è giusto per te.

Un terapeuta umanistico è tipicamente molto consapevole dei propri confini professionali. Questo è importante nella terapia umanistica perché la terapia ha lo scopo di aiutarvi a trovare le vostre soluzioni. Quindi, piuttosto che offrire soluzioni, è più probabile che il terapeuta faccia domande che vi aiutino ad accedere alle vostre capacità creative di risoluzione dei problemi.

Connettersi con un terapeuta umanistico

Se la terapia umanistica ha senso per voi come un modo utile per affrontare le vostre sfide di salute mentale, potreste voler iniziare la terapia con un terapeuta in persona o online che pratica questo stile di. Se stai considerando la terapia online. Puoi scegliere tra i terapeuti su Serenis. Molti dei terapeuti di Serenis praticano metodi umanistici.

Conclusione

Quando arrivate a capire voi stessi sotto una luce più positiva, potete prendere in mano le vostre risposte allo stress e alle situazioni negative. Quando sarai in terapia da poco tempo, avrai già iniziato a fare i cambiamenti necessari per migliorare i tuoi pensieri, i tuoi comportamenti e la tua salute fisica. I tuoi problemi sono gestibili, hai solo bisogno degli strumenti giusti. Fai il primo passo oggi.

Bibliografia e Approfondimenti

  • Griffin, Joe; Tyrrell, Ivan (1998). Psychotherapy, Counselling and the Human Givens (Organising Idea).
  • Maslow, A. H. (1943). “A theory of human motivation”. Psychological Review.
  • Deci, Edward L.; Ryan, Richard M. (1985). Intrinsic Motivation and Self-Determination in Human Behavior. 

Questa pagina è stata verificata

I nostri contenuti superano un processo di revisione in tre fasi.

Scrittura

Ogni articolo viene scritto o esaminato da uno psicoterapeuta prima di essere pubblicato.

Controllo

Ogni articolo contiene una bibliografia con le fonti citate, per permettere di verificare il contenuto.

Chiarezza

Ogni articolo è rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e la comprensione.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Rosario Urbani

Psicoterapeuta specializzato in cognitivo comportamentale

Ordine degli Psicologi della Campania num. 6653/A

Laureato in Neuroscienze presso la Seconda Università di Napoli. Specializzato presso l’istituto Skinner in psicoterapia cognitivo comportamentale. Analista del comportamento ABA e specializzato anche nella tecnica terapeutica dell'EMDR.

reviewer

Dott.ssa Maria Vallillo

Psicoterapeuta specialista in Lifespan Developmental Psychology

Ordine degli Psicologi del Lazio num. 25732

Laurea in Psicologia presso l'Università degli Studi di Chieti. Specializzazione in psicoterapia e psicologia del ciclo di vita presso l’Università la Sapienza di Roma. Esperta in neuropsicologia e psicodiagnostica e perfezionata in psico-oncologia.