Sei in una relazione abusiva?

Aggiornato l’1 settembre 2021

cattiva relazione

Questo sito è di proprietà e gestito da Serenis, che riceve tutti i compensi associati alla piattaforma.
Fonte: unsplash.com

Si può facilmente capire se si è in una relazione abusiva, giusto? Forse, forse no. Devi avere due conoscenze prima di poter capire se la tua relazione è davvero abusiva. In primo luogo, devi sapere che aspetto ha l’abuso e come si manifesta nelle relazioni. Secondo, dovete essere in grado di prendere le distanze dalla vostra situazione per poterla valutare obiettivamente. Quando combini questi due fattori per valutare la tua relazione, potresti essere sorpreso di scoprire che il tuo partner sta davvero abusando di te.

Quando l’abuso non è fisico

L’abuso fisico è abbastanza facile da individuare. Il tuo partner può darti un pugno, un calcio o afferrarti con forza. Può romperti le ossa o tagliarti. Potresti finire spesso al pronto soccorso o nell’ufficio del dottore. Tuttavia, non tutti gli abusi sono fisici. Una relazione emotivamente abusiva non ti farà finire in ospedale, ma può certamente rovinare la tua salute mentale.

Chi è l’abusante?

I segni di una relazione abusiva derivano dalle caratteristiche degli abusanti. Quando il vostro partner è violento con voi, è probabile che mostri uno o tutti questi tratti e comportamenti:

  • Vedono gli altri come una loro proprietà privata. Usano molto il mio, il mio, come il mio amico laggiù invece di usare il suo nome
  • Sono intensamente gelosi.
  • Sono crudeli con gli animali e/o i bambini fisicamente/verbalmente
  • Sono imprevedibili. Ti senti in guardia per la maggior parte del tempo
  • Hanno un temperamento caldo. Si arrabbiano facilmente per quasi tutto
  • Gli piace controllare il comportamento degli altri. Fai come dico io o altrimenti
  • Hanno nozioni antiquate sui ruoli di uomini e donne.

È interessante notare che ciò che spesso accade in una relazione abusiva è che una persona dice di essere abusata e poi l’altra segue dicendo che no, è lei ad essere abusata. Questa situazione si è verificata recentemente online con la storia della relazione abusiva di Markiplier. Markiplier, una specie di video comico, ha detto che la sua ragazza ha abusato di lui. Poi ha creato un video sulle relazioni abusive. Più tardi, la sua ex ragazza ha controbattuto con storie su come Markiplier aveva abusato di lei.

Alcune relazioni sono abusive da entrambe le parti. Un’altra possibilità è che chi abusa sia solo sulla difensiva e cerchi di generare simpatia per se stesso. Se sei stato abusato, allora è importante essere consapevoli che anche tu potresti essere accusato di abuso. Sii pronto a difenderti, qualunque cosa accada. Un modo per prepararsi è parlare con un terapeuta prima di porre fine alla relazione emotivamente o verbalmente abusiva.

problemi di coppia
Fonte: unsplash.com

Segni all’interno della relazione

I segnali di relazione abusiva nel contesto della relazione includono tutti i modi malsani in cui il tuo abusante interagisce con te. Invece di rispettare i tuoi sentimenti e i tuoi diritti come individuo, ti trasformano in un possesso che possono manipolare e controllare per ottenere ciò che vogliono. Notare i seguenti segni di una relazione abusiva può aiutarvi a capire che non siete trattati in modo equo.

  • Ti obbligano a fare sesso quando tu non vuoi.
  • Ti incolpano quando succede qualcosa di brutto.
  • Ti sabotano al lavoro o a scuola.
  • Controllano le vostre finanze comuni.
  • Ti accusano di provarci con altri o di avere una relazione.
  • Non ti lasciano scegliere i tuoi vestiti o altri beni.
  • Controllano completamente dove vai e chi vedi.
  • Ti umiliano in pubblico o quando siete soli insieme.
  • Ti mettono in imbarazzo di proposito davanti ad altre persone.
  • Ti mentono e poi ti fanno dubitare della tua sanità mentale.

Segni dentro di te

Potreste anche vedere i segni di una relazione emotivamente abusiva nei vostri sentimenti, pensieri, parole e comportamenti. Fatti le seguenti domande e poi considera se le tue reazioni sono state provocate dal modo in cui l’abusante ti ha trattato.

  • Sono una persona che vale?
  • Sono intelligente?
  • Sono sano di mente?
  • Sono degno di fiducia?
  • Piaccio agli altri?
  • Sono buono come gli altri?

Mentre le risposte negative alle domande di cui sopra potrebbero derivare da idee che hai maturato nella tua infanzia, potrebbero anche derivare dal modo in cui il tuo attuale abusante ti parla e si comporta con te. Chiediti se hai sempre avuto queste opinioni di te stesso o se sono iniziate solo quando sei entrato nella relazione. Inoltre, chiediti come ti sentiresti se qualcuno dicesse o facesse le stesse cose per far sentire qualcun altro male con se stesso. Se non permettereste a un vostro amico, a vostro figlio o a un vostro genitore di essere trattato in quel modo, non permettete nemmeno a voi stessi di essere trattati in quel modo.

cuore spezzato

Fonte: unsplash.com

Oltre ai vostri pensieri negativi su voi stessi quando siete in una relazione abusiva, anche i vostri comportamenti potrebbero riflettere i segni che siete in una relazione verbalmente abusiva. Per esempio, potresti abbassare lo sguardo invece di guardare le persone negli occhi. Potresti sentirti come se stessi camminando su gusci d’uovo, quindi diventi molto silenzioso, cercando di evitare di dire le parole sbagliate. Potresti smettere di provare cose nuove, perché chi ha abusato di te ti ha fatto sentire come se fossi troppo inadeguato per riuscire in qualcosa.

Ottenere una risposta rapida

A volte è difficile decifrare tutte le parole e i comportamenti che compongono una relazione abusiva. Per avere una risposta veloce sul fatto che ci siano dei segni che indicano che si è in una relazione abusiva, si può fare un quiz sulle relazioni abusive. Puoi trovare un test del genere online e farlo da solo. Per avere una risposta più completa su quanto e quale tipo di abuso stai subendo, un terapeuta può darti uno di questi diversi test. Condurrà anche un’intervista con te per scoprire i problemi unici della tua relazione. Il terapeuta vi aiuterà a rispondere alla domanda “Sono in una relazione di abuso emotivo?

Ottenere informazioni e sostegno

Un terapeuta professionista può darvi molte informazioni sulle relazioni abusive. Se arrivate a un punto in cui potete dire “Sono in una relazione abusiva” con fiducia, possono aiutarvi a imparare di più su cosa aspettarvi e cosa dovete fare da lì. Possono condividere storie di relazioni violente che ti aiutano a vedere quanto sia ingiusto l’abuso e perché hai bisogno di allontanarti dalla relazione immediatamente.

Possono condividere citazioni sulle relazioni di abuso per ispirarti a lasciare la relazione e ricominciare da capo. Inoltre, ti sostengono convalidando i tuoi sentimenti, spiegandoti che hai tutto il diritto e la ragione di sentirti come ti senti riguardo all’abuso. Possono anche indicarti delle risorse di sostegno all’interno della tua comunità.

Come lasciare una relazione abusiva

In molti casi una relazione abusiva non può essere resa sana. È improbabile che chi abusa si impegni a cambiare le proprie convinzioni e i propri comportamenti. Infatti, probabilmente non si accorgerà nemmeno che c’è qualcosa di sbagliato nel modo in cui ti tratta, o almeno non lo ammetterà. Quando avete bisogno di sapere la migliore risposta su come lasciare una relazione abusiva, la vostra migliore prima fonte di aiuto è un terapeuta autorizzato. Possono aiutarvi a capire la necessità di andare avanti con la vostra vita e insegnarvi come uscire da una relazione emotivamente abusiva.

donna pensierosa
Fonte: unsplash.com

Risolvere i problemi mentre si impara ad uscire da una relazione abusiva

Diversi tipi di problemi possono sorgere quando si lavora per imparare come uscire da una relazione abusiva. Se sei diventato dipendente, come lo diventano molte persone che hanno subito abusi, dovrai sviluppare le tue capacità di sopravvivenza e lavorare sulla tua autostima.

Un altro problema è che una volta che sei stato abusato, potresti trovarti attratto da nuovi abusanti. Le stesse qualità che ti hanno impressionato con il tuo primo abusante possono sembrare di nuovo attraenti, specialmente se non sei ancora consapevole del modo in cui ti tratteranno una volta che avrete una relazione, ed è qui che un terapeuta può aiutarti a riconoscere quelle qualità che ti hanno impressionato con l’abusante.

Risolvere questi problemi vi aiuterà a diventare più forti e indipendenti in modo che possiate farcela da soli fino a quando ne avrete bisogno e fino a quando sarà ciò che vi renderà felici. Di solito, però, si tratta di problemi piuttosto complessi e può essere difficile risolverli da soli.

Ottenere aiuto per lasciare una relazione abusiva

Nel momento in cui iniziate a mettere in dubbio di essere in una relazione abusiva o in qualsiasi momento successivo, potete iniziare il processo di lasciare chi vi maltratta. È un compito difficile, specialmente se la relazione è andata avanti per molto tempo. Poiché ti trovi di fronte a una sfida così importante, ricevere aiuto può aumentare le tue possibilità di porre fine con successo all’abuso e vivere la vita che vuoi.

donna triste
Fonte: unsplash.com

Il primo passo sarà riconoscere l’abuso. Un terapeuta può aiutarvi a distinguere le parole e i comportamenti che potrebbero essere innocenti da quelli che sono abusivi e dannosi. Possono darvi una prospettiva fresca e obiettiva sulla relazione e aiutarvi a determinare se è effettivamente abusiva.

Se sei vittima di abusi in una relazione, il passo successivo è quello di diventare più forte dentro di te in modo da poter lasciare la relazione. Avrete bisogno del sostegno di qualcuno che sappia mostrare compassione e cura e allo stesso tempo vi dia gli strumenti e la guida per uscire dalla relazione.

I terapeuti autorizzati sono sempre disponibili su Serenis.it per una psicoterapia online a pagamento a tuo piacimento. Ci vuole solo un momento per iniziare. Puoi ottenere l’aiuto di cui hai bisogno senza aspettare settimane o addirittura mesi come potresti dover fare con un terapeuta locale. La strada verso la libertà dall’abuso non è sempre liscia, ma con il giusto aiuto, puoi trovare la tua strada.


Questa pagina è stata verificata

I nostri contenuti superano un processo di revisione in tre fasi.

Scrittura

Ogni articolo viene scritto o esaminato da uno psicoterapeuta prima di essere pubblicato.

Controllo

Ogni articolo contiene una bibliografia con le fonti citate, per permettere di verificare il contenuto.

Chiarezza

Ogni articolo è rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e la comprensione.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Rosario Urbani

Psicoterapeuta specializzato in cognitivo comportamentale

Ordine degli Psicologi della Campania num. 6653/A

Laureato in Neuroscienze presso la Seconda Università di Napoli. Specializzato presso l’istituto Skinner in psicoterapia cognitivo comportamentale. Analista del comportamento ABA e specializzato anche nella tecnica terapeutica dell'EMDR.

reviewer

Dott.ssa Maria Vallillo

Psicoterapeuta specialista in Lifespan Developmental Psychology

Ordine degli Psicologi del Lazio num. 25732

Laurea in Psicologia presso l'Università degli Studi di Chieti. Specializzazione in psicoterapia e psicologia del ciclo di vita presso l’Università la Sapienza di Roma. Esperta in neuropsicologia e psicodiagnostica e perfezionata in psico-oncologia.