Perché sono così arrabbiato? La depressione e il suo legame con la rabbia

Aggiornato l’1 ottobre 2021

Come la depressione ci fa arrabbiare

Come diceva Sigmund Freud, “La depressione è la rabbia rivolta verso l’interno”. La maggior parte di noi ha familiarità con i sintomi comuni della depressione, come sentimenti di tristezza, stanchezza, mancanza di interesse in attività normalmente piacevoli e sentimenti generali di solitudine. Ma che dire dei sentimenti non comunemente associati alla depressione? Diversi studi hanno scoperto che la depressione, la rabbia, l’ansia e la curiosità sono tutte collegate tra loro, e altri studi su questi argomenti stanno emergendo.

uomo arrabbiato

Questo sito è di proprietà e gestito da Serenis, che riceve tutti i compensi associati alla piattaforma.

Fonte: unsplash.com

Molti di noi non pensano che la rabbia sia una reazione valida alla depressione tanto quanto la tristezza o la mancanza di interesse. Questa reazione risale ai tempi degli uomini delle caverne – l’istinto di “lotta o fuga” è da biasimare, in parte. Il riflesso funziona male a causa dello squilibrio chimico nel nostro cervello e ci porta a volte ad avere scoppi di rabbia, a volte anche per le cose più semplici.

Inoltre, soprattutto per coloro che hanno avuto a che fare con la depressione per mesi o anni, può diventare abbastanza difficile da affrontare nel tempo. Questo può certamente portare a sentimenti generali di insoddisfazione o rabbia.

Chi ne è interessato?

La rabbia e la depressione non sono estranee a nessuno. Mentre è stato osservato che molti adolescenti che sperimentano la depressione spesso mostrano rabbia e irritabilità, questo è stato riportato anche da donne e uomini adulti.

Molte cose possono rendere qualcuno più suscettibile alla depressione e alla rabbia. Alcuni esempi sono lo stress finanziario, la recente perdita di una persona cara, un precedente trauma o abuso, o l’abuso di sostanze.

Inoltre, alcune persone che non hanno mai sperimentato questi problemi nella loro infanzia o nella loro vita attuale possono lottare con la depressione e la rabbia allo stesso modo. Questo è parzialmente dovuto al fatto che la depressione può essere anche genetica.

Può essere facile, quando si è alle prese con la propria battaglia, dimenticare che la depressione è un’epidemia diffusa e una cosa valida da sentire. Questi sentimenti possono essere intensificati dal modo in cui la depressione fa sentire una persona isolata o sola. Il fatto è che molte persone di tutti i ceti sociali lottano con essa, e non siamo mai completamente soli.

La depressione non discrimina: vecchi o giovani, uomini o donne, ricchi o poveri.

La voce interiore

Quando siamo arrabbiati, la depressione può dare voce a pensieri interiori che possono essere utili o dannosi. C’è un enorme potenziale per la depressione di diventare una guida inaspettata verso la crescita personale e un maggiore senso di sé, ma dobbiamo prima imparare a navigare la sua voce ingannevole, spesso fuorviante.

Questa voce interiore ci parla durante i nostri regolari eventi quotidiani, e in alcuni casi può mettere radici profonde e indesiderate nella nostra testa. Molte persone che lottano con una voce interiore negativa descrivono questi pensieri come se li facessero sentire depressi, arrabbiati e senza speranza.

Questa voce interiore può convincere una persona di essere inutile, indesiderata o altrimenti indesiderabile. Questo è il tuo disturbo che parla, ed è importante ricordare che tu vali il tempo che dedichi a te stesso e che le altre persone dedicano a te! Vale la pena dedicare tempo e amore a te.

Quando ti senti arrabbiato, la depressione non deve prendere il sopravvento. La voce interiore può anche sollevarti e renderti più positivo. Quando pensi che i pensieri negativi comincino ad affiorare, può essere utile pronunciare parole e idee positive dentro di te. Ricorda a te stesso e alla tua voce interiore che sei forte, potente e meritevole.

Può essere impegnativo avere a che fare con questa voce interiore, e alcuni giorni saranno più difficili di altri. Se riesci a ricordarti di mantenere una visione il più possibile positiva e di ricordare che ogni singolo evento e circostanza ha del buono se solo ti permetti di vederlo, allora farai molti favori a te stesso in questo viaggio di libertà dalla rabbia e dalla depressione!

uomo triste e depresso

Fonte: unsplash.com

La depressione ci rende diversi

Quando la depressione è al suo apice, potremmo non partecipare alle cose che normalmente amiamo fare. Mancanza di sonno, irritabilità e sentimenti generali di disinteresse possono privarci della gioia che le attività di solito ci portano.

Cose che una volta erano eccitanti e divertenti, come andare agli appuntamenti con il partner, uscire con gli amici o andare a cena fuori, possono avere una nuvola grigia e piovosa sopra di loro. Può essere difficile fare anche il più semplice dei compiti, come fare la spesa, quando la depressione ci tiene in pugno.

Questo lavora per aggravare la nostra rabbia in un paio di modi. In primo luogo, può iniziare a diventare molto aggravante continuare a dover rifiutare quando si è invitati fuori, e si può iniziare a crescere un senso di delusione o addirittura di odio verso se stessi a causa di questo. Questo può farti sentire caotico dentro, il che ti porterà più che probabilmente ad uno sfogo, dato che questi sentimenti non possono essere tenuti dentro per sempre.

In secondo luogo, se si lascia andare avanti troppo a lungo, si può guardare indietro e vedere quanto si è perso mentre si era sepolti nella depressione. Questo può rendere il tuo problema attuale ancora peggiore, specialmente se ti perdi delle pietre miliari significative come la laurea o il compleanno di un figlio, o il matrimonio di un membro della famiglia. Questo può portare a un’animosità estrema verso la tua condizione e verso te stesso.

La cosa migliore da fare è concentrarsi sul futuro. C’è un detto saggio che dice che se si guarda sempre nello specchietto retrovisore, si è destinati a schiantarsi. Quando ti perdi delle cose di cui ti penti, usale come carburante per creare nuovi obiettivi per il tuo futuro. Inizia in piccolo e costruisci da lì. “Domani chiamerò la mia amica” o “inizierò a cucinare tre pasti fatti in casa a settimana”, se sono cose che ti interessano, e poi costruisci fino a fare piani concreti come uscire.

Usa i tuoi sentimenti negativi come un promemoria di ciò che la depressione ti ha portato via. In definitiva, sei tu il padrone della tua vita. Puoi combattere con cose che sono fuori dal tuo controllo, ma alla fine della giornata, puoi prendere in mano il tuo futuro.

2 tipi di rabbia

Per capire le basi di come la rabbia sia legata alla depressione, le emozioni di rabbia possono essere categorizzate in due sezioni: adattativa e non adattativa.

La rabbia adattativa è quella che molti professionisti considerano il tipo “positivo”. Questo tipo di rabbia ci incoraggia a guardarci dentro per fare ciò che possiamo per vincere la rabbia. Alcuni esempi di questo tipo di comportamento possono essere fare qualcosa che ci piace o rilassarsi, come fare esercizi di respirazione o yoga.

Questo tipo di rabbia si oppone alla voce interiore, dandoci la possibilità di diventare una versione migliore di noi stessi.

In confronto, la rabbia non adattativa è dannosa per la nostra salute mentale. Questo tipo di rabbia è spesso rivolta verso noi stessi, causando pensieri dannosi contro noi stessi. Questo può lasciare sentimenti di diminuita autostima o di disprezzo di sé. È il tipo di rabbia che si concentra su se stessa e ti lascia a sentirti peggio di prima.

Questo tipo di rabbia non è produttivo, e molti terapeuti concordano sul fatto che un piano di trattamento per combattere questo è più efficace nella guarigione mentale delle persone che lottano con il problema.

Quando la rabbia si traveste

Non è raro che molti che lottano con problemi di rabbia scoprano in seguito che il loro problema era in realtà radicato nella depressione per tutto il tempo. Quando siamo arrabbiati, la depressione può spesso esserne la causa.

donna depressa a letto

Fonte: unsplash.com

Se ti ritrovi sempre più arrabbiato, la depressione potrebbe essere il colpevole. Il modo in cui scegliete di affrontare le emozioni furiose che provate è spesso determinato da una serie di fattori come la vostra educazione, eventi passati traumatici o positivi che vi sono accaduti, la religione e altri fattori.

Molte persone non si rendono conto che stanno interiorizzando tutti i sentimenti tipici della depressione, come la tristezza e la pigrizia. Quando vengono lasciati a marcire per un certo periodo di tempo, grande o piccolo, questi sentimenti spesso trovano un modo per ribollire e alla fine esplodere, il che potrebbe potenzialmente causare scoppi di rabbia.

Per evitare questo, ricordatevi di esercitarvi a mantenere il contatto con le vostre emozioni interiori. Se riuscite a riconoscere i sentimenti negativi prima che degenerino in qualcosa di peggiore, potete fare molto di più per combatterli prima che vengano fatti altri danni.

La depressione è frustrante

Avere una malattia mentale è senza dubbio frustrante. Il carico mentale che richiede la gestione di questa condizione potrebbe far arrabbiare anche la persona più equilibrata. La depressione indossa molte maschere e a volte può sembrare opprimente.

Molti professionisti medici sottolineano l’importanza del sonno e dell’esercizio fisico per mantenere un corpo e una mente sani, ma quando la depressione colpisce, questi sono spesso in fondo alla nostra lista di cose da fare.

È certo che provare tutte le emozioni che la depressione porta con sé non è qualcosa per cui qualcuno si iscriverebbe volentieri. Può far sembrare le giornate brevi e le notti lunghe e inquiete. Potresti non dormire bene come vorresti, e potresti anche avere degli incubi quando riesci a dormire.

L’esercizio fisico rilascia molti ormoni positivi e ti aiuta a eliminare i sentimenti negativi in molti modi. Se sei arrabbiato, la depressione può tentarti di stare lontano dalle attività fisiche che sai che sarebbero utili. Puoi certamente essere il tuo peggior nemico quando si tratta di prenderti cura di te stesso durante un episodio depressivo.

Ricordate che, soprattutto quando vi sentite al minimo, è importante continuare a fare le cose che vi faranno sentire meglio. Può essere difficile staccarsi dal divano e fare una passeggiata all’aperto, ma è molto probabile che una volta finito ti ritroverai di buon umore.

Se puoi imparare a lasciare andare la rabbia, la depressione potrebbe seguirti.

Trovare aiuto

uomo al portatile sul divano

Fonte: unsplash.com

Anche la persona più dedita o in sintonia a volte non può sfuggire alla morsa della rabbia. La depressione ha un modo di trascinarci giù che rende molto difficile tornare al lato positivo.

Se vi sentite bloccati o altrimenti persi e confusi, potreste beneficiare del contatto con un terapeuta autorizzato. Si è scoperto che la terapia online è altrettanto efficace di quella di persona, con il 94% degli utenti di Serenis che la preferiscono alla terapia faccia a faccia e il 70% dei clienti che lavorano con la depressione che sperimentano una notevole riduzione dei sintomi, con il 98% di tutti i clienti che lavorano con una serie di problemi che fanno progressi significativi.

La terapia online ha il vantaggio di essere accessibile sempre e ovunque – avrai solo bisogno di una connessione internet per iniziare. Questo significa che non avrai bisogno di dedicare tempo o energia per partecipare fisicamente a una sessione, e potrai invece farlo dalla comodità della tua casa, se lo desideri. Inoltre, la terapia online tende ad essere più economica della psicoterapia di persona, poiché i terapeuti non hanno bisogno di pagare per affittare un ufficio o un edificio.


Questa pagina è stata verificata

I nostri contenuti superano un processo di revisione in tre fasi.

Scrittura

Ogni articolo viene scritto o esaminato da uno psicoterapeuta prima di essere pubblicato.

Controllo

Ogni articolo contiene una bibliografia con le fonti citate, per permettere di verificare il contenuto.

Chiarezza

Ogni articolo è rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e la comprensione.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Rosario Urbani

Psicoterapeuta specializzato in cognitivo comportamentale

Ordine degli Psicologi della Campania num. 6653/A

Laureato in Neuroscienze presso la Seconda Università di Napoli. Specializzato presso l’istituto Skinner in psicoterapia cognitivo comportamentale. Analista del comportamento ABA e specializzato anche nella tecnica terapeutica dell'EMDR.

reviewer

Dott.ssa Maria Vallillo

Psicoterapeuta specialista in Lifespan Developmental Psychology

Ordine degli Psicologi del Lazio num. 25732

Laurea in Psicologia presso l'Università degli Studi di Chieti. Specializzazione in psicoterapia e psicologia del ciclo di vita presso l’Università la Sapienza di Roma. Esperta in neuropsicologia e psicodiagnostica e perfezionata in psico-oncologia.