Perché la cura di sé è per tutti

Aggiornato il 29 settembre 2021

Fonte: unsplash.com

La cura di sé è per tutti. Potresti pensare che non hai bisogno di prenderti cura di te stesso perché sei sempre occupato a prenderti cura degli altri, ma non è vero. È un viaggio di guarigione quando ti prendi cura di te stesso. La cura di sé è per tutti, ed è importante avere la consapevolezza della salute mentale. La terapia è forte! Andare dallo psichiatra può essere un’esperienza meravigliosa. Puoi anche mettere dei promemoria per la cura di te stesso su dei post-it sopra la tua casa, in modo che tu ricordi e sappia che è importante trovare il tempo o i modi per prendersi cura di se stessi. Ecco alcune ragioni per cui la cura di sé è per tutti:

Non devi essere egoista per prenderti cura di te

Quando ci si impegna nella cura di sé, si sta andando a prevenire l’ansia e la depressione da venire a volte. Le persone che si prendono cura di se stesse sono ben preparate a capire i loro bisogni. Che si tratti di giardinaggio o di scrivere in un diario, la cura di sé ha il potenziale per farti sentire vivo. Forse sei un artista indipendente e ti esprimi attraverso l’arte? Impegnarsi nelle arti può essere una grande forma di cura di sé, che tu sia un professionista o meno.

Cura di sé e depressione

La cura di sé è fondamentale per le persone che vivono con condizioni di salute mentale come l’ansia e la depressione. Le persone che vivono con la depressione hanno sfide serie. Forse non lo sai, ma chiedere aiuto salva delle vite, compresa la tua.

La depressione non è facile da gestire. Potresti avere paura di affrontare i tuoi problemi. Ma prima puoi ottenere il sostegno di cui hai bisogno per guarire da quel dolore. Ci sono così tante risorse là fuori per le persone con la depressione. Non sei solo nelle tue lotte. Può essere difficile ammettere di avere la depressione o pensieri suicidi, ma ricorda che se lo fai, non significa che ci sia qualcosa di fondamentalmente sbagliato in te. Essere onesti e trasparenti su dove siete mentalmente comporta esprimere le vostre esperienze e imparare da esse. Se stai lottando con la depressione, potresti dimenticare o sentirti troppo esausto per prenderti cura di te stesso, ma puoi lasciare dei promemoria per la cura di te stesso in tutta la casa o impostare degli allarmi sul tuo cellulare, per esempio. Forse lasciate piccole note in giro sugli oggetti con cui generalmente venite a contatto durante il giorno come un modo infallibile per ricordarvi di provare a impegnarvi nella cura di voi stessi? Forse fare elenchi di cose che ti piacciono o ti sono piaciute è utile per incoraggiare la cura di sé? Ci sono vari modi per incorporare dei promemoria per la cura di sé. Quindi, ricordati che va bene tenere il conto di quanto spesso ti stai prendendo cura di te stesso perché, con la depressione, vuoi essere sicuro che ti stai impegnando in una buona igiene, assicurati di fare un controllo con un terapeuta, e ricorda che milioni di persone lottano con la depressione. Non c’è niente di sbagliato in te se hai pensieri depressivi; hai bisogno di aiuto. Un modo per farlo è parlare con un terapeuta autorizzato. Ma se avete pensieri suicidi, è importante che cerchiate supporto, sia che si tratti di coinvolgere il vostro terapeuta, sia che si tratti di chiamare il 911 in caso di emergenza o la National Suicide Prevention Lifeline per professionisti dedicati che sono lì per voi. Ci sono risorse disponibili in modo che non dobbiate affrontare tutto questo da soli.

Cura di sé per i bambini

Bambino che corre in spiaggia
Fonte: unsplash.com

La cura di sé non è solo per gli adulti. Persone di tutte le età possono praticare la cura di sé. Che tu sia giovane o anziano, chiunque può imparare a prendersi cura di sé. È particolarmente importante per i bambini prendersi cura di se stessi perché sviluppa un’abilità che dura tutta la vita. I bambini possono impegnarsi in pratiche di cura di sé. I bambini possono impegnarsi nella meditazione o nel diario, o in altre attività che mostrano che si stanno prendendo cura di se stessi. Un modo in cui i bambini possono praticare la cura di sé è parlare delle loro emozioni in un ambiente sicuro e non giudicante. Ricordate che come genitore, quanto più modellate la cura di voi stessi, la incorporate nella vostra vita familiare quotidiana, e stabilite dei promemoria per la cura di voi stessi, dimostrerete che la cura di sé è per tutti. Puoi effettivamente usarlo come un mantra dicendolo spesso: la cura di sé è per tutti! Puoi parlare ai tuoi figli della terapia e di come i terapisti aiutano le persone. Possono imparare in giovane età perché la cura della salute mentale è importante. Il giardinaggio con i bambini può essere una grande attività di cura di sé. Insegnate ai vostri figli come usare un vaso da fiori per piantare dei bei germogli. È un’esperienza meravigliosa vedere la pianta crescere. Il vostro vaso di fiori ha un seme prezioso che entrambi potete coltivare. Che bel modo di mostrare al vostro bambino come prendersi cura di qualcosa in natura. Possono osservare il vaso di fiori e vedere cosa è cambiato di giorno in giorno. Un altro modo per parlare di cura di sé con i bambini è di introdurli al concetto di psicoterapia in giovane età. Non è mai troppo presto per parlare di come prendersi cura della propria mente possa giovare alla propria vita. Quando si normalizza la terapia ai bambini in giovane età, questo li aiuta a sentirsi più a loro agio nel chiedere aiuto quando diventano più grandi. Potete dimostrare che la terapia è cool. I bambini devono sapere che non solo va bene prendersi cura di se stessi, ma che è anche fondamentale per la salute mentale e fisica.

Cura di sé per gli anziani

Uomo anziano che sorride
Fonte: unsplash.com

La cura di sé non si ferma quando si invecchia, e (in effetti) è fondamentale continuare a prendersi cura di se stessi quando si invecchia. È qualcosa che ci aiuta a sentirci più connessi a noi stessi e agli altri. Molte persone liquidano gli anziani come incapaci di occuparsi dei loro bisogni. Non è necessariamente così. Ogni persona ha la capacità di prendersi cura di se stessa in modi unici. Non tutte le persone anziane hanno le stesse difficoltà, e alcune possono essere più brave di altre a vivere in modo indipendente. Tuttavia, quando si invecchia, si può trascurare di prendersi cura di se stessi. Ci sono alcuni casi in cui gli anziani non hanno la capacità o l’accesso per prendersi cura di se stessi nel modo in cui lo facevano quando erano più giovani, o se altre circostanze sono cambiate. Ma questo non significa che gli anziani non possano impegnarsi nella cura di sé. La cura di sé è anche esprimere ciò di cui si ha bisogno, e una persona anziana che ha bisogno di aiuto, dichiararlo al proprio sistema di supporto è una forma di cura di sé attraverso l’advocacy. È parlare e mettere i propri bisogni al primo posto. È mostrare che hai bisogno di essere nutrito. Puoi farti delle idee su come potrebbe essere la cura di sé per un adulto anziano parlando con gli anziani della tua comunità e chiedendo quali sono i loro bisogni. Puoi anche chiedere ai tuoi parenti più anziani quali sono secondo loro alcune buone idee per la cura di sé? Se non sono sicuri, va bene fare un brainstorming con loro se sono disposti a farlo. Dite loro quali sono le buone idee per la cura di sé e chiedete il loro feedback. Ricordate che ogni persona avrà la propria idea di come sia la cura di sé, e va bene così. Non importa quanti anni hai o quanto sei giovane, puoi impegnarti nella cura di te stesso.

Imparare come la cura di sé è per tutti in terapia

Nessuno è più esperto di professionisti della salute mentale. Non c’è nessuno meglio di un terapeuta per ricordarci che la cura di sé è per tutti. I professionisti della salute mentale sanno che la cura di sé è per tutti, e probabilmente, loro stessi praticano la cura di sé. La terapia può aiutare con una varietà di problemi, tra cui la depressione, l’ansia e la prevenzione del suicidio. Come notato sopra, se stai lottando con l’ideazione suicida, è fondamentale parlare con il tuo fornitore di salute mentale, e se necessario, chiamare la National Lifeline 800-273-8255. Se sei in pericolo imminente, chiama il 911 o visita il pronto soccorso più vicino. Raggiungere l’esterno salva la vita. Oltre alla gestione delle crisi, i terapeuti possono sostenere le persone in molti modi diversi, tra cui aiutare le persone a imparare a prendersi cura di se stesse. Possono aiutarvi a trovare dei promemoria per la cura di voi stessi e mostrarvi diversi modi in cui potete nutrirvi. Un terapeuta può fornirvi dei promemoria sulle risorse di guarigione, come le applicazioni sul vostro telefono per praticare la cura di sé. È fondamentale tenere traccia dei tuoi progressi, in modo da sapere che ti stai prendendo cura di te stesso. Puoi renderti responsabile della cura di te stesso. Puoi trovare risorse di guarigione in molti posti, e uno di questi è un terapeuta. Se stai lottando con la cura di te stesso, puoi parlare con un professionista della salute mentale e trovare diversi metodi per aiutarti a prenderti cura di te. La terapia online rende le esperienze di guarigione più accessibili. Puoi connetterti con un professionista della salute mentale in un luogo privato e iniziare a lavorare su questioni emotive impegnative.

Questa pagina è stata verificata

I nostri contenuti superano un processo di revisione in tre fasi.

Scrittura

Ogni articolo viene scritto o esaminato da uno psicoterapeuta prima di essere pubblicato.

Controllo

Ogni articolo contiene una bibliografia con le fonti citate, per permettere di verificare il contenuto.

Chiarezza

Ogni articolo è rivisto dal punto di vista stilistico, per agevolare la lettura e la comprensione.

Revisori

reviewer

Dott. Raffaele Avico

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista certificato EMDR I

Ordine degli Psicologi del Piemonte num. 5822

Psicoterapeuta, psicotraumatologo e terapista EMDR. È membro della ESDT (European Society for Trauma and Dissociation) e socio AISTED (Associazione italiana per lo studio del trauma e della dissociazione).

reviewer

Dott. Rosario Urbani

Psicoterapeuta specializzato in cognitivo comportamentale

Ordine degli Psicologi della Campania num. 6653/A

Laureato in Neuroscienze presso la Seconda Università di Napoli. Specializzato presso l’istituto Skinner in psicoterapia cognitivo comportamentale. Analista del comportamento ABA e specializzato anche nella tecnica terapeutica dell'EMDR.

reviewer

Dott.ssa Maria Vallillo

Psicoterapeuta specialista in Lifespan Developmental Psychology

Ordine degli Psicologi del Lazio num. 25732

Laurea in Psicologia presso l'Università degli Studi di Chieti. Specializzazione in psicoterapia e psicologia del ciclo di vita presso l’Università la Sapienza di Roma. Esperta in neuropsicologia e psicodiagnostica e perfezionata in psico-oncologia.